Visualizzazione post con etichetta TOSCANA. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta TOSCANA. Mostra tutti i post

Firenze, treno merci urta piattaforma: 3 feriti

FIRENZE - Momenti di paura sulle rotaie a Firenze, dove tre operai sono rimasti feriti dopo che un treno merci in transito ha urtato la piattaforma su rotaia da cui stavano eseguendo lavori di manutenzione con una scala motorizzata.

Il dramma si è sfiorato poco dopo la mezzanotte nella galleria ferroviaria Pellegrino, fra le stazioni di Campo Marte e Statuto. L'urto ha sbalzato sulla massicciata i tre uomini che sono stati soccorsi dai Vigili del fuoco e consegnati al personale del 118 che li ha stabilizzati e immobilizzati prima di trasferirli al pronto soccorso.

Le condizioni degli operai non sono gravi, ma la linea ferroviaria di 'cintura' tra le stazioni di Firenze è rimasta chiusa per tutta la notte e solo alle 6 è stato riaperto un binario. Sul posto è arrivata la scientifica della Polizia di Stato e Polfer e personale Rfi per eseguire i rilievi. Inoltre è stato richiesto l'intervento del Pisll (Servizi di prevenzione, igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro).

Questa mattina, dopo la riapertura di un binario, la circolazione è ripresa lentamente, ma alcuni convogli a lunga percorrenza e regionali, che viaggiano sulla linea Rifredi-Statuto-Campo Marte, vengono ora deviati sulla stazione di Santa Maria Novella. Fino alla ripresa della normale circolazione, ha fatto sapere Trenitalia, alcuni convogli potranno registrare ritardi e cancellazioni.

Arezzo, uccide ladro: indagato per eccesso legittima difesa. Salvini: "Io sto con chi si difende"

(courtesy Teletruria)
AREZZO - Sono state avviate le indagini per eccesso di legittima difesa per Fredy Pacini, 57 anni, titolare di una rivendita di pneumatici di Monte San Savino, che nel corso di una rapina ha sparato, e ucciso, uno dei malviventi. L'uomo ucciso è un 29enne di origine moldava. Un secondo uomo, invece, è riuscito a dileguarsi. Il titolare della ditta aveva subito 38 furti in pochi mesi, tanto che da tempo aveva preso l'abitudine di dormire in azienda. Intorno alle 3,30 di questa notte ha scoperto i malviventi all'interno della sua azienda e, ha raccontato al pm Andrea Clausani, ha sparato alcuni colpi di pistola. Sarebbe stato lui stesso a chiamare i carabinieri.

"Dopo il Decreto Sicurezza, arriverà in Parlamento la nuova legge sulla Legittima Difesa. Io sto con chi si difende, entrare con la violenza in casa o nel negozio altrui, di giorno o di notte, legittima l'aggredito a difendere se stesso e la sua famiglia. La mia solidarieà al commerciante toscano, derubato 38 volte in pochi mesi: conti su di noi!", dichiara il ministro dell'Interno Matteo Salvini.

Firenze, giovane uccisa in ostello

(Pixabay)
FIRENZE - E' giallo a Firenze dove il fidanzato della ragazza cinese uccisa stamane nella camera di un ostello, un messicano di 30 anni, è stato fermato dalla polizia ed e' ora in questura. La giovane è stata strangolata e uccisa nel corso di una lite, divampata questa mattina nella camera dell'ostello Plus Florence hostel & hotel' in via Santa Caterina d'Alessandria, nei pressi della stazione di Firenze Santa Maria Novella. Il responsabile avrebbe riferito ad alcuni presenti di aver ucciso la donna.

Ad intervenire sul posto la polizia, che ha trattenuto il 30enne, ora a disposizione del pm. In fase di ricostruzione il movente. Secondo le prime informazioni l'uomo, dopo l'omicidio sarebbe sceso nella hall dell'ostello e avrebbe confessato il delitto ad alcuni dipendenti. La coppia si sarebbe conosciuta circa un anno fa durante un viaggio in Thailandia.

