Visualizzazione post con etichetta SPORT. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta SPORT. Mostra tutti i post

Champions: esordio vincente per la Juve, Ronaldo espulso esce in lacrime

di ANTONIO GAZZILLO - È iniziata con una vittoria l'avventura della Juventus in Champions League. Meno memorabile è stato, invece, l'esordio europeo di Cristiano Ronaldo con la nuova maglia. Infatti il portoghese è stato espulso al 29' per uno scontro in area con Murillo. I bianconeri, però, hanno reagito benissimo battendo per 2 a 0 il Valencia nonostante l'inferiorità numerica. Al Mestalla il risultato è stato deciso da una doppietta di Pjanic.

I due gol sono arrivati entrambi su calcio di rigore: il primo al 45' mentre il secondo al 51'. Da segnalare nel finale un calcio di rigore parato da Szczesny a Parejo. La Juventus guadagna tre punti e vola in vetta alla classifica del girone insieme al Manchester United, vittorioso contro lo Young Boys.

Champions, Vecino fa saltare di gioia l'Inter: battuto 2-1 il Tottenham

di LUIGI LAGUARAGNELLA - L'Inter torna in Champions facendo soffrire, come suo stile, i propri tifosi. Ad un minuto dal fischio finale è la zuccata di Vecino a regalare la vittoria nella prima giornata contro il Tottenham. L'uruguaiano salva i nerazzurri e Spalletti passati in svantaggio nel secondo tempo con un tiro di Eriksen. L'inter perlomeno riesce a reagire, supportata da un Meazza esaurito.

L'Inter rischia do prendere gol, ma riesce a creare. A far salire l'adrenalina, però, è la rete del pareggio: il primo gol di Icardi in Champions League è fantastico. Gran tiro a volo da fuori area. Gli uomini di Spalletti ci credono e si insediano in area inglese, fino alla rete di Vecino che regala la vittoria al ritorno dell'Inter nella competizione europea.

Serie A: la Juventus s'impone sul Sassuolo nel segno di Cristiano Ronaldo

di ANTONIO GAZZILLO - Il gol tanto atteso è arrivato. Infatti Cristiano Ronaldo è stato autore della doppietta, la prima nel campionato italiano, con la quale la Juventus ha battuto il Sassuolo. Il primo tempo è stato povero di emozioni e il risultato è stato sbloccato solo nella ripresa. Al 50', sugli sviluppi di un calcio d'angolo, Ronaldo ha approfittato di un disimpegno errato di Ferrari per mettere a segno il primo gol della sua avventura italiana.

La doppietta è arrivata al 65' quando ha trafitto Consigli con un diagonale, finalizzando un ottimo contropiede. Nel finale a nulla è servita la rete di Babacar, abile a sfruttare un cross di Dell'Orco. Gli uomini di Allegri saranno impegnati nuovamente mercoledì per l'esordio stagionale in Champions sul difficile campo del Valencia.

Allegri: "Ronaldo domani farà gol"

TORINO - Allegri ottimista sulle possibilità per Cristiano Ronaldo di trovare la prima rete in campionato. Conferenza stampa del tecnico bianconero Massimiliano Allegri in previsione della sfida di domenica Juventus-Sassuolo, che vale la testa della Serie A. (Courtesy Rete7)

I capitani 'sfasciati' della Serie A

di LUIGI LAGUARAGNELLA - Finita l’era delle grandi bandiere del calcio, quei capitani che si identificavano nei colori della maglia andando oltre le prestazioni sportive, sta per finire anche l’era delle fasce di capitano. La novità del campionato di Serie A, infatti, viene dalla Lega Calcio che ha imposto la regola di far indossare sul braccio la stessa fascia per tutti i capitani delle 20 venti squadre.

E’ strano come in un’epoca in cui apparentemente sia molto semplice personalizzare ogni oggetto, rischiando di uniformare proprio l’idea di personalizzazione, il mondo del calcio stia decidendo di limitare la creatività su un simbolo molto importante per un calciatore.

Certamente non possono esistere più i capitani di una volta, quelli di cui leggevi il nome della stessa squadra per decenni sui tabellini delle figurine panini, però quella strisciolina sul braccio può ancora rappresentare un segno di responsabilità, rispetto per tanti tifosi-persone, per una società.

Personalizzandola poi, magari con date di eventi, ricordi, anniversari o simboli particolari, rafforzava quella carica di leader. E in qualche modo avrebbe contribuito a tenere legati ancora un po’ i valori della vita (e non quelli del marketing e della pubblicità, motivo per cui si pensa che Lega abbia imposto una fascia uguale per tutti) a quelli dello sport.

