Visualizzazione post con etichetta Milano. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Milano. Mostra tutti i post

Milano: minorenne abusata da un 40enne


MILANO - Una ragazza minorenne di origine congolese è stata costretta a subire un rapporto sessuale da parte di un uomo di 40 anni dello Sri Lanka, che è stato fermato dalla Polizia in zona Navigli a Milano.Secondo quanto ricostruito dagli agenti della Questura, la notte scorsa, la ragazzina era scappata da una comunità a cui era affidata, come aveva già fatto in passato. Ha preso un autobus ed è arrivata in via Padova.

Qui ha incontrato un gruppo di cittadini cingalesi con cui ha comperato delle pizze e delle birre. Con uno di questi è poi andata sui Navigli dove ha subito la violenza, che ha raccontato poi ai genitori dalla quale è andata alcune ore dopo. Il fermo dopo indagini anche sul cellulare dell'uomo. (ANSA).

Vaccini, l'Ordine dei Medici di Milano ha radiato un Dottore

(Foto CORRIERE DELLA SERA)

di MARCO MONGELLI - Dario Miedico, medico legale, uno dei firmatari di una lettera che esprimeva perplessità sulle vaccinazioni pediatriche, è stato appena radiato dall'Ordine dei Medici di Milano. Lo si apprende da fonti interne all'Ordine. Tra i firmatari della stessa lettera c'era anche il dottor Roberto Gava già radiato nei mesi scorsi da quello di Treviso.

«La cosa mi pesa molto, e farò il possibile per fare ricorso e far ritirare il procedimento. Ma dovrò aspettare le motivazioni, perché non ho ancora ricevuto alcuna indicazione in merito». È il commento a caldo di Dario Miedico, il camice bianco appena radiato dall'Ordine dei Medici di Milano per le sue posizioni sul tema delle vaccinazioni pediatriche. L'esperto, che ha 76 anni, raggiunto telefonicamente, ha confermato di aver ricevuto questa mattina via posta certificata la lettera dell'Ordine in cui gli veniva comunicata la radiazione dall'albo dei professionisti. Contro il provvedimento, ha spiegato, «faremo il possibile, perché pensiamo che tutelare la salute dei bambini e degli adulti sia questione di informare adeguatamente sulle vaccinazioni, anziché imporle. Purtroppo le scelte del Governo vanno nella direzione di imporle, e di far fuori tutti quelli che hanno una voce appena un pò critica. Non tanto sulle vaccinazioni, il che sarebbe assurdo visto il loro significato anche importante, ma per zittire chiunque ponga dei problemi sul tema delle vaccinazioni, che sono sacrosante. Sono contro qualunque obbligo, perché uno dei pericoli maggiori è quello di sottovalutare i rischi delle vaccinazioni».

Si è tenuto ieri a Milano il corteo 'Insieme senza muri'

(Foto ANSA)

Migliaia di persone presenti ieri alla manifestazione 'Insieme senza muri', che si è tenuta nella giornata di ieri a Milano, a tutela e a sostegno dei migranti. Enorme il polverone politico che si è sollevato, aumentato successivamente a quanto accaduto giovedì sera alla Stazione Centrale di Milano, quando un 20enne italo-tunisino, Tommaso Ben Youssef Hosni, ha accoltellato un poliziotto della Polfer e due militari durante un normale controllo di rito, in cui erano stati chiesti i documenti al giovane. Roberto Maroni aveva quindi chiesto che l'iniziativa fosse cancellata immediatamente. Alla marcia pacifica, hanno preso parte politici, centri sociali, varie associazioni culturali ed anche gruppi che si occupano dell'integrazione degli extracomunitari.

Berlusconi stigmatizza la marcia pro immigrati e lancia il Movimento animalista


MILANO - “È un’iniziativa che è stata discussa, ci sono i pro e i contro, personalmente io credo che questa iniziativa abbia un po’ delegittimato le forze dell’ordine che hanno fatto quell’operazione per quanto riguarda gli immigrati, gli stranieri, presenti attorno alla nostra stazione Centrale”. E' duro il commento del leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, a proposito della marcia a favore dell’accoglienza degli immigrati che si è svolta a Milano. “Io personalmente non l’avrei fatta, chi l’ha fatta dovrà essere molto chiaro nel dare il suo sostegno alle forze dell’ordine” ha aggiunto a margine di un intervento alla scuola politica di Forza Italia.

