Visualizzazione post con etichetta PUGLIA. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta PUGLIA. Mostra tutti i post

Taranto, muore operaio di 28 anni. Sindacati proclamano sciopero

(ANSA)
TARANTO - Dramma nella ditta di carpenterie metalliche Ferplast dell'appalto Ilva di Taranto. L'operaio Angelo Fuggiano, di 28 anni, è deceduto in seguito a un incidente avvenuto nel reparto Ima, al quarto sporgente del porto di Taranto gestito dal Siderurgico.

Durante il cambio funi per la macchina scaricatrice DM 6, un cavo sarebbe saltato durante la fase di ancoraggio della parte finale travolgendo il lavoratore.

Del tutto inutili sono risultati i tentativi di rianimazione da parte degli operatori del 118. Ad intervenire sul posto anche vigili del fuoco, carabinieri, Guardia di finanza e ispettori del lavoro.

A seguito dell'incidente costato la vita al 28enne, le segreterie territoriale Fim, Fiom, Uilm e Usb di Taranto hanno proclamato lo sciopero dei dipendenti diretti e dell'appalto dalle 11 di oggi fino a tutto il primo turno di domani. L'azienda in una nota afferma che "sono in corso da parte dell'azienda tutte le indagini per poter risalire alle cause dell'evento". L'Ilva esprime "profondo cordoglio e vicinanza alla famiglia di Angelo Fuggiano e a tutti i suoi cari".

"Si è superato qualsiasi qualunque limite di sopportazione è una strage continua. La parola emergenza nazionale ormai è riduttiva rispetto a quanto sta avvenendo". Lo ha detto la segretaria generale della Cgil, Susanna Camusso, a margine dell'assemblea dei pensionati dello Spi Cgil. "C'è bisogno - ha concluso - che il Parlamento prenda la parola" su questo tema.

Centrella (Cisal Metalmeccanici): “Mobilitazione generale per sicurezza sul lavoro” - “Il doloroso ripetersi degli incidenti sul lavoro è diventato insostenibile. Riteniamo che una mobilitazione generale sui temi della prevenzione e della sicurezza nei luoghi di lavoro possa contribuire a sensibilizzare in maniera capillare tutti i cittadini, qualsiasi attività essi svolgano, e ad esigere una urgente e decisa azione delle istituzioni per porre fine a queste disgrazie”. Così il Coordinatore nazionale Cisal Metalmeccanici, Giovanni Centrella, dopo l’ennesimo incidente mortale, toccato questa volta ad un giovane lavoratore di una ditta in appalto all’Ilva di Taranto.

“Questo lutto – aggiunge il sindacalista – richiama ancor di più la necessità di giungere presto ad un accordo che permetta all’Ilva, oltre che di produrre a pieno regime nel rispetto della salute e dell’ambiente, anche di elevare i parametri di sicurezza sia per i dipendenti diretti sia per quelli delle imprese in appalto, nonché – conclude – di garantire adeguati dispositivi per la sicurezza personale ed una ottimale manutenzione degli impianti”.

Turco: “Ora basta! Non si può morire per il lavoro!” - “Non si può morire a 28 anni! Non si può morire di lavoro e per il lavoro. E è arrivato il momento di dire “basta!” con la politica dei fiumi di inchiostro e di parole. La classe politica, tutta, abbia un sussulto di indignazione. Perché Angelo, come gli altri martiri di questa infinita battaglia, sono figli nostri, sono figli della Puglia!”.
Così il consigliere regionale de La Puglia con Emiliano, Giuseppe Turco, commenta l’ultimo incidente mortale nello stabilimento Ilva di Taranto.

“Sulla sicurezza nei posti di lavoro – sottolinea Turco - occorre un serio programma di prevenzione e di misure ad alto impatto. Ma con fatti concreti, non con intenti e spot! Per questo mi auguro che il prossimo Governo, qualunque esso sia, ci dica chiaramente cosa intende realizzare non solo per l’Ilva ma per combattere la piaga delle morti sul lavoro. Perché non si può morire per portare il pane a casa. Non si può morire a soli 28 anni!”