Alcuni calciatori come De Rossi, Gomez e soprattutto Pezzella non intendono rispettare questa norma. La Lega ha avvisato che dal prossimo turno di campionato saranno previste sanzioni, anche se il capitano e tutti i calciatore della Fiorentina intendono mantenere per tutta la stagione la fascia in ricordo del loro compagno Davide Astori.

E’ ben ricordarlo: spesso molte fasce di capitano, alcune indimenticabili per bellezza grafica, venivano messe all’asta per devolvere il ricavato per qualche causa di beneficenza. Perché continuare a “sfasciare” i sani valori sportivi?

Nations League, Italia ko: il Portogallo vince con Andrè Silva

di STELLA DIBENEDETTO - Dopo il pareggio contro la Polonia, l'Italia non riesce a portare a casa la vittoria contro il Portogallo. Ad imporsi sono stati i lusitani che hanno sconfitto gli Azzurri di Roberto Mancini grazie ad un gol di Andrè Silva, alla tredicesima rete in Nazionale.

Rispetto al match contro i polacchi, Mancini cambia tutta la difesa tranne Donnarumma, inserendo da destra, Lazzari, Caldara, Romagnoli, Criscito). In mezzo al campo confermato Jorginho con il duo Bonaventura-Cristante. In attacco, invece, il tridente formato da Chiesa, Zaza e Immobile. I lusitani, anche senza Cristiano Ronaldo, partono bene. Nonostante le difficoltà, l'Italia riesce a tenere botta e verso la mezz'ora si sveglia creando qualche preoccupazione agli avversari con Zaza e Romagnoli. Il Portogallo, però, spinge e l'Italia perde lucidità.

Il primo tempo, però, termina in parità. La ripresa ha lo stesso scenario della prima frazione di gara con il Portagallo più in gara e a sbloccare il match sono proprio i lusitani con Andrè Silva. Mancini perde la pazienza e tenta di recuperare inserendo Berardi per Immobile ed Emerson Palmieri per Criscito, ma il risultato non cambia.

"I giocatori ci hanno messo tutto quello che potevano, ma per vincere bisogna fare i gol quindi dobbiamo trovare dei rimedi. Il rischio retrocessione dalla Lega A? Dobbiamo crescere, quando si inizia ad arrivare a certi livelli è naturale soffrire" ha detto il Ct ai microfoni di Rai Sport. "Ad ottobre la gamba migliorerà è questo sarà positivo - aggiunge - ma quello del gol è il problema che dobbiamo risolvere".

Nations League: il Portogallo sconfigge l'Italia 1-0

(ANSA)
LISBONA - L'Italia di Roberto Mancini incassa la prima sconfitta in Nations League. Il Portogallo batte gli azzurri 1-0 nel secondo impegno del trofeo. A decidere al 48' una rete di André Silva. Nel primo tempo i lusitani hanno anche colpito una traversa. Commenta Roberto Mancini: i giocatori "ci hanno messo tutto quello che potevano, ma per vincere bisogna fare i gol quindi dobbiamo trovare dei rimedi".

"Cr7 nato per volontà di Dio"

di PIERO CHIMENTI - Dolores Dos Santos Aveiro, mamma di Cristiano Ronaldo, ha confessato in un'intervista a cuore aperto di aver pensato di non dare alla luce il fenomeno di Funchal. La donna, all'epoca 30enne, aveva maturato questa decisione in quanto viveva in una situazione economica non rosea con già tre figli da mantenere, ma il rifiuto di un medico a praticare l'aborto e i falliti tentativi empirici per abortire da sola tra cui bere birra calda e correre veloce, le fecero realizzare che fosse la volontà di Dio far nascere Cristiano Ronaldo...

Juventus, la qualità è già in fuga

di NICOLA ZUCCARO - Tre punti in altrettante gare. Un dato che, nel certificare il superamento della prova del 9, promuove la Juventus quale squadra da battere, alla vigilia della prima sosta della Serie A 2018-2019 per la Nations League. Concentrazione, compattezza e solidità, i segreti del successo che collocano in solitudine i bianconeri in vetta alla classifica.

E, in attesa della prima rete di Cristiano Rolando, ad andare a segno ci pensano gli "esperti " Pjanic, Manzukic e Matuidi. Un elemento come gli altri (fra cui la pregevole varietà dei cambi con Douglas Costa in primis) per ribadire alle inseguitrici che la varietà e l'ampiezza dell'organico segnano quel passo che a tutt'oggi Napoli, Roma, Inter e Milan faticano a tenere alla Vecchia Signora. Essa, nel frattempo, prova la sua fuga per la conquista dell'ottavo scudetto consecutivo.

Monza incorona Hamilton

di PIERO CHIMENTI - Nel Gp d'Italia la freccia d'argento di Hamilton fa il risultato grosso conquistando il primo posto, facendo aumentare il distacco da Vettel a +30. La gara del tedesco Ferrari è viziata da un contatto col rivale inglese che al via lo ha costretto a partire dall'ultima posizione tentando una disperata risalita che si ferma al 4° posto.

