Visualizzazione post con etichetta TRENTINO. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta TRENTINO. Mostra tutti i post

Trento, bimba di un anno cade dalla finestra e muore mentre la mamma prega

TRENTO - Tragedia a Trento, dove la mamma prega e la figlia di un anno e mezzo cade dalla finestra e muore. La tragedia si è consumata ieri nel capoluogo trentino durante una festa in un appartamento al civico 4 di via Caio Valerio Mariano nel quartiere Piedicastello.

La piccola di nome Ayan, nata da una famiglia pakistana, mentre stava giocando con altri piccoli pare abbia trovato un appoggio per arrampicarsi sulla finestra cadendo nel vuoto da un’altezza di dodici metri. In quella stanza c’erano anche i fratellini che hanno assistito impotenti. La mamma, subito accortasi dell’accaduto, è scesa per le scale ma per Ayan non c'era nulla da fare: è morta sul colpo.

Precipita in dirupo con la mountain bike

Dramma per un altoatesino di 17 anni che ha perso la vita, precipitando con la sua mountain bike in un dirupo in valle Isarco. La tragedia si è consumata ieri sera, all'imbrunire, durante una discesa downhill lungo un sentiero sopra l'abitato di Verdignes. Il giovane 17enne, Manuel Unterthiner, è precipitato per una settantina di metri. Gli amici, che erano con lui, hanno subito lanciato l'allarme. Sul posto sono immediatamente intervenuti i soccorritori ma il ragazzo era deceduto sul colpo.

Ordigno scoppia dinanzi a sede Casapound

TRENTO - Attimi di paura la scorsa notte davanti al "Il Baluardo", la sede di CasaPound a Trento, dove è scoppiato un ordigno rudimentale provocando danni all'entrata e alla serranda. Gli ignoti attentatori hanno lasciato la scritta 'Unico voto utile antifascismo sempre'. Nessuna persona è rimasta coinvolta. Le indagini sarebbero indirizzate negli ambienti dell'antagonismo.
 
La deflagrazione intorno alle 4.30. Ad intervenire immediatamente sul posto gli agenti della Digos che hanno ritrovato i resti di un ordigno rudimentale, pare formato da alcuni grossi petardi assemblati, secondo i primi accertamenti della polizia scientifica.

Lo scoppio ha divelto la serranda inferiore della sede e ha provocato la rottura della porta a vetri di ingresso.

Alcuni residenti di via Marighetto, a Trento sud dove è situata la sede di CasaPound, hanno udito distintamente lo scoppio e sono scesi in strada. "E' l'ennesimo gesto di chi non sa più proporre ed è incapace di confrontarsi", dice il responsabile di CasaPound Trento, Filippo Castaldini.

Incendio a Bolzano, muore disabile


BOLZANO - Terribile incendio in un'abitazione di Bolzano, durante il quale ha perso la vita un 71 enne disabile, che abitava lì in compagnia della badante. Il rogo è rimasto circoscritto all'appartamento dell'anziano, ma sono ancora sconosciute le cause delle fiamme. Leggermente intossicata per avvelenamento la badante sessantenne, mentre altri quattro condomini sono stati soccorsi per avvelenamento da fumo.

Monte Grappa, trovato cadavere in scarpata: ipotesi ucraina scomparsa

TREVISO - Il cadavere di una donna è stato rinvenuto tra il fogliame a terra, in una scarpata, intorno solo alberi e massi. A trovarlo un cacciatore con il suo cane. E forse quel corpo senza vita di donna sfigurato potrebbe essere la risoluzione delle indagini sulla scomparsa avvenuta a novembre di una 43enne ucraina, Sofiya Melnyk.

La donna risiedeva a Cornuda, nel Trevigiano, e dal 15 novembre se ne erano perse le tracce. A denunciare la scomparsa era stato il suo convivente, Pascal Daniel, un albanese che poi - per ragioni ancora ignote - si era ucciso, il 26 novembre.

Scoperta una fitta rete di pedofili tra Trento e Bolzano

BOLZANO - Scoperta dalla Polizia postale di Bolzano una fitta rete di pedofili su una piattaforma di voip criptato. Nell'operazione la Polizia di Stato di Trento ha arrestato 10 persone, eseguito 47 perquisizioni e sequestrato ingente materiale informatico prodotto mediante lo sfruttamento sessuale di minori.

LE INDAGINI - Le indagini hanno preso il via dall'arresto di un 38enne altoatesino, avvenuto il 1 febbraio 2016, trovato in possesso di materiale digitale (foto/video) contenente esibizioni pornografiche di minorenni, materiale che l'arrestato diceva di aver scaricato da internet, e quindi ceduto da soggetti dei quali non era in grado di indicare elenti utili all'identificazione.

