Visualizzazione post con etichetta ESTERI. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta ESTERI. Mostra tutti i post

Nairobi: vittime sono almeno 15

NAIROBI - Almeno 15 persone hanno perso la vita dell'attentato iniziato martedì 15 gennaio a Nairobi. Alcune fonti dell'obitorio hanno riferito all'emittente locale Citizen TV di aver ricevuto 15 cadaveri, ma hanno aggiunto che il bilancio potrebbe aggravarsi con il passare delle ore.

Sono stati uditi, secondo alcuni media, nuovi spari ed esplosioni anche all'alba e sono state evacuate altre 50 persone dal complesso attaccato, che ospita diversi negozi, ristoranti e il lussuoso hotel DusidD2. Il servizio di polizia nazionale del Kenya ha avvertito oggi che nel luogo dell'attacco è ancora "in corso una operazione di sicurezza".

In un tweet la polizia ha invitato "chiunque non sia coinvolto attivamente nell'operazione ad evitare l'area, finché non sarà dichiarata sicura".

Eppure ieri sera, circa otto ore dopo l'inizio dell'attacco, il ministro dell'Interno, Fred Matiangi, aveva assicurato che la situazione e' sotto controllo, dopo un blitz delle forze dell'ordine per neutralizzare il commando di banditi.

Spagna: lotta contro il tempo per salvare Julen


MALAGA - Il neonato di 2 anni e mezzo caduto in un pozzo profondo 110 metri vicino Malaga in Spagna. Per cercarlo sarà costruito un corridoio sotterraneo vicino all'originale.

Brexit, May nei guai: Westminster boccia l'accordo

LONDRA - Colpo di scena nella Brexit: l'accordo sul divorzio dall'Ue raggiunto a novembre dalla premier Tory, Theresa May, con Bruxelles è stato bocciato dalla Camera dei Comuni britannica con 432 voti contrari e 202 favorevoli. A negare la ratifica uno scarto di ben 230 voti, molto pesante per il governo May. Sono 118 i deputati conservatori che hanno votato contro l'accordo.

Intanto i laburisti hanno presentato una mozione di sfiducia al governo Tory che verrà discussa domani. Il leader Corbyn ha parlato di "sconfitta devastante", accusando la premier d'essersi negata al dialogo con l'opposizione per scongiurare un no deal e di aver privilegiato gli interessi del Partito Conservatore su quelli del Paese. Ha infine auspicato che la Camera dia domani il suo "verdetto sull'incompetenza di questo governo".

La richiesta della May alle opposizioni era di presentare una mozione di fiducia per vedere se l'esecutivo dispone ancora del sostegno di una maggioranza. La premier ha detto che il no all'accordo è chiaro, ma che non sono emerse chiaramente altre proposte sul tavolo. In caso di fiducia, la May ha espresso la volontà di andare avanti e di continuare a lavorare per la Brexit.

Dramma nell'Egeo: trovato corpo bimba di 4 anni

ROMA - Dramma nell'Egeo, dove il corpo di una bimba di 4 anni è stato recuperato dalla guardia costiera turca nel corso di un'operazione di salvataggio compiuta all'alba nei confronti di un gommone in difficoltà carico di migranti.

Soccorse altre 40 persone a bordo del mezzo, diretto alle isole greche e intercettato 5 miglia al largo della località costiera di Kusadasi, nel sud-ovest turco. Intanto proseguono le operazioni alla ricerca di eventuali altri dispersi.

Ambiente: milioni di locuste infestano la moschea alla Mecca

LA MECCA - Un enorme sciame di locuste ha suscitato scalpore nella città di La Mecca. L'invasione degli insetti è stata così grave che le autorità hanno dovuto inviare diverse squadre di pulizia. Numerosi i video dell' invasione di cavallette postati sui social. Le immagini mostrano milioni d'insetti che volano intorno nella Grande Moschea della città. Ogni anno milioni di pellegrini musulmani si riuniscono alla Mecca.