Boccia: "Vogliamo risollevare Pd, è un disastro"

FIRENZE - Il candidato segretario del Partito Democratico, Francesco Boccia, è stato al mercato di Firenze dove ha incontrato i cittadini per esporre la sua idea di rilancio del partito. (Fonte Facebook)


Sbranato dai suoi due grossi cani da combattimento

GROSSETO - Momenti di terrore per un giovane che abita in un podere isolato a Istia d'Ombrone, in provincia di Grosseto, aggredito e sbranato dai propri cani. Provvidenziale l'intervento dei vigili del fuoco per salvarlo. L'uomo, da quello che si è appreso, era nella sua casa con gli animali, due grossi cani di razza Amstaff (American Staffordshire Terrier), quando è stato assalito. Ha provato a difendersi ma ha subito notevoli ferite ed avrebbe perso molto sangue. Ad intervenire sul posto anche i sanitari del 118. L'uomo è stato trasferito al pronto soccorso dell'ospedale Misericordia di Grosseto dove si trova in gravi condizioni.

È un giovane di 28 anni ed è ricoverato in ospedale in prognosi riservata, ma il ferito non è considerato in pericolo di vita. In base a ricostruzioni il 28enne si sarebbe trovato da solo nell'abitazione quando i due cani lo hanno assalito per cause da accertare. Sarebbe stato lo stesso giovane proprietario a chiamare, mentre si difendeva e parava gli attacchi, i vigili del fuoco per essere soccorso. Una squadra è partita da Grosseto per raggiungere Istia d'Ombrone, località che dista circa sei chilometri dal comando dei vigili del fuoco, situato nel capoluogo. Quando sono arrivati al podere, i pompieri hanno bloccato le due bestie mettendole in sicurezza e soccorso col personale del 118 il ferito, subito portato in ospedale.

Rapina a Lanciano, in manette tre romeni

CHIETI - Sono tre i romeni arrestati per la rapina della scorsa domenica ai danni di Carlo Martelli e Niva Bazzan, i coniugi di Lanciano di 69 anni brutalmente picchiati e lei mutilata a un orecchio.

Gli arrestati sono due fratelli e un cugino di nazionalità romena, di età compresa tra i 20 e i 30 anni. Sono stati bloccati mentre si preparavano a fuggire in auto. Ora al commissariato della polizia di Lanciano è stata portata con il carro attrezzi l'auto utilizzata dalla banda: una Golf blu con targa romena, danneggiata.

"Queste bestie devono marcire in galera!" ha scritto su Twitter il ministro dell'Interno, Matteo Salvini. 

Inferno di fuoco nel Pisano: evacuate centinaia di persone

PISA - Inferno di fuoco nel pisano a causa di un vasto incendio di origine dolosa che sta devastando la vegetazione del Monte Serra e minaccia la cittadina di Calci. 'Evacuazione preventiva anche per le zone di San Lorenzo e la Torre': a scriverlo su Facebook Massimiliano Ghimenti, il sindaco della cittadina del Pisano, in seguito all'incendio che da ieri brucia il Monte Serra. Sono oltre 500 le persone evacuate.

'I vigili del Fuoco - scrive ancora Ghimenti - stanno operando al massimo, ma se non cala il vento e non si alzano i mezzi aerei è impossibile spegnere l'incendio'. In precedenza, la cittadinanza era stata invitata a lasciare le abitazioni più vicine all'incendio.

Firenze, fermato lo stupratore della studentessa violentata

FIRENZE - Avrebbe un nome lo stupratore della ragazza di 21 anni picchiata e violentata la notte scorsa a Firenze. Per l'episodio, avvenuto poco dopo mezzanotte alla periferia Sud della città, la polizia ha fermato un romeno di 25 anni senza fissa dimora. L'accusa è di violenza sessuale aggravata.

La ragazza, di origine mongola e in città per motivi di studio, ha raccontato alla polizia che l'aggressione sarebbe avvenuta mentre stava camminando su una rampa sotto il viadotto del Varlugno, per raggiungere la casa di un'amica. L'uomo l'avrebbe avvicinata e presa a pugni e poi avrebbe abusato di lei.

