Visualizzazione post con etichetta LOMBARDIA. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta LOMBARDIA. Mostra tutti i post

Donna uccisa a Milano: fermato compagno

(Pixabay)
MILANO - E' stato fermato nella notte un uomo di 48 anni per l'omicidio di Roberta Priore, la 53enne trovata ieri pomeriggio senza vita nel proprio appartamento in via Piranesi 19, a Milano. Si tratta del suo compagno, bloccato all'uscita del palazzo dagli agenti accorsi su richiesta della figlia della vittima che non aveva sue notizie da due giorni.

Arte in stazione: a Milano al via il bando per la Stazione Milano Porta Garibaldi

MILANO. È partito a Milano il bando "cosìMIpiace Leonardo", che chiama all'appello street artist, scuole e gruppi per abbellire la stazione Milano Porta Garibaldi. Sarà la figura di Leonardo da Vinci, nell'anno in cui si ricordano i 500 anni dalla scomparsa, che ispirerà artisti, scuole, comunità, gruppi di giovani e singoli cittadini per portare una nuova ondata di colore sulla lunghissima parete che divide la zona nord della stazione Milano Porta Garibaldi dal quartiere Isola.
I volontari del progetto 'cosìMIpiace', che già in passato, insieme a tanti street artist, hanno abbellito la stessa stazione con il precedente progetto EscoAdIsola.it, hanno pubblicato, come sempre in collaborazione con Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane), un nuovo bando sul sito www.cosimipiace.it.
Il bando è rivolto ad artisti e gruppi che potranno ispirarsi ai molteplici aspetti del personaggio che ha lasciato un segno importante nella storia di Milano: Leonardo come artista, Leonardo come genio, Leonardo come indagatore ed osservatore, Leonardo come innovatore e personaggio illustre di Milano.
Novità assoluta di questa edizione è l’apertura a scuole, centri di aggregazione per giovani, comunità locali, gruppi anche non costituiti formalmente che in un’ottica di collaborazione in rete hanno un’opportunità unica ed organizzata di abbellire con la loro opera una zona di Milano molto particolare e che sta vivendo profondi cambiamenti.
Curatore artistico del Community Street Art Day - Milano Porta Garibaldi 2019, sarà l’immancabile Gregorio Mancino, in arte Greg, che con le sue particolari doti unirà l’espressione di artisti affermati con volenterosi cittadini per poter esclamare tutti insieme "Così MI Piace!".
Le candidature degli artisti con relativo bozzetto dovranno pervenire entro il 15 aprile 2019, data di nascita di Leonardo da Vinci, per i gruppi la scadenza è estesa al 26 aprile 2019. I materiali saranno forniti dall’organizzazione.
La data di svolgimento del Community Street Art Day è prevista per sabato 8 giugno 2019.
Due particolari bonus nel bando: "consegna prima" per chi invierà la candidatura entro il 30 marzo, e "porta un amico" per chi ha già partecipato e fa girare la voce. La speciale classifica darà una priorità di scelta dello spazio da dipingere.
Il bando completo e la scheda di partecipazione è pubblicata sul sito www.cosimpiace.it. Per ulteriori informazioni si può scrivere anche alla mail staff@cosimipiace.it.

SUL PROGETTO COSIMIPIACE - Il progetto, ideato e realizzato dall’Associazione di Filosofia, Cultura e Volontariato "Nuova Acropoli", è frutto di una proficua collaborazione con Rete Ferroviaria Italiana  (Gruppo FS Italiane) del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, nata nel 2011 e tesa a promuovere il recupero di spazi urbani anonimi e grigi, spesso preda di atti vandalici, in luoghi colorati nei quali l’arte pittorica diviene veicolo di valori e spunto di riflessione, trasformandoli in gallerie d’arte, luoghi di bellezza, di senso e di incontro nel contesto cittadino.
"CosìMIPiace" raccoglie le energie di artisti emergenti e non, che trovano in esso spazi ed occasioni per donare la propria arte.
Ad oggi il progetto ha portato alla riqualificazione degli spazi delle stazioni ferroviarie di Porta Garibaldi, Porta Genova, Greco Pirelli, Romolo,  San Cristoforo e Corsico.