Intanto l'ex premier è pronto a lanciare un nuovo movimento: quello animalista. Dopo l'agnellino per la 'campagna' di Pasqua gli animali diventano da passione privata ad affare politico. "Un sondaggio su un campione di 2mila persone indica che se alle prossime elezioni si presentasse un movimento per la difesa dei diritti degli animali e dell'ambiente avrebbe il 20%", sostiene Berlusconi.

"Mi impegno come Forza Italia - dice l'ex premier - ad appoggiare tutte le vostre proposte di legge che arriveranno in parlamento". In sala, ad applaudire al nuovo soggetto politico, anche la fidanzata Francesca Pascale. Silvio Berlusconi sa che "i sondaggi sono una cosa e la realtà un'altra", ma "è stata risposta fantastica - sottolinea - molti di questi voti arrivano da quegli italiani che sono disgustati da questa politica, rassegnati e convinti che il voto non valga nulla e che hanno deciso di non andare a votare. Metà di quel 20% viene da lì. Secondo questi dati - aggiunge analizzato la voglia di politiche 'animaliste' individuate attraverso il campione - avreste 160 parlamentari e 63 senatori. Probabilmente non saranno così tanti, ma potreste inviare in parlamento un nucleo compatto per combattere da dentro le vostre battaglie di civiltà. Io sarò sempre con voi, Forza Italia appoggerà sempre le vostre proposte di legge".

Accusato di terrorismo il ventenne che ha ferito due militari e un agente

(Foto CORRIERE DELA SERA)

di LOREDANA CAVALLO - Il ventenne Ismail Tommaso Hosni che ha ferito con un coltello due militari e un agente presso la stazione centrale di Milano, è indagato per terrorismo internazionale; si era già provveduto ad accusarlo di tentato omicidio.

Su un profilo Facebook, che è stato oscurato, si è scoperto che il ragazzo inneggiava all'Isis. Hosni si è giustificato dicendo al suo avvocato che era arrabbiato. Il giovane, di padre tunisino e madre italiana, ha la nazionalità italiana e risulta che ha precedenti per droga e che era stato già arrestato.

Fino al 2005 soggiornava in Tunisia.

Immigrato ferisce due militari e un agente


di LOREDANA CAVALLO - Doveva essere solo un controllo di routine quello effettuato ieri a un immigrato alla Stazione Centrale di Milano, ma quello che è avvenuto ha dell'incredibile. Infatti il giovane ha ferito con un coltello due militari dell'Esercito e un agente della Polfer.

Ventenne di madre italiana e padre magrebrino, il giovane è stato fermato, e alla richiesta di esibire i documenti ha reagito aggredendo violentemente. Non si tratta di un atto terroristico, ma presumibilmente di radicalizzazione.

Ancora ricoverati i due feriti, mentre il caporale maggiore dell'Esercito è stato dimesso con prognosi di 7 giorni.

Il governatore lombardo Maroni ha affermato che è un episodio molto grave e ha sottolineato come siano indispensabili il controllo e la prevenzione della criminalità.

Giornata di festa al Fatebenefratelli di Milano con le uova di Pasqua Haziel


Milano – Una vera e propria festa per i piccoli ospiti del reparto di pediatria dell’Ospedale Fatebenefratelli. Rossana Roda’ Daloiso, presidentessa dell’Associazione Haziel e presidente dell’Associazione per lo Sviluppo Economico Italo-Euroasiatico, in occasione delle festività pasquali, si è recata in visita nell’ospedale milanese per portare le tradizionali uova di cioccolato.

Le visite sono iniziate a Roma come consuetudine per poi proseguire in Lombardia.

“Considero un dovere morale fare qualcosa per gli altri, penso che il business economico debba essere arricchito da un impegno sociale forte. È importante non dimenticare mai i più deboli".

Alla consegna delle uova di ieri c'era anche una rappresentanza dell’Arma dei carabinieri di Milano-Duomo e il professor Luca Bernardo. A sottolineare, inoltre, il ruolo internazionale che l’Associazione Haziel ha assunto era presente Iva Pavic, Console Generale della Repubblica di Croazia a Milano.