A Bari il 'Condominio Day'

BARI - Si terrà a Bari, il prossimo 19 maggio, dalle 08.45 alle 18.00, presso l’Hotel Excelsior di Via Giulio Petroni 15, il CONDOMINIO DAY organizzato da ARCO, Amministratori e Revisori Contabili Condominiali.

Un’intera giornata dedicata alle tematiche di maggiore attualità che caratterizzano la quotidianità degli addetti ai lavori del comparto “condominio”.

L’evento è patrocinato sia dalla Regione Puglia che dal Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Bari. Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Bari riconoscerà ai partecipanti 4 crediti formativi ordinari.  Hanno concesso il loro patrocinio anche Confinternational, Aciform ed Asmef.

Ad inizio lavori si terrà una tavola rotonda con i rappresentanti di numerose associazioni: ALAC, ANAPI, HELP! CONDOMINIO, AIC, CONFABITARE, AP, FIGIAC, NACA, VALORE AGGIUNTO e la stessa ARCO.

Durante la giornata si terranno 14 relazioni a cura di esperti provenienti da tutta Italia: dalla gestione del tempo ai doveri di riscossione dell’amministratore, dalla gestione delle morosità agli animali in condominio, dalla revoca dell’amministratore al nuovo regolamento europeo sulla privacy (GDPR), dalla reputazione dell’amministratore ai bonus fiscali 2018, dai profili processuali alle ADR, dalle obbligazioni parziarie alla comunione ereditaria, per finire con la disciplina del condhotel e i criteri di tenuta della contabilità condominiale.

Durante la giornata sarà assegnato il Premio Condominio Italia 2018.

Per altre info e partecipazione: www.condominioday.it

Dramma a Gioia del Colle, sottufficiale ucciso da spazzatrice

di PIERO CHIMENTI - Un incidente mortale avvenuto nella base militare di Gioia del Colle ha visto come sfortunato protagonista un sottufficiale. Secondo le prime ricostruzioni, il militare era da poco sceso dalla spazzatrice parcheggiata in leggera pendenza, che forse per mancato inserimento del freno a mano lo ha travolto uccidendolo sul colpo. Il pm del Tribunale di Bari ha disposto il sequestro dell'area e del mezzo con cui è avvenuto la fatalità, non escludendo al momento che possa approfondire le indagini, richiedendo l'autopsia sul corpo dell'uomo.

Americana morta in Puglia, forse cause naturali

BARI - Sarebbe stato causato da cause naturali il decesso della donna americana di 65 anni, morta in una casa vacanze del quartiere Carbonara, a Bari. E' stato il marito della donna, trovata riversa per terra in camera da letto, a dare l'allarme un ambiente in ordine che non presenta segni di effrazione.

Quanto alle presunte ecchimosi sul corpo, non è escluso che possano essere state prodotte dalla caduta. Ma sono in corso i rilievi del medico legale e della Sis dei carabinieri. Sul posto è giunto il pm di turno Marco D'Agostino. La struttura è una casa-vacanze, in strada Giardinelli. Nella zona ci sono numerose villette.

Secondo quanto si è saputo, la donna era a Bari per un periodo di vacanza insieme con il marito. La struttura dove è stata trovata morta la turista americana, che aveva 65 anni, è una casa-vacanze, in strada Giardinelli. Nella zona ci sono numerose villette.

Sul posto sono presenti gli uomini della sezione investigazioni dei Carabinieri che stanno facendo rilievi all'interno della stanza dove è stato rinvenuto il cadavere. Il marito della donna si trova all'interno della villetta. 

Lecce, niente scuola a bambino perchè diabetico

di PIERO CHIMENTI - Un bambino di 9 anni di Galatina, provincia di Lecce, dopo una querelle durata circa un mese, è potuto a tornare in classe a seguire le lezioni. Il tutto ha avuto inizio lo scorso aprile, quando l'Istituto 1° Polo ha rifiutato il bimbo in quanto diabetico.

