Visualizzazione post con etichetta PUGLIA. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta PUGLIA. Mostra tutti i post

Dl sicurezza, Salvini a Lecce: "Conto sia approvato domani in Cdm"


LECCE - Il ministro degli Interni e leader della Lega, Matteo Salvini, durante un comizio elettorale a Lecce: "Domani conto di approvare il decreto sicurezza in consiglio dei ministri". (fonte FB: Matteo Salvini)

Terremoto in Puglia: a Trani crolla timpano chiesa

(credits: Calvaresi)
TRANI - Momenti di paura questa mattina nella Bat per il terremoto magnitudo 3.7 della Scala Richter distintamente avvertito anche a Bari con scuole e tribunali evacuati. A Trani in particolare ci sono stati dei danni al timpano della chiesa di San Domenico, vicino alla villa comunale, una parte è crollata, fortunatamente senza causare conseguenze alle persone. Danneggiati anche i piloni in piazza del Plebiscito.

Pensionato ucciso a Manduria: indagati altri 4 minori


TARANTO - Svolta nel caso dell'omicidio di Andrea Stano, il pensionato 66enne morto il 23 aprile scorso a Manduria, dopo 18 giorni di ricovero e due interventi chirurgici causati dalle angherie di una baby gang. 

Altri quattro minorenni sono indagati per le torture inflitte in più occasioni all'anziano. Tre dei quattro nuovi indagati, di età compresa tra i 15 e 17 anni, sono stati invitati a presentarsi per l'interrogatorio il 22 maggio prossimo dinanzi al procuratore per i minorenni Antonella Montanaro. 

Salgono così a 18 gli indagati. I quattro ragazzi sarebbero stati identificati attraverso l'analisi dei video dei pestaggi e dalle rivelazioni di altri minori coinvolti. L'accusa è di concorso in tortura con l'aggravante della crudeltà.

Di Maio in visita a carabiniere ferito


SAN GIOVANNI ROTONDO (FG) - Visita del vicepremier Luigi Di Maio al cc ferito a Cagnano Varano. "Lui è Pasquale Casertano, il carabiniere che lo scorso aprile è stato vittima di un vile agguato insieme al maresciallo Vincenzo Di Gennaro. Purtroppo, come tutti sapete, Vincenzo non ce l'ha fatta e a lui deve andare il nostro ricordo e la nostra gratitudine. Ma Pasquale, grazie al cielo, sta bene ed è pronto a ripartire più determinato che mai. Questo è lo spirito dei nostri Carabinieri e noi dobbiamo supportarli e sostenerli ogni giorno. Chi tocca un Carabiniere, tocca lo Stato!".
A scriverlo su un post su Fb Di Maio pubblicando una foto nella stanza dell'ospedale Casa Sollievo della Sofferenza insieme con il giovane carabiniere sorridente. Casertano, che è ancora ricoverato nella struttura sanitaria di San Giovanni Rotondo, fu ferito il 13 aprile scorso nell'agguato in cui perse la vita il maresciallo Di Gennaro.

Abusò di dieci minori, vent'anni ad ex sacerdote


BARI - Arriva la condanna a 20 anni di reclusione, quattro dei quali già trascorsi in carcere, per l'ex sacerdote 57enne foggiano condannato per violenza sessuale aggravata, produzione e diffusione di materiale pedopornografico e adescamento di minori, reati compiuti nel 2014 ai danni di 10 minorenni di età compresa, all'epoca dei presunti abusi, fra gli 11 e i 13 anni. 

La Corte di Appello di Bari ha confermato la responsabilità dell'uomo che era stato condannato in primo grado a 18 anni di reclusione dal Tribunale di Foggia per abusi su nove bambini, aumentando la pena a 20 anni di reclusione e 150 mila euro di multa perché è stato riconosciuto il vincolo della continuazione con una precedente condanna definitiva a 6 anni inflitta dal gup di Bari con il rito abbreviato per abusi su un altro 11enne.

Taranto, domestico abusa di una bimba: in manette


TARANTO - Brutta storia di violenze sui minori a Taranto, dove un cingalese 54enne avrebbe abusato, in più occasioni, di una bambina di 10 anni. L'uomo, domestico presso la famiglia della bimba, è stato arrestato dagli agenti della Squadra mobile di Taranto con l'accusa di violenza sessuale su minore. 

Le indagini, sfociate nell'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale ionico, sono partite nell'ottobre dello scorso anno dopo la denuncia della mamma della bambina che aveva raccolto le confidenze della figlia sugli abusi subiti dall'uomo che godeva della massima fiducia della famiglia.

Bari, corteo storico San Nicola: tutti gli spettacoli


BARI - Il Corteo Storico è uno spettacolo del Comune di Bari organizzato da Doc Servizi - Bari, con Direzione artistica di Elisa Barucchieri, e realizzato grazie a una fondamentale rete di apporti:

A sancire la crescita del Corteo, quest’anno anche l’impegno dell’Ente regionale pugliese nell’ambito del Patto per la Puglia - FSC 2014/2020 e delle specifiche attività finalizzate alla valorizzazione degli attrattori culturali e dei tratti identitari del territorio.

