Visualizzazione post con etichetta SPORT. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta SPORT. Mostra tutti i post

Kobe: Reggio Emilia gli intitolerà piazza

REGGIO EMILIA - Reggio Emilia intitolerà al campione della Nba Kobe Bryant una piazzetta. "Era uno di noi: qui, e nei campetti della città, improvvisava sfide con atleti più grandi di lui, con i compagni di scuola. Il suo sorriso, il suo amore per il basket ci sono entrati dentro e un po' di Reggio Emilia era entrata per sempre in lui, come ci aveva raccontato qualche anno fa tornando nella nostra città, che lui chiamava 'casa'", dichiara il sindaco Luca Vecchi. "Riposa in pace Kobe, Reggio Emilia non ti dimenticherà", ha aggiunto il primo cittadino.

Kobe Bryant, recupero difficile dei corpi

LOS ANGELES - E' da attribuire al maltempo, determinato dalla fitta nebbia che avvolgeva la zona, il dramma che ha visto come sfortunato protagonista il campione della Nba Kobe Bryant e altre 8 persone, compresa la figlia 13enne Gianna, secondo quanto fatto capire dallo sceriffo della contea di Los Angeles in una conferenza stampa nella serata californiana.

Domenica mattina la visibilità era talmente bassa che la polizia di Los Angeles ha tenuto a terra i propri elicotteri. Quello della leggenda dei Lakers invece, partito alle 9:06 dall’aeroporto John Wayne di Orange County, si era alzato e si è schiantato poco più di 40’ dopo nella zona di Calabasas, a ovest di Los Angeles, dopo aver sorvolato la città.

Intanto l’ufficio del coroner della contea di Los Angeles ha annunciato che per il recupero dei corpi potrebbero volerci dei giorni, perché i resti dell’elicottero su cui viaggiava Kobe si trovano in una zona remota. Quando i primi soccorritori sono arrivati, hanno trovato detriti sparsi in un’area grande un quarto di acro avvolti tra le fiamme di un incendio innescato dallo schianto. All’indagine, come da prassi in questi casi, sta partecipando anche l’Fbi. Le autorità domenica sera hanno isolato la zona.

Coppa del mondo di sci: trionfano le azzurre

BANSKO - Si colora di azzurro il podio dela discesa libera di Coppa del Mondo donne a Bansko, in Bulgaria. Le azzurre hanno messo a segno una memorabile tripletta, con Elena Curtoni in 1.29.31, tempo con cui ha preceduto nell'ordine Marta Bassino (1.29.41) e Federica Brignone (1.29.45).

Solo quarta, con 1.29.65, la fuoriclasse americana Mikaela Shiffrin, vincitrice della discesa di ieri. Per trovare un podio tutto azzurro al femminile bisogna tornare al 14 gennaio 2018, nella discesa di Bad Kleinkircheim.

Calcio: Rebic fa volare il Milan

(credits: Ac Milan Fb)
di PIERO CHIMENTI - Nell'inusuale anticipo del venerdì, il Milan espugna a fatica il Ripamonti contro un Brescia ben organizzato che va vicino al gol nel primo tempo, con Torregrossa ed Ayè. Nella ripresa, la partita si mantiene avvincente, con le rondinelle che con Torregrossa realizzano il pareggio, con un gol che Valeri annulla per fuorigioco.

La svolta della partita avviene al 58', quando Pioli decide di gettare nella mischia Rebic, al posto di un Leao, appannato, che al 71' realizza il gol che cambia l'equilibrio del match, con una zampata su cross basso di Ibrahimovic. Dopo 2 minuti di recupero, il triplice fischio dell'arbitro sancisce la fine delle ostilità con il Milan che volano a quota 31 punti entrando così, a pieno titolo, nella lotta per l'Europa.

Usain Bolt diventerà padre

(ANSA)
GDPSPORT - Usain Bolt sta per diventare papà. L'olimpionico giamaicano, 33 anni, ha anticipato la lieta notizia sui social. "Voglio dirvi che sta per arrivare un re o una regina", ha scritto nel post con una foto della compagna Kasi Bennet, in dolce attesa.

