Visualizzazione post con etichetta LAZIO. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta LAZIO. Mostra tutti i post

Roma, tentato stupro a una barista

di PIERO CHIMENTI - Una barista di 50 anni di Monte Mario è stata aggredita da un extracomunitario, dopo che poco prima era stato allontanato dalla donna per essersi denudato nel locale. La violenza è scattata quando la la vittima stava sistemando le ultime cose nel bar per procedere alla chiusura. Portata con la forza nel retrobottega l'uomo le ha strappato i vestiti di dosso mentre teneva stretto ai suoi denti il mignolo della donna per evitare che potesse scappare.

Solo la prontezza della vittima che ha sferrato una gomitata con tutte le sue forze all'aguzzino ha impedito che la situazione potesse ancor di più degenerare. Soccorsa è stata trasportata al Gemelli per ricevere le cure del caso, mentre la polizia sta cercando il presunto stupratore che risulterebbe di nazionalità tunisina e cugino di uno dei clienti che si erano presentati al bar quella sera.

Atterraggio shock all'aeroporto di Roma: aereo torna indietro e atterra con le gomme a terra

ROMA - Un aereo di Alitalia in volo da Roma Fiumicino a Ginevra, l'AZ568, è tornato indietro ieri poco dopo il decollo, avvenuto intorno alle 21,27, a causa del danneggiamento di uno pneumatico. Il comandante, come da procedura, ha chiesto l'atterraggio di emergenza, attivando quindi preventivamente i mezzi di soccorso. Il velivolo è atterrato regolarmente e i passeggeri sono sbarcati normalmente dalle scalette dell'aeroporto. Non sono stati segnalati feriti.

Tutti i passeggeri sono stati in grado di lasciare l'aereo normalmente ed imbarcati su altro aereo che è atterrato all'aeroporto di Ginevra con due ore di ritardo, alle 01:30. L'arrivo era previsto alle 23:00. E' evidente, commenta Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” che ci sono troppi incidenti sfiorati.

Mafia Capitale: 14 anni a Carminati e 18 a Buzzi in appello, riconosciuta aggravante mafiosa

ROMA - La sentenza in appello del processo "Mondo di Mezzo" nella quale è stato riconosciuto l'aggravante del metodo mafioso. Ridotta la pena rispettivamente a 18 e 14 anni per Buzzi e Carminati.

Roma, esplosione in villetta a schiera: 1 morto

ROMA - Attimi di paura nella notte nella capitale dove un'esplosione si è verificata in una villetta a schiera a Santa Marinella, sul litorale romano. Il corpo carbonizzato di un italiano di circa 50 anni è stato estratto dalle macerie. Al lavoro i soccorritori per escludere la presenza di altre vittime. Lo scoppio ha provocato ingenti danni all'abitazione e a parti di quelle adiacenti.

Roma violenta, calci e pugni durante rapine: 2 arresti

ROMA - Sono due le rapine messe a segno a distanza di tre giorni nella zona adiacente la stazione Termini. Nella prima, la vittima era stata aggredita brutalmente con calci e pugni. Grazie all'indagini, sono finiti in manette due rapinatori (si cerca un terzo, già identificato). Il modus operandi era lo stesso: aspettavano le vittime all'uscita di un noto fast food di via Giolitti, dopo di che, con la complicità di altri giovani, si accanivano brutalmente contro di queste.

Gli agenti hanno preso visione delle telecamere di videosorveglianza presenti nella zona e grazie anche al riconoscimento fotografico sono riusciti a identificare i tre responsabili delle rapine. Si tratta di tre giovani nord africani.

Il secondo episodio invece, è avvenuto il 7 agosto, nella medesima località. I due giovani, dopo essersi avvicinati a una coppia, hanno aggredito il ragazzo strappandogli la collana che aveva al collo e poi si sono dileguati. Convalidato il fermo per i due, ora dovranno rispondere di rapina aggravata in concorso. Proseguono le indagini per l'identificazione dei complici.

