Visualizzazione post con etichetta musica. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta musica. Mostra tutti i post

Alessandro Orlando Graziano, il mondo di un artista raffinato e originale



Alessandro Orlando Graziano, raffinato cantautore romano con due decenni di carriera alle spalle, torna sulle scene con un nuovo doppio album dal titolo Voyages Extraordinaires a coronamento di 20 anni di musica, ricco di ospiti prestigiosi (tra cui Sandra Milo e Ivan Cattaneo), che mette in evidenza qualità poetiche sposate da una vocalità espressiva e inconfondibile. Il disco è un lavoro che, ispirato nell’estetica agli avanguardistici libri ottocenteschi di Jules Verne, si sviluppa su due distinti capitoli:

Volume I°
Un live studio recording registrato in presa diretta da Davide Alivernini al PLAYREC studio, accompagnato da musicisti di altissimo livello, Daniele De Seta (chitarra), Gianluca Giannasso (ritmiche), Claudio Stasi (pianoforte) e Alessandra Macaluso(oboe), l’artista ripercorre le tappe del suo percorso in maniera essenziale, scarna, naturalmente imperfetta come a valorizzare l’energia irripetibile e non modificabile di un concerto. Nella tracklist si spazia dai suo brani d’esordio come Nella valle della distrazione o Da due ore non ti amo più alla personale versione di Da lontanoscritta con Antonella Ruggiero e Roberto Colombo, canzone che la cantante ligure eseguì nel festival di Sanremo 2014.




Volume II°
Quinto album di inediti di Alessandro Orlando Graziano, lavoro nel quale regna la parola d’ordine “trasversalità” ma anche “libertà creativa”. Molti gli ospiti di spicco, tra questi una spumeggiante Sandra Milo in un recitativo sognante nel secondo singolo estratto La fotogenia.

Solo una vera ed ironica Diva come Sandra Milo avrebbe potuto accettare la follia di recitare in un brano come La fotogenia, omaggio alla bellezza sfacciata, alle star che scaramanticamente cercano un riflettore per una posa per l’eternità. La fotogenia rimanda, con incalzare post moderno, a riflessioni sarcastiche sul bello, sulla caducità e sull’apparirle effimero dei miti reali e presunti.

In questa traccia Alessandro Orlando Graziano si serve di tastiere vintage e ritmiche minimali per esaltare le vocalità che si rincorrono giocosamente nella canzone. Il brano è prodotto con Roberto Cola (alla batteria Dario Esposito) e il relativo videoclip (realizzato dagli ILLOGICA) saltella in atmosfere fine anni 70 inizi 80, e fa colloquiare modelle démodé con la Venere di Botticelli.

E ancora, grandi cantautori come Rosario Di Bella o Ivan Cattaneo, voci uniche come Barbara Eramo o Attilio Fontana, dj compositori come Dario inglese, artisti poliedrici come H.E.R., Diana Tejera o Fabio Cinti e, per la prima volta in una collaborazione generazionale a tre (madre, figlia e nipote), la grande Antonella Lualdi, l’attrice cult Antonella Interlenghi e la cantautrice Beatrice Sanjust in una canzone che esalta la bellezza della vita in tutte le sue età: “Voyages Extraordinaires” brano che presenta il contributo letterario di Alessandro Hellmann.

Registrato in larga parte al PIANO B di Roberto Cola, ma anche al LEA Studio di Diana Tejera e al PLAYREC studio di Davide Alivernini, questo secondo volume è una carrellata eterogenea di canzoni scritte da Graziano (tranne “Abito” di D.Tejera) dalle sonorità più distinte, passando in soluzione di continuità dall’elettronica vintage a suoni acustici; in questo divenire di incontri i brani diventano spunto di dialogo con le voci dal timbro inconfondibile, che volano con la voce peculiare di Alessandro, facendo un tratto di strada, di storia, di viaggio, di vita, perché, come canta Alessandro, la vita è un rischio da correre.

IRO, arriva il terzo album di Project-TO



Il collettivo torinese Project-TO composto da Riccardo Mazza e Laura Pol, dopo aver esplorato con il fortunato doppio album di debutto nel 2016 The White Side, The Black Side la dualitá tra uno stile più aperto dai suoni Big Beat in stile Chemical Brothers (The White Side) ed un mood più techno-ambient (The Black Side), e dopo aver dichiarato nel 2017 con l’ album Black Revised la propria appartenenza al lato oscuro producendo un album in vinile dai toni scuri, elettronici, con massiccio uso di sintetizzatori, torna con il suo terzo lavoro IRO.
L’album ed il nuovo live audio-visual sono stati presentati in anteprima l’11 ottobre da Seeyousound International Music Film Experience (www.seeyousound.org) in occasione dell’evento inaugurale di Torino Graphic Days, il festival internazionale dedicato al visual design (http://www.graphicdays.it/).


IRO in giapponese significa “colore” e le tracce che compongono l’album, che sono 6 come in ogni pubblicazione di Project-TO, una sorta di numero simbolico, introducono l’elemento vocale attraverso la lingua giapponese. Dopo la scelta del bianco e nero degli album precedenti che sono solo strumentali, è la voce che rappresenta la svolta cromatica. Il tempo è pulsante sempre scandito da una cassa profonda e martellante, mentre i suoni sono più sperimentali e si evolvono continuamente sintetizzandosi con le voci per trasformarsi in puro noise di cui si possono trovare riferimenti stilistici negli ultimi lavori di Alva Noto, Bjork, Andy Stott, Beytone.
Prodotto e registrato a Torino nei nuovi Experimental Studios di Riccardo Mazza, tra i più tecnologicamente avanzati in Europa per la musica sperimentale ed elettronica, IRO ha come ispirazione l’haiku, componimento poetico nato in Giappone nel XVII secolo.