Anastasi e quel mancato minuto di silenzio su tutti i campi

di NICOLA ZUCCARO - E' stato un estremo saluto seguito da non poche polemiche, quello tributato lunedì 20 gennaio a Pietro Anastasi presso il Duomo di Varese. Oggetto del disappunto il mancato minuto di raccoglimento non esteso a tutti i campi di gara, eccezion fatta per Juventus e Inter che ne hanno onorato la memoria, silenziando prima dei rispettivi incontri con Parma e Lecce.

A far da portavoce a questa mancanza è stato Claudio Gentile che con un "E' gravissimo e vergognoso che non sia stato concesso 1' di silenzio su tutti i campi", si è implicitamente rivolto agli organi di governo del calcio nazionale quali Lega A e Figc. Quest'ultima lo commemorerà nella prossima amichevole dell'Italia del 27 marzo con l'Inghilterra. Ma il tempo è tiranno anche per i ricordi e questo vale anche per il calcio italiano.

Dopo la morte di Gaetano Scirea (Campione del Mondo in Spagna '82) e commemorato pochi giorni dopo la sua scomparsa su tutti i campi di gara, i vertici del calcio italiano non sono stati altrettanto grati e riconoscenti nei confronti di Pietro Anastasi che, alla pari dello stessi Scirea, avrebbe meritato un commiato degno della sua carriera vincente per la conquista dell'unico titolo Europeo conquistato dall'Italia nel 1968.

Anastasi, il figlio: "Papà aveva la Sla, ha chiesto sedazione assistita"

Papà aveva la Sla, che gli era stata diagnosticata tre anni fa dopo essere stato operato di un tumore all'intestino. Gli ultimi mesi sono stati davvero devastanti e lui giovedì sera quando era ricoverato all' ospedale 'di Circolo' di Varese ha chiesto la sedazione assistita per poter morire serenamente": a parlare è Gianluca Anastasi, che ricorda all'ANSA la scomparsa del padre Pietro avvenuta ieri. "Ha scelto lui giovedì sera di andarsene. Ha chiamato mia mamma e ci ha detto di volerla subito".

"Tutto era cominciato tre anni fa con dei dolori al braccio e alla gamba ma a lui all'inizio non abbiamo detto nulla - ricostruisce Gianluca - Abbiamo fatto altri esami ed è venuto fuori che aveva un tumore all'intestino, anche se persisteva il problema neurologico alle gambe. Comunque papà si è operato e il tumore è stato tirato via. Poi abbiamo fatto altre analisi e approfondimenti medici ed è venuto fuori il problema. Il meico ci ha detto che ra Sla ma a papà abbiamo preferito tacerlo anche se lui aveva capito tutto. Abbiamo deciso di dirgli la verità tre mesi fa - prosegue il primogenito di Anastasi - ma lui come detto lo aveva già immaginato perchè i problemi nei movimenti erano evidenti. Da allora la cosa è precipitata e gli ultimi mesi sono stati davvero devastanti, perchè papà non riusciva più a muoversi e respirava a fatica e si aiutava con l'ausilio di una macchina da cui non riusciva più a staccarsi. Poi gli è stata consigliata anche la tracheotomia ma a quel punti lui ha detto 'basta', seguirò il destino della mia malattia", e ha rifiutato l'accanimento terapeutico.

Tapiro d'oro a Rino Gattuso


MILANO - Questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) Valerio Staffelli consegna il Tapiro d’oro a Rino Gattuso per l’impatto negativo che ha avuto sulla panchina del Napoli: in 4 partite gli “azzurri” hanno collezionato ben 3 sconfitte, condite da alcune papere dei portieri.

Gattuso, raggiunto da Valerio Staffelli a Castel Volturno, dichiara: «La colpa è mia, ma arriveranno momenti migliori: bisogna stringere i denti e lavorare». L’inviato di Striscia allora lo incalza con una battuta: «Non è che la società ha sbagliato ‘Gennaro’? Forse era meglio prendere il Santo…». Gattuso quindi replica: «Bisogna andarci in visita tutti assieme, perché prendiamo dei gol assurdi».

Espugnato il San Paolo: l’Inter batte il Napoli 3-1

(credits: Inter Fb)
di LUIGI LAGUARAGNELLA - L’Inter espugna il San Paolo e resta al primo posto al fianco della Juventus. E’ una grande vittoria per i nerazzurri che non battevano il Napoli in terra partenopea dai tempi di Ronaldo il Fenomeno.

