Visualizzazione post con etichetta ATTUALITA'. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta ATTUALITA'. Mostra tutti i post

Revisione auto: dal 20 maggio i nuovi cambiamenti

Cambia in Italia la revisione auto: dal 20 maggio sarà infatti introdotto un certificato di revisione che verrà rilasciato dai centri autorizzati e dalle officine dopo il controllo tecnico del veicolo.

Per quel che riguarda il documento, messo a disposizione dell'intestatario dell'auto in forma cartacea, dovrà contenere alcuni dati come il numero e la targa del telaio, il luogo e la data del controllo, la lettura del contachilometri, la categoria del veicolo, le carenze individuate e il livello di gravità, nonché il risultato del controllo tecnico, il nome dell'organismo che lo ha effettuato e la data del successivo controllo.

Il certificato è reso obbligatorio dall'entrata in vigore del dm 214/2017, introdotto a seguito della recezione della Direttiva europea 2014/45.

Gli intervalli per la revisione rimangono gli stessi: il primo controllo deve essere effettuato dopo 4 anni dalla prima immatricolazione e poi ogni 24 mesi.

Il certificato di revisione verrà rilasciato dalle autorità competenti che hanno effettuato un controllo tecnico e conterrà una valutazione del veicolo. Tali dati saranno trasmessi anche al ministero Infrastrutture e Trasporti. In caso di 're-immatricolazione' di un veicolo già immatricolato in un altro Stato membro dell'Unione europea, il certificato di revisione rilasciato da tale Stato sarà riconosciuto valido in Italia a condizione che tenga conto della frequenza dei controlli in Italia. Il certificato di revisione rimane comunque valido in caso di trasferimento di proprietà del veicolo relativamente al quale è stato rilasciato un valido attestato di controllo tecnico periodico.

Il certificato riporterà anche il numero di chilometri percorsi dal veicolo. Durante la revisione, si legge nel decreto, verrà effettuato il controllo e la lettura del contachilometri, se di normale dotazione. Una misura pensata per contrastare chi cerca di manomettere il contachilometri.

A svolgere le revisioni saranno "ispettori ministeriali" o, nel caso di centri di controllo privati, "ispettori autorizzati che soddisfano i requisiti minimi di competenza e formazione".

Chi circola con una vettura non revisionata rischia una multa che va da 168 a 674 euro, che può raddoppiare in caso di recidiva.

Lavoro: arriva l'assegno di ricollocazione per i disoccupati

Novità nel mondo del lavoro: si parte con l'assegno di ricollocazione. E' possibile presentare la domanda sul sito dell'Agenzia nazionale per le politiche attive sul lavoro (Anpal) per ottenere un voucher fino a 5mila euro da spendere per ricollocarsi sul lavoro.

Non si tratta di una somma di denaro destinata alla persona, ma è un buono per ricevere un servizio di assistenza intensiva alla ricerca di occupazione da parte di un centro per l'impiego o di un'agenzia per il lavoro accreditata. Al momento possono fare domanda di assegno di ricollocazione i beneficiari di NaspI disoccupati da almeno 4 mesi.

Chi richiede l'assegno potrà scegliere liberamente l'ente da cui farsi assistere. Il centro per l'impiego o l'agenzia per il lavoro accreditata prescelta assegnerà un tutor che lo affiancherà attraverso un programma personalizzato di ricerca intensiva per trovare nuove opportunità di impiego adatte al suo profilo.

Gli operatori dei centri per l'impiego possono: inserire la domanda di assegno di ricollocazione per conto degli utenti; validare le domande, rilasciando l'assegno e gestire le pratiche se il centro per l'impiego è stato scelto come erogatore del servizio di assistenza intensiva.

Per la gestione degli assegni, rilasciati in fase di sperimentazione, gli operatori dovranno continuare a utilizzare le funzioni già attive nella sezione operatori del sito internet Anpal. A partire dal 28 maggio 2018, l'assegno di ricollocazione potrà essere richiesto rivolgendosi agli Istituti di Patronato convenzionati con Anpal.