La vicenda fortunatamente ha avuto un lieto fine, con l'impegno della mamma di rimanere accanto al figlio per tutto il tempo per monitorarne i livelli di glicemia. La dirigente scolastica non accetta però le critiche dichiarando che la scuola avrebbe chiesto solo tempo perché non pronta a supportare tali emergenze.

Paura a Brindisi, atterraggio di emergenza: illesi i passeggeri

(ANSA)
BRINDISI - Momenti di paura ieri all'aeroporto di Brindisi a causa di un atterraggio di emergenza da parte di un 757 della compagnia Condor partito dalla Grecia e con destinazione Francoforte in difficoltà a causa di problemi di pressurizzazione. I 164 passeggeri e gli otto membri di equipaggio sono in salvo e illesi. Il personale dell'aeroporto di Brindisi è stato in costante contatto con il comandante e ha seguito le procedure dell'atterraggio di emergenza.

Il presidente della Regione Puglia ha appreso da Aeroporti di Puglia che ieri è stato effettuato un atterraggio di emergenza nello scalo di Brindisi di un B757 della Condor, in emergenza per problemi di pressurizzazione. L’aereo partito dalla Grecia con destinazione Francoforte aveva a bordo 164 passeggeri più 8 membri dell’equipaggio.

Il presidente Michele Emiliano dichiara: “Vorrei esprimere gratitudine e un plauso a tutti gli addetti dell’aeroporto di Brindisi e al personale di Aeroporti di Puglia oggi (ieri, ndr) impegnati in questa complessa operazione, che ha avuto esito positivo. C’è tanta professionalità e dedizione dietro questo lavoro, mi fa piacere sottolinearlo non solo per i risultati raggiunti nel quotidiano, ma anche in una situazione critica come quella odierna che è stata gestita davvero alla perfezione”.

Terrorismo: espulso marocchino a Foggia

di PIERO CHIMENTI - La Digos di Bari ha espulso un marocchino di 40 anni mentre all'aeroporto di Bologna si apprestava a lasciare il territorio italiano. L'uomo, irregolare, molto vicino ad Abdel Rahman, arrestato a Foggia per terrorismo internazionale, è accusato di aver collaborato col presidente dell'associazione culturale foggiana 'Al Dawa' nell'indottrinamento al martirio dei giovanissimi.

Lecce, aggressore ritorna dalla sua vittima

di PIERO CHIMENTI - Una dottoressa di 35 anni che appena due mesi fa aveva subito degli approcci poco graditi da un 43enne di Racale è ripiombata nel panico quando al citofono della Guardia medica di Taviano, in provincia di Lecce, ha riconosciuto la voce del suo aggressore, chiamando i vigilanti.

Agli uomini di sicurezza, l'uomo ha spiegato che aveva bisogno di una consulenza medica, prontamente esaudita dalla dottoressa, sotto la supervisione del vigilante.

Bari, uomo accoltellato dinanzi a scuola

(ANSA)
BARI - Escalation criminale nel capoluogo pugliese, dove un uomo di 45 anni, della provincia di Bari e senza fissa dimora, è stato soccorso dagli operatori del 118 dopo essere stato accoltellato da persone non ancora identificate davanti all'ingresso della scuola media Amedeo D'Aosta al quartiere Japigia. L'uomo è ferito e non sarebbe in pericolo di vita.

Secondo le prime ricostruzioni la cruenta aggressione sarebbe avvenuta tra le sette e le otto di questa mattina.

E' stato un passante che ha visto il corpo dell'uomo, colpito al torace e riverso per terra, a chiamare i soccorsi che sono prontamente intervenuti.

Molti dei ragazzi che già si trovavano a scuola hanno telefonato ai genitori allarmati e hanno chiesto di poter ritornare a casa. Un folto gruppo di genitori si trova tuttora nei pressi dell'ingresso della scuola.


Gallipoli, successo del giornalista Marino Bartoletti alla presentazione del suo libro


GALLIPOLI (LE) - Grandissimo successo in terra salentina del famosissimo giornalista Marino Bartoletti, che nella suggestiva location di Borgo Rossoterra, in Contrada Masseria Bianca, a Gallipoli (LE), nelle giornate del 25 e 26 aprile, ha presentato il suo libro: “BarToletti così ho sfidato Facebook”.