Tra le riflessioni che Roland Barthes ha scritto nel suo libro “L’impero dei segni”, l’haiku non è un pensiero ricco ridotto ad una forma breve, ma un evento breve che trova tutt’a un tratto la sua forma esatta; ha la purezza, la sfericità e il vuoto stesso d’una nota musicale.
Ogni traccia del disco è dedicata ad un haiku differente dove il tema delle stagioni è caratterizzato da almeno una parola che le rappresenta e dalla quale parte una ricerca anche sulla musicalità del verso. L’essenzialità pura di questi poemi, che esprimono concetti ed immagini che rimandano alla natura e i rovesciamenti semantici che permettono un salto dell’immaginazione tra idee e immagini apparentemente distanti, è l’ispirazione anche del lavoro di Laura Pol che, contaminando fotografia e video, crea un linguaggio che è parte integrante, come per i due album precedenti, del progetto per il nuovo live audio-visual di Project-TO. Come le precedenti pubblicazioni, IRO è edito da Machiavelli Music Publishing e distribuito da Gravity Records in CD e vinile 12″ in tiratura numerata limita.

Little Bigger, nuovi rapper crescono


MILANO - Il panorama musicale della trap si colora di nuovi rapper. E' la volta del giovanissimo Little Bigger che torna a farsi sentire con il nuovo singolo 'Fuori per sempre', dopo la pubblicazione del precedente brano 'Piskello'.

''Fuori per sempre'' descrive il mio stato d'animo rispetto alla società di oggi - spiega il giovane. Quando mi rendo conto dell'indifferenza, della cattiveria e dell'invidia che sovrasta la stessa, sento il bisogno di dire ciò che penso. Potremmo essere più solidali invece no. Quindi poi tendiamo a raggrupparci tra ragazzi simili e isolarci a gruppi''. Solo 12 anni, ha le idee chiare e punta a raggiungere i suoi obiettivi, tra questi cantare e incidere un disco.
Il brano è accompagnato anche dal videoclip, disponibile sul canale ufficiale di Little Bigger, ed ha raggiunto un buon numero di visualizzazioni. A novembre uscirà il suo terzo singolo 'Strada'.

Mark Marzolla: boom di visualizzazioni per il videoclip di 'Fra le nuvole'


Arriva in tutti i digital store 'Fra le nuvole' il singolo d'esordio del giovane artista pugliese Mark Marzolla, prodotto dall'etichetta discografica Alba Agency di Nilo Granata. Anima rock e grinta da vendere, Mark Marzolla, si presenta con un brano pop orecchiabile e con un linguaggio semplice e diretto: 'Questa canzone - ci racconta - nasce dal mio stato d'animo, un brano scritto di notte, pensando al mondo dei giovani di oggi e di tutto ciò che ci circonda e ci appassiona''.   Il videoclip ha raggiunto un buon numero di visualizzazioni e condivisioni.

Mark, classe 1989 nato e cresciuto a Monopoli, si appassiona sin da piccolo alla musica ascoltando artisti italiani e soprattutto internazionali, come Green Day, Blink 182, Avril Lavigne, Sum 41 e tanti altri. A dicembre 2018 pubblicherà il secondo singolo.

Autunno rovente per i fans degli ABBA


di MASSIMO IAVARONE - L’ultima parte dell’anno riverserà grandi sorprese a tutti i fans degli Abba. Dopo la notizia shock dell’aprile scorso quando annunciarono di essere ritornati in studio dopo 35 anni ed aver inciso due nuovi pezzi, da settembre in poi i fans del celebre quartetto svedese, avranno di che deliziarsi con tutte le novità in cantiere. Ma andiamo con ordine:

il 6 Settembre verrà lanciata la versione italiana del sequel di Mamma Mia, film basata sulle musiche del quartetto svedese, e che riprenderà la storia da dove era terminata 10 anni fa. A fine settembre ecco la prima vera grande sorpresa, la famosa cantante americana Cher, che fa un cameo nel film, esce con un album tributo al gruppo svedese. Un omaggio che renderà ancora più popolari le loro canzoni in tutto il pianeta.

Davide Peron, l'artista veneto rivelazione della musica italiana



DI REDAZIONE - E' in giro con il suo nuovo 'Mi rifugio in tour' il cantautore Davide Peron, uno dei pochi artisti più influenti e attivi nel sociale, presenti nel nostro panorama musicale. 'Inattesi' è il titolo del suo ultimo progetto discografico pubblicato su etichetta N.M.L. New Model Label, un disco che racconta di molte tematiche: dalla gioia della nascita di una figlia, all'amore, il coraggio e la speranza. Ma un disco che combatte anche le guerre, la mafia e la cattiveria.

Davide Peron, nei suoi testi, colpisce per il linguaggio pulito e diretto. Davide Peron racconta così la nascita di 'Inattesi': <<E' un disco parla di gioie, di paure, parla con grande semplicità, quasi mai in modo artefatto. Parla di figli, anche se non sempre attesi, di grandi eventi. Inattesi sono tutti i figli, e anche se sono attesi non siamo mai pronti. Tutte le vite nascono. Ed è sempre un miracolo>>.