Per ulteriori informazioni inviare una mail a info@anpal.gov.it oppure telefonare al contact center di Anpal 800.00.00.39.

Cultura in lutto: addio a Tom Wolfe

Il mondo della cultura è in lutto: martedì 15 maggio 2018 è morto, all'età di 87 anni, Tom Wolfe, all'anagrafe Thomas Kennerly Wolfe Jr. 
Nato a Richmond, fu un saggista, giornalista, scrittore e critico d'arte. Tra le sue opere più famose troviamo "Il falò delle vanità".
Fu inoltre l'inventore di alcuni neologismi entrati a far parte del lessico, tra cui radical chic.

Asigitalia: martedì 15 maggio visita nella sede della Koutoubia Holding in Marocco

Il rapporto di scambio economico è consolidato, e non solo, tra Asigitalia e i paesi del Mediterraneo: martedì 15 maggio 2018 si è tenuta la visita del Presidente di Asigitalia presso la sede di Koutoubia Holding.
L'azienda ha più di duemila dipendenti e distribuisce i suoi prodotti in tutta l'Africa e il Medio Oriente: sviluppa carni rosse e bianche, investendo nella formazione del personale, la ricerca, e attraverso la sua fondazione, la Fondazione Tahar porta il suo sostegno agli strati sociali più poveri.
Nella giornata di martedì 15 maggio è stato firmato un accordo di partnership tra il presidente della Fondazione Tahar, il signor Tahar Bimezzagh e la Presidente di Asigitalia, Rossana Rodà Daloiso, per creare sinergie economiche con aziende italiane del settore.
Questa grande azienda, attraverso la Fondazione Tahar, seguendo la direzione di Sua Maestà Mohammed VI, Re del Marocco, abbraccia i principi su cui poggia Asigitalia: per le grandi imprese devono e hanno l'obbligo di aiutare i settori più svantaggiati. 
In modo particolare il sistema economico internazionale è cambiato e richiede investimenti per la crescita e la dignità delle persone.

Martina, "stanno scrivendo la storia? Consiglierei a Di Maio piedi per terra"

ROMA - "Di Maio dice che sta facendo la storia? Consiglio di stare con i piedi per terra". A dichiararlo il segretario reggente del Partito democratico Maurizio Martina in un'intervista stamane a RTL.

"Segnalo che si stanno raccontando scelte che messe tutte in fila costano 100 miliardi di euro. Come le coprono? Leggo di ipotesi di condoni. Sarebbe un grave errore per il nostro Paese. Con la flat tax si farebbe una grande operazione di disuguaglianza e di iniquità. Ragionano sul rivedere i trattati. Nessun Paese puo' rivedere da solo i trattati. Noi siamo pronti a costruire alternativa a queste scelte". "Noi siamo un partito e abbiamo delle personalità. Renzi è una di queste personalità. La questione fondamentale adesso per noi è riprendere il nostro lavoro per il Paese e farlo tutti insieme. Arriverà il tempo di una discussione più aperta ma ora c'è bisogno dell'aiuto di tutti" ha detto Martina.

Americana morta in Puglia, forse cause naturali

BARI - Sarebbe stato causato da cause naturali il decesso della donna americana di 65 anni, morta in una casa vacanze del quartiere Carbonara, a Bari. E' stato il marito della donna, trovata riversa per terra in camera da letto, a dare l'allarme un ambiente in ordine che non presenta segni di effrazione.

Quanto alle presunte ecchimosi sul corpo, non è escluso che possano essere state prodotte dalla caduta. Ma sono in corso i rilievi del medico legale e della Sis dei carabinieri. Sul posto è giunto il pm di turno Marco D'Agostino. La struttura è una casa-vacanze, in strada Giardinelli. Nella zona ci sono numerose villette.

Secondo quanto si è saputo, la donna era a Bari per un periodo di vacanza insieme con il marito. La struttura dove è stata trovata morta la turista americana, che aveva 65 anni, è una casa-vacanze, in strada Giardinelli. Nella zona ci sono numerose villette.

