Visualizzazione post con etichetta VENETO. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta VENETO. Mostra tutti i post

Vincenza, travolta e uccisa dopo la rapina

VICENZA - Ancora un femminicidio in Veneto. Un malvivente ha tirato fuori con la forza da una Mercedes una donna per prenderle l'auto quindi, dopo averla scaraventata a terra, l'ha investita uccidendola. L'uomo è riuscito a guadagnare la fuga su un'altra auto guidata da un complice.

La tragedia a Noventa Vicentina (Vicenza). Oltre alla Mercedes i banditi avevano come obiettivo il denaro che la donna, una veronese di 50 anni, aveva con sè mentre stava facendo, con la nipote, alcune operazioni in vari uffici postali della zona. Fatale il momento in cui è fermata con la piccola nei pressi dell'ufficio postale, lasciando aperta la portiera della sua auto.

Ubriaco investe con un camion un'intera famiglia al parco

VICENZA - Per evitare un controllo stradale da parte della Polizia Locale si è dato alla fuga alla fuga ma ha perso il controllo del camioncino che guidava finendo la sua folle corsa contro il muretto in cemento che delimita un'area verde pubblica, in curva, ed ha investito un'intera famiglia, sbalzando dal passeggino un piccolo di 14 mesi. 

Il bimbo è in gravissime condizioni. Solo leggermente ferita la madre, che in quel momento era accanto al passeggino, e del tutto illesi un fratellino di 4 anni e il padre, che erano invece un po' più distanti.

Il dramma si è consumato a Marostica, nel Vicentino, a poca distanza da piazza degli Scacchi.

Dopo l'incidente il pirata della strada è fuggito a piedi, ma è stato bloccato dai carabinieri, che lo hanno sottratto ad un tentativo di linciaggio. Il piccolo gravemente ferito è stato subito trasportato all'ospedale San Bortolo di Vicenza.

Camorra: maxi-blitz Fiamme Gialle tra Veneto e Campania, 50 arresti

NAPOLI - Le Fiamme gialle hanno portato a termine una maxi-operazione contro la camorra tra Veneto e Campania con 50 misure di custodia cautelare personale per associazione a delinquere di stampo mafioso e vari gravi reati. 

Il Gico del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Trieste e la Squadra Mobile di Venezia stanno eseguendo - in provincia di Venezia, a Casal di Principe (Caserta) e in altre località - anche 11 provvedimenti di obblighi di dimora e di altro tipo disposti su richiesta della procura distrettuale del capoluogo veneto. In corso di esecuzione sequestri preventivi per beni e valori pari a 10 milioni di euro.

Medico ucciso in due giorni da virus fulminante


PADOVA - Drammatico epilogo per un medico veneto molto noto, Salvatore Albanese, conosciutissimo per essere uno degli antesignani in Italia dell’accoglienza ai familiari dei pazienti che vengono da lontano per affidarsi alle cure ospedaliere.

Storico presidente dell’associazione Cilla, il dottor Albanese è stato colpito da un batterio sul quale i medici non si sbilanciano, ma che in pochissimo tempo (appena 2 giorni) ha compromesso tutti gli organi vitali.

Martedì scorso Albanese era regolarmente al lavoro, due giorni dopo ha accusato uno stato febbricitante, quindi si è rivolto all’Ospedale di Cittadella, vicino Padova: nel giro di poche ore è stato trasferito in Rianimazione e non è vi più uscito, fino alla morte avvenuta l’altra sera.

Maltempo: Reno rompe argini, salvati sei carabinieri

Italia nella morsa del maltempo: valanghe, fiumi in piena ed esondazioni tengono in allerta il paese, colpito da nevicate e nubifragi. La situazione più critica si registra nella Bassa Bolognese, dove il Reno ha rotto gli argini e l'acqua ha allagato le case circostanti. Sei carabinieri sono rimasti feriti, travolti dall'onda di piena, mentre stavano soccorrendo alcune persone nella Bassa bolognese, dove il fiume è esondato rompendo un argine. I militari sono stati salvati dall'elicottero dei vigili del fuoco e portati in ospedale per ipotermia, ma nessuno è grave. L'esondazione del Reno ha costretto 280 persone ad abbandonare le proprie abitazioni.

Fa paura anche il Po, il cui livello è salito di tre metri in 12 ore per effetto delle piogge intense mentre a Venezia il fenomeno dell'acqua alta ha raggiunto i 113 cm di altezza sul medio mare. Chiusi gli accessi alle banchine del Tevere a Roma, con il superamento della prima soglia di attenzione del livello del fiume Aniene. A Livorno la piena fiume del Cecina allaga le campagne, ma le esondazioni non riguardano i centri abitati.