Un artista originale che compone musica col cuore e con sincerità;  Nato nella provincia di Vicenza, nelle terre di nord-est, dove la pianura padana incontra le Piccole Dolomiti, Davide evidenzia in ciò che suona e canta le radici della propria terra legata al lavoro, inteso non come bieco guadagno ma come attività reiterata nel tempo, onesta e faticosa caratterizzata dalle bellezze naturali, soprattutto quelle montane.

Sono proprio gli elementi naturali come l’aria, la terra, il fuoco, l’acqua a giocare un ruolo primario nei suoi brani insieme ad uno dei temi che più gli sono cari: l’amore in un contesto di esperienze semplici, genuine, nella musica come nella vita.

Le sue canzoni si nutrono di semplicità, naturalezza, pulizia nella costruzione di musiche e testi. Affiora, forte, nei suoi testi anche l’impegno sociale: “La pallottola” uno dei pezzi di più marcato impegno civile, è stato scelto come inno da LIBERA (coordinamento Veneto), l’associazione italiana di Don Luigi Ciotti che si batte contro tutti i generi di criminalità organizzate.





LE PROSSIME DATE DEL 'MI RIFUGIO IN TOUR':
Domenica 5 Agosto 2018
h.11.00 Valli del Pasubio (VI)Rifugio A.Papa - Mi rifugio in tour

Giovedì 23 Agosto 2018
h.20.30 Isola Vicentina (VI)Convento "Santa Maria del Cengio" - concerto in dialogo con Adriano Sella

Sabato 15 Settembre 2018
h.20.30 Vicenza - Chiesa delle Maddalene - “L’uomo che piantava gli alberi” reading musicale con Davide Dolores.

Alessio Di Palma: arriva nelle radio il nuovo singolo 'Regalame' feat Gipsy Prince


 Il 10 Luglio è arrivato in tutte le radio e sulle piattaforme digitali il nuovo singolo di Alessio Di Palma ‘Regalame feat. Gipsy Prince’.

Il brano anticipa l’uscita del nuovo progetto discografico del cantautore e musicista romano dal titolo ‘Ogni mio respiro’, che sarà rilasciato il 28 luglio. ‘Regalame’ è un brano dai suoni reggaeton e dal ritmo coinvolgente che ti trasporta nel mondo colorato dei suoni latini e ti fa ballare. Coinvolgente, orecchiabile ed energico.

Alessio Di Palma, nel corso della sua carriera, ha prodotto 2 album in studio e ha suonato in molti paesi d’Italia e all'estero ( Londra, Malta e altre città ). Si tratta del più grande artista emergente della storia della musica nel genere Pop / R&B e dance in Italia.



Treviso: dal 29 agosto al 2 settembre torna l'evento "Home Festival Truck Jack Daniel's 2018"

TREVISO. Un’amicizia che prosegue ininterrottamente da 9 anni: è quella tra Jack Daniel’s e Home Festival, il più importante festival musicale italiano (di scena a Treviso, in zona ex Dogana) che si rinnova tra mercoledì 29 agosto e domenica 2 settembre. Jack Daniel’s sarà presente a Treviso all’interno della vastissima area del festival che anche quest’anno darà spazio a un ricco programma che si colorerà con la musica di grandi ospiti nazionali e internazionali, letteratura e arte (tutte le info su homefestival.eu).

Jack Daniel’s ha creduto da subito nello spirito indipendente e intraprendente del festival, affine al suo, diventandone partner sin dalla prima edizione e accompagnandolo in ogni stagione lungo la strada di successi che l’ha reso una delle principali realtà musicali e imprenditoriali italiane.

L’experience Jack Home di quest’anno vede un importante ritorno: dopo il successo della scorsa edizione, farà il rientro in Italia il maestoso truck Jack Daniel’s da cui si svilupperanno tante attività a partire dal bar, per gustare il classico Whiskey, Lynchburg Lemonade - il cocktail fresco perfetto per la stagione estiva - e Jack Daniel’s Tennessee Honey. Spazio poi ad un’area food con una ricca offerta BBQ e all’area relax con sedute e giochi. Ci sarà anche la 360°video experience per vivere un viaggio virtuale nella Distilleria di Lynchburg (Tennessee), la più antica registrata negli USA e attiva da oltre 150 anni, per scoprire che è proprio da lì che arriva ogni singola goccia di Jack presente in tutto il mondo.

Sarà ricco delle sonorità di tanti nuovi nomi della scena indie italiana (e non solo) il cartellone del Jack Daniel’s Stage, uno dei palchi di Home Festival allestito nell’area Jack. Il “senza volto” TheAndrè con la sua rilettura in chiave Faber delle hit trap, il duo Sem&Sténn, il cantautorato folk di Damien McFly e le chitarre degli Altre di B accenderanno il Jack Daniel’s Stage nella giornata digiovedì 30 agosto. Venerdì 31, invece, sarà la volta dell’indie rock dei Belize, dell’elettronica di Makai e del rock con tinte blues dei Two Birds One Stoned. Il weekend prenderà il via con le sonorità elettroniche di Go Dugong e Santii e con il rap di Tauro Boys + Tutti Fenomeni e Thelonius B (sabato 1° settembre) e domenica 2 spazio alle tante sfumature di rock presentate daInterglactic Lovers, Riccardo Zanotti dei Pinguini Tattici Nucleari, Tobjah, Manitoba e Johnny. Mercoledì 29 agosto, invece, giorno dell’Anteprima Home Festival, sarà l’hard rock a dominare il palco Jack Daniel’s, con il Monsters Of Rock Tribute (e i tributi alle grandi band che ne hanno scritto la storia: AC/DC, Metallica e Guns’n’Roses).