ASSOCIAZIONE NUOVA ACROPOLI - Nuova Acropoli è una associazione che si occupa di filosofia, cultura e volontariato, presente a Milano dal 2009. Promuove, soprattutto tra i giovani, un impegno civico che porti a migliorare se stessi e l'ambiente, nella convinzione che l’esempio ed il coinvolgimento attivo siano metodi efficaci per essere cittadini responsabili. Accanto al progetto "CosìMIPiace", l’Associazione Nuova Acropoli si occupa, tra le altre cose, della promozione della cultura attraverso incontri e conferenze di argomento filosofico, del contrasto all’abbandono scolastico (progetto PASS), delle attività di protezione civile.
Per saperne di più visitare i siti dell’associazione www.nuovaacropoli.itwww.cosimipiace.it, e  www.progettopass.it. Per informazioni scrivere a staff@cosimipiace.it.

Giallo Imane: pm a obitorio, "Non farla vedere a nessuno"

MILANO - "Non farla vedere a nessuno". E' quanto, secondo l'Ansa, sarebbe scritto sul fascicolo dell'obitorio di Milano dove si trova il corpo di Imane Fadil, una delle testi chiave del processo Ruby, morta il primo marzo e nel pomeriggio di quello stesso giorno trasferita dalla clinica Humanitas all'obitorio.

Il cadavere della modella di 34 anni di origini marocchine è da oltre due settimane 'blindato' in attesa dell'autopsia.

Sono risultati tutti negativi i test sui veleni più comuni sul corpo della marocchina, in particolare l'arsenico: è quanto risulta dalle cartelle cliniche ora in mano alla Procura di Milano che indaga per omicidio volontario

Dalle cartelle inoltre emerge che la modella non aveva nemmeno la leptospirosi. Le analisi per appurare al presenza di veleni sono state svolte dal Centro Antiveleni di Niguarda e per la leptospirosi dalla stessa Humanitas.

Berlusconi: "Mai conosciuto Fadil"

POTENZA - La Procura di Milano indaga per omicidio volontario per la morte di Fadil, la modella teste chiave nel processo Ruby. La donna è morta per un "mix di sostanze radioattive", secondo quanto emerso dagli esami tossicologici.  

"Spiace che muoia sempre qualcuno di giovane. Non ho mai conosciuto questa persona e non le ho mai parlato": è la replica del leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, a Melfi (Potenza) a chi gli chiedeva un commento sulla morte di Imane Fadil, testimone nel processo cosiddetto Ruby.  Quello che ho letto delle sue dichiarazioni - ha continuato Berlusconi - mi ha fatto sempre pensare che fossero tutte cose inventate e assurde".

Intanto il Centro Antiveleni dell'Irccs Maugeri di Pavia, che si è occupato del caso precisa che "non identifica radionuclidi e non effettua misure di radioattività". E che la consulenza tossicologia richiesta dalla clinica dove era ricoverata Fadil riguardava "il dosaggio dei metalli". 

'Ndrangheta: 19 arresti in Lombardia

ROMA - Maxi-blitz dei carabinieri contro la ‘ndrangheta in Lombardia. Dalle prime luci dell'alba, i carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Bergamo stanno dando esecuzione a 19 provvedimenti cautelari emessi nei confronti di appartenenti a un sodalizio ‘ndranghetistico operante nella regione. Gli arresti sono in corso contestualmente in diverse località di Lombardia e Calabria. 

Le indagini, coordinate dalla direzione distrettuale antimafia di Brescia, hanno accertato come gli indagati fossero dediti alle estorsioni e al recupero crediti nonché alla commissione di danneggiamenti a mezzo incendio e al riciclaggio.