Corteo Storico - “Il Fuoco Sacro di San Nicola” - Inizio h. 20.30

NB: Alcuni numeri spettacolari, in caso di condizioni meteo avverse, potrebbero non andare in scena o andarlo in maniera ridotta. Ma si confida in San Nicola.

- La cornice scenica prende il nome di “I Drappi dal Mondo”. San Nicola è il santo con più patronati al mondo. È patrono della Russia, di New York e Amsterdam, della Loira, di città in Portogallo e Cile, in tutto l’arco alpino; in Messico è patrono dei contadini, in Argentina prende il nome di San Nicola dei Ruscelli. E’ in tutta la Scandinavia, in Indonesia, in Iran, in tutto il mondo ortodosso. In suo nome in Albania e Palestina - dove anche ebrei e musulmani si uniscono nel celebrarlo - si firmano tregue durature tra fazioni belligeranti. 
A simboleggiare ciò - in collaborazione con il Corpo Consolare di Puglia, Basilicata e Molise, in particolare con i Consolati di Francia, Cile e Olanda - su corso V. Emanuele scenicamente il corteo è incorniciato ai suoi lati dal susseguirsi di una quindicina di drappi colorati sospesi: stendardi dei Paesi di fede Nicolaiana (realizzati dai writers pugliesi Domingo Bombini e Giuseppe d’Asta, col supporto di Giovanni D’Angelo).
Alcuni drappi saranno man mano sollevati al passaggio della barca d’apertura; tutti i drappi si compatteranno in coda al passaggio finale della Caravella.

INFO DI SERVIZIO: In caso di forte vento i drappi potranno alzarsi solo in parte, ma saranno comunque ben visibili.

- In alto, l’intero Corteo sarà accompagnato da una Eliosfera itinerante con la danzatrice aerea Teri Demma (intervento a cura della Compagnia Namastè).

INFO DI SERVIZIO: Tre quadri (n. 1- Oste cattivo / n. 4 -Bambino in acqua bollente / n. 6 - L’olio maledetto, fuoco a mare, citati in seguito in scaletta, e ognuno con in scena un San Nicola) faranno 4 brevi stop-show (circa 3 min. ciascuno) lungo Corso V. Emanuele, durante i quali si fermerà l’intero Corteo.

1 – Apertura: La Barca del Fuoco Sacro di San Nicola
Subito una grande, spettacolare novità: una barca illuminata - si alzerà in volo in piazza Libertà - che omaggia il tema di quest’anno, “Il Fuoco Sacro di San Nicola”. E’ una macchina scenica alta 8 metri, lunga 9 e larga, a “onde” spiegate, altri 9 metri.
L’ha realizzata il maestro cartapestaio Deni Bianco (pluripremiato per i suoi carri mascherati del carnevale di Putignano): una collaborazione ormai consolidata negli ultimi anni. Sue anche le altre macchine scenografiche del Corteo.

2- PRIMO QUADRO (con stop-show) / La leggenda dell’oste cattivo
Il legame tra San Nicola e i bambini è secolare e profondo. La leggenda racconta che Nicola resuscitò tre bambini, uccisi da un oste che usava la loro carne come prelibata specialità della sua cucina. L’intervento del Santo spinse l'oste alla conversione.
Gli abusi degli adulti sui più piccoli sono un male gigante. San Nicola difende la loro vita e la loro giovinezza e restituisce agli adulti un senso di responsabilità profondo nei confronti dei più piccoli.
In scena un carro con tavolata e panche, attorno a cui un grande oste-trampoliere (l’artista Niky Gianky: una donna, perché spesso i ruoli scenici sono volutamente ribaltati al femminile) insegue tre piccoli bambini al ritmo scandito dai timpanisti Nicolaus. I bambini e i commensali sono tutti atleti di parkour - in gergo tecnico “traceurs”, tracciatori - dell’Accademia Rhizai, con l’aggiunta dell’atleta Dario Bolzano - disciplina acrobatica urbana che per la prima volta è in scena al Corteo. Interagisce con l’azione scenica un primo San Nicola.

3- Clero, nobili e armigeri
Sono categorie storiche di figuranti, le prime due interpretate da I Figuranti San Nicola, la terza della compagnie d’armi Stratos e Historia.

4- SECONDO QUADRO: San Nicola nel Mondo
Nicola è il Santo di tutto e tutti. Il vescovo di Myra si fa portatore di un messaggio di accoglienza e integrazione che coinvolge tutto il mondo, senza distinzione di razza, sesso, e nemmeno di religione. Bari, quindi, diventa il centro ecumenico di un reticolato mondiale di fede e devozione. La città accoglie tutto il popolo Nicolaiano in un unico abbraccio: dal Messico alla Russia, i fedeli si uniscono in un coro di preghiere e invocazioni gioiose in tutte le lingue.
Una sfera luminosa con scritte, preghiere e pensieri in più lingue, è accompagnata da delegazioni internazionali del culto Nicolaiano, fra costumi, canti e tradizioni.