Proseguirà anche in quest’edizione di Home Festival l’impegno costante di Jack Daniel’s alla sensibilizzazione al consumo responsabile e di qualità. Tante le attività pensate per promuovere il divertimento senza eccessi, a partire dal presidio dei punti di approvvigionamento e di ricarica di acqua potabile che sarà distribuita gratuitamente a tutti i visitatori. Novità di questa stagione sarà l’attivazione di un treno speciale che, al termine delle serate di venerdì 31 agosto e sabato 1° settembre, porterà gratuitamente i visitatori di Home Festival dalla stazione di Treviso a quella di Venezia Mestre (tutti i dettagli dell’iniziativa saranno disponibili nelle prossime settimane).

Inoltre, all’interno dell’Hotel BHR Best Western Treviso (casa-base del Festival) sarà presente un’area dedicata a Jack Daniel’s Tennessee Honey con elementi di design che richiamano il suo stile e il perfetto #dopocena. Tennessee Honey è infatti ottimo da gustare ghiacciato nel momento più rilassato e coinvolgente della serata, grazie al carattere unico dato da una ricetta originale che unisce un liquore al miele finemente lavorato al classico Old N°7.

Home Festival si conferma così anche quest’anno un’indimenticabile tappa del viaggio a ritmo di musica di Jack Daniel’s. Un rapporto, quello tra Jack e la musica, nato nel 1892 quando Mr. Jack formò la Silver Cornet Band insieme ad un gruppo di abitanti di Lynchburg e lavoratori della famosa distilleria, per invitare la folla a raggiungere la cittadina del Tennessee e condividere insieme degli eventi speciali, e che oggi prosegue in tante occasioni, dove il palco è l’unica vera casa del musicista e dove i suoni arrivano sinceri e autentici alle orecchie di chi li “sente” allo stesso modo di Jack.

King Horus pubblica il nuovo singolo 'Lil Pumpers'



DI REDAZIONE - Milioni di visualizzazioni per 'Lil Pumpers' il nuovo singolo del rapper King Horus. La scena trap/rap della musica italiana cresce sempre di più e si arricchisce di nuovi fenomeni musicali. Il brano è incluso nel suo album di debutto 'Novitrap' interamente autroprodotto senza il supporto di major o etichette indipendenti. <<Ho lanciato questo disco così in modo stravagante senza basarmi molto sui testi o concentrandomi sul dare un senso al loro significato - ci racconta. Insieme al mio produttore abbiamo cercato di far si che le persone si lascino prendere dalla melodia e non dal testo e della parole>>.


Un rapper dal cuore buono che, nei suoi tesi, racconta di storie di vita e avventure, anche con un pizzico di ironia.  Quest'estate sarà in giro per un lungo tour estivo.  Si avvicina alla musica in teenra età ascoltando i miti del rap americano. Adesso il suo idolo è Sfera Ebbasta ed un giorno, sogna di duettare con lui. 

LINK VIDEOCLIP:
https://www.youtube.com/watch?v=h6WQ6BbJEoE

Joe Black presenta il nuovo singolo ''Chiudetegli la bocca''

MILANO - Un inno contro la violenza, l'omofobia e il razzismo. Sono le tematiche presenti nel singolo d'esordio ''Chiudetegli la bocca'' del cantante italo indiano Joe Black, la grande rivelazione di questo 2018. Chi si nasconde dietro questo ragazzo dagli occhi di ghiaccio? La musica ha sempre fatto parte della sua vita, sin dalle tenera età. Adesso, finalmente, è riuscito a coronare il suo sogno e a dare sfogo ai suoi pensieri. Cantare e far ascoltare il suo primo singolo dal titolo 'Chiudetegli la bocca''. Un brano dal testo forte e diretto che racconta di razzismo, tema attualissimo nella nostra nazione.

''Chiudetegli la bocca'' - spiega l'artista - racconta di persone che hanno sofferto, che sono state illuse, ricattate, prese a botte. Quando l'ho scritta  mi sono rivolto anche a tutte le donne uccise per futili motivi, perciò ho pensato di voler mandare un messaggio importante. Non bisogna mai stare in silenzio''.

Joe Black è un artista da tenere sott'occhio per le sue qualità artistiche e la capacità di scrittura. Un animo sensibile e coraggioso che ama raccontare le sue storie e non solo, anche le storie e le esperienze di molte persone vittime di abusi, violenza e razzismo.

Giovanni Maria Vacchino in arte Joe Black nasce a Mumbay (INDIA), orfano​ ​dalla nascita trascorre i primi sei mesi di vita con le suore cattoliche​ ​con a capo la Madre Superiora : Madre Giovanna , alla quale il cantante​ ​deve il suo nome anagrafico. Adottato da una famiglia dell’alta Toscana ,​ ​trascorre l’infanzia e l’adolescenza in un piccolo comune della Lunigiana.

Sanremo 2019: Claudio Baglioni sarà ancora direttore artistico

ROMA - Si parla già di Sanremo 2019 e Claudio Baglioni ha accettato l’incarico di direttore artistico di quella che sarà la 69esima edizione Festival di Sanremo.

"Sono molto contento del positivo esito della trattativa sulla direzione artistica del prossimo Festival della Canzone italiana a Sanremo" ha dichiarato il direttore generale della Rai Mario Orfeo.

"È un grande onore oltre che motivo di orgoglio per tutta la Rai essere riusciti a convincere un grande musicista e compositore come Claudio Baglioni a concedere il bis seguendo un percorso di condivisione e di costruzione del progetto artistico. Da febbraio a oggi c'è stato un vero e proprio corteggiamento e non poteva essere altrimenti considerato il successo di critica e di pubblico e i record ottenuti nella sua prima volta da direttore del Festival. A Baglioni un grande in bocca al lupo per l’edizione numero 69 e per questa seconda avventura insieme con la Rai, con lo stesso entusiasmo che ha caratterizzato quella straordinaria di quattro mesi fa".