In Puglia allerta gialle per venti forti di burrasca su tutta la regione, con diversi disagi nel Barese. Mareggiate lungo le coste esposte. Analoga situazione in Campania, dove la Protezione civile ha diramato una nuova allerta meteo per il rischio di frane e allagamenti: la situazione è particolarmente critica per l'esondazione del Sarno in alcuni tratti, che ha provocato allagamenti di case e danni alle aziende agricole. Bollino 'rosso' anche per la pianura emiliana orientale e la costa ferrarese per tutta la giornata di domenica.

Scaraventa a terra neonata e la uccide: arrestata


VICENZA - Dramma nel Vicentino, che ha visto vittima una neonata di tre giorni morta la notte scorsa all'ospedale San Bortolo di Vicenza dopo essere stata scaraventata a terra in casa dalla madre, forse per una crisi "post partum". La tragedia si è consumata la scorsa notte a Lisiera di Bolzano Vicentino. La donna, una 41enne, subito dopo ha tentato il suicidio ferendosi alla gola con un coltello.

E' stato il marito della donna ad accorgersi del fatto e a chiamare il 118. Gli operatori del Suem hanno portato la piccola in Terapia intensiva pediatrica, dove però si è spenta all'alba. La madre è piantonata nel reparto di Psichiatria. Al via le indagini dei carabinieri di Thiene.

Vicenza, esplosione in negozio: evacuata palazzina

VICENZA - Paura nel centro storico di Vicenza, dove un'esplosione ha sventrato nella notte un edificio. L'esplosione e le fiamme che sono divampate hanno devastato un laboratorio di riparazione pc oltre ad aver demolito un muro divisorio e fatto saltare i vetri dell'intera palazzina di tre piani.

Ad accorrere sul posto i pompieri con due squadre dalla vicina sede, che hanno spento il rogo del negozio, andato distrutto. Paura per le quattro famiglie residenti nella palazzina che sono state evacuate. Non si regista nessun ferito proprio per la prontezza dei soccorsi.

Sono in corso le valutazioni da parte dei tecnici dei vigili del fuoco presenti con il funzionario di guardia per stabilire le cause della forte esplosione.

Costa Crociere, al via da Venezia il giro del mondo

VENEZIA - Sarà un inizio d'anno indimenticabile per i circa 2.300 ospiti di Costa Luminosa, salpati da Venezia per una crociera che farà il giro del mondo. Il viaggio durerà 112 giorni e porterà i passeggeri alla scoperta di 5 continenti, solcando 3 oceani e visitando 43 destinazioni, per poi fare ritorno in Italia, a Venezia, il 27 aprile 2019.

Si tratta della dodicesima edizione della crociera che Costa ha iniziato a riproporre ogni anno dal 2011, ispirandosi al successo che questo viaggio aveva negli anni Settanta. Dal 2011 circa 60.000 ospiti della compagnia italiana hanno partecipato ad almeno una delle tre tratte del Giro del Mondo, di cui circa 14.000 francesi, 12.000 tedeschi e oltre 11.000 italiani spiega in una nota la compagnia.

Il 'Giro del Mondo 2019' toccherà tra l'altro Brasile, Argentina, Cile, Polinesia, Nuova Zelanda, Australia e Indonesia, Singapore, Malesia, Thailandia, Sri Lanka, India, Dubai, Oman viaggiando sempre verso ovest. Già in vendita il Giro del Mondo 2020 e quello del 2021, che avrà un itinerario inedito dedicato all'Africa e all'America, fino a Sud Africa e Terra del Fuoco.

Sub muore annegato nel Lago di Garda

VERONA - Dramma nel Lago di Garda per un sub di 55 anni, nell'area di Torri del Benaco. L'uomo, residente nel Padovano, è stato visto riemergere a 250 metri dalla riva, immobile e a testa in su, da cinque ragazzi del luogo che passavano nella zona in gommone, dopo un'immersione in solitario. Del tutto inutile si è rivelato il soccorso dei sanitari del 118 che non sono riusciti a rianimarlo, ha riferito la polizia municipale di Verona. Ancora incerte le cause del decesso: testimoni hanno riferito che aveva il viso insanguinato, sia sotto la maschera che all'esterno.

Sgominata la banda dei tir

BARI - Sgominata la banda dei tir, che agiva indisturbata tra Puglia, Lombardia e Veneto. Sette persone, componenti di una banda specializzata nel razziare la merce trasportata da camion ed autoarticolati durante i periodi di sosta notturni, sono finite in manette.