5- TERZO QUADRO: Se io fossi San Nicola
I bambini sono la testimonianza viva del fuoco sacro di San Nicola. Che affida loro il messaggio attivo di cambiamento rendendoli i promotori della creazione di un domani migliore. La testimonianza del Santo punta a una presa di consapevolezza su cosa noi dobbiamo fare per ripagare il debito di gratitudine nei suoi confronti, attivamente, ogni giorno.
Nei giorni scorsi in laboratori tenuti da Elisa Barucchieri e il suo staff nelle scuole baresi Verga, Don Bosco e Marconi, è stato chiesto ai piccoli alunni: “Cosa faresti se fossi San Nicola, oggi?” Loro hanno risposto.
I pensieri dei ragazzi diventano in corteo messaggi che a bordo di barchette colorate, piccole moderne caravelle, simbolicamente riportano la testimonianza viva di San Nicola a Bari, e oltre.
A corredo, quattro striscioni a tema realizzati dagli stessi alunni e dai loro genitori, con la supervisione del writer Domingo Bombini.

6- Popolani
Il popolo: la radice del messaggio Nicolaiano. A interpretarli, sempre I Figuranti di San Nicola.

7- QUARTO QUADRO (con stop-show): Il bambino nell’acqua bollente
La leggenda racconta che Nicola salvò un bimbo da un pentolone di acqua ormai bollente dove la mamma per distrazione l’aveva dimenticato lavandolo: infatti, ascoltando le campane suonare a festa perché Nicola era diventato Vescovo, per la gioia era accorsa in chiesa dimenticando ciò che stava facendo. Ritrovò il figlio giocare immerso nell’acqua bollente, intatto.
Nicola insegna la pietas umana: gli errori compiuti in buona fede fanno parte del nostro percorso, l’importante è prendere consapevolezza e farne esperienza.
Un grande calderone con all’interno una bambina – altro ruolo scenico volutamente ribaltato  al femminile - avanza in corteo. Negli stop-show, la sua mamma raggiunge il popolo, fino all’interazione con la benedizione del Vescovo Nicola. Il tutto tra movimenti di danzatrici, sia in body painting (dell’Asd Dimensione Danza, di Capurso) a simboleggiare le fiamme distruttrici, sia con ventagli di fuoco salvifici (Selena Ciraci, Rukola e Yin).
Le musiche sono delle percussioni itineranti dell’associazione Bembè: un ritmo africano che si suona in occasione delle nascite, legato alla “rinascita” della bambina nel calderone.

8 - Cavalli e falchi
Come da tradizione, è il momento di cavalli e cavalieri, accompagnati – novità di quest’anno – da due falchi, con rispettivi falconieri: tutti forniti dall’associazione I Cavalieri del Mito, di Barletta. Durante gli stop-show, i cavalieri daranno vita a un carosello con i destrieri.

9 - QUINTO QUADRO: Il grano, focolare delle famiglie
San Nicola è legato al grano, da secoli. Il suo miracolo del grano è qui rivissuto in atto concreto: come ha salvato il suo popolo durante la carestia, così continua a nutrire i suoi devoti ancora adesso. Il grano, metafora di famiglia e accoglienza, di radici e condivisione, è simbolo universale. Il chicco si identifica con la radice più antica da cui nascono i legami familiari, seme di rispetto e amore, nutrimento per corpo e anima. E se le famiglie sono l’alveo dove i bambini devono essere accolti e protetti, istintivi rifugi da ingiustizie e abusi, il grano Nicolaiano si allarga ad abbracciare qualunque concetto di famiglia, e anche chi l’ha persa.
I chicchi di grano e la loro lavorazione sono ancora come li ha visti San Nicola, oggi come secoli addietro. E chicchi di antichi grani locali, con paste e farine derivate (forniti dal pastificio “La Pasta di Flò” in collaborazione con l’Istituto Scientifico Nutrisal), saranno trasportati su un tradizionale carretto e simbolicamente distribuiti al pubblico. Attorno, in costume, la presenza fortemente simbolica di minori migranti non accompagnati, famiglie migranti e ragazzi ospiti delle strutture dell’assessorato comunale al Welfare e di ragazze accolte dalla Casa delle Donne.
Ad accompagnare il quadro, 3 muse con “gonne viventi” (animate da danzatrici), simbolo di prosperità.

10 – Altri popolani
In questo gruppo, oltre ai Figuranti della Pro Loco di Santo Spirito, anche i partecipanti al tradizionale casting pubblico organizzato nei giorni scorsi, momento che sancisce il legame partecipativo tra l’evento e i cittadini baresi.