Cecilia Gayle: ''La mia estate a ritmo di ''Pampaneando''


MILANO - Pampaneando evoca inevitabilmente Pam Pam, esattamente El Baile del Pam Pam, un brano di successo mondiale che nel 1998 la costaricana Cecilia Gayle ha portato alla notorietà accompagnandolo ad un ballo di gruppo dal ritmo coinvolgente, scelto peraltro come sigla dei Club Méditerranée in tutto il mondo, evento che ha reso Il Ballo del Pam Pam un evergreen che da 20 anni si balla in ogni villaggio turistico, in ogni festa pubblica e privata, a qualsiasi età.

Nasce con questo spirito Pampaneando che ancora una volta ci fa battere le mani e gridare “Omasima Lele sum pam pam!!”. E nasce a distanza di 20 anni da El Pam Pam, proprio per festeggiare quel successo con una nuova produzione, sempre cantato dalla inossidabile Cecilia Gayle che con la sua allegria ed i suoi sorrisi sa regalare emozioni di gioia, di ballo e condivisione.

La canzone ha un testo significatico, al quale Cecilia tiene particolarmente perché racconta la sua storia personale: “Io ero una semplice ed umile contadina/Sempre a piedi nudi/Ed in stretto contatto con la terra/Molte volte non avevo neanche da mangiare/Ma quando ho cantato El pam Pam/Sono diventata una stella”.

<<Grazie a El Pam pam ho potuto far crescere mio figlio -confessa a cuore aperto la regina della musica latino-americana- facendolo laureare in una delle università piu prestigiose al mondo. In quel periodo la mia priorità non era correre dietro al successo, ma portare avanti mio figlio. Ce l'ho fatta! Adesso ho tutto il tempo a disposizione per continuare a cantare e pensare a me>>

Pampaneando è accompagnato da un videoclip in cui una coloratissima e frizzante Cecilia, in compagnia de La Familia Loca, band cubana di fama internazionale, e di un gruppo di giovani ballerini canta il brano ed intanto si balla!! Si battono le mani e.... Omasima Lele sum pam pam!

Cecilia Gayle nasce in Costa Rica e si forma musicalmente con la musica caraibica e latino- americana. Arriva in Europa sull’ondata del grande successo dei ritmi latini nella seconda metà degli Anni 90. I suoi successi sono i classici dei balli di gruppo che tutti conoscono ed hanno ballato almeno una volta! Le sue prime apparizioni televisive sono con "El Talismán". Segue poi “El Pam Pam", un vero tormentone che fa sì che Cecilia diventi una delle artiste più gettonate del momento. Numerose le partecipazioni canore in trasmissioni importanti, ampi spazi nei telegiornali e in tutte le radio nazionali. Segue "El Tipitipitero", un altro ballo, un altro grande successo. El Pam Pam e El Tipitipitero diventano la colonna sonora di tutte le scuole di ballo, dei villaggi turistici, delle discoteche. La scia dei successi non si arresta. Dopo “El Pam Pam” e “El Tipitipitero” arrivano "Te Quiero", "Jinga Jinga”, “Aquì está la fiesta", Yo quiero y mucho más".

Milano: conclusa la sesta edizione del Wired Next Fest 2018

MILANO. Si è conclusa domenica 27 maggio 2018 la sesta edizione milanese del Wired Next Fest, il più importante Festival italiano dedicato alla cultura dell’innovazione organizzato da Wired Italia.
Durante le tre giornate le presenze sono state oltre 150mila e online sono 1,2 milioni gli utenti che hanno seguito il festival sulle pagine ufficiali di Wired.
Il WNF, che si è svolto ai Giardini Indro Montanelli di Milano da venerdì 25 a domenica 27 maggio, ha presentato un ricco palinsesto di interviste, panel, keynote, workshop, laboratori, exhibit, performance artistiche e concerti.
A catalizzare l’attenzione del pubblico numerosi esperti e opinion leader di rilievo nazionale e internazionale tra cui: Chelsea Manning, Walter Isaacson, Kate Crawford, Mitchell Baker, Orit Kopel, Paolo Nespoli, Laura Boldrini, Gué Pequeno, Davide Casaleggio, Riccardo Chailly, Amitav Gosh, Alberto Mantovani, Stoya, Barbara Contini, Negramaro, Maneskin, Sofia Viscardi, Paola Cortellesi, Zerocalcare, Alfonso Sabella, il cast di Boris e molti altri.
La prima serata musicale è stata inaugurata daiCalibro 35, gruppo crime funk, fresco di pubblicazione dell’album Decade, insieme alla band inglese dei Jungle, riconoscibile per il suo mix di funk, soul ed elettronica, appena uscita con i singoliHappy Man e House in LA, che anticipano il nuovo album.
Sabato è stata invece la volta di Gemitaiz, in vetta alle classifiche di vendita con Davide. A chiudere la seconda serata musicale il dj e produttore tedescoRobin Schulz, che è recentemente uscito con il suo ultimo lavoro discografico Uncovered.
Wired Next Fest è stato anche un grande evento digitale: 1,2 milioni di utenti hanno seguito il festival sul Wired.it e sulla pagina Facebook di Wired Italia con 6,7 milioni di pagine sfogliate sul sito. Su Twitter le interazioni legate all’hashtag ufficiale #WNF18 lo hanno reso Trending Topic di Twitter Italia.
Un successo anche lato advertising: quest'anno, infatti, il festival cresce nel fatturato da sponsorizzazioni di oltre il 15% e nel numero di partner, coinvolgendo oltre 30 aziende in esclusività merceologica.
Per ulteriori informazioni consultare il sito nextfest.wired.it e la pagina Facebook del Wired Next Fest (bit.ly/WNF18_MI).