"I team specializzati sono stati incaricati di eliminare gli insetti", hanno detto le autorità ai media locali. Le autorità hanno fatto ogni sforzo per accelerare l'estinzione delle cavallette "nell'interesse della sicurezza e del benessere degli ospiti nella casa di Dio", hanno detto i leader. Le cavallette dovrebbero essere "cavallette nere". Quasi 140 persone sono impegnate attualmente contro l'infestazione degli insetti nella moschea.

Per Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, eventi che minacciano l'equilibrio alimentare con ripercussioni sui raccolti di riso e mais. Invasioni legate a condizioni climatiche umide favorevoli alla proliferazione di questi insetti migratori, ma anche dovuti alla mancanza di sensibilizzazione e alla distruzione delle foreste. In ogni caso gli sciami di cavallette possono creare disagi negli ambienti frequentati dalle persone, ma per quanto invadenti e fastidiosi, questi insetti non pungono, non possiedono strutture urticanti e non veicolano malattie e, pertanto, non sono in grado di provocare alcun danno diretto agli esseri umani.

Spagna: fiato sospeso per il bimbo caduto in un pozzo

MALAGA - Tragedia in Spagna dove si segue da oltre un giorno con apprensione il disperato tentativo di recupero di un bimbo caduto in un pozzo. Il bimbo , che ha 2 anni appena, è caduto domenica in un pozzo lungo 110 metri, di 25 centimetri di diametro, a Totalan, nella provincia di Malaga, nel sud della Spagna.

Sono oltre un centinaio gli uomini, tra tecnici specializzati e pompieri, al lavoro nel tentativo di recuperarlo. L'incidente tiene tutta la Spagna con il fiato sospeso, tra cui anche il premier Pedro Sanchez che segue da Madrid la delicata operazione di recupero. Su Twitter ha dichiarato di condividere "l'angoscia della famiglia del bambino" e ha chiesto di avere "la speranza" che la vicenda si concluda "con il miglior esito".

La vicenda ricorda molto da vicino quella dell'italiano Alfredino Rampi. Il 10 giugno del 1981 il bambino, 6 anni, cadde in un pozzo artesiano a Vermicino, vicino a Roma. A nulla valsero i tentativi di salvataggio.

Incubo in crociera: epidemia di gastroenterite colpisce 475 passeggeri


ROMA - Rientro anticipato per una crociera del terzo più grande transatlantico al mondo. In discussione, non un problema tecnico, ma un'epidemia di gastroenterite che ha colpito 475 passeggeri. Eppure tutto sembrava perfetto. Dal porto di Orlando, in Florida, domenica 6 gennaio, i passeggeri hanno trascorso un'idilliaca settimana in piscine, immersioni, casinò, golf ed escursioni mozzafiato. Solo qui, un passeggero, Cody Haddap, ha detto all'emittente WESH di essersi sentito male dopo la partenza da Haiti martedì scorso.

Dopo tre giorni di navigazione, oltre cento passeggeri e un membro dell'equipaggio hanno sentito i primi sintomi della malattia gastrointestinale non meglio specificata. Ma la compagnia Royal Caribbean ha deciso di continuare la traversata verso l'isola di Cozumel. Solo il giorno dopo, 250 passeggeri hanno presentato tutti i segni della gastroenterite. Chiusi nella loro cabina, non potevano ammirare la biosfera di Cozumel mentre l'escursione veniva cancellata. Da Cuba , potevano vedere dai loro oblò le coste lontane. Di fronte a questa epidemia che ha colpito circa 500 persone, l'azienda ha finalmente deciso di ridurre la crociera di un giorno.

Così, i passeggeri sono tornati sulla terraferma questo sabato 12 gennaio. Mentre la nave può ospitare circa 6.000 passeggeri, i membri dell'equipaggio sono impegnati a disinfettare aree di contaminazione come le maniglie delle porte o le ringhiere. La Royal Caribbean ha fatto sapere che rimborserà il costo della crociera a tutti i passeggeri. Questa non è la prima crociera a sperimentare una tale epidemia, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”. Nel 2012, 400 viaggiatori sono stati colpiti da una malattia gastrointestinale durante una crociera nei Caraibi.

