Salvini: "Ue non provi a mettere sanzioni a popolo italiano"

ROMA - "Abbiamo preso atto che le manovre economiche degli ultimi 5 anni applaudite da Bruxelles non hanno fatto bene all'Italia e abbiamo deciso di fare il contrario. Noi andiamo avanti. A Bruxelles continuano a mandare le letterine. Se proveranno a mettere sanzioni contro il popolo italiano, hanno capito male. Noi vogliamo difendere il diritto a sicurezza, lavoro e salute degli italiani e non usciamo da nulla". Così il ministro dell'Interno Matteo Salvini, ospite di Giorgio Zanchini a Radio Anch'io su Rai Radio1.

Tv. Torna su Raidue l'Ispettore Coliandro. Morelli: "Farò perfino a botte con Iva Zanicchi"

Un grande ritorno in tv: da mercoledì prossimo su Raidue torna "L'ispettore Coliandro".
"Sarà più anziano, con più rughe, ma dentro sempre lo stesso. E in questa nuova serie fa a botte perfino con Iva Zanicchi" ha dichiarato l'attore Giampaolo Morelli che dal 2006 interpreta il celebre personaggio nato dalla penna di Carlo Lucarelli e diretto ancora una volta dai Manetti Bros "Più che quattro puntate sono quattro film completi che mescolano generi diversi, dal giallo al thriller, fino all'action. Un mix che piace molto al pubblico composto da veri ultras: ricordo la rivolta dei fan che inviarono in Rai una valanga di mail e lettere con coriandoli quando la serie fu chiusa, nel 2010 chiedendo il ritorno in tv di Coliandro. Io non ci speravo più, ma grazie alla sua straordinaria tenacia, Eleonora Andreatta che ha sempre combattuto per portare su Raidue delle serie che utilizzano linguaggi nuovi, trovò i fondi e nel 2016 la serie è tornata. Una serie che negli ultimi anni è stata vista da undici milioni di persone, e di questi, quattro milioni vanno a visitare Bologna e i luoghi di Coliandro spinti proprio dalla fiction. Molti di loro mi mandano su Instagram i selfie che si fanno nei luoghi degli inseguimenti o nel negozio etnico dove l'ispettore compra la pizza surgelata. Il rischio di essere assimilato a Coliandro non l'ho mai corso. Nella mia carriera ho fatto tanta tv e tanto cinema, però Coliando è 'fico' e mi piace impersonarlo. Un personaggio che resta sempre sé stesso a dispetto degli anni che passano. Anche in questa settima stagione è sempre lui, alla ricerca di un incarico migliore ma sempre messo a tappare i buchi. Alla ricerca dell'amore che difficilmente trova, ma sempre nei guai per le donne di cui si invaghisce. Coliandro ormai è un'icona e gli spettatori si identificano in lui perché prima di essere un poliziotto è un uomo. E' più anziano ha più rughe, ma dentro resta sempre lo stesso".

Fontana: "Il servizio ferroviario, in Lombardia, versa in condizioni non degne della nostra regione"

"Il servizio ferroviario, in Lombardia, versa in condizioni non degne della nostra regione: la Giunta lo ha pubblicamente riconosciuto fin dal proprio insediamento e non si concluderà lasciando il trasporto ferroviario in queste condizioni. Più volte è stata ribadita la necessità che i pendolari venissero rimessi al centro dell’agenda politica e trovassero velocemente risposte concrete alle loro sacrosante istanze. Sono, quindi, ben contento che anche il Ministro delle Infrastrutture abbia deciso, negli ultimi giorni, di riprendere concretamente in mano il dossier del trasporto ferroviario lombardo e abbia convocato un incontro per il prossimo 14 novembre a Roma, nel quale, finalmente, potremo aprire il confronto che da mesi auspichiamo, oltre che con il governo, anche con Ferrovie dello Stato, RFI e Trenitalia" ha dichiarato il governatore lombardo Attilio Fontana, in Consiglio regionale parlando del servizio ferroviario lombardo "La Giunta che presiedo ha esaminato questo dossier senza pregiudizi, basandosi unicamente sui dati certi a disposizione, che evidenziano l’ormai manifesta impossibilità di gestione di una azienda, Trenord, i cui due soci, paritari al 50%, hanno fatto rimarcare, negli anni, una enorme disparità negli investimenti: a fronte dei 3 miliardi di euro di investimenti degli ultimi 10 anni da Regione Lombardia, Trenitalia ha investito nello stesso periodo 170 milioni di euro; basterebbe questo indicatore per rendere palesi le difficoltà di Trenord e, conseguentemente, gli interventi necessari per modificare gli attuali assetti. Inoltre le Ferrovie dello Stato, da ormai troppi anni, non investono adeguatamente sulla rete lombarda, facendo mancare i necessari interventi di potenziamento strutturale e di manutenzione e, a queste carenze infrastrutturali, è dovuta gran parte dei disservizi quotidianamente subiti dai nostri cittadini". 

Tria: "Il tasso di crescita non si negozia"

"Il tasso di crescita non si negozia" ha dichiarato il ministro dell’Economia e delle Finanze, Giovanni Tria, smentendo le voci e indiscrezioni apparse sui giornali secondo cui il tasso di crescita dell’Italia sia stato o sia oggetto di dibattito politico "Le previsioni di crescita sono infatti il risultato di valutazione squisitamente tecnica. Per questo non possono diventare oggetto di negoziato alcuno dentro o fuori dal Governo".

Bonafede: "La legge sul conflitto di interessi è nel contratto di governo"

"La legge sul conflitto di interessi è una priorità a prescindere dalle opinioni, il contratto di governo è chiarissimo" ha dichiarato il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede rispondendo ai giornalisti che gli facevano notare come il ministro Salvini abbia detto che il tema non costituisca una priorità "Non ho bisogno di chiedere nulla a Salvini. Siamo legati dal contratto di governo e il governo è assolutamente compatto".