Luca Capizzi: ''Siamo tutti uguali'' è il nuovo singolo



Torna Luca Capizzi con il brano Siamo uguali estratto dall’album di debutto del cantautore italo/svizzero il cui cognome rivela il suo legame con la Calabria, sua terra d’origine. Luca infatti è figlio della Calabria emigrata in Svizzera, figlio di una terra che non si dimentica e nonostante il respiro internazionale del brano, Luca sceglie la lingua italiana.

Il brano, dall’8 maggio in radio, esce nella stessa data in cui tre anni fa uscì il suo prima singolo La Mia Canzone e racchiude i tre anni vissuti con la musica.

Siamo uguali, dalle fresche sonorità pop, parla di come l’artista abbia avuto il coraggio di buttarsi nella mischia e si sia unito con la musica per diventarne tutt’uno. Il brano è stato registrato nello studio Cantieri Sonori di Roma e porta la firma di Luca Capizzi, Francesco Sponta e Marco Di Martino.

«Io so che c’è qualcosa che mi porta da te e poi mi fa restare perché siamo uguali, io ci credo sai».

Il videoclip è stato girato sempre a Roma da Salvatore Billeci (VideoPro24), che vanta già grandi collaborazioni come con Laura Pausini, Claudio Baglioni e Francesco Renga.

Al Bano: "Sono preoccupato per i miei figli e voglio tutelarli. Da oggi parlate con me solo come cantante"

ROMA - Nella mattinata di giovedì 12 aprile, Federica Panicucci, in seguito alle polemiche dei giorni scorsi, ha parlato telefonicamente con Al Bano.

Il cantante ha preferito non intervenire in trasmissione e ha chiesto a Federica Panicucci di riportare, nel corso di "Mattino Cinque", le sue parole per evitare di sollevare un altro polverone.

Di seguito la dichiarazione: "Albano telefonicamente mi ha detto di essere molto arrabbiato. Ha definito questa situazione assurda e squallida. Chiede che non se ne parli più. Quando gli ho sottolineato che lui stesso, rilasciando quell’intervista, ha fatto sì che ci fosse un proseguo in tutto questo lui mi ha risposto che l’ha rilasciata per mettere un freno, per mettere un punto alle voci che si stavano rincorrendo in quei giorni. Al Bano dice di essere molto preoccupato per i suoi figli perché sentono, vedono, leggono, vanno a scuola e si confrontano con gli altri compagni. Afferma di temere per loro, per quello che possono provare psicologicamente. Oltre a tutto questo chiede che non se ne parli più, chiede quanto meno che si parli di lui soltanto come cantante e che il resto non venga più raccontato. Mi ha pregato di dire che trova tutto questo assurdo e squallido. Che deve tutelare i suoi figli, la sua vita privata e non vorrebbe più che si parlasse di tutta questa questione. È molto arrabbiato".

Isteresi: arriva il nuovo singolo 'Ho bisogno di te'

di REDAZIONE - S’intitola Ho bisogno di te, il secondo singolo della band Isteresi tratto dall’album “Casa Nostra” in uscita a maggio, è liberamente ispirato al libro “A Spasso con Bob” storia vera ed emozionante di James e Bob, un artista di strada ed un gatto randagio, i quali grazie al loro rapporto, riescono a trovare un nuovo senso sul palcoscenico della vita, superando disagio e difficoltà. I rapporti non sono solo tra persone. Volersi bene è un linguaggio universale e tramite questo pezzo cantiamo l’importanza dell’”Esserci”, perché la “presenza” arricchisce, guarisce, ripara. Un pop semplice ma coinvolgente quello degli Isteresi che colpisce e cattura sin dalla prima nota.



Gli Isteresi sono una pop/rock band Ennese. Nel 2009 entrano a far parte delle pochissime finaliste di Sanremo Rock conquistando la stima di parecchi critici discografici e musicisti di successo, guadagnandosi la possibilità di collaborare con artisti del panorama siciliano come i Tinturia, Mario Incudine (Universal) e Gli Alibabà, ed anche a livello nazionale come i Modena City Ramblers, Annalisa (X-Factor) e Laura Bono.


Il 16 giugno 2013 presentano al pubblico, presso il Teatro Comunale di Enna, il loro primo album di inediti, dal titolo Notte nel Cuore al quale ha collaborato Carmelo Siracusa (Sugar free – Warner music). L’album vende oltre un migliaio di copie di Cd e registrando numerosi downloads sui maggiori Digital Stores, ove è possibile trovare il disco in formato digitale.


Contano numerosi concerti svolti nel campo sociale che hanno visto il favore della critica ed un massimo risalto nelle testate giornalistiche: particolare successo riscuote, anche in campo nazionale, il loro brano dedicato a Vanessa Scialfa, una ragazza uccisa dal proprio compagno ed a cui, da volontari, parteciparono alla ricerca nella prima fase della scomparsa.


Partecipano a diversi Meeting Nazionali di Anpas (Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze) e tra questi spiccano il concerto tenuto a l’Aquila ed il Concerto a Bari, in una stracolma Piazza Mercantile, dove presentano in anteprima alcuni pezzi di Notte nel Cuore.