Un pomeriggio culturale che ha visto i tantissimi presenti, rimanere ammirati nell’ascoltare uno dei più stimati giornalisti e conduttori televisivi in Italia, che ha raccontato diversi aneddoti che hanno caratterizzato una carriera professionale lunga cinquant’anni. Un salto nel passato, a rimembrare ricordi sbiaditi col tempo, con quel pacato romanticismo proprio di chi ha da sempre considerato il proprio lavoro una passione. Al termine dell’evento, che ha visto anche la presenza di Idris Sanneh, amico storico di Bartoletti, c’è stato anche spazio per uno stimolante dibattito, in cui i presenti hanno posto diverse domande, riguardanti sia il programma “Quelli che il Calcio”, di cui Bartoletti è stato ideatore e conduttore, sia le esperienze che più hanno segnato il giornalista.

A chiudere la serata un delizioso aperitivo salentino, offerto da Borgo Rossoterra, un Resort immerso tra ulivi secolari, muretti e antiche masserie. Nel suo volume di 187 pagine, Bartoletti ha raccolto quelli che sono i suoi pensieri, affidati inizialmente, soltanto alle pagine di Facebook, che spaziano da racconti e aneddoti su uomini di sport, a ricordi di vecchi amici, alcuni, come l’indimenticabile Fabrizio Frizzi, tragicamente scomparsi. Ma c’è anche spazio per la musica, uno dei grandi amori del giornalista forlivese; in particolare, è nota la sua passione per il Festival di Sanremo.

Puglia: esplosione in fabbrica fuochi d'artificio, 2 feriti

di PIERO CHIMENTI - Una serie di esplosioni sono avvenute nella mattinata nella fabbrica di fuochi d'artificio in Contrada Casone a San Severo, Foggia. Dalle prime informazioni vi sarebbero due feriti del quale non si conoscono le condizioni di salute. I vigili del fuoco stanno operando affinché l'area dell'azienda dei fratelli Del Vicario venga messa in sicurezza e permettere ai carabinieri di procedere con le indagini.

Lecce, 15enne spinto contro il banco per una patatina

di PIERO CHIMENTI - Un ragazzino di 15 anni, durante l'ora di ricreazione, è stato spinto violentemente contro un banco al suo rifiuto di consegnargli il suo pacchetto di patatine. Da subito il ragazzino ha avvertito dolori allo stomaco che si sono protratti fino al giorno successivo, quando poi è crollato a lezione ed è stato necessario chiamare il 118. Al Vito Fazzi di Lecce gli è stata riscontrata un'emorragia interna per la rottura della milza, prontamente asportata.

Puglia: sequestrati prodotti ittici avariati

di PIERO CHIMENTI - La Guardia Costiera di Bari ha sequestrato oltre 2 quintali di prodotti ittici di dubbia provenienza e in cattivo stato di conservazione. La scoperta è avvenuta nell'area comunale del mercato del pesce. Il grossista è stato denunciato alle autorità competenti ed è stato posto sotto sequestro l'immobile con i prodotti ittici mal conservati, che avrebbero potuto mettere a rischio la salute dei consumatori.

Vieste, agguato mortale: ucciso 25enne

VIESTE (FG) - Giallo a Vieste, nel Foggiano, dove un giovane di 25 anni, Antonio Fabbiano, è stato ucciso ieri sera a tarda ora con alcuni colpi di arma da fuoco da persone non ancora identificate. L'agguato si è consumato sotto la sua abitazione, in via Tripoli intorno alle 23. L'uomo, che, a quanto si è saputo, era legato al clan di Marco Raduano, è stato ferito con alcuni colpi d'arma da fuoco all'addome mentre era sotto la sua abitazione.

A causa delle condizioni, apparse subito gravi, è stato trasportato presso la Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, dove è deceduto poche ore dopo. L'agguato - secondo gli investigatori - sarebbe avvenuto nell'ambito della sanguinosa guerra di mafia che da anni si sta consumando tra due clan il lotta per il controllo del traffico di droga. Ad indagare sull'omicidio i carabinieri del Comando provinciale di Foggia.