11 - SESTO QUADRO (con stop-show): L’olio maledetto, fuoco a mare
San Nicola ci dimostra che l’illuminazione è conoscenza, il fuoco da elemento distruttivo diventa salvifico per le anime dei pellegrini.
La leggenda racconta che il Santo salvò dal mare in tempesta pellegrini che si stavano recando verso la sua tomba. I marinai trasportavano a bordo anche un’ampolla di olio prezioso affidata loro da una vecchina: in realtà un travestimento del Diavolo, al fine di portare disgrazie. San Nicola apparve e ordinò di buttare l’ampolla nel mare, che bruciò e placò le sue onde.
Il fuoco simboleggia quindi la rinascita, la liberazione dai veleni del male, la possibilità di riscattarsi e di portare la luce del Santo in tutto il mondo.
Al potente ritmo scandito dalle bandiere e dai timpani della Militia Sancti Nicolai - i difensori della sopraggiungente Caravella – potenti giochi di fuoco: un marinaio sarà circondato da un cerchio di fiamme, con 3 sputafuoco (Yang, Fakiro e Domenico Pizzutilo)  e interazione tra  capoeiristi (del gruppo Sementa do Jogo de Angola) e ginnaste dell’Asd Ginnastica Ritmica Iris di Giovinazzo (militante in serie A1). La lotta tra il bene e il male è invece impersonata da San Nicola e un alto minotauro, travestito da vecchina - altro ribaltamento scenico dei ruoli, stavolta al maschile: è interpretato da Giuseppe Dely De Marzo. 

12-  SETTIMO E ULTIMO QUADRO: La Caravella nel mondo
La Caravella è il simbolo del culto di San Nicola. È il veicolo di scoperta che porta verso la luce e unisce Bari al mondo Nicolaiano. Il Santo invita a illuminare i cuori col suo monito di non commemorare le sue ceneri, ma di portare nel mondo i suoi insegnamenti. Ai fedeli il compito di custodire questa luce per illuminare il futuro della Terra.
Al seguito della Caravella, su cui svetta il quadro del Santo, i colorati drappi del mondo congiuntisi in coda al passaggio del corteo.

13 – Autorità
A guidare la chiusura del Corteo, il Sindaco di Bari Antonio Decaro, oltre a varie autorità. Con lui, a simboleggiare l’abbraccio di tutte le città nicolaiane nel mondo, anche il Sindaco di Saint-Nicolas-de-Port, Luc Binsinger: un piccolo comune dell’Est della Francia (7mila abitanti), che custodisce uno dei massimi capolavori dell'architettura gotica: una Basilica nicolaiana, eretta fra il 1481 e il 1545 per custodire una preziosa reliquia di San Nicola di Bari.
Tra le autorità, anche il Sindaco di Vasto, Francesco Menna: tra le città di Bari e Vasto stamattina in Comune è stato siglato un gemellaggio all’insegna di San Nicola; l’area abruzzese è profondamente devota al Santo, come testimoniano i tanti pullman di pellegrini in questi giorni arrivati in città.

Quando la Caravella arriva davanti alla sede del Comune, cuore della città moderna, in un simbolico abbraccio italo-russo si congiungeranno alle autorità il Monaco di Rostov (il primo pellegrino) affiancato dal sindaco della Citta delle Stelle, Evgeny Barishevsky.
La Città delle Stelle (Zvezdny Gorodok in russo) è un particole agglomerato a 30 km da Mosca, imperniato sul suo Centro di ricerca spaziale: in pratica, qui dagli Anni 60 - quando il centro era chiuso, isolato dal mondo - si sono formati tutti gli astronauti sovietici. La Città è dal 2010 gemellata con Bari: all’epoca i Padri domenicani della Basilica di San Nicola consegnarono al comandante Lonchakov – astronauta eroe nazionale in patria - una particella lignea della cassa usata dai marinai baresi per il trasporto delle ossa da Myra. La reliquia è stata nello spazio con il Volo “Sojuz TMA-19”. Una metà di questa particella lignea è attualmente venerata nella Cappella della Trasfigurazione nella “Città delle Stelle”, mentre l’altra metà è esposta nella Cappella delle reliquie della Basilica di San Nicola.

I 3 SPETTACOLI

Comune ai tre spettacoli, un “regalo” artistico dell’ultimo momento: ad arricchire il programma previsto, sarà diffusa in audio una “Preghiera della Donna” rivolta a San Nicola, scritta per il Corteo dall'attore Francesco Carrassi e interpretata in voce da Elena Sofia Ricci (fresca vincitrice del David di Donatello come migliore attrice protagonista), sorella di Elisa Barucchieri. L’attrice, venuta a sorpresa ieri a Bari per un abbraccio benaugurale a Elisa, segue il Corteo da Palazzo di Città.