Attacco Mattarella su Twitter, indaga la Procura

ROMA - Nei prossimi giorni la Procura di Roma aprirà un fascicolo d'indagine sugli attacchi via social contro il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, durante la fase politica più concitata che ha preceduto la formazione del nuovo governo, quella della nomina al ministero dell'Economia di Paolo Savona, fermata dal capo dello Stato.

I pm che si occupano di antiterrorismo per procedere attendono l'arrivo di un'informativa della Polizia postale. Il sospetto degli inquirenti è che dietro l'attacco informatico possa esserci la regia di troll russi.

Il caso era stato svelato dal Corriere della Sera sabato mattina. Il quotidiano di Via Solferino ha ricorda come quella notte migliaia di profili Twitter cominciarono improvvisamente a bombardare la Rete con la stessa parola d'ordine: #MattarellaDimettiti, dopo che Luigi Di Maio aveva appena chiesto la messa in stato d'accusa del presidente della Repubblica.

L'indagine sarà affidata al pool di magistrati che si occupa dell'antiterrorismo. A piazzale Clodio è attesa un'informativa della polizia postale.

La vicenda riguarda ciò che è avvenuto la notte tra il 27 e il 28 maggio scorso, proprio nelle ore in cui Mattarella espresse il suo "no" alla candidatura di Paolo Savona come ministro dell'Economia. Su twitter si registrarono in pochi minuti circa 400 nuovi profili, tutti riconducibili ad un'unica origine, dai quali partirono migliaia di messaggi di insulti e di inviti alle dimissioni nei confronti del Presidente della Repubblica.

L'ipotesi è che dietro questi attacchi simultanei possano esserci operatori russi specializzati in troll, soggetti anonimi che sui social lanciano messaggi provocatori. Di questa vicenda si occuperà lunedì anche il Copasir, con l'audizione del direttore del Dis, Alessandro Pansa.

Aprilia: caccia all'uomo si trasforma in pestaggio fatale

LATINA - Tragedia ad Aprilia, alle porte di Latina, dove la caccia all'uomo sfocia nel sangue: un marocchino di 43 anni, creduto un ladro - e nella sua auto vengono effettivamente trovati degli arnesi da scasso - viene inseguito da tre cittadini del posto. La vettura su cui viaggia con un complice sbanda, finisce contro un muretto. Il conducente fugge. Lui esce, barcolla, è già ferito, ma viene aggredito da due dei suoi inseguitori che lo colpiscono con calci e pugni. Morirà poco dopo e sarà l'autopsia a stabilire se le lesioni mortali sono state provocate dall'incidente oppure dalle percosse.

Gli uomini che si sono messi sulle sue tracce, due italiani incensurati, sono stati denunciati per omicidio preterintenzionale. Il marocchino era uscito con le proprie gambe dall'auto prima di essere aggredito dai suoi inseguitori, mentre un altro uomo che era alla guida dell'auto è riuscito a fuggire. A bordo della macchina ci sarebbero stati attrezzi da scasso.

Ad intervenire sul posto i carabinieri, e un'ambulanza che ha constato la morte dell'uomo.

Spara a bimba rom: indagato 50enne

ROMA - Sono scattate le indagini dalla Procura di Roma nei confronti di un 50enne italiano per lesioni gravissime in relazione al ferimento di una bimba rom di 15 mesi raggiunta alla schiena da un colpo d'arma da fuoco mentre in braccio alla madre era in via Palmiro Togliatti il 18 luglio scorso.

L'uomo, a lungo interrogato ieri, ha confermato le accuse dicendo che si è trattato di un incidente. Nel suo appartamento, dal quale è partito il colpo che ha ferito la bimba, i carabinieri hanno trovato una carabina e una pistola ad aria compressa, sottoposte a sequestro.