Foggia, cavallo travolge 78enne alla corsa dei buoi

di PIERO CHIMENTI - Tragedia a Chieuti durante la corsa dei buoi, dove un cavallo che aveva disarcionato il fantino, per il distacco del sottopancia della sella, ha travolto un uomo di 78 anni di Madonna Grande Campomarino, in provincia di Campobasso, che si trovava senza protezioni sul ciglio della strada. La vittima, infine, sarebbe poi stata travolta dagli altri animali che nel frattempo sopraggiungevano non lasciandone scampo nonostante la disperata corsa in ospedale.

Il Papa sulla tomba di don Tonino Bello, "Fu profeta di speranza"

(Repubblica.it)
di PIERO CHIMENTI - Il Papa, arrivato in Puglia, si è recato ad Alessano dove ha fatto visita alla tomba di Don Tonino Bello, dove dopo essere rimasto in preghiera ha posto un mazzo di fiori bianchi e gialli, dopodiché ha salutato i parenti di chi fu vescovo di Molfetta per recarsi nella piazza della cittadina leccese, dove è stato accolto da un bagno di folla che ha sventolato le bandierine al grido di 'Viva il Papa'.

"Il Mediterraneo, storico bacino di civiltà, non sia mai un arco di guerra teso, ma un'arca di pace accogliente". Lo ha detto papa Francesco, in visita in Puglia per celebrare i 25 anni della morte di don Tonino Bello.

Nel suo discorso ai fedeli ad Alessano, in Salento, paese natale del sacerdote, Bergoglio ha sottolineato che "se la guerra genera povertà, anche la povertà genera guerra. La pace, perciò, si costruisce a cominciare dalle case, dalle strade, dalle botteghe, là dove artigianalmente si plasma la comunione", ha aggiunto.

Di don Tonino Bello, papa Francesco ha evidenziato "il desiderio di una Chiesa per il mondo: non mondana, ma per il mondo". "Una Chiesa non mondana! - ha quindi ribadito - Che il Signore ci dia questa grazia: non mondana, ma al servizio del mondo". "Una Chiesa monda di autoreferenzialità ed 'estroversa, protesa, non avviluppata dentro di sé' - ha spiegato - non in attesa di ricevere, ma di prestare pronto soccorso; mai assopita nelle nostalgie del passato, ma accesa d'amore per l'oggi, sull'esempio di Dio, che 'ha tanto amato il mondo'".

"Cari fratelli e sorelle, in ogni epoca il Signore mette sul cammino della Chiesa dei testimoni che incarnano il buon annuncio di Pasqua, profeti di speranza per l'avvenire di tutti - ha concluso il suo discorso papa Francesco - Dalla vostra terra Dio ne ha fatto sorgere uno, come dono e profezia per i nostri tempi. E Dio desidera che il suo dono sia accolto, che la sua profezia sia attuata. Non accontentiamoci di annotare bei ricordi, non lasciamoci imbrigliare da nostalgie passate e neanche da chiacchiere oziose del presente o da paure per il futuro - ha aggiunto - Imitiamo don Tonino, lasciamoci trasportare dal suo giovane ardore cristiano, sentiamo il suo invito pressante a vivere il Vangelo senza sconti". "È un invito forte rivolto a ciascuno di noi e a noi come Chiesa. Ci aiuterà a spandere oggi la fragrante gioia del Vangelo", ha concluso il Papa.

Schianto treni in Puglia, in 18 a rischio processo

BARI - La Procura della Repubblica del Tribunale di Trani ha inoltrato stamane al gup la richiesta di rinvio a giudizio per le 18 persone e la società Ferrotramviaria, coinvolte a vario titolo nel disastro ferroviario del 12 luglio del 2016. La Procura ha confermato le ipotesi di reato già inserite nell’avviso di conclusione delle indagini preliminari dopo gli ulteriori approfondimenti investigativi necessari nonché alle dichiarazioni rese, in sede di interrogatorio, da alcuni degli imputati.