Ucciso e murato: quattro fermi a Monza


MONZA - Sono quattro gli italiani fermati con l'accusa di aver ucciso e murato Lamaj Astrit, l'albanese scomparso nel gennaio 2013, a Genova, successivamente ritrovato in una cavità nascosta da una parete.

I carabinieri, coordinati dalla Procura di Monza, hanno potuto ricostruire le responsabilità dei quattro italiani, accusati di omicidio ed occultamento di cadavere, distinguendo fra loro il mandante e gli esecutori materiali del gesto.

I quattro - fermati a Muggiò, Enna e Genova avrebbero murato il corpo di Astrit per vendicare un furto di preziosi e l'interruzione di una relazione sentimentale con una persona a loro cara. Estraneo ai fatti, invece, il proprietario dell'abitazioni di Senago, in provincia di Monza, dove sono stati rinvenuti i resti della vittima.

Milano: inaugurata la XXII Esposizione Internazionale della Triennale

MILANO. Novità nella città di Milano: inaugurata il 28 febbraio la XXII esposizione internazionale della triennale di Milano, intitolata "Broken Nature: Design Takes on Human Survival".
Il presidente della repubblica Mattarella è stato applaudito a lungo. 
La tematica della mostra è stata il rapporto uomo-natura, in cui hanno partecipato tante nazioni tra cui la Tunisia rappresentata da un gruppo di giovani architetti che hanno realizzato con la sabbia il "cuore della terra", un'opera difficile da spiegare ma bellissima da vedere.
Presenti anche l'Ambasciatore Console generale di Tunisi a Milano, Nasr Ben Soltana, la presidente del centro di formazione italiano in Tunisia e di Asigitalia, dottoressa Rossana Rodà, e il dottor Massimo Gaudina presidente commissione europea in Lombardia. 


Presente, inoltre, una delegazione slovena capitanata dal console Camisasca Gianvico. Si precisa che la Slovenia ha ottime relazioni con l'area del Mediterranea per il turismo.
"Anche l'arte si occupa e si preoccupa di tutelare l ambiente attraverso il riciclo dei materiali. Anche le aziende si stanno formando a lanciare il progetto di sostenibilità" dichiara la dottoressa Rodà "Da una parte si investe nella ricerca dei processi di produzione sostenibili, in quanto le imprese sono più attente alle tematiche ambientali, dall'altra permette alle aziende di ridurre i costi".

Settimana della Moda Internazionale a Milano con Domenica Pace (Nicholl Peace)

MILANO. In passerella per l’International Fashion Week di Milano, grandi maison dove trovano gran spazio anche nuovi brand stranieri provenienti da tutto il mondo.

Tanti gli eventi che hanno animato la Fashion Week: esposizioni, sfilate,party esclusivi con tanti ospiti d’eccezione. Per quanto riguarda le novità, sul fronte si sono visti gli accessori di Giusy Donini ispirati a tendenze globali come la Cina,il Messico.

Foto in real time, looks,outfit con creazioni di vari stilisti che ci ha regalato grandi novità in extremis. Presso l’hotel Melià di Milano ancora una volta,protagonista è stata la moda ma tra volti conosciuti di Influencer abbiamo intravisto Domenica Pace (Nicholl Peace), invitata dall’Opulence di Dubai e da una stilista a lei molto cara.

Essa è capitata non a caso il sabato a Milano, dove si è concentrato il maggior numero di sfilate. Già sveglia alle 06:00 del mattino per i preparativi  ma quanto detto dalla stilista Ivana Todaro, al pubblico si è presenziata intorno le 17:00 così come era stato previsto dal programma Fashion Week. Non le sono mancate foto ed immagini a bordo passerella dove ha mostrato un primo abito maculato con scarpe abbinate ed in seconda uscita un abito con paillettes argentato, cioè piccolissimi dischi di materiale plastico colorato che le davano ancora più luce, con trasparenze e pochette abbinate. Tra l’altro il giorno dopo,le sue foto apparse sui vari social e condivise proprio da tutti sono stati il modo migliore per scoprire i dettagli delle collezioni autunno-inverno 2019-2020,come ad esempio le scarpe indossate, i bijoux. La parte più interessante della collezione mostrata ed esibita dalla medesima,sono state le scarpe e i suoi orecchini a frange stie Crystal.