Come ricorda Corriere della Sera: "Il colpo sarebbe stato esploso dal terrazzino dell'abitazione dell'indagato, nella zona di viale Palmiro Togliatti. L'uomo si sarebbe difeso affermando che il colpo è partito inavvertitamente dalla pistola e che non aveva alcuna intenzione di ferire qualcuno: "Non mi sono accorto di aver ferito la bimba", ha riferito l'uomo ai carabinieri della compagnia Casilina che indagano su quanto accaduto.

In tempi brevissimi òa Procura disporrà una perizia sulle armi e consulenze balistica. La bambina è ricoverata condizioni stabili ma tuttora gravi all'Ospedale Bambino Gesù.

Dramma sull'A1: intera famiglia muore a bordo di una Fiat Punto

ROMA - Dramma per un'intera famiglia originaria della provincia di Cosenza, che ha perso la vita lungo la corsia sud dell'A1, nel tratto che attraversa il frusinate: padre, madre e la loro bimba di sei mesi hanno perso la vita nel terribile impatto che la loro Fiat Punto ha avuto dapprima contro una vettura e poi contro lo spartitraffico in cemento armato.

La tragedia si è consumata poco prima delle 13, fra i caselli di Ceprano e Pontecorvo e il traffico è andato subito in tilt in entrambe le direzioni di marcia, con code fino a sei chilometri, per permettere le operazioni di soccorso e i rilievi.

Ad intervenire sul posto anche un'eliambulanza per soccorrere i feriti nell'incidente, alcuni molto gravi, che sono stati smistati negli ospedali più vicini. In base alle prime informazioni, i due giovani e la loro piccola rientravano a casa per le ferie estive. Il traffico è stato deviato sulle restanti corsie.

Sperlonga, muore a 13 anni aspirata da bocchettone piscina

LATINA - Dramma in un grand hotel di Sperlonga, località turistica in provincia di Latina. Una 13enne frusinate, Sara Francesca Basso, in vacanza con i genitori, è morta dopo essere stata aspirata da un bocchettone della piscina.

La tragedia si è consumata nel pomeriggio di ieri. La giovane, soccorsa in gravi condizioni, è deceduta nella notte in ospedale. Sulla vicenda indagano i carabinieri. L'area della piscina è stata posta sotto sequestro. A quanto ricostruito, intorno alle 17 di ieri, la 13enne si è tuffata per farsi un bagno quando è stata aspirata da un bocchettone ampio circa 20 centimetri che si trova sul fondo della piscina.

Una volta che si sono accorte che la ragazza era in difficoltà, alcune persone l'hanno aiutata riuscendo a portarla fuori dall'acqua. La ragazza, che aveva ripreso conoscenza dopo essere stata rianimata, è morta nella notte in ospedale. Sarà effettuata l'autopsia per stabilire le cause esatte del decesso e capire se la ragazzina sia stata colta da un malore.

Roma, smantellata la banda che svaligiava case e negozi nella zona Nord

ROMA - E' stata sgominata la banda che da mesi terrorizzava abitanti e negozianti di varie aree nella zona nord della Capitale. I carabinieri della Compagnia Roma Cassia hanno arrestato su disposizione del  Gip del tribunale ordinario di Roma, 5 persone, quattro portate in carcere ed una sottoposta all'obbligo di presentazione in caserma, ritenute responsabili, in concorso, a vario titolo, di vari furti.

I sospettati, tutti di origine romena, conoscevano bene il territorio, risiedevano nei pressi delle zone colpite e le frequentavano quotidianamente, e questo dava loro il vantaggio di sapere bene quali fossero gli obiettivi più redditizi da colpire.

L'indagine ha permesso di individuare un giovane romeno quale referente principale del gruppo che si avvaleva, oltre che dei complici, di una fitta rete di contatti criminali che fornivano basi di appoggio per la refurtiva e per gli autori dei furti dopo i singoli reati. Numerosi gli esercizi commerciali colpiti: in un caso il gruppo ha compiuto un furto ai danni di un noto esercizio commerciale della zona e, non contenti del bottino, si sono ripresentati a distanza di 10 giorni, cadendo però nella trappola dei carabinieri. Inutile il tentativo di darsi alla fuga.