TEATRO MARGHERITA (PIAZZA IV NOVEMBRE), dalle ore 20.30
PROLOGO - Nelle vicinanze del Teatro Margherita, a corteo partito – e in attesa del passaggio finale della Caravella – tra esibizioni di danzatori aerei (ResExtensa) e giovani danzatrici a terra (scuola di danza Il Cigno, di Bitritto), la voce narrante dell’attore Elio Colasanto (regista di questo segmento con supervisione di Elisa Barucchieri) rievocherà dal vivo 3 miracoli del Santo, calandoli nelle tragedie contemporanee:
1) i Pellegrini salvati dalla tempesta dal Vescovo di Myra, apparso sulla barca in veste di marinaio; 2) la Dote, con le tre saccocce piene di monete d’oro - le iconiche palle del Santo - che ricevettero altrettante fanciulle altrimenti destinate alla prostituzione; 3) il miracolo del Grano, in cui l’equipaggio di un bastimento fu convinto dal Santo, in uno scalo a Myra, a donare parte del carico al popolo affamato, ritrovando poi le stive di nuovo colme approdando a Costantinopoli.

L’arrivo della Caravella – verso le 22 circa - culminerà in uno speciale saluto spettacolare (dur. circa 5 min.: Ndr: potrebbe esserci contemporaneità con spettacolo in P.zza Libertà) che, sullo sfondo di proiezioni architetturali con giochi di luci (di Pino Loconsole - “Luci di Scena”), vede protagoniste una rete aerea di bambini – giovani atleti della Scuola di Roccia K2 Indoor e di Adrelin Zone - sospesa nell’aria, da cui un bambino (il piccolo barese Claudio Scardigno) si calerà con una fune sulla Caravella, e una danzatrice giunta dal mare sospesa da un grande grappolo di palloncini (a cura della compagnia Molecole Show, in collaborazione con ResExtensa).

PALAZZO DI CITTA’ (PIAZZA LIBERTÀ), ore 22.00 circa (comunque ad arrivo Caravella – dur. circa 30 min)
Qui nell’attesa dello spettacolo, per tutta la durata del Corteo la voce narrante dell’attore Francesco Ocelli - ieri interprete di Niceforo nei racconti della rievocazione – racconterà in terzine i vari quadri scenici.
San Nicola è portatore di luce nel mondo, faro di speranza da Nord a Sud, da Est a Ovest.
Renderà omaggio all’arrivo della Caravella uno spettacolo sull’intero isolato di Palazzo di Città, ormai tradizionale saluto. Ad aprirlo, il volo di una grande macchina scenica con le tre sfere iconiche del Santo – a cui sono agganciate altrettante danzatrici aeree – che si calerà sulla Caravella. Sulla macchina scenica è ancorato un San Nicola (l’insegnante di arrampicata Graziano Montel). Dalla sfera centrale si srotola sulla Caravella un tessuto che aggancerà per la sua performance un danzatore aereo, accompagnato dalle evoluzioni di due “gocce” laterali. 
Quindi la più grande videoscenografia mai realizzata a Bari (curata dallo Studio Leandro Summo di Doc Creativity) legata agli elementi della natura, che coinvolgerà anche il volo dell’Eliosfera itinerante.
A seguire, ad accompagnare il volo delle tre sfere, la grande novità dello sway pole della compagnia Elementz (l’unica compagnia di sway pole in Italia, per la prima volta in Puglia; tra i performer anche la danzatrice Annalisa Loiodice, di origini baresi) con 6 performer che fluttuano su alti pali flessibili.
Tutti gli elementi scenici si fonderanno in un gran finale.

BASILICA DI SAN NICOLA, ore 23.00 circa (durata circa 45 min)
Il sagrato della Basilica è il palcoscenico dove prende vita la notte sacra e dove confluiscono tutte le testimonianze celebrate in Corteo. La drammaturgia dei miracoli di San Nicola apre uno spiraglio tra il mondo reale e il mondo sacro.
Lo spettacolo finale è dedicato ai temi centrali: i bambini, speranza per il futuro, e il fuoco sacro.

In avvio, la barca d’apertura corteo si posiziona al centro del sagrato, raggiunta da due bambine, che rimarranno parte integrante di tutta la scena. Una terza bambina accompagnerà la cantante rumena Paula Mitrache, in arte Haiducii, che intonerà il Padre Nostro in aramaico suonando un’antica toaca (strumento cristiano nato prima delle campane) in omaggio anche al rogo di Notre Dame. Sulle loro teste la danzatrice aerea Germana Raimondo volerà da un grappolo di palloncini (Molecole Show).
Dopo la sfilata dei vari figuranti - accompagnata dalla citata Preghiera della Donna recitata in voce da Elena Sofia Ricci e scritta dall’attore Francesco Carrassi – spazio ai citati tre quadri-show per il pubblico del sagrato, accompagnati rispettivamente dai potenti e spettacolari ritmi di Nicolaus, Bembè e Militia (nell’occasione sia Nicolaus sia Militia faranno anche una propria, spettacolare, esibizione).