Gli occhi sono ricaduti anche sulla pelliccia ecologica gialla, esibita e volteggiata in passerella, dove ha mostrato la sua idea di leggerezza presentando una pelliccia oversize, calda avvolgente e con il colore dell’anno "il giallo". Una tendenza che ha fatto comodo a lei essendo freddolosa nei lunghi periodi d’inverno.

Lunga fino al ginocchio ,dalla forma morbida e dai volumi esagerati ,nella versione per così dire classica,declinando la nuance del giallo ocra. Un modello abbordabile con manica lunga e pelo rasato in un dolcissimo color giallo ocra e con lievi sfumature sul caramello. Stavolta si è mostrata romantica,elegante e piuttosto con qualche accessorio in meno rispetto alla sua quotidianità. Consigli della sua stilista o della consulente d’immagine?e chi lo sa!Una cosa è certa,al termine di ciò stranamente, non ha disertato il suo cocktail ma è rimasta in compagnia di Daniele Bassoli suo fotografo,della stylist e dell’intero team dell’Opulence di Dubai. Di certo la rivedremo a Paris con uno dei suoi nuovi look imperdibili. 

Abusava di minori, arrestato finto medico

MILANO - Abusava di ragazze minorenni spacciandosi sulla rete per un medico. La Polizia di Stato ha eseguito nei giorni scorsi un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di un 50enne per aver compiuto abusi sessuali nei confronti di ragazze minorenni in provincia di Monza, spacciandosi per medico, dopo aver instaurato con loro un legame attraverso conversazioni su piattaforme di messaggistica online. A renderlo noto stamani la Questura di Milano. Non si conoscono al momento altri particolari sulla vicenda.

Milano, killer uccidono in scooter 63enne

MILANO - Momenti di paura nell'hinterland milanese. Due killer a bordo di uno scooter hanno eseguito un agguato a Rozzano: l'intenzione era quella di non lasciare scampo ad Antonio Crisanti, il 63enne crivellato nei pressi del supermercato "il Gigante" intorno alle 6. Al via le indagini dei carabinieri di Corsico, che stanno cercando di risalire ai responsabili e al movente dell'omicidio. La vittima, nata e residente a Napoli, risulta avere precedenti, ed è anche su questi che si concentra l'attenzione dei militari.

Gatto trafitto da freccia: indagini nel Bergamasco

BERGAMO - Si è temuto il peggio per le sorti di un gatto a cui è stata mirata una freccia con una balestra in un gioco dell'orrore. Il dramma si è sfiorato a Seriate (Bergamo) dove un gruppo di veterinari è riuscito comunque a salvare l'animale e denunciare l'accaduto ai carabinieri. Secondo le ricostruzioni dei veterinari, ieri mattina nel loro studio di Seriate si è presentato un signore che aveva trovato nel suo giardino di casa un gatto trafitto da una freccia di balestra. 

Dopo una delicata operazione i medici veterinari sono riusciti a rimuovere la freccia e salvare il gatto, che rimarrà qualche giorno alla Clinica Veterinaria Villa Francesca di Seriate. Il micio è stato già adottato dall'uomo che l'ha ritrovato in giardino. Indagini dei militari per risalire al colpevole dell'assurdo gioco.

Formigoni si è costituito in carcere

MILANO - Roberto Formigoni si è costituito nel carcere di Bollate, accompagnato a suo avvocato Mario Brusa.

L'ex governatore della Lombardia, Roberto Formigoni, è stato condannato ieri a 5 anni e 10 mesi in via definitiva per corruzione. Processato per il crac delle fondazioni Maugeri e San Raffaele, andrà in carcere. Stamani il sostituto procuratore generale di Milano Antonio Lamanna ha firmato l'ordine di esecuzione della pena per l'ex governatore lombardo, condannato ieri in via definitiva dalla Cassazione a cinque anni e dieci mesi nel processo per il caso Maugeri-San Raffaele. Ad eseguire il provvedimento sono stati delegati i Carabinieri, e sarebbe stato indicato come carcere la struttura di Bollate (Milano).