La giovane, non ha appena il suo aguzzino se ne è andato, ha chiamato la polizia e poco dopo è stata accompagnata in ospedale, dove le sono state riscontrate lesioni su diverse parti del corpo. Il 25enne è stato rintracciato dalla squadra mobile di Firenze in uno stabile abbandonato, dove probabilmente vive. Nel punto in cui è avvenuta la violenza è stato rinvenuto un marsupio contenente i suoi documenti.

Firenze, violentata studentessa mongola

FIRENZE - Momenti drammatici a Firenze per una studentessa mongola di 21 anni aggredita e violentata da uno sconosciuto sul ponte del Varlungo. La violenza si è consumata la scorsa notte, intorno all'una.

L'aggressione, secondo quanto raccontato dalla ragazza alla polizia, è avvenuta mentre stava camminando su una rampa sotto il viadotto del Varlugno, per raggiungere casa di un'amica. Lo sconosciuto l'avrebbe avvicinata e presa a pugni e poi avrebbe abusato di lei.

Poco dopo che l'uomo se ne è andato, la 21enne ha chiamato la polizia ed è stata accompagnata in ospedale, dove le sono state riscontrate lesioni su diverse parti del corpo. Indagini della Squadra mobile.

Firenze: a Palazzo Strozzi la mostra "The Cleaner" di Marina Abramovic

"La mostra di Palazzo Strozzi copre 50 anni del mio lavoro, un lungo periodo e 12 di questi anni li ho passati con Ulay con il quale ho condiviso una storia d’amore e l’attività di lavoro che si è conclusa sulla Muraglia Cinese con un video divenuto virale" ha dichiarato l’artista serba, naturalizzata statunitense, Marina Abramovic, durante la presentazione della mostra ‘The Cleaner’, allestita dal 21 settembre al 20 gennaio 2019 a Palazzo Strozzi a Firenze.

"E’ meraviglioso essere in Italia. L’Italia è sempre stata estremamente importante per me fin da bambina quando prendevamo il treno per andare a Trieste a comprare i jeans. Allora da noi avevamo il comunismo, non avevamo soldi ed eravamo felici di venire in Italia. Non possiamo chiudere gli occhi davanti alla tecnologia. Fa ormai fa parte della nostra vita e non c’è niente di male in questo, quello che non va è il modo in cui la utilizziamo. Dobbiamo cercare di capire come usarla, usarla al meglio, senza che sia la tecnologia ad utilizzare noi. Una cosa che voglio chiarire è che per me Instagram non è arte. La mia prossima performance la farò nel 2020 alla ‘Royal Academy’ e non mi sento di dire niente al riguardo perché non voglio che porti sfortuna".

Infine, il direttore generale della Fondazione ‘Palazzo Strozzi’, Arturo Galansino, ha annunciato che Marina Abramovic è la prima artista donna a cui è stata dedicata una mostra nella storia di Palazzo Strozzi a Firenze. La mostra ‘The Cleaner’ riunisce cento opere dell’artista serba, offrendo una panoramica sui lavori piu’ famosi della sua carriera dagli anni Sessanta agli anni Duemila, attraverso video, fotografie, dipinti, oggetti, installazioni e la riesecuzione dal vivo di sue celebre performance.

Toscana: varato il Piano Antipovertà con 120 milioni di interventi

FIRENZE - Novità nella regione Toscana: è stato varato il Piano regionale per la lotta alla povertà, per sostenere persone e famiglie in situazioni di disagio economico e contrastare i fenomeni di esclusione sociale. Il Piano, adottato dalla giunta con una delibera proposta dall'assessore al diritto alla salute, al welfare e all'integrazione socio-sanitaria Stefania Saccardi, prevede un programma triennale (2018- 2020) volto a ridurre le cause dell'impoverimento e a sostenere le persone nel percorso di uscita dalle condizioni di marginalità ed esclusione sociale, mettendo a disposizione oltre 120 milioni, tra risorse statali e regionali, con l'obiettivo di promuovere un sistema regionale integrato finalizzato all'inclusione sociale.