Quindi, nel sottofinale, parte il suggestivo video mapping interattivo (curato sempre dallo Studio Leandro Summo di Doc Creativity) giocato sulla luce del fuoco, al crescere delle musiche originali (curate, qui come per tutta la serata, dal giovane compositore barese Roberto Capone).
Col video interagiranno i bambini e le barchette del quadro “Se io fossi San Nicola”.
Epicentro sono le due bimbe, simbolo delle nuove generazioni, che diventano le testimoni della magia di San Nicola: le loro voci sono quelle delle nipoti del grande Nino Manfredi, le gemelline Margherita e Matilde Manfredi, giovani attrici nella fiction Rai Che Dio ci aiuti. Il Santo (interpretato dall’attore Francesco Carrassi, testo di Elisa Barucchieri) le esorta a recepire l’insegnamento di pace e accoglienza e a portarlo nel mondo per creare un futuro migliore. Le bimbe si impegneranno a custodire e ravvivare ogni giorno il fuoco sacro di San Nicola. Sul finire del videomapping, gran finale all’insegna del fuoco.
Tutto il fuoco in scena è una dedica speciale dell’organizzazione a Mimmo Bellomo, fondatore di Nouvelle Esthétique Académie – nelle ultime edizioni prezioso partner del Corteo per trucco e parrucco - scomparso di recente.

Ultimo e tradizionale atto, l’entrata del quadro in Basilica, accompagnato dal suono delle campane e dalla festa di tutti i musicisti.  E la Basilica Nicolaiana si fa centro propulsore di Luce per tutta l’umanità.

14enne sbatte contro porta di calcio: è grave


di PIERO CHIMENTI - Doveva essere una giornata di sport presso il Palasport di Barletta per la manifestazione Kata e Kumite, che doveva attrarre circa 200 karateki di età compresa tra i 12 e 15 anni da tutta la Puglia, invece si è tramutata in tragedia per un 14enne karateka che, durante la fase di allestimento dell'impianto sportivo, ha riportato un trauma cranico e schiacciamento dello zigomo e dell'arcata sopraccigliare dopo essere andato a sbattere contro una porta di calcio. Sul posto è intervenuta la polizia municipale, per ricostruire la dinamica dell'incidente, mentre la Procura di Trani ha provveduto al sequestro del Palasport e il conseguente annullamento della manifestazione sportiva.

Pensionato uccise disse alla polizia: "Vittima di una banda"


TARANTO - Il 14 marzo 2019 Antonio Stano, il pensionato 66enne morto il 23 aprile e vittima delle angherie di una banda di bulli a Manduria, nel Tarantino, fu raggiunto a casa da una pattuglia di polizia alla quale riferì di essere vittima delle angherie della gang criminale. 

"Alle ore 22.43 circa - rivela l'ANSA che riporta gli atti - personale dipendente (del commissariato di polizia di Manduria, ndr), nell'ambito della consueta attività di prevenzione e controllo del territorio, su disposizione della locale sala operativa, si portava in questa via San Gregorio Magno numero 8", dove viveva il 66enne e dove i bulli passavano il tempo a pestarlo.

"Gli operanti sul posto - prosegue la relazione inviata alle Procure ordinaria e minorile - venivano avvicinati da Antonio Cosimo Stano, un uomo anziano che vive da solo, il quale riferiva loro di essere, già da diversi giorni, costantemente oggetto di vessazioni, angherie, percosse ed aggressioni ad opera di alcuni giovani ignoti". In carcere per i pestaggi sei minorenni e due maggiorenni.

Ilva: Lezzi, "Per Taranto riconversione ampia, Dl Crescita aperto a contributi"


ROMA - A Taranto la scorsa settimana “dalla maggior parte delle associazioni abbiamo ricevuto richieste puntuali e responsabili ed è bene che ce le abbiano rivolte. Dal momento che c'è questo articolo nel Decreto crescita in cui si parla di ex-Ilva, abbiamo già anche detto che siamo aperti anche ad ulteriori emendamenti che possano migliorare la situazione per Taranto”.
Lo ha affermato questa mattina il ministro per il Sud Barbara Lezzi intervenendo a Radio Capital.

Sul tavolo che ha visto l'incontro con le parti sociali “rivendico il fatto che cinque ministri hanno ascoltato tutte le associazioni in campo, perché noi a Taranto ci mettiamo la faccia. Abbiamo ricevuto delle proposte non solo delle critiche. Il credito che vanta questa città lo è non soltanto nei confronti del MoVimento 5 stelle, ma verso l'intera nazione che fino adesso l'ha abbandonata. Per riconquistare credito dobbiamo andare oltre e guardare a fine legislatura, non mi interessa il consenso a breve termine, Taranto ha bisogno di cura e attenzione ed è necessario tempo”.

“Non escludiamo che si possa riaprire l'Aia e, ripeto, potremmo anche occuparci di Ex-Ilva nel decreto crescita. Con l'abolizione dell'immunità, tra l'altro, non avendo più alcuno scudo, sarà anche interesse degli amministratori quello di attuare nuove prescrizioni. Mettersi in regola e non arrecare danni alla città di Taranto: questo significa cominciare la riconversione. Per noi si tratta di un piano vasto di riconversione economica che riguarda tutta la città. Siamo andati lì anche per parlare di questo, sia con le associazioni che con le parti sociali, sindacali, Confindustria, il sindaco, la Regione”. 