Lukaku trascina i suoi compagni in un meritato 1-3. Due sono le reti del belga, l’altra è firmata dal suo compagno d’attacco Lautaro. La prestazione dell’Inter è quella di una squadra determinata, collaudata che non cede un centimetro agli avversari nell’arco dei novanta minuti. C’è tutta la mentalità di Conte. Il Napoli è ben lontano dalla squadra di alto livello degli ultimi anni e Gattuso deve lavorare molto.

I nerazzurri dominano per gran parte della gara, il Napoli solo nella ripresa preme, ma Handanovic e la sua difesa sono sempre attenti. L’1-0 arriva dopo una vera e propria sgroppata di Lukaku che conclude con un palo-rete. Il raddoppio arriva da un suo forte tiro e complice una papera di Meret. Sul 2-0 l’Inter non si rilassa: efficaci le combinazioni Lukaku-Lautaro con i centrocampisti (Brozovic e Vecino su tutti), anche se sul finire del primo tempo Milik accorcia le distanze su assist di Callejon.

Il Napoli è senza Mertens e Koulibaly, ma la squadra mentalmente è impreparata. Il terzo gol dell’Inter, infatti, arriva da un errore di Manolas, su cui Lautaro è lesto a insaccare.

Insigne colpisce una traversa su punizione, ma nel complesso è poca roba. L’Inter vista contro il Napoli può davvero dire molto al campionato.

Al via la Dakar n.42 con Fernando Alonso

di NICOLA ZUCCARO - Inizierà quest'oggi, domenica 5 gennaio 2020, per concludersi venerdì 17 gennaio la quarantaduesima edizione della Dakar. Il primo evento motoristico internazionale del nuovo anno si svolgerà in Arabia Saudita con partenza da Gedda e con arrivo a Al Qiddiyah, dopo 7856 km. Al via 572 piloti e 347 mezzi (il 5 % in più dell'edizione 2019, svoltasi in Perù).

Fra i concorrenti eccellenti di quest'anno, spicca il nome di Fernando Alonso. L'ex pilota e campione del mondo di Formula 1, farà coppia con Marc Coma a bordo della Toyota. Il team giapponese, comprendente il campione uscente Al-Attiyah, resta il favorito della vigilia.

"Il Milan è casa mia": Ibra riaccende i tifosi

di PIERO CHIMENTI - Uno Zlatan Ibrahimovic raggiante ha salutato i tifosi che lo attendevano all'esterno da Casa Milan dopo la conferenza stampa. Nell'incontro con i giornalisti, lo svedese si è mostrato carico dichiarando che al Milan si sente a casa e di essere tornato per essere protagonista, mettendosi a disposizione per i nuovi compagni, che ancora non ha avuto modo di conoscere e proiettandosi già alla sfida contro la Sampdoria del prossimo lunedì. Il numero di maglia sarà il 21, scelto dai propri figli.

Roma, Friedkin successore di Pallotta: affare da 780 milioni

di STELLA DIBENEDETTO - La Roma cambia volto. James Pallotta ha trovato l’accordo con il magnate texano Friedkin per la cessione del club. Le due parti hanno ripreso la trattativa il 23 dicembre trovando l’accordo per 780 milioni netti compresi i 270 milioni del debito del club e i 150 milioni di aumento di capitale già approvato. Le firme dovrebbero arrivare oggi o, al massimo domani.

Finisce così dopo sette anni l’era Pallotta che chiude la propria esperienza giallorossa. Il passaggio di consegne, come spiega la Gazzetta dello Sport, dovrebbe essere formalizzato i primi giorni di gennaio.

La Roma, dunque, nelle prossime ore, passerà nelle mani di Dan Friedkin che sarà il terzo presidente più ricco della serie A dopo Andrea Agnelli (Juventus, 15,9 miliardi di dollari) e Zhang Jindong (Inter, 6,8). Secondo Forbes, il magnate californiano, ma texano d’origine, ha un patrimonio di 4,1 miliardi di dollari (3,67 miliardi di euro).

Friedkin, 54 anni, è a capo di un impero di cui è Ceo dal 1995, ereditato dopo la morte del papà Thomas nel 2017 che ha circa 5.600 dipendenti, con 12 società facenti capo alla holding di famiglia. Con il suo arrivo, i tifosi sognano di poter rivedere la propria squadra ai vertici del calcio italiano e non solo.