Cina, crollo in miniera: 21 morti


PECHINO - Dramma in Cina, dove oltre venti operai sono morti nel crollo di una miniera di carbone nel nord del paese. A riferirlo i media di Stato cinesi. La tragedia si è consumata a Shenmu, nella provincia dello Shaanxi cuore della cintura di estrazione del carbone del Paese, secondo la tv di Stato e l'agenzia di stampa Xinhua. Tratti in salvo altri 66 minatori.

Boato a Parigi: forte esplosione in zona Opera, 3 morti

PARIGI - Trema ancora una volta Parigi. Una forte esplosione è stato sentita nel nono arrondissement della capitale francese. La deflagrazione, secondo il sito di informazione Dna, sarebbe stata causata da una perdita di gas in una panetteria che si trova a poca distanza dai Grands Boulevards e al Musée Grévin. Si segnalano 37 feriti e 3 vittime.

La Prefettura della capitale ha reso noto che "un incendio in un negozio, seguito da una forte esplosione" si è prodotto nella rue de Trevise. Un palazzo è in fiamme.

Sui social sono state diffuse le prime immagini del palazzo distrutto dalla deflagrazione.

Usa: Trump annuncia ritiro dalla Siria

WASHINGTON - E' ufficialmente partito con un primo convoglio di mezzi che ha lasciato il paese il ritiro graduale degli Usa dalla Siria. L'unità si è mossa in direzione del vicino Kurdistan iracheno.

Sono presenti nel paese circa 2mila militari Usa. Il presidente Trump ha ordinato la loro partenza ma il consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton ha posto alcune condizioni, tra cui l'eliminazione totale dell'Isis e la garanzia che Ankara non lancerà offensive sui curdi, alleati di Washington.

Usa, autista Uber choc: "Ho ucciso 6 persone"


KALAMAZOO - Drammatica ammissione di un autista Uber statunitense che si è dichiarato colpevole di aver ucciso 6 persone a caso a Kalamazoo, nel Michigan, nel giro di poche ore. Li avrebbe sparato tra una corsa e l'altra nel febbraio del 2016. Quella di Jason Dalton, 48 anni, è stata una mossa a sorpresa prima dell'inizio del processo, anche per i suoi avvocati che lo avevano dichiarato incapace di intendere e volere.

"Volevo farlo da un po'", ha sostenuto Dalton rispondendo al giudice dopo l'ammissione di colpevolezza. Le sue vittime sono un padre e un figlio e quattro donne mentre una 14enne ridotta in fin di vita è riuscita a sopravvivere. Ferita un'ottava persona. L'uomo, padre di due figli, rischia l'ergastolo.

Bimbo picchiato con aspirapolvere

di PIERO CHIMENTI - Un grave fatto di violenza è avvenuto nel sud della Turchia, ad Iskenderun, nella provincia di Hatay, dove un bimbo di 6 anni è stato picchiato violentemente dal proprio padre con il tubo metallico dell'aspirapolvere, per la sola colpa di non aver voluto fare i compiti. Il piccolo si trova ora in ospedale, nel reparto di terapia intensiva, collegato alla macchina che lo tiene in vita. La polizia ha arrestato l'uomo per violenze. Anche l'ex moglie ha confermato di aver subito in passato le sue angherie.

Washington, Rooney arrestato in aeroporto: era ubriaco

WASHINGTON - Dopo l'arresto della stella dell'hockey russo Oleg Saprykin per ubriachezza su un volo per Mosca, è accaduto ad un campione del calcio. La leggenda inglese Wayne Rooney è stata arrestata all'aeroporto di Dulles, che è vicino allo stadio del club, per ubriachezza molesta. La notizia è del 16 dicembre, ma è stata resa pubblica solo ora. L'attaccante del D.C. United, una società calcistica statunitense con sede nella città di Washington, già ex Manchester United, si sarebbe anche tolto la maglietta prima che gli agenti lo portassero via. Una volta in caserma, sarebbe stato rilasciato in attesa di giudizio.