Da 2 anni subiva violenze, il tribunale di Milano toglie la figlia ad una famiglia marocchina


di MARIAGRAZIA DI RAIMONDO - Il Tribunale di Milano ha deciso di allontanare dalla famiglia una ragazza marocchina di 14 anni. La denuncia della ragazza, finita in ospedale per delle contusioni multiple e il referto medico, ha fatto sì che il Tribunale dei Minori del capoluogo lombardo ratificasse il provvedimento.

La 14enne è stata affidata ad una comunità e ha riferito che da circa 2 anni era oggetto di violenze da parte del padre, della madre e del fratello maggiore, per via del suo "vivere all'occidentale".

I genitori si sono difesi dichiarando che era per il suo bene, che per il comportamento riprovevole non andava più a scuola e tornava tardi a casa.

Milano, arrestati tre funzionari comunali


di LOREDANA CAVALLO - Arrestati due dirigenti e un funzionario del Comune di Milano nell'ambito dell'inchiesta riguardante i casi di corruzione per pilotare l'aggiudicazione di alcune gare di appalto bandite dall'amministrazione comunale a favore del Consorzio Milanese Scarl e delle imprese sue collegate. Ci sarebbero anche due casi di presunta concussione.

Nasce l'Associazione per lo Sviluppo Italia-Georgia. Il 5 maggio il primo meeting a Milano

L’associazione Onlus Haziel, che negli ultimi 5 anni si è distinta per aver organizzato numerosi eventi benefici ai quali hanno preso parte e sono state coinvolte molte aziende che hanno generosamente contribuito alle cause umanitarie e benefiche promosse, ha deciso, su sollecitazione di molti imprenditori nonché di promuovere l’apertura di un Associazione per lo Sviluppo Italia-Georgia, che funga da raccordo tra le due nazioni.

Questa associazione si propone di creare delle sinergie economiche e finanziarie tra aziende italiane e Georgia e di promuovere la cultura e il gemellaggio internazionale prendendosi cura delle aziende associate sia in termini fiscali, legali, commerciali che comunicativi.

L’organo direttivo dell’Associazione è così costituito:

Presidente: Dott.ssa Rossana RODA’ DALOISO, presidente Associazione Onlus Haziel e co-titolare della Work Consulting S.R.L. di Milano.

Vice Presidente: Giovanni BELLA, Console Onorario della Repubblica di Cipro, Vice Presidente Camera di Commercio Azera, imprenditore nel settore del trading e logistica nazionale ed internazionale.

Vice Presidente Onorario: Sen. Dott.ssa Ada Spadoni URBANI, imprenditrice nel settore dei tartufi e politica italiana.

Consigliere e Tesoriere: Dott. Cristian Licheri, commercialista con studio in Milano.

Il primo meeting dell'Associazione per lo Sviluppo Italia-Georgia in agenda si svolgerà il 5 maggio p.v. dalle ore 18:30 presso la prestigiosa sede dell’Aeronautica Militare di Milano, in Piazza E. Novelli 1. Saranno presenti ambasciatori, consoli e autorità sia italiane sia estere. Per le aziende che volessero accreditarsi e conoscere ulteriori dettagli dell’evento si prega di contattare la dottoressa Rodà Daloiso o la SpinYou Communication S.R.L. che si occupa del marketing e della sua comunicazione.

A Milano si è tenuta la cena dell’Associazione Ex Allievi della scuola militare Teulié


Grande partecipazione alla cena pre-giuramento organizzata dall'associazione Ex Allievi della scuola militare Teulié di Milano presieduta dal Dott. Gianluca Crea.

L'evento ha visto la presenza di numerosi nomi illustri. Tra questi il Generale Serino, Comandante della scuola per la formazione e la dottrina dell'Esercito Italiano; il Generale Grasso, primo Comandante della scuola nell'anno della sua riapertura; il Dott. Barbato, Comandante della polizia Locale di Milano accompagnato dalla sua consorte; il Colonnello Ficca, attuale Comandante della Scuola e il Colonnello Violante suo predecessore.

Alla serata ha partecipato anche la dott.ssa Rossana Rodà Daloiso, fondatrice e presidentessa dell'Associazione Haziel Onlus e da sempre vicina al mondo delle istituzioni, che spesso coinvolge nelle attività benefiche che porta avanti.