Sul posto sono presenti gli uomini della sezione investigazioni dei Carabinieri che stanno facendo rilievi all'interno della stanza dove è stato rinvenuto il cadavere. Il marito della donna si trova all'interno della villetta. 

Indonesia: Papa Francesco, "cessare le azioni violente"

CDV - Papa Francesco è "particolarmente vicino al caro popolo dell'Indonesia, in modo speciale alle comunità cristiane della città di Surabaya duramente colpite dal grave attacco contro luoghi di culto". A dichiararlo dopo la preghiera del Regina Coeli, invocando il Dio della pace "per le vittime e i loro congiunti, affinchè faccia cessare queste violente azioni, e nel cuore di tutti trovino spazio non sentimenti di odio e violenza, ma di riconciliazione e di fraternità".

Governo, Di Maio-Salvini cercano intesa: domani nuovo incontro a Milano

ROMA - Prove d'intesa tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini. "Quando abbiamo qualcosa da dire lo diremo", si è limitato a replicare il leader del Carroccio dopo l'incontro rispondendo alla domanda se sia stata individuata la figura da proporre per il premier. Con Di Maio, ha proseguito, ci sarà "un nuovo incontro sul programma". A chi gli chiede se vedrà anche Silvio Berlusconi risponde solo "vediamo vediamo".

"Stiamo trovando altre convergenze, l'incontro è stato positivo", ha dichiarato Di Maio dopo il vertice con Salvini spiegando che domani, a Milano, si terrà un nuovo incontro per arrivare "alla firma del contratto di un governo di cambiamento". "Non si è parlato del nome del presidente del Consiglio", ha detto ancora il leader del M5S. "Stiamo facendo notevoli passi avanti con il programma di governo, stiamo trovando ampie convergenze su reddito di cittadinanza - ha spiegato Di Maio -, flat tax, legge Fornero, sulla questione che riguarda la lotta al business dell'immigrazione, del conflitto di interessi".

"Speriamo di chiudere il prima possibile, perché se non si chiude si torna al voto", ha detto ancora Di Maio. "Oggi noi conosciamo la situazione dell'Ue, sappiamo che ci sono delle cose che vanno fatte - ha detto Di Maio rispondendo ad una domanda sulle dichiarazioni del presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani -, ci sono anche nell'ambito del bilancio europeo delle pretese che l'Italia deve portare avanti, sul fondo sociale europeo, sui finanziamenti che devono arrivare, c'è tanto da fare e chi vede questa ipotesi come una minaccia per Ue forse vede una minaccia per la sua poltrona".

Governo: Pd presenterà norma su conflitto d'interesse

ROMA - “Non so quanto durerà questo tentativo di alleanza che è già pieno di contraddizioni. Noi una norma per regolare un nuovo conflitto di interesse la presenteremo di certo, discuteremo e presenteremo una norma che applica pienamente l’articolo 49 sulla trasparenza dei partiti e dei movimenti”. A dichiararlo il segretario del Pd Maurizio Martina ospite questa mattina a Radio Anch’io su Radio1.

Milano: soddisfazioni per il "Premio Asigitalia 2018"

MILANO. Proseguono gli eventi nella città di Milano: si è svolta alla grande la cerimonia del "Premio Asigitalia 2018". L'evento si è tenuto presso l’Aeronautica Militare Italiana di Milano. Il Premio, è divenuto un vero e proprio appuntamento internazionale: autorità, istituzioni di rappresentanza diplomatica dei paesi dell’area Mediterranea ed Euroasiatica e non solo, italiane ed estere hanno preso parte a questo appuntamento.

La città di Milano ha fatto idealmente da madrina all’evento con la presenza di una rappresentanza dell’amministrazione comunale mentre, l’Aeronautica Militare Italiana, è stata la padrona di casa. Milano dopo l’Expo 2015 è un faro d’attrazione.