L'udienza doveva aver luogo il 24 gennaio che in realtà non ci sarà, perché Rooney se la sarebbe cavata con una sorta di multa da 114 dollari. Infatti il buon Wayne è potuto rientrare in Inghilterra, dove ha passato le feste di Natale. Un portavoce dell'ufficio dello sceriffo della contea di Loudoun ha dichiarato: "È stato portato nel centro di detenzione della contea di Loudoun il 16 dicembre 2018, con l'accusa di ubriachezza pubblica derivante da un arresto da parte della Metropolitan Washington Airports Authority Police (MWAA). Questo tipo di comportamenti non sarà mai tollerato, e noi prenderemo in ogni occasione le misure appropriate".

Sudan: rilasciata la giornalista italiana

KHARTUM - Il ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, conferma che la giornalista Antonella Napoli, fermata in Sudan dalle autorità locali, è stata rilasciata. Moavero, si legge in una nota, aveva dato istruzioni all'ambasciata d'Italia a Khartum di attivarsi immediatamente in raccordo con la Farnesina. È stato dunque preso formale contatto con le autorità locali allo scopo di avere tutte le necessarie informazioni e di ottenere il rilascio della giornalista italiana nei tempi più rapidi.

Ore di paura in Sudan per una giornalista italiana, blogger di HuffPost, fermata a Khartum da persone qualificatesi come poliziotti e dalle 10,30 di questa mattina si sono interrotte le comunicazioni. A riferirlo in un tweet il portavoce della sezione italiana di Amnesty International, Riccardo Noury.

Antonella Napoli, fondatrice e presidente della Onlus Italians for Darfur, si trovava in Sudan per seguire le proteste contro il presidente Omar al Bashir.

Contattato telefonicamente dall'Agi, Noury ha detto essere stato informato dalla stessa Napoli con un messaggio Whatsapp in cui Antonella affermava di essere stata fermata a Khartoum da sedicenti poliziotti, "ma il messaggio era incompleto e terminava con avv..., immagino mi stesse chiedendo di avvisare qualcuno. Sto provando a chiamare quel numero da oltre un'ora ma squilla a vuoto".

Ancora Noury all'HuffPOst: "Spero, auspico che Antonella venga rilasciata immediatamente e possa nuovamente riprendere i contatti con l'Italia e proseguire il suo lavoro" - ha poi detto Noury.

"Amnesty seguirà molto da vicino la vicenda - ha concluso il portavoce - è una situazione stranissima quando fermano, arrestano una persona che conosci bene, così impegnata. Speriamo di avere sue notizie presto".

Filippine, tifone Usman fa 126 vittime


MANILA - Sale a 126 morti e 26 dispersi il bilancio del tifone Usman nelle Filippine. Una sessantina i feriti, mentre gli sfollati sono 300mila. Il tifone ha toccato terra il 29 dicembre e ha colpito la parte centrale del Paese.

Usa, spari nella sala da bowling: 3 morti

LOS ANGELES - Si spara ancora negli Usa. E' di tre morti e quattro feriti il primo bilancio della sparatoria nella sala da bowling di Torrance, a sud di Los Angeles, in California.

Il Los Angeles Times riporta che gli spari sono avvenuti al Gable House Bowl. La autorità hanno esortato le persone a "stare lontano dalla zona". Torrance è una città costiera che si trova circa 30 chilometri a sud-est del centro di Los Angeles.

Usa, in coma da 14 anni: partorisce bimbo sano

PHOENIX - Negli Usa si indaga per stupro su una donna in coma da oltre 14 anni che ha partorito un bimbo perfettamente sano lo scorso 29 dicembre. A confermare la notizia la struttura nella quale la donna era ricoverata da dieci anni, la Hacienda HealthCare, di Phoenix, in Arizona. La polizia ora indaga su un possibile stupro mentre la clinica ha aperto un'indagine interna sull'accaduto. Il personale maschile non è più ammesso nelle stanze delle pazienti donne mentre è in corso l'inchiesta.