Per quel che riguarda il Piano, è stato presentato nel corso di una conferenza stampa, dall'assessore Stefania Saccardi. "In Toscana, come nel resto d'Italia e in gran parte del mondo" ha dichiarato l'assessore Saccardi "la crisi economica ha colpito molte persone e molte famiglie, riducendo parecchio il loro potere d'acquisto. E anche se i dati toscani sono migliori di quelli di altre regioni e della media nazionale, e nell'ultimo triennio si intravedono segni di miglioramento, i numeri ci parlano di una situazione peggiore rispetto agli anni precedenti la crisi. In Toscana abbiamo messo in atto tante iniziative per prevenire e contrastare il fenomeno della povertà. Con il Piano varato ora, vogliamo dare una risposta strutturale e articolata al problema, sotto tutti i suoi aspetti, dall'inclusione socio-lavorativa delle persone svantaggiate, alle politiche del lavoro, a quelle abitative, a quelle scolastiche".

Il Piano regionale, in attuazione del Piano nazionale di contrasto alla povertà approvato dal Ministero del lavoro e politiche sociali, rappresenta anche l'atto di indirizzo delle azioni e dei servizi necessari per l' attuazione del Reddito di inclusione (REI) la nuova misura nazionale di contrasto alla povertà, che è anche il primo livello essenziale delle prestazioni sociali. Illustra, in particolare, gli obiettivi, gli strumenti attuativi e di contrasto alla povertà, i soggetti coinvolti nella governance regionale, individuando i principali interventi integrati per l'inclusione attiva. In coerenza con la legislazione nazionale, il Piano regionale è teso a favorire l'autonomia delle persone, promuovendo anche un cambiamento culturale nelle politiche di contrasto al fenomeno.  In Toscana il numero di possibili beneficiari del REI potrebbe attestarsi intorno a 50.000 famiglie, corrispondente a circa 143.000 persone. Al 30 giugno 2018 hanno beneficiato delle misure SIA (Sostegno all'inclusione attiva) e REI 7.530 nuclei familiari. Dal 1° luglio al 31 agosto hanno già fatto domanda 2.020 nuclei familiari.

Firenze, bimbo ucciso dal padre durante lite in famiglia

FIRENZE - Attimi di follia nel fiorentino dove un bimbo di un anno è morto dopo esser stato colpito dal padre con un fendente nel corso di una lite familiare. Il dramma si è consumato nel comune di Scarperia.

L'uomo, programmatore informatico di 34 anni con precedenti, ha anche ferito alla testa e agli arti la convivente, un'impiegata 30enne pure lei pregiudicata. E' stata la zia del bambino ad avvertire i carabinieri, che hanno fermato l'uomo, trovato in stato confusionale.

Paura in Versilia: in fiamme capannone di solventi, si leva colonna di fumo

LUCCA - Momenti di paura a Pietrasanta, in provincia di Lucca, per un incendio divampato in un capannone di una ditta che tratta materiali edili dove sono presenti solventi e materiali plastici.

Visibile una densa colonna di fumo anche dalla spiaggia di Viareggio. "Non sostare in luogo aperto, chiudere porte e finestre e disattivare gli impianti di ricambio d'aria, sconsigliare la raccolta di frutta e ortaggi vincolando comunque eventuale consumo all'accurato lavaggio con acqua corrente potabile".
Queste le indicazioni che l'Usl Toscana Nord-ovest ha dato ai Comuni di Pietrasanta, Camaiore, Viareggio, Forte dei Marmi, Seravezza, Stazzema.

(ANSA)
Ad intervenire sul posto i Vigili del fuoco insieme ad Arpat, Asl, forze dell'ordine e il personale del 118, che sta curando sul posto una persona intossicata del fumo. 

24enne muore dopo cena: attesa l'autopsia

E' giallo sul decesso della 24enne pisana Chiara Ribechini. Verrà eseguita in queste ore l'autopsia sul corpo della giovane di Navacchio (Pisa), deceduta la scorsa domenica a causa di una reazione allergica dopo avere cenato in un ristorante del Pisano. Il conferimento dell'incarico al medico legale Marco Di Paolo è stato fatto contestualmente all'apertura di un fascicolo con l'ipotesi di reato di omicidio colposo per la quale risulta indagata Rita Astinenti, amministratrice dell'azienda agricola dove la vittima aveva cenato. La cucina del ristorante intanto è stata sequestrata.