Raikkonen duella fino all'ultimo con Hamilton, ma la strategia della Mercedes si dimostra vincente permettendo al campione in carica di vincere in Italia, il Gp che negli ultimi anni consacra il campione del mondo.

La Juve non sbaglia, Parma ko

di ANTONIO GAZZILLO - La Juve si conferma corazzata e non fallisce la trasferta del Tardini di Parma, valida per la terza giornata di campionato. I bianconeri hanno sbloccato subito il match grazie a Mandzukic che al 2' minuto ha trafitto Sepe da posizione ravvicinata.

Il Parma non si è demoralizzata e ha trovato il pareggio al 33' con Gervinho, vecchia conoscenza del campionato italiano, che ha spinto in rete una spizzata di testa di Inglese.

Gli uomini di Allegri hanno poi trovato il vantaggio nella ripresa. Al 58' Matuidi ha sfruttato un assist di tacco di Mandzukic per siglare la rete del definitivo vantaggio.

Prima della sosta per le nazionali, la Juventus comanda la classifica a punteggio pieno.

Incrocio di ex per Juve e Napoli


di PIERO CHIMENTI - Si sono svolti a Monte Carlo i sorteggi per gli otto gironi di Champions League, con Kakà e Diego Forlan a decidere il destino dei 32 club europei. Tra le italiane chi sorride è la Roma, che nel gruppo C oltre al Real Madrid incrocerà il cammino di CSKA Mosca e Viktoria Plzen, che non dovrebbero creare grossi grattacapi ai capitolini.

Un gruppo fatto di insidie e nostalgia è quello di Napoli e Juventus, rispettivamente girone C ed E. Gli azzurri dovranno affrontare l'ex El Matador Cavani, ormai leader dell'attacco del PSG, oltre a Liverpool e Stella Rossa. I bianconeri campioni d'Italia, invece, si troveranno di fronte l'ex Pogba che gioca nelle file del Manchester United. Il resto del girone è completato dall'ostico Valencia e dallo Young Boys.

Girone di ferro, infine, per l'Inter che dopo 6 anni di assenza si troverà ad affrontare nel Girone B: Barcellona, Totthenam e PSV Eindhonen.

Roma-Atalanta 3-3: doppia faccia per i giallorossi, Manolas salva Di Francesco


di STELLA DIBENEDETTO - Una Roma a due facce commette un mezzo passo falso nel debutto allo Stadio Olimpico. Nella seconda giornata di Serie A, dopo la vittoria contro il Torino, i giallorossi non riescono a rispondere alla Juventus e al Napoli portando a casa solo un pareggio contro l'Atalanta che si conferma la bestia nera dei capitolini avendo racimolato, in cinque anni, tre pareggi e due vittorie. Dopo il gol dell'illusione firmato da Pastore, la Roma vive un primo tempo da incubo per poi tornare a respirare nella ripresa grazie a Florenzi e Manolas.

Nella giornata della cessione di Kevin Strootman al Marsiglia che ha lasciato l'amaro in bocca sia ai tifosi che ai senatori, la Roma, davanti al proprio pubblico, si illude di poter portare a casa i tre punti della vittoria. A sbloccare il match, dopo soli 76 secondi è stato Pastore con un bellissimo gol di tacco. La rete dà all'Atalanta la forza di reagire. La squadra di Gasperini raggiunge prima il pareggio con Castagne che deposita in rete il tiro di Zapata che si era fermato sul palo e poi si porta in vantaggio con la doppietta di Rigoni. Un primo tempo choc per i giallorossi che si conclude tra i fischi dei tifosi e la debolezza del centrocampo con Cristante e Pellegrini che non riescono a far dimenticare la cessione di Strootman.

Nella ripresa si vede un'altra Roma. I giallorossi, con un atteggiamento più aggressivo, creano pericoli per la retroguardia nerazzurra prima con Under e poi con Pastore. I tifosi ci credono e provano a trascinare la squadra che reagisce riducendo lo svantaggio con Florenzi che segna la rete del 2-3. La squadra di Eusebio Di Francesco torna a credere nella possibilità di riacciuffare gli avversari e la rete del definitivo 3-3 arriva all'82' con Manolas che sfrutta una punizione di Kolarov. All'85' Schick ha la possibilità di regalare la vittoria ai suoi, ma Gollini intercetta il tiro del ceco. Nonostante tutto, per la Roma è un punto guadagnato.

Vettel vola a Spa


di PIERO CHIMENTI - La Ferrari di Vettel, domina a Spa non lasciando più la testa della corsa dopo il sorpasso su Hamilton. L'occasione è stata dal grave incidente a tre al via tra Hulkemberg, Alonso e Leclerc che ha reso necessario l intervento della safity car. A completare il podio sale al terzo posto Verstappen, mentre Raikkonen si deve arrendere e ritirarsi ai box.