Formigoni condannato a 5 anni e 10 mesi in Cassazione: finirà in carcere

MILANO - L'ex governatore della Lombardia, Roberto Formigoni, è stato condannato a 5 anni e 10 mesi in via definitiva per corruzione. Per il 'Celeste' il pg aveva chiesto la "massima pena" e cioè la conferma della condanna a 7 anni e 6 mesi, oltre all'interdizione perpetua dai pubblici uffici. La Cassazione ha confermato la condanna, ma con uno sconto, dovuto agli effetti della prescrizione.

Processato per il crac delle fondazioni Maugeri e San Raffaele, Formigoni andrà in carcere. 

Il verdetto è arrivato dopo poco più di tre ore di camera di consiglio e la dura requisitoria del procuratore generale della Cassazione Luigi Birritteri, che ha sottolineato l'"imponente baratto corruttivo" che ha visto il 'Celeste' tra i protagonisti.

Non appena verrà trasmesso il dispositivo della sentenza della Cassazione, il sostituto pg Antonio Lamanna, titolare del fascicolo, emetterà l'ordine di esecuzione della pena. Ordine che verrà immediatamente eseguito a meno che, come probabile, Formigoni non si costituisca spontaneamente. 

Umberto Bossi ricoverato d'urgenza a Varese


VARESE - L'ex leader della Lega Umberto Bossi è ricoverato in ospedale a Varese in seguito a una caduta nella sua abitazione di Gemonio. A riferirlo alcune fonti del partito di via Bellerio. Il fondatore della Lega, 77 anni, ha battuto la testa.

È stato soccorso nel pomeriggio da un'ambulanza proveniente da Cittiglio, dove era stato portato l'11 marzo del 2004, quando fu colpito dall'ictus che lo paralizzato parzialmente. Il senatur è poi stato intubato e trasferito in elisoccorso a Varese.

Milano, auto contromano in tangenziale: 1 morto e 4 feriti


MILANO - Schianto mortale nella notte a Milano, dove un'auto ha imboccato contromano la Tangenziale Est a Cascina Gobba intorno alle 3.30, scontrandosi con altri due veicoli. Uno dei conducenti, un uomo di 52 anni, è morto sul colpo, mentre altre quattro persone sono rimaste ferite e sono state portate in ospedale; le loro condizioni sono gravi ma non sarebbero in pericolo di vita. Ad intervenire sul posto i Vigili del Fuoco, la polizia stradale e le ambulanze del 118.

Tassista eroe ucciso: in manette pirata della strada


MILANO - In manette un 26enne con l'accusa di essere il responsabile dell'incidente sulla Milano-Meda che il 13 gennaio costò la vita a un tassista. Eugenio Fumagalli, 47 anni, si era fermato per soccorrere due ragazzi intrappolati in una utilitaria speronata dal giovane arrestato la notte scorsa. Erano le 3:30 quando il 47enne, che stava tornando a casa a fine turno, si era fermato sulla Sp35, lungo la carreggiata nord della strada nel comune di Cesano Maderno, allo svincolo Binzago, ma era stato a sua volta travolto e ucciso da un'auto.

Donna carbonizzata: confessa l'ex amante del marito

BRESCIA - Nuovo femminicidio nel Bresciano. La Procura di Brescia ha disposto il fermo della 44enne Chiara Alessandri, ritenuta la responsabile del delitto di Stefania Crotti, il cui corpo è stato trovato venerdì sera carbonizzato nelle campagne di Erbusco nel Bresciano.

La donna fermata è l'ex amante del marito della vittima, Stefano Del Bello. L'uomo sarebbe estraneo al delitto della moglie. Tutti i protagonisti della vicenda sono residenti a Gorlago.