La 24enne aveva mangiato una vellutata di piselli in crosta di pane, bruschette e penne al ragù di cinghiale. Ed è proprio sul contenuto della bruschetta - che sarebbe stata prodotta fuori dall'azienda agricola che ospita il ristorante - che si stanno concentrando gli accertamenti, perché il resto del menù sarebbe stato cucinato con materie prime già mangiate altre volte dalla ragazza che sceglieva con cura solo pochi posti dove sapeva che la sua condizione di salute non sarebbe stata messa in pericolo. La giovane era allergica fin dai primi anni di vita al latte, a tutti i suoi derivati e all'uovo e frequentava solo locali nei quali riponeva la sua piena fiducia, come appunto quello in cui ha mangiato domenica sera.

L'esame autoptico dovrà accertare le cause che hanno determinato lo choc anafilattico che in pochi minuti ha ucciso la giovane, soggetto allergico da molti anni e cliente abituale del ristorante dove aveva trascorso la serata in compagnia del fidanzato e altri amici. I Cc hanno già sequestrato il kit di farmaci salvavita e anche campioni del vomito provocato dalla reazione.

L'iniezione di adrenalina per tentare di bloccare la reazione allergica sarebbe stata fatta sulla gamba della ragazza ma non è chiaro se l'ago si sia piegato o meno causando un'assunzione non sufficiente del farmaco. Dubbi sui quali dovranno dare risposte definitive le indagini della procura.

Firenze, travolto sullo scooter dopo lite tra rom: 4 arresti

FIRENZE - Sono scattate le manette per 4 persone per l'omicidio di Duccio Dini, travolto e ucciso a Firenze, in via Canova, lo scorso 10 giugno, mentre era fermo sul suo scooter a un semaforo. I carabinieri del comando provinciale di Firenze stanno eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di quattro rom, disposta dal gip su proposta della procura. Duccio Dini era stato investito al termine di una serie di inseguimenti tra più auto.

Comunali: il centrodestra trionfa in Toscana

Nei ballottaggi delle comunali '18 il centrosinistra è stato travolto in Toscana e in Emilia. I Cinque Stelle si affermano ad Avellino e Imola, ma perdono Ragusa. Avanzano Lega e centrodestra un po' ovunque.

Debacle del centrosinistra anche in Toscana dove Pisa, Siena e Massa passano in blocco al centrodestra. A Pisa il nuovo sindaco è Michele Conti candidato di Lega, FI e FdI, che ha battuto Andrea Serfogli. A Siena Luigi De Mossi, con il 50,8% batte di misura il sindaco uscente Bruno Valentini (Pd) fermo al 49,2%. A Massa Francesco Persiani è al 56,6% e batte senza problemi Alessandro Volpe, sindaco uscente, fermo al 43,4%.

Dura sconfitta anche per Maurizio Perinetti, candidato sindaco del centrosinistra a Ivrea: qui la sinistra amministrava ininterrottamente dal Dopoguerra. Ad Ancona, unico capoluogo di Regione al voto, si riconferma la sindaca uscente, Valeria Mancinelli, di centrosinistra.

Ad Avellino si impone a sorpresa Vincenzo Ciampi candidato M5S che strappa la cittadina campana finora guidata dal centrosinistra. Il M5S espugna anche Imola, governata per oltre 70 anni dal centrosinistra.

Da Brindisi una delle poche consolazioni per il centrosinistra: vince Riccardo Rossi, che ribalta così i risultati del primo turno che vedevano favorito Roberto Cavalera del centrodestra. Brindisi era uno dei comuni guidati dal Commissario straordinario.  Rossi vince col 56 per cento. Con il 56,61 per cento e 16.658 voti Riccardo Rossi, ingegnere dell'Enea, alla testa di una coalizione composta da Brindisi Bene Comune, Liberi e Uguali, Pd e Ora Tocca a Noi, è il nuovo sindaco di Brindisi“

Offese a prof.Lucca, scuola 'grazia' 3 studenti: rimandati a settembre

Sono solo 8 gli studenti promossi a giugno e 10 bocciati su 26 nella classe dell'Itc 'Carrara' di Lucca dove si consumò la triste vicenda del prof di italiano che fu fatto oggetto di pesanti offese riprese in video diffusi sul web e poi divenuti virali. A riportarlo sull'edizione odierna il quotidiano La Nazione che precisa che tre dei sei bulli indagati dalla procura minorile di Firenze se la sono cavata col 6 in condotta e con l'essere rimandati a settembre in varie materie.