Milano, 20enne muore per recuperare le chiavi perse nel tombino


MILANO - Dramma nel Milanese, dove un universitario di 20 anni, Luca Adami, è deceduto nella notte tra venerdì e sabato mentre tentava di recuperare le chiavi della sua auto cadute in un tombino nel centro di Abbiategrasso. Il ragazzo ha sollevato la grata, ma è rimasto incastrato ed è stato trovato morto dai soccorritori del 118, chiamati da un passante. La tragedia è avvenuta pochi minuti dopo le 2, in via Santa Maria, nel centro storico del paese. La dinamica della tragedia è stata ricostruita attraverso le immagini di una telecamera di sorveglianza privata.

Le immagini della telecamera mostrano il giovane che passeggia da solo nella via e si infila le mani in tasca. Nel tirarle fuori perde le chiavi nel tombino, una cavità per la raccolta dell’acqua piovana di circa 50 centimetri per cinquanta, coperta da una grata in ghisa. A quel punto la vittima non esita a sollevare la protezione con le mani e a infilare un braccio nel tentativo di arrivare alle chiavi. Non riuscendoci si avvicina con la testa, che però rimane incastrata tra le pareti del tombino e i circa 30-40 centimetri di acqua e melma che provocano la morte per affogamento. L’allarme è stato lanciato intorno alle 3 da due ragazzi che passavano in zona e hanno visto il corpo del 20enne.

I Cc e i soccorriori non hanno però potuto fare altro che constatarne la morte. Sul fondo del pozzetto i militari hanno poi effettivamente trovato le chiavi dell’auto della vittima. Il giovane aveva passato la serata al pub “Castle Rock” di Abbiategrasso e stava tornando a casa.

Sole 24 Ore, perquisizioni e dieci indagati. Giornalisti in sciopero contro il direttore

(Foto IL MESSAGGERO)

di MARCO MONGELLI -  L'inchiesta sul rosso di bilancio dell'editrice del Sole 24 Ore, di proprietà di Confindustria, ha degli indagati. La procura ha ordinato perquisizioni, già eseguite dal Nucleo speciale di Polizia valutaria della Guardia di finanza, nei confronti di Benito Benedini, ex presidente del Gruppo editoriale, Donatella Treu, ex amministratore delegato, e Roberto Napoletano, direttore del quotidiano economico.

Il fascicolo, assegnato al procuratore aggiunto Fabio De Pasquale e al sostituto Gateano Ruta, è aperto per il reato di false comunicazioni sociali. Altri dirigenti del gruppo, e di società partner, sono indagati invece con l'accusa di appropriazione indebita. In questo secondo filone i fari sono puntati invece sulla società Di Source Limited, che avrebbe 'pompato' gli abbonamenti digitali.

I giornalisti hanno annunciato dopo un'assemblea straordinaria uno sciopero che "si protrarrà fino alle dimissioni del direttore": 142 i favorevoli, solo 4 i no e 10 gli astenuti.

Il direttore del Sole 24 Ore Roberto Napoletano ha intanto formalizzato la sua richiesta di autosospensione inviando una lettera al consiglio di amministrazione del Gruppo editoriale. Il cda, che è in programma per domani pomeriggio, valuterà la situazione.

L'ultima semestrale del Gruppo si è chiusa con un buco di 50 milioni. E il valore delle azioni è crollato a poco più di 30 centesimi, portando in sette anni a una perdita del 95 per cento del valore. Il sospetto - sollevato da più esposti, presentati dall'associazione di consumatori Adusbef e da alcuni giornalisti del Sole24Ore - è che almeno a partire dal 2012 i dati di diffusione del quotidiano siano stati gonfiati, di modo da falsare il mercato pubblicitario. In particolare, acquisti fittizi di oltre 100mila abbonamenti digitali sarebbero stati fatti da società in qualche modo riconducibili a manager ed ex manager del gruppo, fra cui l'anonima britannica Di Source Limited. Nei mesi scorsi, su indicazione dei pm, la guardia di finanza aveva acquisito documentazione dalla società di consulenza Kpmg, incaricata di certificare i bilanci del gruppo editoriale di Confindustria. Un'indagine parallela a quella della procura è stata aperta anche dalla Consob.