In Italia è la capitale del business, della moda, della cultura e del design; è situata in Lombardia, un territorio dove si concentrano il più gran numero di  imprese nei diversi settori. È per questo che un gran numero di lavoratori e imprenditori provenienti da ogni parte del mondo con culture diverse, trovino qui una loro realizzazione, si integrano e convivano insieme.

Durante la serata coordinata dal giornalista Paolo Massari, hanno ricevuto il Premio Asigitalia 2018: la famiglia Trussardi, per aver "esportato" la moda italiana nel mondo, il Presidente di Fenco Gianvico Camisasca, per l’ impegno nel mondo diplomatico, il Direttore Alessandro Sallusti, per l’impegno nell’ambito giornalistico e culturale, l’ambasciatore d’Algeria Abdelhamid Senouci Bereksi per la cooperazione sociale, economica, culturale tra Italia e Algeria.

Riconoscimenti anche all’imprenditore di Niver Card Italo Pasotti, Pintaldi Gianfranco agenzia viaggi Ambrosetti, per aver contribuito al successo di Asigitalia.

Per quel che riguarda l’Associazione, vuole promuovere l’integrazione, la globalizzazione tra i vari paesi di culture così lontane, ma che possono vivere anche vicine, tutti  insieme. L’associazione nella persona del presidente Rossana Rodà Daloiso, lavora costantemente per raggiungere questi obiettivi, come le è stato riconosciuto dagli ospiti e dalle autorità presenti all’evento.

A chiusura della cerimonia c’è stato un momento di riflessione sull’opportunità di allargare le relazioni internazionali per favorire uno scambio culturale, religioso con un momento di preghiera con  Don Augusto, cappellano della Polizia di Stato.

Delitto Moro: un mistero lungo 40 anni

di NICOLA ZUCCARO - Roma, martedì 9 maggio 1978. Sono da poco passate le 13.30 quando, nel corso della contemporanea edizione del Tg1 - condotta da un giovane Bruno Vespa - giunge la tragica conferma che il corpo ritrovato nel bagagliaio di una Renault 4 rossa, parcheggiata in via Caetani, corrisponde a quello dell'On.Aldo Moro e preceduta alle 12.30 da una telefonata delle Brigate rosse che comunicava al Prof.Franco Tritto (già assistente universitario del docente, oltre che Presidente della DC) di informare la famiglia Moro del luogo presso il quale ritrovare il cadavere del proprio congiunto.

E' l'epilogo di quei 55 giorni, ancora ritenuti 40 anni dopo fra i più drammatici della Repubblica e simbolicamente culminati in una via - tranquilla fino alle 13 del 9 maggio 1978 - a metà strada fra Piazza del Gesù (sede della Democrazia Cristiana) e via delle Botteghe Oscure (sede del Partito Comunista italiano), ovvero dei 2 partiti protagonisti del compromesso storico e della contestuale formazione del Governo di solidarietà nazionale. Quest'ultimo fu  osteggiato sia dalle Brigate Rosse, sia, in parte, da altri apparati dello Stato italiano e di alcune potenze internazionali, come emerso dai lavori delle Commissioni parlamentari d'inchiesta sul Caso Moro. A codeste, avvicendatesi nelle precedenti legislature, è stata affidato il difficile compito di far luce anche sulle ultime ore di vita dello statista pugliese ed esponente di spicco della Democrazia cristiana.

Un anno di vita di Asigitalia: intervista a Rossana Rodà Daloiso

Asigitalia compie il suo primo anno di vita: l’Associazione per lo Scambio Economico Italo-Euroasiatico e dei Paesi del Vicino Mediterraneo è diventato un punto di riferimento per le sinergie economiche e finanziarie e non solo.

Per questa importante ricorrenza, abbiamo intervistato la presidente Rossana Rodà Daloiso.

Presidente, un compleanno davvero importante quello del primo anno di Asigitalia. Quali sono stati gli obiettivi perseguiti e quali i risultati raggiunti?