Le sue dichiarazioni hanno però insospettito gli investigatori della Polizia delle Comunicazioni i quali hanno individuato, tra le prove digitali del computer sequestrato, un intenso utilizzo dell'applicazione Voip ed una rubrica composta da un centinaio di contatti dislocati su tutto il territorio nazionale. Ulteriori dettagli saranno forniti nel corso della conferenza stampa che si terrà alle ore 10.30, presso il Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazione di Trento.

RICOSTRUITE CONVERSAZIONI - Gli investigatori sono riusciti, attraverso l'utilizzo di particolari software, a ricostruire moltissime conversazioni dalle quali emergeva la morbosità degli interlocutori nei confronti di pratiche sessuali con minorenni. L'uomo é risultato essere il fulcro di una rete con oltre un centinaio di contatti con i quali lo stesso, a volte presentandosi come madre di una bambina minorenne, affermava essere attratto sessualmente da bambini e offrendo ai suoi interlocutori materiale pedopornografico.

Gli investigatori riescono a tirare le fila su ben 48 persone coinvolte le cui attività di produzione e condivisione di materiale illecito prendono il via in Trentino Alto Adige, Lombardia, Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Lazio, Abruzzo, Puglia, Campania, Sicilia e Sardegna.

Trentino Alto Adige: bimbo 8 anni cade in dirupo

BOLZANO - Dramma per un bimbo tedesco di 8 anni, deceduto per un incidente in montagna avvenuto nei pressi dei Laghi di Campolago nell'area di Maranza, in Alto Adige. Il bambino, che si trovava insieme ai genitori e ai due fratelli, stava percorrendo un sentiero che dalla stazione a monte di una funivia a quota 2400 conduce ai laghi. Il percorso presenta alcuni tratti attrezzati ed è considerato di media difficoltà.

Dopo aver quindi superato uno dei punti più critici del sentiero, il ragazzino avrebbe messo un piede in fallo, precipitando per oltre 200 metri.

Precipita cordata nel Trentino: 2 morti e 7 feriti


Terribile incidente nel Trentino nordoccidentale, dove questa mattina - poco dopo le 9.30 - è precipitata una cordata. Il crollo ha provocato due morti e sette feriti e i soccorritori del 118, con 4 elicotteri ed altri mezzi di servizio, sono ancora al lavoro.

Le persone coinvolte sarebbero alpinisti, le cui operazioni di recupero sono ancora in corso. Intanto, uno dei tre feriti più gravi è già stato trasportato all'ospedale di Bolzano.

Due operai morti sulla ferrovia del Brennero

di LOREDANA CAVALLO - In seguito a un incidente ferroviario sulla linea del Brennero, a Bressanone (Bz), sono morti due operai e sono rimasti feriti altri tre.

Sulla linea si stavano effettuando lavori quando è avvenuto lo scontro tra una profilatrice e una rincalzatrice, la quale sicuramente avrebbe avuto un malfunzionamento in quanto si sarebbe messa in marcia autonomamente.

Sospesa la circolazione tra Fortezza e Bressanone e attivato un servizio mediante autobus tra Brennero e Bolzano. Avviata un' inchiesta.

Due italiani riconosciuti padri di due gemelli. «Sì» alla maternità surrogata

(Foto ANSA)

di ILEANA CIRULLI - Si è concretizzata la possibilità per due uomini italiani di essere padri di due gemelli. I due bimbi sono nati in Canada sei anni fa grazie alla maternità surrogata, poiché lì tale azione è considerata una donazione di organi, e i due padri, che vivono in Trentino, sono stati registrati come genitori dalla Superior Court of Justice canadese. Una volta rientrati in Italia, la Corte d'Appello di Trento ha dovuto, con un'ordinanza, disporre il riconoscimento di efficacia giuridica «al provvedimento straniero che stabiliva la sussistenza di un legame genitoriale tra due minori, nati grazie alla gestazione per altri, e il loro padre non genetico». Secondo la Corte, infatti, nel nostro ordinamento non c'è «un modello di genitorialità esclusivamente fondato sul legame biologico fra il genitore e il nato. Deve essere considerata l'importanza assunta, a livello normativo, dal concetto di responsabilità genitoriale che si manifesta nella consapevole decisione di allevare ed accudire il nato».

Piena soddisfazione è scaturita soprattutto nell'avvocato Alexander Schuster, al quale si era rivolta la coppia otto anni fa: «Si tratta di un riconoscimento di genitorialità piena. Il vero problema è l'idea che vi è difficoltà a riconoscere ad un uomo, al di là del suo orientamento, una piena e adeguata capacità di cura e di amore nell'accudire i figli.»

«Una pagina storica per i diritti delle #FamiglieArcobaleno. Quando un figlio lo cresci, lo curi, lo ami: allora sei padre, madre, genitore», ha twittato Nichi Vendola. Ma vi sono state anche molte critiche, tra cui quella di Matteo Salvini: «No agli egoismi degli adulti sulla pelle dei bambini».