Sempre nell'ambito dell'inchiesta, lo scorso novembre la procura di Milano ha sentito Mauro Bini, professore ordinario della Bocconi, incaricato per anni dal Gruppo 24 Ore di svolgere gli impairment test (la valutazione degli attivi). Secondo uno dei tre esposti presentati alla Consob dal giornalista Nicola Borzi, l'ultima perizia di Bini sul patrimonio dell'editrice "avrebbe dato un esito iniziale negativo, nel senso che avrebbe evidenziato una svalutazione patrimoniale nell'ordine dei 50 milioni, di dimensioni comunque tali da intaccare sensibilmente il patrimonio societario" e, per tenere nascosto il crollo patrimoniale, "esponenti di rilievo e dirigenti del gruppo avrebbero chiesto all'estensore o a terzi di rivedere i risultati di questa perizia in senso non pregiudizievole alla propria stabilità patrimoniale".

La società interviene con una nota: “Con riguardo alle iniziative assunte in data odierna dall'Autorità giudiziaria di Milano, i nuovi vertici del Gruppo 24 ORE - impegnati come noto nell'azione di risanamento e di rilancio della società - ribadiscono la propria volontà a fornire agli organi inquirenti la massima collaborazione per l'accertamento dei fatti, confermando che agiranno con determinazione a tutela degli interessi della società”.

Bullismo, tavola rotonda tra istituzioni e giovani


MILANO – Il bullismo è un fenomeno sempre più pervasivo che provoca danni gravissimi sui giovani, tanto sulle vittime quanto sui “carnefici”, anche loro giovani a cui evidentemente mancano gli strumenti per relazionarsi con i propri coetanei. Le ricerche più recenti su questo fenomeno stimano che il 20% degli adolescenti italiani è stato oggetto di episodi di bullismo, soprattutto all’interno delle scuole.

Per questo motivo Rossana Rodà Daloiso, fondatrice e presidente dell’Associazione Haziel – onlus ha deciso di organizzare un incontro tra 1500 studenti dell’Istituto Superiore Giuseppe Luigi Lagrange-Gianni Brera, di Milano e Vincenzo De Feo che, reduce da un’esperienza personale con il figlio, ha scritto il libro “Prima del click”. De Feo affronta le più comuni problematiche giovanili come il bullismo, la dipendenza dall’alcol e l’abbandono scolastico.

Durante l’incontro interverrà l’Assessore all'Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Lombardia, Valentina Aprea, da sempre in prima linea nella lotta al bullismo e impegnata affinché la legge regionale in materia di prevenzione e contrasto a questo fenomeno abbia la piena attuazione.

Particolarmente significativa sarà anche la presenza del Comandante Provinciale di Milano dei Carabinieri, Colonello Canio Giuseppe La Gala, che porterà la sua testimonianza di uomo delle istituzioni.

All’incontro parteciperanno Peter Gomez, giornalista e direttore de ilfattoquotidiano.it e Sandro Neri, direttore de Il Giorno.

L’appuntamento è per venerdì 17 marzo alle ore 10.30
Istituto d'Istruzione Superiore Giuseppe Luigi Lagrange-Gianni Brera
Via Alessandro Litta Modignani, 65 – Milano

Migranti, Salvini: "in atto sostituzione etnica di italiani"


MILANO – Il caso della Caserma Montello a Milano, che ospita 300 richiedenti asilo, “è un ennesimo tentativo di sostituzione etnica in corso”. Lo ha affermato il leader della Lega nord Matteo Salvini, che ha visitato la struttura dove sono alloggiati 230 uomini, 60 donne e 10 minori. “Mentre escono i dati che vedono gli italiani far sempre meno figli ed emigrare – ha aggiunto – si offre di tutto di più, colazione pranzo e cena, computer, telefono e partite di pallone, a persone che stando ai dati delle prefetture non stanno scappando dalla guerra”.

“La prefettura di Brescia – ha aggiunto Salvini – ha respinto il 75% delle domande presentate, vuole dire che il 75% sono clandestini. A Milano siamo al 60%. Quindi il problema è un traffico di carne umana che agli italiani costa 4 miliardi di euro, che non scappa dalla guerra, ma campeggia a spese degli italiani. Non me la prendo con questi immigrati, ma con lo Stato che finanzia questa invasione, un attentato ai danni del suo popolo”.

“Noi abbiamo la testa dura – ha concluso Salvini – e continueremo a denunciare fino a che non verrà bloccato questo flusso. Ora siamo all’opposizione a livello nazionale, quando diventeremo maggioranza ci faremo carico di smantellare questa situazione”.