E' stato un anno ricco di eventi, ma soprattutto di enormi soddisfazioni. Asigitalia si propone di creare delle sinergie economiche e finanziarie tra aziende italiane, interessate ad affermare la propria presenza nei paesi del Mar Caspio e dell’area Mediterranea. Tra questi hanno registrato particolare interesse nei confronti di eterogenee realtà commerciali italiane l’Azerbaigian, il Kazakistan, l’Iran, il Turkmenistan, la Georgia, il Kirghizistan, il Tagikistan, l’Uzbekistan e la Tunisia. Abbiamo promosso la cultura e il gemellaggio internazionale prendendoci cura delle aziende associate sia in termini commerciali, sia in termini fiscali e legali. Molte aziende italiane stanno già lavorando (per privacy non posso dire altro) con aziende locali.  
Tra gli eventi svolti durante l'anno ricordiamo: il protocollo d'intesa Missione Economica Kazakistan; il convegno sulla cyber-security; i gemellaggi con la Tunisia, Algeria, Marocco, Arabia Saudita; il gemellaggio a Biserte con l'associazione Hannibal; l'incontro presso l'ambasciata del Marocco; il forum del 7 febbraio 2018 "Il futuro della cooperazione economica tra Italia e paesi del Mediterraneo"; la partecipazione alla seconda edizione del Festival del Mediterraneo di Novegro a marzo 2018 e tanti altri ancora. Siamo stati presenti anche all'estero con vari eventi, tra i tanti anche in Algeria in occasione della Fiera Internazionale. Ultimamente abbiamo deciso di proseguire l'attività di cooperazione ed interscambi culturali con i paesi dell’area euroasiatica.
Asigitalia si muove anche sul sociale: tra le iniziative più importanti quelli in collaborazione con l'associazione Haziel con l'importante progetto di donare una casa alla famiglia Samante in Kenya e di una cena dei poveri durante il Ramadan in Tunisia.
E' importantissimo poter aiutare gli altri, soprattutto le famiglie e i giovani in difficoltà. L'Italia, e non solo, deve guardare avanti: al futuro, all'innovazione e a tutto ciò che fa stare bene.

Cosa pensa di sviluppare in futuro?

Nell'immediato futuro pensiamo di concretizzare gli accordi con i vari paesi dell'area del Mediterraneo ed euro-asiatica, aumentare i gemellaggi e gli scambi culturali con altri paesi. 
Per l’autunno del 2018, organizzeremo a Roma un forum sull’area euroasiatica con tutti i rappresentanti politici ed istituzionali, come è già stato fatto a Milano il 7 febbraio 2018 per l’area del Mediterraneo, presso la regione Lombardia.
Inoltre seguiremo il settore scuola-formazione-lavoro e a breve saranno firmati dei protocolli con istituti scolastici italiani ed esteri grazie anche al supporto delle istituzioni e degli imprenditori locali: ai giovani più meritevoli saranno assegnate delle borse di studio. Tra i progetti sociali, daremo anche delle borse di studio ad una scuola calcio in Tunisia.

Di Maio, "ok premier terzo con Lega ma Berlusconi faccia passo indietro"

ROMA - "Io faccio un passo indietro, Salvini fa un passo indietro, ma c'è un altro che deve fare un passo indietro" in riferimento all'ex premier Silvio Berlusconi. A dichiararlo il capo politico M5S Luigi Di Maio a '1/2h In Più' su Rai3, spiegando di avere parlato a Salvini di questa possibilità "un po' di tempo fa" e ricordando che "il dialogo con Salvini non è andato avanti perché c'è il tema del centrodestra".

"Se il punto è realizzare cose per gli italiani, fare un programma, e quell'ostacolo è Luigi Di Maio premier come ho detto scegliamo insieme un presidente del consiglio che non sia io", ha aggiunto il leader M5S.

"Le confermo che insieme a Salvini possiamo scegliere un presidente del Consiglio che non sia io e che non sia Salvini, visto che è disponibile anche lui. Scegliamo una persona politica, l'ultimo dei problemi, se della Lega o del M5s. Scegliamo una personalità che possa rappresentare le due forze", dice Luigi Di Maio a 1/2h in più. Anche un tecnico? "Purché sia una personalità in grado di gradire e comprendere il momento storico: questa è la differenza con i tecnici".