Sulla scia del successo Aquilano e Barese il Gruppo s’iscrive ad Area Sanremo 2014, collaborando tra l’altro con il celebre artista ennese Mario Incudine per la realizzazione del singolo.


Ad un passo ad entrare tra i 40 finalisti di Area Sanremo 2014, al ritorno nella loro Sicilia registrano "Viva Navidad", cover natalizia del grandissimo successo dei Coldplay “Viva La Vida” riarrangiando testo e musiche.


Il 23 dicembre 2014 presso il Teatro Garibaldi di Enna, assieme all'artista ennese Sebastiano Occhino (Sanremo 82') ed a Francesco Anselmo, artista Polizziano, accompagnati da una piccola orchestra di fiati, mettono in scena uno spettacolo di beneficenza per l'associazione Vita 21 di Enna, proponendo tutti i più grandi successi natalizi. Spettacolo riproposto anche nei due natali successivi, con ospiti sempre nuovi a scopo di beneficenza.







Nel luglio 2017 pubblicano il primo singolo del loro secondo album, Ancora un Bacio, vantando la collaborazione con la cantautrice abruzzese Annalisa Andreoli. A novembre partecipano a Buongiorno Regione su RAI 3 Sicilia lanciando il singolo che darà il nome al loro prossimo lavoro discografico “Casa Nostra”. L’album Casa Nostra, prodotto in collaborazione con Riccardo Piparo (Ti.PI.CAL. – Warner Music) verrà pubblicato nel maggio 2018.

Frankavilla: nelle radio arriva il nuovo singolo ''Vivo Così''


MILANO - Arriva in radio il primo singolo di Frankavilla, Vivo Così'' prodotto dalla Beat Sound Milano di Beppe Stanco. Dopo 10 anni di stop, il cantautore pugliese, riprende la sua attività artistica lanciando in radio e in rete, un brano fresco, dal carattere deciso e dalle sonorità molto moderne. Vivo Così racconta di una storia d’amore finita ma non del tutto, la speranza non muore mai…

“Mi sento un po’ una pioggia, mentre danza tra le nuvole, sarà immaginazione o sarai mia…”. Così recita Frankvilla, autore del testo e della musica, prima di arrivare al lancio del ritornello; un pezzo pieno di doppi sensi e metafore, scritto di notte nella sua casa di campagna.

"Sono molto contento per l’uscita di questo singolo - racconta l'artista. In quest’ultimo periodo ho scritto moltissime canzoni nuove ed ho viaggiato tanto. Credo davvero che in questo brano, sia racchiusa tutta la mia voglia di tornare alla musica; l’emozione più forte l’ho provata quando ho visto il videoclip ultimato, emozioni che solo la musica può dare.

Il videoclip di Vivo Così, è stato girato tra le vie caratteristiche di  Amsterdam nel dicembre scorso. Frankavilla nel video si tatua proprio il titolo della canzone, da uno dei maggiori tatuatori della città a “luci rosse”.

Frankavilla, sin da piccolo, coltiva la sua passione per la musica, tramandatagli da una famiglia di musicisti. Dopo tantissimi live in giro per la penisola, partecipa a varie manifestazioni musicali, come al Festival di San Marino nel 2005 ottenendo l'accesso al Tim Tour, classificandosi al terzo posto.  Nel 2007 è prima special guest al Nisky Contest dell'Isola del Liri (FR) e in seguito partecipa a Operazione Soundwave sempre per MTV; nel 2010 l'ultima apparizione, al Teatro Palace Traiano di Roma, per il Joy Music Live.

Dopo 10 anni di pausa, Frankavilla incontra Beppe Stanco, autore e produttore musicale, nonché direttore artistico del Premio Lunezia, e decide insieme a lui di intraprendere un nuovo percorso artistico ed entra nel roster di artisti targati BeatSound. Nell'estate del 2017, partecipa al
Festival di Castrocaro. A dicembre, esce un videoclip della cover "Una settimana, un giorno" di Edoardo Bennato.


LINK VIDEOCLIP:
https://www.youtube.com/watch?v=nCFFIIlj3Do 

Erika Piras debutta con il singolo 'Aria'

di REDAZIONE - Il suo epiteto è “La cantante con il violino” strumento da cui Erika è inseparabile, con cui si accompagna in ogni sua performance sul palco e che studia e suona da quando aveva soltanto 5 anni. Erika, 16 anni, ma già si parla di lei come il nuovo talento della musica italiana, studia anche pianoforte e chitarra, suona con le orchestre, canta nelle corali, studia canto moderno e frequenta il Liceo Musicale. E' un modello comportamentale per i giovani, per passione, dedizione, disciplina nello studio. E’ reduce dalla finalissima di Area Sanremo dove per pochi centesimi di voto ha sfiorato la possibilità di vincere il concorso per presentarsi sul palco dell’Ariston. Ma giudici e critica non hanno potuto fare a meno di accorgersi della sua bravura a maturità artistica, invitandola a proseguire nel suo iter musicale e a ripresentarsi l’anno prossimo all’unico contest (insieme a Sanremo Giovani) che porta realmente i giovani al Festival di Sanremo.