Electrolux: monta il caso Zanonato. Serracchiani: si dimetta

TRIESTE. "Nella gestione della crisi Electrolux il ministro Zanonato ha dimostrato di non avere l'equilibrio necessario per ricoprire il suo delicato incarico: dovrebbe dimettersi": lo sostiene la presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, commentando la dichiarazione resa al "Gazzettino" dal ministro dello Sviluppo economico Flavio Zanonato, secondo cui "i problemi e le difficoltà del gruppo svedese riguardano solo lo stabilimento di Porcia e non quello di Susegana".
"Come presidente di Regione - rileva Serracchiani - devo esprimere un vivissimo rammarico per la condotta tenuta dal ministro Zanonato, che ha preferito saltare tutti i livelli di mediazione, inclusi quelli istituzionali, credendo di risolvere la crisi buttando a mare lo stabilimento di Porcia. Per noi e' inaccettabile il metodo e soprattutto il merito".
"Ricordo che il 26 novembre in prefettura a Trieste, alla mia presenza, il ministro Zanonato ha assicurato ai lavoratori di Electrolux che sarebbe andato in visita a Porcia - conclude la presidente del Friuli Venezia Giulia -: siccome lo stanno ancora aspettando, ci vada lui ora a dirgli che solo loro devono chiudere".
"La mia nota a Zaia dice il contrario di quanto ha inteso la Serracchiani. Mi concentro su Porcia, le polemiche sono dannose". Così il ministro Flavio Zanonato risponde su twitter al governatore del Friuli Debora Serracchiani che ha criticato il ministro sulla gestione della crisi Electrolux chiedendone le dimissioni.

Trentino: località prive di elettricità

BOLZANO. E' tornato il bel tempo in Trentino Alto Adige dove ieri le intense nevicate avevano provocato seri problemi in montagna. Molte sono ancora le località prive di corrente per la caduta dei pali dell'energia. Si lavora sulle strade bloccate dalla neve e 600 turisti sistemati ieri in vari alberghi della zona sono in attesa che venga riaperta la strada per Sesto Pusteria dove avevano prenotato le vacanze. Permane alto il pericolo di caduta valanghe, segnalato di grado 4 su una scala di 5. (ANSA).

Agricoltori in rivolta al Brennero: basta falso cibo made in Italy

BOLZANO. E' il giorno della protesta del mondo dell'agricoltura. Migliaia di agricoltori e allevatori dalle prime ore della mattina, sfidando il freddo intenso, hanno invaso la frontiera del Brennero tra Italia e Austria per la mobilitazione "La battaglia di Natale: scegli l'Italia" promossa da Coldiretti per difendere il settore dalle importazioni di bassa qualità spacciate come italiane.
Nell'area di parcheggio "Brennero" al km 1 dell'autostrada del Brennero - direzione sud (Austria-Italia) scelta come campo base della protesta, con tanto di megatenda per preparare pasti e bevande calde, ci sono trattori e decine di pullman che nella notte hanno portato al valico gli imprenditori agricoli provenienti da tutta Italia.
Gli allevatori si sono schierati attorno al tracciato stradale e hanno iniziato a fermare i camion per sapere quale merce arriva e dove va a finire, mentre sono sollevati cartelli, indirizzati agli automobilisti in transito, per chiedere di sostenere la proposta di etichettatura obbligatoria per tutti i prodotti alimentari. Gli striscioni sono piuttosto espliciti: "615mila maiali in meno in Italia grazie alle importazioni alla diossina dalla Germania", "1 mozzarella su 4 è senza latte", "Il falso prosciutto italiano ha fatto perdere il 10% dei posti di lavoro", "Fuori i nomi di chi fa i formaggi con caseine e cagliate".

Bolzano: investe la ex e il nuovo compagno

BOLZANO. Li ha schiacciati contro un muro con l'auto in retromarcia e sono finiti in ospedale, da dove dovrebbero uscire in un mese. A compiere il gesto un giovane di 26 anni di Merano, contro l'ex moglie, 21 anni, del posto, e il nuovo compagno, 29 anni, tedesco.
L'episodio è avvenuto intorno all'1.30 della notte a Maia Bassa, la zona di Merano dove si trova l'ippodromo. (ANSA)

Precipita aereo, 4 vittime sulla Marmolada


TRENTO - Tragedia nei cieli del Nord Italia. Risultano essere quattro i morti per l'incidente aereo avvenuto intorno alle 16 sulla Marmolada, tra Trentino, Alto Adige e Veneto.