LDCV: domenica 6 maggio 2018 "Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici"

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 15,9-17)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena.
Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici. Voi siete miei amici, se fate ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l’ho fatto conoscere a voi.
Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: che vi amiate gli uni gli altri».

Durante la lettura del Vangelo, nel corso della celebrazione liturgica, è il Signore Gesù Cristo che parla ai suoi discepoli. Oggi ci dice che siamo tutti suoi amici, che gli apparteniamo attraverso la fede e attraverso il battesimo. Egli l’ha provato rivelandoci il suo segreto e la sua missione di Figlio di Dio. Ci ha detto che Dio, nella sua onnipotenza divina, ci ama tutti. Per mezzo di suo Figlio Gesù Cristo, ci ha fatto entrare nella comunione di amore che esiste fin dall’eternità tra lui e suo Figlio. “Come il Padre ha amato me, così anch’io ho amato voi”. È una parola di verità potente e divina.
Per tutti quelli che hanno preso coscienza dell’importanza di questo dono divino, conta una sola cosa: mostrarsi degni dell’amore che ci viene nell’amicizia del Figlio di Dio. “Rimanete nel mio amore”.
Per Gesù Cristo, ciò che è importante innanzitutto è che tutti i suoi amici si amino gli uni gli altri come egli stesso ha amato i suoi discepoli nel corso della sua vita terrena. La più viva espressione di questo amore è stata la sua morte sulla croce per i peccatori (cf. Gv 1,36; 19,34-37). L’amore perfetto del Padre celeste è la felicità e la gioia di suo Figlio. E questa gioia, il Figlio risuscitato la trasmette ai suoi amici nel giorno di Pasqua. “Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anch’io mando voi!”. Ricevete lo Spirito Santo!” (Gv 20,21-22). Egli offre senza sosta la gioia a tutti quelli che credono nella sua parola e per mezzo del battesimo si uniscono a lui e alla sua cerchia di amici, la Chiesa. Chi entra nell’amore di Dio per mezzo di suo Figlio ha ormai una ragione essenziale per essere sempre felice.

Link: http://www.lachiesa.it/calendario/Detailed/20180506.shtml

Lavoro: Amazon aprirà un nuovo deposito a Buccinasco, circa 100 posti a tempo indeterminato

Novità per Amazon: è stata annunciata in questi giorni l'apertura di un nuovo deposito di smistamento a Buccinasco, città metropolitana di Milano. La nuova struttura di oltre 10.000 metri quadrati creerà circa 100 posti di lavoro a tempo indeterminato nei prossimi anni, consentendo ai corrieri locali e regionali di consegnare gli ordini dei clienti più velocemente.
L'obiettivo del nuovo deposito di smistamento è quello di incrementare la capacità e la flessibilità della logistica di Amazon in Italia con consegne più veloci ai clienti e un servizio migliore per le aziende che vendono tramite il colosso americano e che beneficiano della sua rete di distribuzione. 
"Il deposito di Buccinasco rafforzerà la nostra rete logistica, permettendoci di rispettare le promesse di consegna ai clienti e supportare tutte le aziende che vendono i loro prodotti su Amazon" ha dichiarato Gabriele Sigismondi, responsabile di Amazon Logistics in Italia "con questo nuovo deposito, inoltre, le aziende di consegna locali indipendenti potranno far crescere la loro attività, in quanto Amazon fornirà loro la tecnologia più avanzata per effettuare le consegne".

Lavoro: ecco i Paesi dove i laureati guadagnano di più

Parliamo di lavoro: gli studenti, una volta laureati, si tuffano nella ricerca di un posto di lavoro e, soprattutto, di uno stipendio elevato. Per quel che riguarda la retribuzione mensile, però, non tutti i Paesi sono uguali.
"Al primo posto troviamo la Svizzera, dove già al primo impiego si possono guadagnare oltre 78mila euro lordi all'anno" si legge in una classifica stilata dalla società di consulenza Willis Towers Watson dei posti dove si guadagna di più "Secondo e terzo posto per Danimarca, siamo sui 51mila euro e Norvegia quasi a 49mila. Quarta la Germania, dove in media un neolaureato al primo impiego porta a casa 46mila euro. In Francia 34mila, sempre lordi e all'anno. A pari merito si piazzano Italia e Gran Bretagna sui 29mila euro. Il Portogallo è, infine, all'ultimo posto con 18mila euro".