“Dopo la nostra visita a Taranto, ci sono state altre emissioni di fumo dubbie dall'ex-Ilva, così il ministro dell'Ambiente Costa ha ricontattato Ispra e non esclude il fatto che si possa anche riaprire l'AIA, cioè l'Autorizzazione Integrata Ambientale. Proprio perché quello che è stato fatto, e quello che si sta facendo, potrebbe non essere sufficiente, noi proveremo a migliorare ulteriormente l'addendum ambientale”.

Manduria, il branco lo segrega e picchia più volte: morto 66enne


TARANTO - Arancia Meccanica nel Tarantino, dove un 66enne di Manduria, Antonio Stano, è morto dopo due interventi chirurgici causati dalle violenze del branco che lo ha più volte assalito in casa. L'uomo è deceduto martedì scorso a distanza di 18 giorni dal suo ricovero nell'ospedale cittadino. Indagini nei confronti di 12 minorenni e due maggiorenni, per i reati di omicidio preterintenzionale, stalking, lesioni personali, rapina, violazione di domicilio e danneggiamento.

Il gruppo di teppisti, secondo gli inquirenti, durante gli assalti si sarebbero ripresi con i telefonini mentre sottoponevano la vittima a violenze con calci, pugni e persino bastoni, per poi diffondere i video nelle chat di Whatsapp. I poliziotti del Commissariato, raccogliendo una segnalazione dei vicini di casa, erano intervenuti il 6 aprile scorso nell'appartamento dell'uomo trovandolo su una sedia, in uno stato psico-fisico precario, e in condizioni di assoluto degrado. Il 66enne soffriva di un disagio psichico e aveva paura di uscire dal suo appartamento.

I bulli lo chiamavano "il pazzo del Villaggio del fanciullo", dal nome dell'oratorio annesso alla chiesa di San Giovanni Bosco che si trova davanti alla sua abitazione. Quanto successo, commenta il vicepremier Luigi Di Maio, "è inaccettabile, un fatto vergognoso che non può passare in secondo piano. Una cosa è certa: questi soggetti la pagheranno". E il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, invoca, "se confermati colpevoli, pene esemplari per tutti, anche per i minorenni, che devono essere trattati e puniti come tutti gli altri".

Stano, secondo alcuni vicini di casa, era diventata bersaglio dei bulli sin dal 2012. 

Minacciano carabinieri sul posto di blocco


di PIERO CHIMENTI - In un normale posto di blocco i carabinieri di Latiano Riva, in provincia di Brindisi, hanno fermato un ragazzo di 22 anni a cui era stata ritirata la patente da 5 mesi. La situazione, già tesa, è stata ulteriormente surriscaldata dal fratello più piccolo del giovane, che ha inveito contro i carabinieri minacciando di morte un militare.

In questa assurda commedia è intervenuta anche la mamma dei giovani, anche lei schieratasi contro i carabinieri, asserendo che avrebbero "fatto bene ad uccidere il carabiniere di Foggia". I due giovani sono stati arrestati mentre la mamma è ancora a piede libero. Tutti e tre comunque dovranno rispondere in tribunale del loro comportamento.

Boss ferito sul Gargano è morto


VIESTE (FG) - Si torna a sparare sul Gargano. Il pregiudicato Girolamo Perna di 29 anni, ritenuto dagli inquirenti al vertice dell'omonimo clan operativo su Vieste è stato ferito nella notte da alcuni colpi d'arma da fuoco nel centro garganico. L'uomo è morto all'ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo dove era stato ricoverato. Ad intervenire sul posto i carabinieri del reparto operativo e una unità del 118. L'uomo è stato ferito nelle vicinanze della sua abitazione.

Pasqua fatale per 27enne

di PIERO CHIMENTI - Quello che doveva essere un pranzo sereno in famiglia si è trasformato in tragedia per un 27enne di Monopoli. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, il giovane era a casa dallo zio insieme ai familiari per festeggiare la Pasqua, quando un boccone di carne andato di traverso non gli ha lasciato scampo, ostruendogli le vie respiratorie e provocandogli la morte, che neanche la tracheotomia effettuata sul posto dal 118 è riuscito ad evitarla.

Spezza denti a moglie: arrestato 34enne a Barletta

BARLETTA (BT) - Nuove scene di violenza sulle donne dalla Puglia. Con l'accusa di maltrattamenti in famiglia gli agenti hanno tratto in arresto a Barletta un cittadino albanese 34enne, irregolare sul territorio nazionale. L'accusa nei suoi riguardi è di maltrattamenti in famiglia. 

Gli agenti, che hanno eseguito un' ordinanza di custodia in carcere, hanno accertato che l'uomo maltrattava la moglie, 26enne albanese, con continue aggressioni fisiche e verbali, costringendola ad ubbidire a suo comando, picchiandola.