Metà Inter, metà Torino: è 2-2


di Luigi Laguaragnella - E’ un’Inter a metà. Nell’esordio per la nuova stagione al Meazza nella seconda metà della partita butta via la prima. Contro il Torino di Mazzarri i nerazzurri illudono i tifosi: il vantaggio firmato da Perisic in versione goleador, servito da Icardi in versione assist man fa pregustare una gara a tinte interiste. Se poi il raddoppio arriva a metà primo tempo con la zuccata del neo difensore De Vrij per Spalletti i primi tre punti sembrano portati a casa. Invece il positivo primo tempo dell’Inter rimane negli spogliatoi. Il Torino riesce ad imporsi e diventa padrone del campo. Icardi fallisce il tris, mentre Belotti con un fantastico aggancio scarta Handanovic e mette in rete accorciando lo svantaggio. Iago Falque e il capitano granata trascinano la squadra, mentre l’Inter è spenta. Così la squadra di Mazzarri raggiunge il pareggio: Meité si aggiusta il pallone che lo calcia all’angolino battendo un colpevole Handanovic.

L’Inter manca l’appuntamento con la vittoria: D’Ambrosio è stato il peggiore dell’Inter, ma Spalletti deve ancora trovare il sistema giusto.

Il Napoli risorge e conquista 3 punti


di PIERO CHIMENTI - Ancora una vittoria in rimonta per il Napoli, che dopo la Lazio supera di slancio il Milan nella sua prima al San Paolo. Gli uomini di Gattuso, passano in vantaggio al 15' con Bonaventura che conclude in porta con un tiro al volo su assist di testa di Borini. Il raddoppio del Milan arriva con Calabria all'inizio della ripresa, bravo a realizzare lo 0-2. Il Napoli è bravo ad approfittare di un momento di stanca degli ospiti, accorciando le distanze con Zielinski che dopo aver rubato passa a Biglia, dialoga con Callejon per il 1-2, che raddoppia al 67' con una sassata col destro che Donnarumma riesce solo a sfiorare. La 'sentenza' sull'esito del match arriva all'80' con Mertens, entrato qualche minuto prima, smarcato agevolmente da un cross teso ed arretrato di Allan, che mette fuori causa il portiere azzurro e permette all'attaccante belga di realizzare il definitivo gol della vittoria che vale la momentanea testa della classifica insieme alla Juventus.

Serie A, la Juventus vince ancora: 2 - 0 alla Lazio


di ANTONIO GAZZILLO - Dopo la vittoria in trasferta contro il Chievo, la Juventus non ha deluso neanche davanti ai suoi tifosi, ottenendo un successo importante per 2 a 0 sulla Lazio. Gli uomini di Allegri hanno dominato il match concedendo davvero poco ai biancocelesti.

Il risultato è stato sbloccato da Pjanic che al 30’ minuto ha trovato la coordinazione giusta per spedire un tiro preciso alle spalle di Strakosha.

Nella seconda frazione, precisamente al 75’ minuto, è arrivato il raddoppio grazie a Mandzukic che ha ribadito in rete una palla malamente colpita sottoporta da Cristiano Ronaldo.

La vittoria permette ai bianconeri di portarsi a sei punti in classifica e di preparare al meglio la prossima trasferta al Tardini di Parma.

Messi contro la Liga


di PIERO CHIMENTI - Mentre la Liga continua ad organizzare una propria partita di campionato in America, che dovrebbe essere Girona-Barcellona del 27 gennaio, da disputarsi a Miami, cresce il malcontento dei giocatori contrari a questa iniziativa che avrebbe una durata di 10 anni. La Liga, dal canto suo, sembra che non voglia fare un passo indietro, intenta a rispettare l'accordo con gli americani

Tania Cagnotto ritornerà sul trampolino, in vista di Tokyo 2020


La portatrice Tania Cagnotto ha deciso che rappresenterà ancora una volta l'Italia durante le prossime olimpiadi di Tokio. L'atleta, quindi, tornerà sul trampolino, assieme a Dallapè, ritornando ad allenarsi nel prossimo autunno.

Carlo Pelegatti non sarà più voce del Milan


di PIERO CHIMENTI - Carlo Pellegatti, voce inconfondibile ed appassionata del Diavolo, famoso soprattutto per i soprannomi regalato ai tifosi dei giocatori rossoneri come Vento di Passione per Shevchenko, Smoking Bianco per Kakà, dopo 35 anni dice addio alle telecronache, il suo ultimo racconto è stato quello di Milan-Fiorentina dell'ultima giornata dello scorso campionato.