Borsa: Piazza affari sale (+0,4%) spinta da Stm

MILANO - La Borsa di Milano sale ancora rispetto all'apertura (Ftse Mib +0,4%) spinta da Stm (+3,2%), tra i fornitori di Apple favoriti dalle previsioni sulle vendite di iPhoneX. Acquisti anche su Ferragamo (+1,7%), Tenaris (+1,45%), spinta dalle quotazioni del greggio e dei metalli, Brembo (+1,55%) e Piaggio (+2,84%). Acquisti su Tim (+0,4%) e Mediaset (+0,45%), lievemente sotto la parità invece Fineco (-0,04%), Italgas (-0,08%) e Banca Generali (-0,07%). Tra i titoli a minor capitalizzazione sprint di Mittel (+2,98%) e Saras (+2,43%).

Regionali Friuli, affluenza sotto 50%

Si è attestata al 49,65% l'affluenza alle urne definitiva delle elezioni regionali in Friuli Venezia Giulia. A diffondere i dati il Servizio elettorale regionale. Nel 2013, quando si votò in due giornate, l'affluenza definitiva fu del 50,48%. Hanno votato 549.806 elettori su 1.107.415 aventi diritto. L'affluenza maggiore è stata registrata nella circoscrizione di Udine, dove ha votato il 52,60% degli aventi diritto. Seguono Gorizia (50,78%), Pordenone (49,80%), Tolmezzo (47,58%) e Trieste (43,90)%.

I seggi si sono chiusi ieri alle 23 per le elezioni regionali, amministrative e per i referendum consultivi. Lo spoglio comincia alle 8.

C'è il rischio astensionismo sulla vittoria annunciata di Massimiliano Fedriga alle elezioni regionali del Friuli Venezia Giulia, un test che, alla luce dello stallo nazionale per la formazione del governo, viene atteso come una specie di "verifica interna" nei rapporti di forza del centrodestra. Gli esiti del voto si sapranno solo in giornata: niente exit poll né proiezioni, le urne vengono aperte alle ore 8.00.

Alfie, Scilipoti Isgrò (Fi): "Se ci sono presupposti Procura di Roma apra inchiesta per omicidio"

ROMA – “Apprendiamo con profondo rammarico la morte di Alfie Evans e porgiamo le nostre sentite condoglianze alla sua famiglia. Il piccolo era diventato cittadino italiano e i giudici inglesi non gli hanno consentito di essere trasferito nel nostro paese per effettuare una cura sperimentale in un ospedale di Roma. La Procura della Repubblica della capitale apra, se ci fossero i presupposti, un’inchiesta per accertare le responsabilità dell’accaduto”. Lo dichiara in una nota il presidente di Unione Cristiana ed esponente di Forza Italia, Scilipoti Isgrò.

Roma, registrata all'anagrafe figlia di due padri

ROMA - Anche il Campidoglio, dopo il comune di Torino, ha registrato all'anagrafe la figlia di due persone dello stesso sesso, in questo caso due uomini. A renderlo noto il legale della coppia, secondo cui si tratta di "un’importante svolta nel comune più grande d’Italia.

La Corte di appello di Roma è la prima ad allinearsi a quella di Trento con una sentenza finora tenuta riservata e a confermare il pieno riconoscimento in Italia di due padri già tali per il Canada. Ma i tecnici del Comune, oramai, concordano che la risposta corretta è tutelare il neonato riconoscendo subito due papà tali grazie alla gestazione per altri. La prima trascrizione completa e “spontanea” di una bimba nata a novembre si è perfezionata in questi giorni".