In scena una vera e propria escalation di violenza: una volta l'ha colpita con un pezzo di legno in faccia, spezzandole due denti e in un'altra, quando la donna, dopo i continui soprusi aveva trovato il coraggio di dirgli che voleva divorziare, le legò mani e piedi, e dopo averle infilato un calzino in bocca per non farla gridare, la ferì al palmo di una mano con un coltello. 

La 26enne, assistita dal personale del Centro Antiviolenza "Giulia e Rossella" di Barletta, ha denunciato il marito al Commissariato di Barletta. L'uomo si trova ora rinchiuso nel carcere di Trani.

Carabiniere ucciso, pm: "Killer scaricò intero caricatore"

FOGGIA - Il giorno dopo il dramma di Cagnano Varano si tentano di dare delle rispose a quello che è un crimine che rimarrà impresso nella memoria degli italiani per la sua efferatezza. Secondo il procuratore di Foggia sarebbero infatti "totalmente privi di motivazioni" l'omicidio del maresciallo Vincenzo Di Gennaro e il ferimento del suo collega Pasquale Casertano.

L'assassino, il pregiudicato Giuseppe Papantuono, "nei giorni scorsi aveva subito due controlli: nel primo fu trovato in possesso di alcune dosi di cocaina; alcuni giorni dopo fu fermato per possesso di un coltello. Fu condotto in caserma per il sequestro e rilasciato. In maniera generica aveva detto: 'Ve la farò pagare'", ha aggiunto il procuratore di Foggia Ludovico Vaccaro.

Papantuono "era in strada e ha chiamato i carabinieri. Non appena il militare ha abbassato il finestrino, l'uomo ha sparato. Si è fermato solo quando il caricatore era vuoto. Voleva impossessarsi anche delle pistole dei militari. Poi si è aggrappato allo sportello dell'auto dei militari ed è rimasto aggrappato fino a quando l'auto non ha svoltato a sinistra. A quel punto è caduto", ha concluso Vaccaro durante la conferenza stampa.

Cagnano Varano, colpi in piazza contro carabiniere: è morto

CAGNANO VARANO (FG) - La criminalità colpisce ancora nel Foggiano. Un maresciallo dei carabinieri in servizio presso la stazione di Cagnano Varano, paese del Parco Nazionale del Gargano, è rimasto ucciso durante un conflitto a fuoco avvenuto poco fa nella piazza principale del paese.

Il carabiniere era in auto al momento dell'agguato. Sul posto, una ambulanza del 118, i cui sanitari hanno stabilizzato il ferito e provveduto a trasportarlo in ospedale, dove è deceduto poco dopo. Sull’accaduto stanno indagando i carabinieri del Comando provinciale di Foggia. Fermato un uomo fortemente indiziato dell'omicidio. Ora è in caserma e i militari lo stanno interrogando.

Di Maio preme per la punibilità dei vertici Ilva

di PIERO CHIMENTI - Il vicepremier Luigi Di Maio ha anticipato davanti le telecamere de il Fatto Quotidiano che il Consiglio dei Ministri è al lavoro per riscrivere una norma sulla punibilità penale dei vertici Ilva, cancellata nel decreto crescita. Il leader pentastellato, pur non indicando i tempi in cui il decreto verrà discusso dalle Camere, ha fatto intendere che il provvedimento ha una certa urgenza.

Sesso e soldi per superamento esami, docente a rischio processo

BARI - E' stato chiesto il rinvio a giudizio per i reati di concussione, tentata concussione, violenza sessuale aggravata e tentata violenza sessuale nei confronti di due studentesse per un docente di 46 anni titolare di cattedra nel dipartimento di Giurisprudenza all'Università di Bari. I fatti contestati risalgono agli anni 2011-2015. Il docente avrebbe chiesto, minacciando le presunte vittime, prestazioni sessuali e, ad una delle due, anche denaro per superare gli esami

Secondo le indagini dei pm l'uomo avrebbe costretto, secondo quanto sostiene la Procura, "in più occasioni", tra maggio 2014 e gennaio 2015, una studentessa 23enne a subire atti sessuali nel suo studio professionale privato e poi, dopo averle chiesto "espressamente di avere rapporti sessuali altrimenti non avrebbe di fatto potuto continuare gli studi" e, dopo il rifiuto della studentessa, si sarebbe fatto promettere la somma di 500 euro ad esame.

Rapina e molestie sull'Intercity Bologna-Bari

BARI - Scene di violenza sulle rotaie. Un 36enne è stato arrestato dai carabinieri per aver molestato una giovane studentessa di 26 anni, che è stata anche colpita al volto con calci e pugni e rapinata del borsello contenente 50 euro. Le violenze sono risalenti alla serata di ieri e sono avvenute su un vagone dell'Intercity Bologna-Bari, in prossimità di Molfetta: proprio a questa fermata l'uomo è fuggito dal convoglio. 

E' stata la donna, sola nel vagone, a dare l'allarme al 112 e a far scattare le ricerche. Il 36enne è stato identificato attraverso i filmati delle telecamere di sicurezza e catturato a Bitonto. Bloccato per circa trenta minuti per i rilievi il traffico ferroviario.