Le mani della mafia sulle scommesse online

di PIERO CHIMENTI - Le procure di Bari, Catania, Reggio Calabria, coordinate dal dipartimento Antimafia, hanno individuato un giro d'affari illecito di scommesse online sportive e non solo, per un volume d'affari calcolato in circa 4,5 miliardi di euro. La task force costituita dalla polizia, carabinieri, e Guardia di finanza ha permesso l'arresto di 68 persone e al sequestro di beni in Italia e all'estero stimati per un miliardo di euro.

California: vittime salgono a 50

LOS ANGELES - Sale a quota 50 il bilancio degli incendi che stanno devastando la California. Per ora si contano 48 morti causati dall'incendio ribattezzato Camp fire, nel nord dello Stato, e due dal Woolsey Fire, più a sud, nella contea di Los Angeles.

Oltre 50mila gli sfollati, mentre le case distrutte ammontano a 6400, cui si aggiungono altri 435 abitazione al sud, tra cui le ville di molti vip, in particolare a Malibù, che rimane sotto l'ordine di evacuazione. Le fiamme, che si stanno abbattendo ormai da giorni su una vegetazione inaridita a causa della prolungata siccità, hanno bruciato 505 mila km quadrati al nord e altri 378 al sud.

I Vigili del fuoco sono riusciti a contenere finora solo il 30% del fronte di fuoco, rallentando la sua corsa verso Oroville, cittadina di 19 mila abitanti, dopo che ha già inghiottito Paradise, a nord di Sacramento, capitale della California.

Dizionario appassionato di Napoli di Jean-Noël Schifano


Dizionario appassionato di Napoli è l’ambiziosa opera di un intellettuale francese di origini italiane, Jean-Noël Schifano, già autore di saggi e romanzi ambientati nella città partenopea, e traduttore in Francia dei testi di Umberto Eco, Elsa Morante, Leonardo Sciascia, Italo Svevo e Alberto Savinio. Schifano ha deciso di esporre dalla a alla zeta i motivi per cui è da sempre innamorato di Napoli, della sua storia millenaria scolpita in ogni pietra e della sua forte identità marchiata a fuoco nei cuori dei suoi abitanti. Una città unica al mondo, che lo scrittore celebra attraverso il racconto di eventi storici, di aneddoti letterari e di piccole curiosità che arricchisce con la sua visione personale e con i suoi ricordi di vita. Storia di una città che l’elegante prosa di Schifano trasforma in luogo mitico, il cui glorioso passato si intreccia al complicato presente in un’opera intrisa di cultura e passione.

Dizionario appassionato di Napoli di Jean-Noël Schifano è arrivato in Italia grazie a “SosPartenope”, un progetto di crowdfunding che il portale di cultura e casa editrice Ilmondodisuk ha lanciato, prima dalla piattaforma Derev e poi da Meridonare della Fondazione Banco di Napoli, con l’obiettivo di tradurre e pubblicare il Dictionnaire amoureux de Naples, edito in Francia da Éditions Plon. Per sostenere il progetto, più di un centinaio di artisti italiani e stranieri hanno donato le loro opere per una mostra (SosPartenope, 100 artisti per il libro della città) organizzata in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli ed esposta prima a Castel dell’Ovo, poi nella chiesa di San Giovanni Maggiore e, infine, all’interno del palazzo La Bulla. Dizionario appassionato di Napoli rivela nelle ventisei lettere dell’alfabeto il passato e il presente di una città unica nel suo genere, spaziando da eventi storici e culturali a ricordi personali dello scrittore, restituendo un ritratto di Napoli con le sue luci e le sue ombre, con le sue eccellenze e le sue contraddizioni, capace di smantellare gli stereotipi su una metropoli troppo spesso e troppo a lungo etichettata solo come covo del malaffare.




Jean-Noël Schifano è uno scrittore, traduttore, editore e operatore culturale francese. Dal 1972 al 1982 ha insegnato nelle Università di Pescara, Napoli (Istituto Orientale), Cosenza e Salerno. Dal 1970 ha partecipato a numerose conferenze e dibattiti presso varie istituzioni italiane e internazionali, tra cui il Parlamento Europeo a Strasburgo. Ha scritto su giornali e riviste italiane e francesi: il Mattino, Le Monde, Senso, Ulysse, Enciclopedia Universalis, Globe. Ha scritto in qualità di critico d’arte su L’Oeil e Maison et Jardin. È stato editore per Editions Flammarion, Fayard e attualmente presso Gallimard. È stato co-creatore del premio Elsa Morante e creatore del premio Domenico Rea. Dal 1992 al 1998 è stato direttore dell’Istituto Francese di Napoli, il Grenoble, organizzando più di duecento mostre, tra le quali le personali degli artisti Topor, Ben, Velickovic, Esposito, Tatafiore, Cueco, Fromanger, Longobardi, Pignon-Ernest, Boltanski, Giorda, Combas. Ha tradotto in francese le opere di Umberto Eco, Elsa Morante, Leonardo Sciascia, Italo Svevo, Alberto Savinio e molti altri. Dal 1981 ha scritto e pubblicato con Gallimard saggi, racconti e romanzi che hanno come tema principale Napoli: Chroniques Napolitaines, La danse des ardents ou le vie de Masaniello, L’education anatomique, Everybody is a star, Suite Napolitaine e Sous le soleil de Naples, poi tradotti in Italia, Grecia, Romania, Brasile e Giappone. Nel 1994 gli è stata conferita la cittadinanza onoraria di Napoli.