Secondo le prime informazioni fornite dal 118 l'aereo è un ultraleggero precipitato per cause al momento sconosciute. Tra gli elicotteri in partenza per i soccorsi anche quelli dei vigili del fuoco del Trentino, oltre a quelli di Belluno e dell'Aiut Alpin.

Donna uccisa a coltellate in Trentino, ex confessa

Lucia Bellucci è stata raggiunta da quattro coltellate al cuore. E' quanto risulta dall'autopsia eseguita a Verona dal consulente tecnico del pubblico ministero. Il decesso dovrebbe essere stato presumibilmente provocato proprio dalle coltellate e non dallo strangolamento compiuto a mani nude. La perizia completa sarà comunque consegnata nei prossimi giorni alla Procura di Trento, titolare dell'inchiesta.

L'avvocato Vittorio Ciccolini, arrestato per l'omicidio di Lucia Bellucci, nell'interrogatorio davanti al magistrato ha fatto ''un'ampia confessione'', fornendo agli inquirenti elementi per ricostruire le fasi dell'omicidio e la fuga verso Verona. Il procuratore di Trento, Giuseppe Amato, ha parlato di ''circostanze obiettive che indicano nel legale veronese l'autore dell'omicidio''.''Ci sono ancora alcuni accertamenti da fare per individuare il movente e il momento esatto dell'omicidio e per inquadrare il rapporto fra indagato e vittima'', ha aggiunto il magistrato. Ciccolini si trova ora in carcere in attesa dell'interrogatorio di garanzia che sarà fissato presumibilmente oggi dal gip di Trento.

Vittorio Ciccolini avrebbe manifestato in alcune lettere l'intenzione di ammazzare l'ex fidanzata Lucia Bellucci, trovata morta in un'auto a Verona.

Negli scritti si parla chiaramente di ''rapporti conflittuali'' con Lucia. ''Le lettere - ha detto il magistrato - sono scritte con estrema lucidità''.

Adige, scompaiono tre ragazzini. Trovato un corpo

VENEZIA - E' stato trovato cadavere nel fiume uno dei tre ragazzini scomparsi nelle acque dell'Adige, a Marice di Cavarzere (Venezia). Sono stati i sommozzatori dei vigili del fuoco a recuperato il corpo, poco distante dal punto dove erano stati visti scomparire i tre amici. I tre ragazzi hanno 15, 16 e 17 anni e sono originari del Marocco Un quarto loro amico e connazionale, 12enne, era rimasto sulla riva ed è incolume. Secondo le prime informazioni, erano scesi su una piccola lingua di sabbia che si forma sulla golena del fiume per cercare un po' di refrigerio.

Sembra che solo uno di loro, il più grande, sapesse nuotare; sarebbe stato quest'ultimo a tuffarsi dopo aver visto che i due amici scesi in acqua per primi erano in difficoltà. In quel tratto il corso d'acqua è infido, e il fondale può passare improvvisamente da una profondità di poche decine di centimetri a qualche metro.

Montagna, 3 vittime su Gran Zebru'

BOLZANO - Ancora sangue sull'Ortles. Tre escursionisti, due di Parma e uno di Novara, hanno perso la vita sul Gran Zebru' (3.859 m), in Alto Adige, a quota 3.500 metri. I tre - di 45, 55 e 22 anni - erano partiti alle 4 dal rifugio Pizzinini per raggiungere la vetta. Molto probabilmente sono stati traditi dal cedimento del ghiaccio.

L'incidente si e' verificato alle 8.30, a 350 metri dalla vetta. Sono precipitati insieme per 300 metri circa.

Le salme sono state recuperate dal soccorso alpino di Solda.

Bolzano: lascia compagno, le appicca fuoco

BOLZANO - Follia a Bolzano. Una bottiglia di alcol versata sui vestiti e un fiammifero con cui darle fuoco. Terribili le conseguenze: ustionata in modo grave e perdita della vista da un occhio. E' cosi' che una giovane di 24 anni romena e' stata ridotta dal compagno che aveva deciso di lasciare. La vicenda risale a qualche settimana fa e l'uomo, romeno, 44 anni, e' stato rintracciato venerdi' dalla Squadra mobile della polizia. E' accusato di lesioni personali gravissime.

Laura, sue tracce sino a statale poi il nulla

BOLZANO - Un nuovo giallo all'italiana. Ad Anterselva, in Alto Adige, continuano senza sosta le ricerche di Laura Winkler, la ragazzina di Brunico 13enne scomparsa da domenica. Tracce univoche hanno portato le unita' cinofili verso la strada statale della valle, all' altezza dell'albergo Bagni di Salomone.

Le forze dell'ordine comunque non danno troppo affidamento a questa circostanza, visto che l'odore potrebbe anche essere portato dall'aria. Sul posto si trovano anche cani molecolari, gia' utilizzati per il caso di Yara Gambirasio.