Terrore a Sydney: accoltella passanti e si suicida

SYDNEY - Nuovo attentato a Sydney, in Australia, dove un 20enne si è impossessato di un furgone per le consegne e ha raggiunto una palestra, davanti alla quale ha aggredito i passanti con un coltello. L'uomo ha accoltellato un giovane allo stomaco ed ha ferito anche una donna. Dopo aver costretto un tassista a cedergli il suo taxi, il 20enne è fuggito ma è stato raggiunto dalla polizia che ha circondato la vettura. A quel punto si è suicidato con una coltellata. Secondo gli agenti l'aggressore parlava in arabo ma non si sarebbe trattato di un atto terroristico.

Madre chatta su Facebook e la figlia di 6 mesi annega

ROMA - Sarebbe bello scrivere che si tratta di una notizia inventata, purtroppo è tutto vero. Kayla L. è stata arrestata dalla polizia israeliana a Tel Aviv poichè sospettata di chattare su Facebook mentre sua figlia di sei mesi annegava nella vasca da bagno. La sconsiderata protagonista della vicenda è una madre di 23 anni, responsabile della morte della figlioletta Naomi.

Per dieci minuti, la donna era così impegnata a scambiarsi messaggini e altre amenità del genere col telefonino per non accorgersi che la piccola stava affogando. Quando poi ha dato l’allarme era troppo tardi per i soccorsi. La bimba è morta dopo essere stata in coma per una settimana.

Ai controlli della polizia, la madre ha dichiarato che era stata in bagno per un po 'di tempo quando è accaduta la tragedia. La polizia sta ora effettuando una perizia sul cellulare della donna, consistente nell'analisi forense del telefonino per acquisire i contenuti ed in particolare per verificare se Kayla L. abbia usato lo smartphone per collegarsi ai social network nella finestra di 10 minuti dell'incidente.

Suo marito, Ilan L., ha confermato che la polizia sta indagando sul loro telefono. La donna, si è trasferita da Londra a Tel Aviv più di cinque anni fa. La coppia ha un'altra figlia, Elizabeth (2 anni), ma attualmente sono separati.. Per Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, il primo dovere di ogni genitore è tenere il suo bambino al sicuro e in questo caso la madre ha fallito in questo compito fondamentale, esponendo la bambina a rischio di lesioni gravi e di morte.

Francia, terrore al luna park: rimangono bloccati su giostra a 50 metri d'altezza

RENNES - Hanno vissuto una notte di Capodanno da incubo due adulti e cinque adolescenti francesi, rimasti bloccati per nove ore sull'attrazione di un luna park, a 55 metri di altezza. La tragedia è stata sfiorata a Rennes, in Francia. Per salvarli è dovuto intervenire un elicottero nel cuore della notte del primo dell'anno. Gli otto erano saliti alle 20 di lunedì sera sul "Bomber Maxxx", un braccio metallico lungo 52 metri che permette una visuale panoramica sul centro della città. Drammatico il momento in cui, proprio quando gli otto occupanti avevano raggiunto il punto più alto del loro giro, la giostra si è inceppata tra scintille e un forte rumore che hanno fatto temere il peggio.

A provocare l'incidente una rottura nel motore, che fortunatamente non ha messo a rischio l'incolumità degli occupanti. Il problema però è stato riportarli giù, perché la scala di 30 metri dei vigili del fuoco era insufficiente. Ad intervenire sulla scena, all'incirca a mezzanotte, un elicottero dei pompieri che ha avviato il salvataggio usando delle corde. A salire a bordo della struttura un vigile del fuoco che ha istruito le persone su cosa dovevano fare. Solo alle sei del mattino, nove ore dopo l'inconveniente alla giostra, è stata messa in salvo l'ultima persona bloccata.