L'arresto dei sette, colti in flagranza di reato dalla polizia, è avvenuto in provincia di Monza dopo il loro ultimo colpo portato a termine in provincia di Bergamo.

Gli arrestati sono tutti provenienti da comuni della provincia di Bari ed erano nell'occhio degli investigatori, che da diverse notti avevano predisposto servizi mirati per intercettare il gruppo criminale, dopo una serie di furti commessi a danno di autotrasportatori.

Mestre, incendio in associazione volontariato: 2 morti

MESTRE - Dramma a Mestre. I corpi semicarbonizzati di due persone sono stati trovati durante le operazioni di spegnimento dei vigili del fuoco dell’incendio nella sede di un’associazione di volontariato in via da Verrazzano.

A dare l'allarme intorno alle 4 alcuni abitanti delle palazzine limitrofe che hanno segnalato le fiamme alla sala operativa del 115. I vigili del fuoco sono accorsi con 4 automezzi e 12 operatori ed hanno iniziato le operazioni di spegnimento della casetta in legno e dell’edificio di circa 200 metri quadri. Le squadre, una volta spente le fiamme, sono entrate nella costruzione di legno di poco più di 10 mq, e hanno trovato i due corpi privi di vita.

Il rogo ha coinvolto entrambe le strutture con il crollo della copertura della sede dell’associazione. Le cause dell’incendio sono al vaglio del Nucleo investigativo antincendio territoriale dei vigili del fuoco e della polizia di stato.

Cade dalle scale col papà: muore bimbo di due mesi

di PIERO CHIMENTI - Martino, un bimbo di due mesi, è morto a causa di una caduta del papà che lo portava in braccio. L'incidente è avvenuto nella loro abitazione di Paderno di Ponzano, in quanto il papà del piccolo presta servizio come maresciallo di Guardia di finanza a Treviso.

A tradire la Fiamma gialla è stata una ciabatta che si è sfilata mentre scendeva l'ultimo gradino del primo piano, facendolo scivolare in avanti col piccolo che ha sbattuto la testa allo stipite della porta. A nulla sono valsi i soccorsi del 118 e la loro disperata corsa all'ospedale di Padova, Martino si è spento poco dopo.

Il Veneto devastato dal maltempo, le immagini girate dai Vigili del Fuoco nel bellunese

BELLUNO - Queste le immagini girate dai Vigili del Fuoco nel bellunese, durante l'eccezionale maltempo che ha colpito la Regione Veneto e l'Italia intera. (Fonte Vigili del Fuoco)


Maltempo, Salvini: "250 milioni per il dissesto in Veneto". Polemiche su sorriso in foto

BELLUNO - "Non porto solo solidarietà, siamo cercando i soldi in cassetti e cassettini, 250 milioni di euro sono già pronti per tutte le comunità colpite, da Nord a Sud, e continueremo a cercare altri fondi". Così il ministro dell'Interno Matteo Salvini, parlando dei danni provocati dal maltempo, nel corso della conferenza stampa al Centro Coordinamento Soccorsi dell'aeroporto di Belluno.

"In settimana un Consiglio dei ministri con all'ordine del giorno primi interventi rapidi e concreti" per le zone colpite dal maltempo.

"Tuta della Protezione Civile e si parte direzione Belluno, per visitare le zone colpite da frane e alluvioni e portare i primi aiuti concreti del Governo. Buona domenica Amici, chi si ferma è perduto", ha scritto su Twitter il ministro che ha sorvolato in elicottero le zone del Bellunese colpite dal maltempo. E non sono mancate le polemiche per il sorriso a 32 denti mostrato da Salvini sul tweet.

Venezia, precipita aereo da turismo: 2 morti

VENEZIA - Dramma nei cieli veneziani, dove un aereo da turismo, un Siae Marchetti sf 260, e' caduto nel primo pomeriggio a Caorle, in località Brion. Hanno perso la vita le due persone che si trovavano a bordo: un istruttore di volo padovano - secondo quanto rendono noto i media locali - e un professore universitario triestino.

Il velivolo è caduto nei pressi dell'aviosuperficie 'Alicaorle' e non è ancora chiaro se fosse in fase di decollo o di atterraggio. Ad intervenire sul posto i soccorritori che non hanno potuto far altro che constatare il decesso dei due occupanti.

Zaia: "Veneto in ginocchio dopo l'ondata di maltempo: servono opere"

ROMA - "Veneto in ginocchio dopo l'ondata di maltempo" si legge in un'intervista al governatore del Veneto, Luca Zaia, intervistato dal Corriere della Sera.