Raggi: "Abbiamo iniziato l'efficientamento energetico di Roma"

ROMA - "Abbiamo iniziato il nostro percorso in questa amministrazione con la volontà di renderla più trasparente e accessibile ai cittadini. Tra i tanti lavori portati avanti in questa direzione c’è il censimento e la mappatura degli impianti fotovoltaici di Roma Capitale. Sono 157 gli impianti del nostro parco fotovoltaico che vogliamo migliorare ed estendere per contribuire all’efficientamento energetico della città" ha dichiarato sul suo profilo Facebook il sindaco di Roma, Virginia Raggi.

"La mappa, da oggi online, segnala attraverso un geotag, l’esatta collocazione di ciascun impianto ed i suoi dati tecnici principali, che diventano quindi a portata di un semplice clic dell’utente. Gli impianti, per la maggior parte presenti su edifici scolastici, ad oggi realizzati e censiti hanno una potenza complessiva di quasi 2 MegaWatt, quindi una capacità massima di produzione annuale pari a circa 2,5 GWh. Realizzati in periodi differenti, alcuni impianti beneficiano di un incentivo pubblico sulla produzione, e praticamente tutti sono dedicati all'autoconsumo sul posto dell'energia elettrica da fonte rinnovabile fotovoltaica, contribuendo alla riduzione di emissioni di CO2 della città di Roma. Questi dati saranno accessibili a tutti per sempre e, grazie al progressivo aggiornamento degli stessi, la mappa sarà un utile strumento di lavoro che consentirà anche la previsione di manutenzioni e interventi migliorativi. Ridurre le emissioni di CO2 e contribuire all’efficientamento energetico sono tra gli obiettivi del nostro mandato e su questo il nostro impegno è massimo".

Stadio Roma, Parnasi ai magistrati: ho pagato tutti i partiti

ROMA - L'imprenditore Luca Parnasi alla fine ammette tutto: quello che era contenuto nell'ordinanza di custodia cautelare, quello che emergeva chiaramente dalle intercettazioni telefoniche e ambientali e forse anche di più. "Ho pagato tutti", ha raccontato il costruttore ai magistrati della Procura di Roma che tra ieri e oggi sono stati ad ascoltarlo per oltre undici ore nel carcere di Rebibbia.

A conferma dei sospetti dei pm e dei carabinieri del nucleo investigativo che per mesi hanno monitorato ogni sua mossa, il costruttore, interessato a non conoscere ostacoli di alcun tipo nella realizzazione del nuovo stadio della Roma, non aveva scrupoli né imbarazzi a elargire denaro e altre utilità a chiunque, a esponenti politici, movimenti, fondazioni o partiti, che fossero di maggioranza o no.

Truffe sui migranti: arrestati gestori centri a Latina

LATINA - Stamani sono scattati gli arresti della Polizia di Stato di Latina nei confronti di 6 soggetti, responsabili di Onlus operanti nella gestione di numerosi Centri di Accoglienza Straordinaria (C.A.S.) nel sud Pontino per i reati di falso, truffa aggravata, frode nelle pubbliche forniture e maltrattamenti nei confronti dei migranti.

Gli agenti della Squadra Mobile di Latina, in collaborazione con il Commissariato di Fondi, hanno effettuato accurati sopralluoghi alli'nterno di numerosi Centri di Accoglienza Straordinaria, riscontrando gravi situazioni di sovraffollamento e carenze di natura igienico-sanitaria.