Caso Levato: è stata confermata l'adottabilità del figlio

(Foto REPUBBLICA)

di ILEANA CIRULLI - La Corte d'Appello di Milano ha confermato l'adottabilità del figlio di Martina Levato, nato nell'agosto del 2015. L'ex studentessa bocconiana è da due anni in carcere e condannata a scontare una pena di 20 anni per aver attuato aggressioni mediante l'utilizzo dell'acido. Ad ottobre, il Tribunale per i minorenni aveva dichiarato il piccolo adottabile e aveva stabilito che nè i genitori, nè il resto della famiglia potevano avere rapporti con il bimbo. I giudici minorili avevano colpevolizzato la “mancanza di capacità critica e di riflessione rispetto alle proprie fragilità da parte di tutti i familiari, che costituisce un elemento ostacolante per ogni possibile futuro miglioramento della relazione” con il bambino.

I giudici della Sezione Minori e Famiglia hanno respinto i ricorsi della giovane e dell'ex amante Alexander Boettcher, anche lui in carcere per gli stessi reati, confermando la decisione di tenere lontana la coppia dal figlio. La difesa della Levato aveva anche chiesto che lei e il piccolo fossero trasferiti all’Icam - Istituto di custodia attenuata per madri detenute - oppure l’affido a un’altra famiglia, con annessa la possibilità di programmare degli incontri tra madre e figlio. Ma nessuna di queste richieste ha convinto la Corte.

"Non smetterò mai di lottare per il mio bambino", aveva affermato la ragazza davanti ai giudici, quindi è probabile che il caso finirà in Cassazione.

"Da me solo aiuto". Marco Cappato indagato per la morte di Dj Fabo

(Foto ANSA)

di ILEANA CIRULLI - Appena tornato dalla Svizzera, dove aveva accompagnato Fabiano Antoniani alla Dignitas, la clinica dove viene praticato il suicidio assistito, Marco Cappato è subito andato ad autodenunciarsi. Quindi, l’esponente dei Radicali è stato inserito nella lista degli indagati per aver violato l’articolo 580 del codice penale, cioè per istigazione o aiuto al suicidio, che prevede una pena che va dai 5 ai 12 anni di reclusione. Adesso gli inquirenti dovranno svolgere accertamenti e la pm di Milano, Tiziana Siciliano ha intenzione di interrogare nuovamente Cappato, ma alla presenza di un legale. Durante l'interrogatorio dell'altro giorno, il politico radicale ha cercato di spiegare le motivazioni della sua scelta ai carabinieri di Milano, rimanendo fedele alla battaglia per il diritto a una morte dignitosa, che lui stesso affronta con l'associazione Luca Coscioni. E riferendosi alle tante altre persone che, come Dj Fabo, si sono rivolte a lui per essere aiutate a realizzare questo genere di morte volontaria, ha affermato: "Questo aiuto da parte mia ci sarà". L'indagato era consapevole delle conseguenze, ma si difende: "ovviamente non c’è stata nessuna istigazione al suicidio di Fabo". Ad ogni modo, il procuratore capo, Francesco Greco, ha spiegato che durante l'indagine si terrà conto anche della giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell'uomo.

Prima dell'ultimo viaggio in Svizzera, Fabiano ha affermato di essere giunto a questa scelta "senza l'aiuto del suo Stato". Dopo la sua morte, le polemiche hanno riguardato anche la legge sul fine vita, ferma in Parlamento. Ma c'è una novità: la discussione di questa legge è prevista alla Camera per lunedì 13 marzo.

Mauro Tummolo: "Non smetto mai di sognare’


di ALESSANDRO NARDELLI - Dopo il grande successo dell’evento ‘Vittima Tribute Modà’ che si è svolto il 24 Febbraio presso il Teatro Pime di Milano, il cantautore lucano Mauro Tummolo, presenta al pubblico il suo nuovo progetto discografico ‘Parto da qui’, un lungo viaggio per scoprire il mondo di un artista che non smette mai di credere nei propri sogni.

L’EP, composto da sei tracce, è stato pubblicato per la Like Music ed è stato registrato presso l’Auditoria Records del produttore Aki Antonio Chindamo. ‘Parto da qui’ – spiega l’artista – è un mix di emozioni e sensazioni che ho vissuto nell’arco della mia vita. Ringrazio per la collaborazione la LIkeMusic di Gianni Bientinesi, il quale ha creduto molto nel mio progetto per far sì che venisse pubblicato’’.