"Servono opere, opere, opere. Per mettere in sicurezza il territorio, per il monitoraggio dei fiumi e la manutenzione dei boschi. La natura, a questi livelli, non la puoi fermare ma puoi attutire il colpo. Abbiamo bisogno di procedere più liberamente nei lavori preventivi. Per questo chiediamo l'autonomia, che serve anche per avere più risorse da impiegare subito nelle emergenze. Finché le tasse dei veneti vanno a Roma. Di alcuni progetti si può discutere. Per esempio, le dico il mio personale punto di vista, non conosco siciliani pronti a stracciarsi le vesti se non si fa il Ponte sullo Stretto. Se non facciamo la Tav, perdiamo, letteralmente, un treno. E poi noi veneti saremmo doppiamente penalizzati. Le opere infrastrutturali dell’Alta velocità arrivano fino a Brescia con il quadruplicamento dei binari. Poi, da Brescia a Venezia, si torna a due binari, con treni merci e passeggeri che utilizzano lo stesso percorso. Assurdo. Insomma, io sono favorevole alla Tav anche per queste ragioni. Sono 94 kilometri di strada strategici. Mi sono stancato del refrain 'dobbiamo vedere le carte'. Per tutelare la trasparenza come commissario alla Pedemontana abbiamo nominato il vice avvocato generale dello Stato, dimostrando, se vuole, una mentalità grillina ante litteram. Mi ribello all'idea che dove c'è una grande opera, c'è sempre un ladro in agguato. Qui non è così".

Belluno, in salvo i due ragazzi intrappolati in un incendio

BELLUNO - Sono stati tratti in salvo con un elicottero del Soccorso alpino i due escursionisti rimasti intrappolati dall'incendio divampato in Valle di San Lucano, nel bellunese. I due, di 29 e 34 anni, stanno bene anche se sono provati da una notte trascorsa in un canalone innevato.

L'incendio boschivo si è sviluppato da ieri pomeriggio tra Taibon Agordino e Cencenighe. Le fiamme potrebbero essere state causate dalla caduta di un albero sui fili dell'alta tensione.

Le fiamme si sono ulteriormente propagate nella notte, ma il vento è calato e questo ha permesso di far levare in volo l'elicottero. Gli escursionisti, entrambi del vicino paese di Agordo, erano rimasti in contatto telefonico con i soccorritori che li hanno guidati in una zona rocciosa e riparata nei pressi di una grotta, lontano dalle fiamme. Gli era stato chiesto di spegnere i cellulari per non consumare le batterie.

Impegnati 40 vigili del fuoco tra permanenti e volontari con 15 mezzi antincendi boschivi, provenienti anche dal comando di Treviso.

Linciato da tre persone dopo molestie a minorenne

di PIERO CHIMENTI - Un tunisino che si occupa di trasporto di valigie nella stazione veneziana è stata picchiato da tre persone nella notte di ieri. Nell'aggressione, il carro con il quale lavora la vittima è stato gettato in acqua. All'origine del pestaggio vi sarebbe il suo tentativo di approccio nei confronti di una minorenne, a cui avrebbe mostrato le sue parti intime. La giovane sarebbe corsa subito a casa a raccontare ai familiari l'accaduto.

Salvini denunciato per odio razziale a Treviso


TREVISO - Un gruppo di cittadini ha presentato una denuncia a carico del ministro dell'Interno, in cui è ipotizzato il reato di istigazione all'odio razziale, ai sensi della legge Mancino, aggravata dalla posizione ricoperta da Salvini, responsabile di una pubblica funzione.

I firmatari della denuncia, presentata alla Procura della Repubblica di Treviso, sostengono che il reato si sarebbe consumato tramite affermazioni pubbliche quali "per gli immigrati clandestini è finita la pacchia, preparatevi a fare le valigie, in maniera educata e tranquilla, ma se ne devono andare".

Venezia, tragico scontro in laguna: 2 morti

VENEZIA - Tragico scontro tra un motoscafo e un barchino di pescatori nella laguna di Venezia, nella zona di Sant'Andrea San Nicoletto del Lido. Il bilancio è di due persone morte e quattro ferite. Il dramma si è consumato intorno alle 23.50.

Le vittime sono i pescatori: uno di essi, subito recuperato dai vigili del fuoco, è stato portato dal personale del Suem in ospedale dove successivamente è morto; il corpo dell'altro è stato recuperato dai soccorritori dopo circa un'ora. Assistiti dai sanitari gli altri quattro feriti.