I 18 nominativi comprendono i dipendenti della società coinvolti direttamente nello scontro e diversi dirigenti, oltre ai proprietari.

Rischiano il processo, oltre a capostazione e capotreno, dirigenti e funzionari di Ferrotramviaria, anche il direttore generale del ministero delle Infrastrutture, Virginio Di Giambattista, accusato in concorso con un'altra dirigente di non aver "compiuto verifiche periodiche" e adottato "provvedimenti urgenti" per eliminare il sistema del blocco telefonico su quella tratta a binario unico.

Le indagini di Squadra Mobile, Polizia Ferroviaria e Guardia di Finanza hanno accertato che da Andria fu dato l'ok alla partenza del treno senza aspettare l'incrocio con il convoglio proveniente da Corato, la cui partenza, però, non era stata neppure comunicata. Per queste condotte la Procura ha chiesto il processo per i dirigenti di movimento di Andria e Corato, il dirigente coordinatore centrale e il capotreno che viaggiava sul convoglio partito da Andria (il collega che era a bordo del treno da Corato è tra le vittime).

Ai due capostazione si contesta anche di aver falsificato i registri contenenti le annotazioni sui "via libera" per la partenza dei treni. Agli allora dirigenti di Ferrotramviaria, gli amministratori delegati Enrico Maria Pasquini e sua sorella Gloria Pasquini, il direttore generale Massimo Nitti, il direttore di esercizio Michele Ronchi e altri sei dirigenti, la Procura di Trani contesta di non aver adeguatamente valutato i rischi, violando una serie di norme sulla sicurezza. 

Le indagini sulla tragedia del 12 luglio, sono state condotte dalla squadra mobile della Questura di Bari, dal Nucleo Operativo Incidenti Ferroviari della Polizia Ferroviaria e dalla Guardia di Finanza di Bari.

Passeggino in mare durante selfie dei genitori

di PIERO CHIMENTI - Un bimbo col proprio passeggino è finito nel mare di Porto Cesareo, nel leccese, salvato da un passante mentre i giovani genitori erano intenti a farsi un selfie. La coppia, infatti, mentre era intenta a trovare la posa perfetta per immortalare il momento, aveva dimenticato di mettere il freno al passeggino che è finito in acqua a causa di una forte folata di vento.

Gli uomini del 118, che sono accorsi sul posto, hanno prestato le cure al pargolo.

Bullismo, aggressione a 16enne: denunciati

BRINDISI - Ancora una storia di bullismo da Brindisi, dove un quattordicenne ed un sedicenne sono stati denunciati dagli agenti di polizia in quanto ritenuti responsabili di un atto di bullismo compiuto nei confronti di un loro coetaneo che è stato picchiato con calci e pugni per costringerlo, anche con la minaccia di accoltellarlo, a consegnare loro i soldi. L'episodio è avvenuto in piazza Raffaello. Il giovane, insieme con un amico, era appena giunto nella piazza quando è stato avvicinato dal 24enne e dal 16enne arrivati a bordo di uno scooter.

I due lo hanno aggredito con calci e pugni, strappandogli la felpa e intimandogli di consegnare loro i soldi. La vittima, insieme con l'amico, sono fuggiti verso il centro commerciale "Brin Park" dove sono stati raggiunti dai poliziotti che erano a bordo di due auto.

Una volta che sono state raccolte le informazioni necessarie dalla vittima, sono scattate le ricerche dei due aggressori che sono stati rintracciati proprio nei pressi del centro commerciale, forse alla ricerca del ragazzo che era riuscito a fuggire.

Puglia: spinning fatale per 46enne

di PIERO CHIMENTI - Un uomo di 46 anni aveva da poco terminato il corso di spinning in palestra a Triggiano, in provincia di Bari, quando a causa di un malore si è accasciato al suolo stroncato da infarto che ha reso inutili i soccorsi immediatamente prestati da un medico e un'infermiera iscritti in palestra, nonostante l'utilizzo del defibrillatore di cui il centro è dotato.

La vittima, un ingegnere che gestiva un'azienda tra Bari e Modugno, lascia così moglie e figlia di 9 anni.