Primo successo in trasferta per l'Everton di Ancelotti

di FRANCESCO LOIACONO - Nella ventesima giornata di Serie A dell’Inghilterra il Tottenham di Josè Mourinho ha pareggiato 2-2 fuori casa col Norwich. Nel primo tempo al 18’ ha segnato il Norwich con Vrancic. Nel secondo tempo la squadra di Josè Mourinho ha pareggiato al 10’ con Eriksen. Al 16’ il Norwich è tornato in vantaggio. Aurier ha deviato involontariamente il pallone nella propria porta. Al 38’ il Tottenham ha di nuovo ristabilito la parità con Kane su rigore.

Prima vittoria in trasferta per l’Everton di Carlo Ancelotti. La seconda squadra di Liverpool ha trionfato 2-1 a Newcastle. Nel primo tempo al 13’ l’Everton è passato in vantaggio con Calvert Lewin. Nel secondo tempo all’11’ il Newcastle ha pareggiato con Schar e al 19’ la squadra allenata da Carlo Ancelotti ha realizzato il gol decisivo ancora con Calvert Lewin.

Il Southampton ha pareggiato 1-1 in casa col Crystal Palace. Il Watford ha vinto 3-0 il match interno con l’Aston Villa. Il Brighton ha superato 2-0 davanti ai suoi tifosi il Bournemouth. Il Leicester ha vinto 2-1 in trasferta contro il West Ham. Stasera il Manchester United giocherà a Burnley.

Supercoppa italiana: crolla la Juve. È la Lazio ad aggiudicarsi la vittoria

di ANTONIO GAZZILLO - La Supercoppa italiana si tinge di biancoceleste. La squadra di Simone Inzaghi vince, convince e si impone per 3 a 1 su una Juventus apparsa spenta e fragile soprattutto in fase difensiva.

I biancocelesti hanno confermato il grande momento di forma dimostrato in campionato, sbloccando il risultato al 16' grazie a Luis Alberto. Il giocatore spagnolo ha battuto facilmente Szczesny, finalizzando un'ottima azione condotta da Lulic e Milinkovic Savic.

Il pareggio della squadra di Sarri si è materializzato sullo scadere della prima frazione. Dybala ha ribadito in rete una palla respinta dal portiere laziale su un tiro di Cristiano Ronaldo.

La squadra della capitale, però, ha dilagato nella ripresa grazie alla rete decisiva di Lulic al 73', abile a colpire al volo liberato da una spizzata di Parolo in area.

Nel finale i bianconeri hanno sbandato, complice anche l'espulsione di Bentancur al 93'. Cataldi ha sugellato la vittoria dei suoi con la rete del 3 a 1 su calcio di punizione.

Ufficiale: Ancelotti è il nuovo allenatore dell'Everton

di ANTONIO GAZZILLO - Dopo l'esonero a causa dei conflitti interni con la società del Napoli, inizia ufficialmente una nuova avventura per Carlo Ancelotti. Il tecnico italiano ha firmato un contratto di quattro anni e mezzo con l'Everton, sostituendo l'allenatore portoghese esonerato Marco Silva.

Per Ancelotti si tratta di un ritorno in Premier dopo l'esperienza al Chelsea, condita dalla vittoria di un campionato, FA Cup e Community Shield. “L'Everton è un club ricco di storia, con una proprietà che ha la visione giusta per tornare al successo” ha dichiarato il tecnico ex Napoli, che potrebbe esordire il 26 dicembre contro il Burnley.

La Fiorentina ha esonerato Montella

di NICOLA ZUCCARO - Vincenzo Montella non è più l'allenatore della Fiorentina. L'esonero è stato ufficializzato dal club viola nella mattinata di sabato 21 dicembre 2019 e all'indomani del 4-1 subìto al Franchi nel secondo anticipo del turno n.17 della Serie A 2019-20. Per l'avvicendamento sulla panchina viola il papabile è Giuseppe Iachini, che precede nella graduatoria dei successori Cesare Prandelli e Luigi Di Biagio.

Sorteggio coppe europee: ok per Juve, Atalanta, Roma e Inter, proibitivo per il Napoli

di FRANCESCO LOIACONO - Sorteggi favorevoli per la Juve e l’Atalanta in Coppa dei Campioni e per la Roma e l’Inter in Europa League. Proibitivo per il Napoli in Coppa dei Campioni. La Juve dovrà vedersela con i francesi del Lione, l’andata si giocherà in Francia il ritorno a Torino. L’Atalanta affronterà gli spagnoli del Valencia, l’andata a Milano, il ritorno in Spagna. Il Napoli sfiderà gli spagnoli del Barcellona, l’andata in casa il ritorno in Spagna.