Gli altri tre indagati invece furono 'bocciati' direttamente quando la vicenda diventò di pubblico dominio.

Il preside ora parla di "amarezza" e di peggioramento nel corso dell'anno scolastico di tutta la classe, e riconosce ai tre 'bulli' adesso rimandati - ma già sospesi dalla scuola per un periodo prima di essere riammessi in classe - di aver reagito alla punizione e di aver avuto una reazione positiva.

Prosegue intanto l'inchiesta della procura dei Minori di Firenze sui sei 'bulli' della classe, indagati per violenza privata e minacce.

Firenze, ragazzo travolto durante inseguimento

di PIERO CHIMENTI - Non ce l'ha fatta un ragazzo di 29 anni travolto col suo scooter in Via Canova a Firenze durante un inseguimento d'auto. Le cause della folle corsa sono da ricollegarsi a beghe familiari tra un 43enne ed il proprio suocero, degenerato con un pugno scagliato contro l'anziano per le sue intromissioni nella sfera familiare. I parenti della moglie hanno atteso il genero nei pressi del bar che frequenta abitualmente per punirlo, dando vita alla folle corsa trasformatasi in tragedia.

Prato, calciatore sequestra l'ex: la uccide e poi si suicida

PRATO - Nuovo cruento femminicidio nel Nord Italia. Prima ha sparato alla sua ex poi si è ucciso. I corpi sono stata trovati stamani, poco dopo le 9.00, in un parcheggio a San Miniato (Pisa) dove l'uomo,  un 25enne giocatore del Tuttocuoio, la società di Ponte a Egola (Pisa) di serie C, abitava.

Secondo quanto appreso il dramma avrebbe avuto luogo la notte scorsa, intorno alle 3.00: l'uomo ha atteso la donna, Elisa Amato, 30 anni, davanti alla sua abitazione a Prato e, dopo un litigio, l'ha costretta a salire sull'auto di lei e si è diretto verso San Miniato. Le ricerche dei carabinieri sono partite subito ma solo stamani è stata ritrovata l'auto con i corpi.

L'arma, usata da Zini per sparare alla donna e poi suicidarsi, sarebbe una pistola da lui regolarmente detenuta da non molto tempo, dopo aver ottenuto un permesso per uso sportivo. Al momento non risulta che tra i due, dopo la fine della relazione, ci fossero stati litigi. Più volte il 25enne avrebbe provato a riavvicinarsi senza riuscire nel suo intento. Non risultano denunce da parte della 30enne.

Zini aveva iniziato la sua carriera nelle giovanili dell'Empoli come attaccante. Dopo alcune esperienze in Lega Pro e in serie D, aveva deciso di cercare fortuna all'estero ed era andato a giocare anche in Mongolia, a Malta, nelle Filippine e in Bulgaria, prima di rientrare in Italia, dopo un infortunio.

Pisa, lascia bimba di un anno chiusa in auto: è morta

PISA - Dramma nel Pisano, dove una bimba di poco meno di un anno di età è deceduta dopo che è stata lasciata in auto dal padre. La tragedia si è consumata a San Piero a Grado. La scoperta è avvenuta intorno alle 16. I sanitari del 118 intervenuti non hanno potuto che constatarne il decesso. A confermare la notizia i carabinieri.

Sul posto sono intervenuti anche polizia e vigili del fuoco. L'auto con a bordo la bimba era stata parcheggiata fin dal mattino lungo una strada che costeggia una zona alberata non lontano dallo stabilimento industriale dove l'uomo lavora.

La bimba era sistemata sopra un seggiolino montato su un sedile della macchina e con ogni probabilità è morta in seguito alla temperatura elevata provocata dal sole che ha battuto per ore sopra la vettura. Quando i soccorritori l'hanno estratta dall'abitacolo della macchina, la piccola era già deceduta.