Zingaretti: "E' necessario migliorare la sanità nel Lazio"

"La svolta è lavorare per utilizzare i dati per una buona programmazione sanitaria, come base fondamentale del nuovo modello di sanità. Se molti dati sono in miglioramento quantitativo e qualitativo, molto è dovuto al fatto che, da qualche anno, la programmazione è fatta sulla base di analisi scientifiche" ha dichiarato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, commentando i dati dei Lea, presentati nella sede della giunta regionale "Teniamo molto a socializzare i dati non solo per l'impegno collettivo ed a sfatare la vulgata che il Lazio è uscito dal commissariamento perché i conti sono a posto ma la qualità delle cure no. E' falso. La Regione Lazio è quella che ha avuto la migliore performance italiana come crescita. Obiettivi che ci hanno permesso di aprire una stagione di investimenti e di assunzioni in sanità. Abbiamo depositato in consiglio la legge che avvia una stagione di nuovi concorsi".

Si fingevano terremotati per i rimborsi, 120 indagati

ROMA - Le Fiamme Gialle di Camerino hanno accertato 120 casi di richieste illecite di contributi di autonoma sistemazione, per un totale di oltre 500 mila euro. Durante l'operazione 'Anubi', la Gdf ha messo in luce diverse anomalie, per lo più legate al fatto che molti dei comuni inseriti nel cratere sismico, sono mete turistiche e di villeggiatura, con la conseguente presenza di numerose seconde case, vissute solamente per brevi periodi dell'anno da persone aventi, in realtà, dimora e interessi principali in altre località italiane o all'estero.

Stadio di Roma: Lanzalone si dimette

ROMA - Arrivano le dimissioni di Luca Alfredo Lanzalone da presidente del consiglio di amministrazione di Acea dopo il suo arresto ieri nell'inchiesta sullo stadio della Roma. Lo rende noto la stessa azienda, controllata al 51% dal Comune di Roma. Il cda, nella riunione del prossimo 21 giugno, "assumerà le opportune determinazioni al riguardo", viene specificato nella nota.

DI MAIO: LANZALONE DEVE DIMETTERSI - A invocare nelle scorse ore le dimissioni di Lanzalone lo stesso ministro del Lavoro Di Maio. "Luca Lanzalone è ancora presidente di Acea e deve dimettersi. Mi aspetto nelle prossime ore che faccia questo gesto". A dichiararlo il vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, a Radio Rtl 102.5, dopo l'arresto ai domiciliari del presidente di Acea Luca Lanzalone nell'ambito dell'inchiesta per lo stadio della As Roma.

"Chi sbaglia deve pagare. Non c'e' presunzione di innocenza per reati cosi' importanti", aggiunge Di Maio.

Stadio Roma, Di Maio: Lanzarone si dimetta da Acea

ROMA - "Luca Lanzarone è ancora presidente di Acea e deve dimettersi. Mi aspetto nelle prossime ore che faccia questo gesto". A dichiararlo il vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, a Radio Rtl 102.5, dopo l'arresto ai domiciliari del presidente di Acea Luca Lanzalone nell'ambito dell'inchiesta per lo stadio della As Roma.

"Chi sbaglia deve pagare. Non c'e' presunzione di innocenza per reati cosi' importanti", aggiunge Di Maio.

Roma, bus dell'Atac in fiamme a pochi passi dal Vaticano

ROMA - Autobus della Linea Atac in fiamme nel tardo pomeriggio di venerdì 8 giugno 2018 a pochi passi dal Vaticano. Scongiurata la tragedia per l'assenza di viaggiatori a bordo del bus, si è levata una coltre di fumo che ha provocato non pochi disagi alla circolazione. Sul posto sono prontamente intervenuti i Vigili del Fuoco per lo spegnimento di un incendio che avrebbe potuto provocare conseguenze ben più gravi nel circondario di Piazza San Pio XI.

Trema la terra nel Centro Italia: sisma 3.1 vicino Rieti

ROMA - Trema ancora la terra nel Centro Italia. Un terremoto di magnitudo 3.1 è avvenuto nella zona di Borbona, in provincia di Rieti. La scossa è stata registrata alle ore 01:20 dalla Sala Sismica INGV-Roma. L'ipocentro è stato localizzato a una profondità di 10 km. Non si hanno al momento notizie di danni a persone o cose.