La Alessandri ha ammesso di aver ucciso la Crotti ma non di aver bruciato il corpo. Il difensore della donna fermata ha spiegato che l'incontro tra le due "c'è stato" ma che la sua assistita "non aveva alcuna intenzione di uccidere. Non aveva premeditato nulla".

Muore l'anziana moglie, si spegne 24 ore dopo per lo sconforto

PAVIA - Una storia d'amore che commuove quella di Cava Manara, in provincia di Pavia. Protagonisti una donna di 97 anni, Elsa Rossi, morta qualche giorno fa e suo marito di 92, Ermete Vicedomini. L'amore scoccò nei lontani anni '50 e, da allora, sono divenuti inseparabili sino al triste epilogo degli scorsi giorni. Dopo un anno di fidanzamento due si sposarono e abitano a Rivarolo, vicino al posto di lavoro di lei e poco distante da dove era cresciuto lui.

Elsa ed Ermete erano la classica coppia inseparabile, che se uno non sente l’altro non sta bene. L'idillio d'amore si suggella il giorno di Natale del 1957: nasce Daniela, la loro unica figlia. Quando l’età è diventata un bel fardello, l’addio alla Valpolcevera per trasferirsi a Villa Gruber, a Castelletto. Per stare vicino alla nipotina. Stessa felicità, stesse attenzioni.

È stata la figlia Daniela a dire al padre che mamma non c’era più, che si era spenta e che non sarebbe più tornata a casa. L’anziano, pur facendo un semplice cenno col capo, era tormentato. «Gli avevo detto che, in caso di cattivo tempo, non sarebbe dovuto venire in chiesa per il funerale. Volevo evitare che si prendesse un malanno», racconta Daniela. E il genitore ha fatto un altro cenno con la testa, ma senza rassegnarsi in alcun modo. Intorno alle 14 il dramma improvviso: chi lo accudiva lo ha visto con la testa china. È andato per soccorrerlo e ha capito che il cuore si era fermato. Una telefonata ai familiari, il vano tentativo di rianimarlo. Era infatti troppo forte il dolore per aver perso la sua Elsa, tale da volerla raggiungere sino in cielo.

Davide Lippi aggredito da tre uomini


di PIERO CHIMENTI - Davide Lippi, figlio dell'ex CT azzurro Marcello, è stato aggredito vicino alla propria abitazione in zona Sempione a Milano da tre uomini con il volto coperto che lo avrebbero anche minacciato di morte. Il procuratore sarebbe riuscito a trovare una via di scampo rifugiandosi in dei box condominiali, mentre i tre aggressori sono fuggiti con due scooter. Sul caso indagano i carabinieri.

Terrorismo: 15 fermi a Palermo e Brescia


PALERMO - Scacco al terrorismo con l'operazione "Abiad", coordinata dalla procura di Palermo e condotta dai carabinieri del Ros, nelle province di Palermo, Trapani, Caltanissetta e Brescia. I militari hanno eseguito un fermo di indiziato di delitto nei confronti di 15 indagati. Le accuse vanno dal terrorismo e associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

In particolare il traffico di uomini era molto attivo tra Tunisia e Mazara del Vallo. Ad essere fermati, gli organizzatori della tratta, ma è ricercato il capo dell'organizzazione accusato di aver fatto sui social, su Facebook, propaganda jihadista. La tariffa sarebbe stata di 5 mila dinari, che raddoppiava per coloro che in Tunisia erano latitanti per reati anche di terrorismo.

Le accuse vanno, a vario titolo, dall'istigazione a commettere più delitti in materia di terrorismo all'associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e al contrabbando di sigarette; oltre ad episodi di ingresso illegale di migranti clandestini nel territorio nazionale e all'esercizio abusivo di attività di intermediazione finanziaria, reati questi aggravati dall'averli commessi avvalendosi del contributo di un gruppo organizzato impegnato in attività criminali in più di uno Stato. Un pentito avrebbe parlato di "rischio esercito kamikaze in Italia".