Questi gli altri accoppiamenti di Coppa dei Campioni: Tottenham-Lipsia, Borussia Dortmund-Paris Saint Germain, Atletico Madrid-Liverpool, Chelsea-Bayern Monaco e Real Madrid- Manchester City. Le partite di andata si giocheranno dal 18 al 26 febbraio 2020. Quelle di ritorno dal 10 al 18 marzo.

In Europa League l’Inter giocherà contro i bulgari del Ludogorets, l’andata in Bulgaria il ritorno in casa. La Roma affronterà i belgi del Genk, l’andata in casa e il ritorno in Belgio. Questi alcuni degli altri accoppiamenti: Bayer Leverkusen- Porto, Getafe-Ajax, Copenaghen-Celtic, Olimpiakos-Arsenal. Le gare di andata si giocheranno il 20 febbraio 2020, quelle di ritorno il 27 febbraio.

Juventus: Cr7 e Bonucci stendono l'Udinese

(Getty)
di ANTONIO GAZZILLO - La Juventus riscatta la brutta sconfitta dell'Olimpico contro la Lazio battendo un’Udinese arrendevole per 3 a 1. All'Allianz Stadium i bianconeri hanno dominato il match in lungo e in largo, chiudendo la prima frazione con un vantaggio di tre reti. Cristiano Ronaldo si è reso protagonista della doppietta che ha indirizzato sin da subito la gara sui binari giusti. Al 9' si è avventato su una palla respinta dalla difesa avversaria battendo Musso.

Al 37', sfruttando un'ottima imbucata di Higuain e la staticità della difesa friulana, ha messo in rete la palla del raddoppio. Sul finale del primo tempo Bonucci ha firmato il terzo gol con un colpo di testa dopo una sponda di Demiral. Il gol della bandiera è arrivato al 94' con Pussetto, reattivo nel battere Buffon da distanza ravvicinata grazie ad un cross di Ter Avest. Con questa vittoria la Juve sorpassa momentaneamente l'Inter in testa alla classifica, nell'attesa del match dei nerazzurri contro la Fiorentina.

Napoli-Parma 1-2: parte con una sconfitta l'era Gattuso

(ANSA)
di STELLA DIBENEDETTO - L'esordio di Rino Gattuso sulla panchina del Napoli dove ha preso il posto di Carlo Ancelotti comincia con una sconfitta al San Paolo. Nell'anticipo della 16esima giornata di Serie A gli azzurri cadono contro il Parma che porta a casa la vittoria per 2-1.

Ad aprire le marcature è stato il Parma che è passato in vantaggio dopo appena 4 minuti con Kulusevski che sfrutta un errore di Koulibaly il quale, dopo due minuti, si fa male. Per un guaio muscolare, Gattuso è costretto ad operare il primo cambio inserendo Luperto al posto di Koulibaly. Il Napoli cresce lentamente, ma il gol del pareggio arriva solo al 65' con Milik. La partita sembra destinata a concludersi con un pareggio, ma un incontenibile Gervinho, in pieno recupero, affonda il Napoli segna la rete del definitivo 2-1 e regalando ai suoi tre punti preziosi.

Tanti gli errori commessi dagli uomini di Gattuso che dovrà lavorare molto per mettere in sesto una squadra che sembra aver perso la voglia di vincere. Sono otto, ora, le partite di fila in campionato senza vittorie per il Napoli che ha raccolto solo cinque punti sugli ultimi ventiquattro disponibili.

Il Barcellona non perdona: 2-1 a San Siro, Inter in Europa League

(credits: Inter Fb)
MILANO - L'Inter è in Europa League. Il Barcellona, pur con una formazione largamente rimaneggiata, vince 2-1 a San Siro e il successo con lo stesso punteggio del Borussia Dortmund sullo Slavia Praga condanna la squadra di Conte all'eliminazione dalla Champions League. Non basta il gol di Lukaku al 44' che riprende Perez (23'): nel finale arriva la beffa firmata Ansu Fati, il più giovane goleador della storia della Champions. Il Borussia Dortmund vince ed è agli ottavi, Conte è terzo nel girone.