Dopo aver partecipato a concorsi come "Castrocaro", “Vocal War” e “Festival Show” (ottenendo sempre importanti consensi), Erika incontra l'autore e produttore Igor Nogarotto, storico fondatore della SAMIGO, casa discografica in campo per la promozione di talenti emergenti ormai da quasi 30 anni. Il primo frutto di questo connubio artistico è l’inedito “ARIA”, brano presentato alla finale di Area Sanremo. Dotata di una voce calda, intensa e allo stesso tempo una “voce amica”, ha la capacità di raccontare il testo in modo diretto, essenziale, confidenziale. Si percepisce tutta “la raffinata semplicità” espressione evocativa con cui l’autore Igor dipinge il suo gioiellino Erika. "Il brano avrebbe sicuramente fatto centro sul palco sanremese per testo, melodia e arrangiamenti, perfetti per il mood della città dei fiori." Il video di "ARIA" è stato realizzato dal professionista Angelo Iannattone, anch'egli massese, e da tempo impegnato a valorizzare nei suoi videoclip i giovani."

Camera a Sud, come essere bravi a rispolverare il genere swing





DI REDAZIONE - Un disco da tenere sotto mano e da ascoltarlo ovunque, in auto e a lavoro. I Camera a Sud tornano con un disco omonimo che porta il loro nome e che colpisce per la cura negli arrangiamenti e per il coraggio di rispolverare un genere amato e sofisticato come quello dello swing. Infatti la band siciliana,  nel corso degli ultimi due anni, dopo l’uscita del secondo album “Pane Amore e Fantasia“, ha realizzato diversi tour di grandissimo successo sulle note dello swing italiano degli anni 30’ 40’ e 50’.

Questo straordinario viaggio musicale rappresenta l’evoluzione musicale della band: all'interno del disco troviamo sei celebri cover e due brani inediti tra cui la bellissima“ Tarquinio e Dudù “, finalista al rinomato Premio Lunezia, che ha ottenuto un grande consenso dalla critica e dagli addetti al settore, soprattutto per l’agrodolce ironia del testo che attraverso un dialogo tra due simpatici uccellini, descrive la voglia di fuggire dagli ingombranti ingranaggi moderni per tornare ad una dimensione di vita più semplice e spensierata.



“Abbiamo lavorato molto su questo progetto – racconta la band. Volevamo ottenere un risultato che si avvicinasse molto all’esperienza e alle vibrazioni dei live. Questo ha significato l’ascolto di infinite ore di registrazioni di ogni show, al fine di selezionare il materiale migliore e modellare quello che sarebbe diventato il nostro nuovo sound. Un mix moderno tra vintage ed elettronica. Crediamo che le canzoni del passato siano perfette per gli arrangiamenti moderni, e per questo andrebbero riscoperte e rivalorizzate“.



Il disco è stato anticipato da ‘Che Notte’ celebre successo di uno degli indimenticabili parolieri della musica italiana, Fred Buscaglione. <<Che notte è un’ironica storia gangster all’italiana scritta da Fred Buscaglione e Leo Chiosso.

Nel nostro album e nel videoclip abbiamo voluto riproporre una versione in chiave electroswing, in puro Buscaglione-style. Il brano inizia con un effetto sonoro molto cinematografico: sirene della polizia che fanno presagire un inseguimento senza esclusione di colpi. Quindi ancora tanto, indiavolato swing, contaminato dai suoni elettronici e dalle chitarre distorte>>.

Il brano è accompagnato anche dal videoclip, realizzato in diverse location e che descrive in pieno stile Camera a sud, una storia intrisa di whisky e gangsters, al cui interno gioca maliziosamente una splendida bionda tutta curve.


Camera a sud è una band siciliana fondata da Carmelo Siracusa (Contrabasso) nel 2011. Si uniscono a lui Gaetano Miano (Chitarra), Ivan Newton (Batteria) e Manuel Castro (Voce). I quattro musicisti, sono tutti appassionati di swing e rock “n” roll. L’idea è di riproporre classici italiani anni ’30,’40 e ’50.

Il nome della band è ispirato da quella che è una visione del mondo e della musica che si affaccia a Sud e per questo intrisa di calore, energia ed enorme passione. Il background musicale dei singoli musicisti introduce all'interno del sound della band una policromia di stili dal blues, al rock al jazz, tutti incanalati all’interno di uno Swing decisamente contaminato, volutamente più “sporco”.

Gli artisti di riferimento sono Fred Buscaglione, Renato Carosone, Nicola Arigliano, Renzo Arbore a cui si aggiungono grandi interpreti degli anni ’60.



Segui la band: 
http://www.cameraasudband.it/

Facebook:
https://www.facebook.com/CAMERAASUDBAND/?ref=br_rs

Instagram:


Musica: Alex Normanno pubblica il nuovo singolo 'Nella mia mente tu'

MILANO - Torna sulle scene musicali Alex Normanno che, dopo la pausa annunciata mesi fa sulla sua pagina ufficiale Facebook, ladesso ancia “Nella mia mente tu”, il nuovo singolo che anticipa l’uscita di un altro singolo inedito di prossima uscita. “Nella mia mente tu”, brano scritto con Massimiliano Cenatiempo, Alessandro Dubini, racconta in una notte piovosa di agosto, il ricordo di un amore giovanile, e la mente vaga.

Nel testo prevale la nostalgia, la dolcezza e la consapevolezza di un amore passato. Il cantante svela la copertina del brano, realizzato in acustico, per volere degli stessi autori del brano. Intanto l’artista annuncia che le sorprese quest’anno non finiranno qui. Infatti “Era solo ieri”, in uscita a gennaio, darà seguito al successo già avuto con i precedenti brani. Si tratta di un pezzo scritto con Massimo Tornese, prodotto dall'Auditoria Records di Aki Chindamo, e si tratta di una nuova partenza per l’artista lombardo, che darà inizio a numerosi concerti già consolidati per la prossima estate 2018.