I ringraziamenti per il concerto vanno a: Teatro Pime di Milano, la band di Mauro Tummolo, FixForb, LikeMusic, Service Audio Luci Denny Ferrari, Marino Cuccato Photographer e ad Aki Antonio Chindamo della nota etichetta discografica Auditoria Records.

Cosa racconta 'Parto da qui'?
Praticamente racconta quello che è successo negli anni della mia carriera finora.Ascoltandolo per intero il disco il messaggio è chiaro:restare sempre coi piedi per terra ma senza smettere mai di sognare e descrivere ogni attimo la realtà che vivi. Il mio grazie va alla LikeMusic che come me ci ha creduto sin dall'inizio per la pubblicazione dell'album.

Qual è il messaggio che vuoi mandare con le tue canzoni?
Di restare umili ed essere se stessi sempre senza cambiare mai la propria persona per far si che gli altri ti possano amare cosi per come sei.

Stai pensando al prossimo singolo?

Sì, sono in attesa di sapere se qualcosa di forte questa volta potrebbe accadere.Magari chissà una collaborazione mirata e che il brano possa diventare un tormentone.

Adesso cosa ti aspetti?

Non voglio fermarmi perchè le belle sensazioni che sono nell'aria voglio raccoglierle tutte.

Cosa ci anticipi del tour?
A maggio partirà dal sud, ovviamente senza tralasciare quello che sto costruendo al nord, un lungo tour dove presenterò i miei brani.

Addio a Leone di Lernia, anima dello Zoo di 105


MILANO - Scomparso a 78 anni nella sua casa milanese il famosissimo comico pugliese Leone di Lernia, uno dei creatori e principale anima del programma radiofonico lo Zoo di Radio 105. Ne ha dato notizia il il figlio Davide su Facebook annunciando ""R.I.P. LEONE DI LERNIA. Un male incurabile l'ha portato via, ma non ha portato via il suo spirito che rimarrà nei nostri cuori. La famiglia Di Lernia ringrazia tutte le persone che l'hanno amato e i suoi fans. Grazie di essere esistito. Ti amo Davide".Di Lernia era noto per le sue parodie e le rivisitazioni goliardiche di famose canzoni dance che ne avevano fatto un vero e proprio personaggio di culto nel mondo musicale trash.

Il presidente della regione Puglia Michele Emiliano, appresa la notizia ha affermato: "Esprimo profondo cordoglio per la scomparsa di Leone di Lernia, artista pugliese amato da tanti, tantissimi italiani. Ha fatto cantare e sorridere generazioni di suoi fan, con il suo tratto umano e artistico assolutamente unico. Alla moglie, alla famiglia e a quanti lo hanno seguito con affetto nella sua lunga carriera musicale giunga l'abbraccio della Regione Puglia".

“Milano Ladies Night” L’evento di La Martina durante la Settimana della Moda


Giovedì 23 Febbraio 2017, nel clou di uno dei periodi più vivi, importanti e glamour per Milano, la Fashion Week, La Martina darà il suo contributo con il lancio della “Milano Ladies Night”, una serata che vuole celebrare le donne e la moda. L’evento avrà luogo nel flagship store La Martina di via Pietro Verri 4, nel cuore del Quadrilatero e da sempre fulcro delle attività del brand nella capitale della moda, che accoglierà per l’occasione i propri ospiti dalle 19:30 alle ore 21:30.​

“Milano Ladies Night” rappresenta il primo di una serie di eventi in co-branding realizzati dalla boutique, a cui contribuiranno importanti partner per rendere la serata davvero indimenticabile. Il catering, preparato da uno Chef stellato, sarà curato da My Cooking Box, fondato da Chiara Rota, ideatrice di food box per la realizzazione di ricette dagli ingredienti di altissima qualità. Il beverage sarà offerto da La Collina dei Ciliegi, importante casa vinicola fondata da Massimo Gianolli e Stefano Falla.

A completare la serata, la presentazione del social network iLoby di Christian Illàn, un progetto tutto nuovo che aggiungerà concetti importanti ed innovativi alla nostra idea di social.

Milano Ladies Night – Giovedì 23 Febbraio

La Martina Flagship Store

Via Pietro Verri, 4 – Milano

dalle 19.30 alle 21.30