Visualizzazione post con etichetta CAMPANIA. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta CAMPANIA. Mostra tutti i post

Napoli, guerra tra clan: 9 arresti

NAPOLI - In manette alcuni esponenti di due clan in lotta a Napoli. Eseguite dai carabinieri nove misure di custodia cautelare in carcere emesse dal gip partenopeo per omicidio e tentato omicidio, aggravati da metodo e finalità mafiose.

Tra gli arrestati figurano alcuni esponenti di spicco dei clan avversari Mazzarella e Rinaldi, impegnati da tempo in una 'guerra' per il controllo di una vasta porzione del capoluogo campano e del suo hinterland, nonché Luigi Esposito detto "lo sciamarro".

Le indagini sono riuscite a ricostruire la dinamica e il movente dell’omicidio di Vincenzo De Bernardo, ucciso l'11 novembre 2015, e del tentato omicidio di Antonio Amato il 7 settembre 2017.

Strage bus: assolto ad Autostrade. Di Maio, "Via concessione"


ROMA - Otto condanne e sette assoluzioni per i 15 imputati nel processo per la strage sulla A16 Napoli-Canosa dove un bus è precipitato dal viadotto Acqualonga, il 28 luglio 2013. Questa la sentenza letta dal giudice monocratico del tribunale di Avellino, Luigi Buono, tra le urla dei familiari delle vittime.

Tra gli assolti l'ad di Autostrade per l'Italia Giovanni Castellucci e l'ex condirettore generale della società Riccardo Mollo. Per lui l'accusa aveva chiesto una condanna a 10 anni di reclusione. La condanna più severa, 12 anni così come richiesto dall'accusa, è quella per Gennaro Lametta, proprietario del bus: per lui 12 anni di reclusione.

Via la concessione ad Autostrade. Il vicepremier Luigi Di Maio, dopo la sentenza per l'incidente al bus in provincia di Avellino, torna così a ricordare le parole pronunciate all'indomani del crollo di Ponte Morandi a Genova. "Non dimentico", scrive sulla sua pagina Facebook, "la promessa fatta ai familiari delle vittime del crollo del Ponte Morandi di Genova: toglieremo la concessione ad Autostrade per l'Italia. Chi sbaglia paga e deve essere messo in condizioni di non nuocere più. Un abbraccio alle famiglie delle vittime di Avellino e del Ponte Morandi".

"E' dalla caduta del Ponte Morandi", osserva Di Maio, "che come Governo stiamo lavorando per togliere le concessioni ad Autostrade. Più ci leggiamo le carte, più capiamo che ai Benetton era stata garantita impunità e profitti sicuri come a nessuno mai nella storia di questo Paese. Ma ce la faremo a spuntarla. Non so quanto tempo ci vorrà, ma le autostrade ce le riprendiamo!".

Porta via bancomat con gru e autocarro: in manette

NAPOLI - Ha sradicato con un mezzo pesante il bancomat di una filiale di un istituto di credito per portarlo via, ma è stato arrestato. I carabinieri a Giugliano, nel Napoletano, hanno fermato un 47enne pregiudicato mentre si allontanava da corso Campano a bordo di un autoarticolato con una gru dopo che aveva sradicato la macchina Atm del Banco di Napoli. I due complici sono riusciti a guadagnare la fuga. In corso le indagini.

Napoli, paura per l'esplosione di una bomba carta


NAPOLI - Paura tra i residenti per l'esplosione di una bomba carta davanti a uno stabile nel quartiere di San Giovanni a Teduccio, a Napoli. I vigili del fuoco hanno avviato le verifiche, dando il via libera all'agibilità dello stabile. Non ci sono feriti.

Gara di velocità tra auto, ucciso spazzino a Napoli

NAPOLI - Dramma a Napoli, dove una gara di velocità tra auto nel centro cittadino è costata la vita a un uomo che si recava sul posto di lavoro. I fatti sono ora al centro di una indagine dei carabinieri che ha portato a un arresto e a una denuncia.

I militari dell'Arma della compagnia di Pozzuoli hanno ammanettato per omicidio stradale un 21enne napoletano che gareggiando contro un coetaneo ha provocato un incidente in cui è morto un operatore ecologico.

Alla guida della Fiat 500 del nonno e con a bordo la sua ragazza, il giovane ha sfidato all'alba un altro coetaneo: durante la corsa, protrattasi per il centro cittadino, ha finito per investire frontalmente uccidendolo sul colpo Alfonso Campochiaro, 62anni, che in motorino si stava recando al lavoro, come ogni notte, da Napoli a Procida imbarcandosi su un traghetto a Pozzuoli.

Identificato e denunciato per omicidio stradale in concorso anche il rivale del 21enne, un incensurato suo coetaneo di Quarto che guidava la Ford Fiesta della madre e che dopo l'incidente era tornato sul luogo dell'accaduto, ma non si era fatto avanti a dare spiegazioni. Il gip di Napoli ha convalidato l'arresto de 21enne e disposto la sua custodia ai domiciliari mentre l'altro 21enne è indagato in stato di libertà per lo stesso reato.

Napoli, sciame sismico in atto sul Vesuvio

NAPOLI - Uno sciame sismico è in atto sul Vesuvio dalle 10,11. Come riportato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, la sequenza principale è stata caratterizzata da tre scosse, la più importante stimata in una magnitudo di 1,8, con l'ipocentro a una profondità di 2,7 chilometri. Al momento sono in atto altre scosse di minore entità.

In un paio di comuni che si trovano sulle pendici del vulcano i cittadini hanno avvertito i tremori. Al momento, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” non si ha ancora notizia di danni, ma del fortissimo spavento di alcuni cittadini che hanno segnalato anche sui social network quanto accaduto.

Quattordicenne in coma dopo proiettile vagante, arrestato contadino

CASERTA - Risolto un caso di tentato omicidio nel Casertano ai danni di un ragazzino. I carabinieri hanno arrestato a Parete, su ordine del Gip del Tribunale di Napoli Nord, un uomo di 35 anni accusato di tentato omicidio in relazione al ferimento del 14enne, colpito alla testa da un proiettile vagante il 24 dicembre del 2017 mentre era con amici sul corso principale del paese.

Il 35enne, attualmente disoccupato, sposato, con un figlio piccolo, risponde anche di lesioni gravissime e detenzione illegale di arma da sparo, visto che la pistola usata, una calibro 9x21, peraltro mai trovata, non era posseduta legalmente. L'adolescente rimase in coma per circa un mese ed è rientrato in famiglia solo dopo una lunga e complessa riabilitazione.

Ad essere decisiva per le indagini, realizzate dai carabinieri del Reparto Territoriale di Aversa con il coordinamento della Procura della Repubblica di Napoli Nord diretta da Francesco Greco, la lunga perizia balistica che ha permesso di individuare il terreno agricolo da cui era partito il proiettile che ha ferito il ragazzo.

Camorra: in manette il boss del clan Orlando, era latitante da 15 anni

NAPOLI - E' stato catturato dai carabinieri, dopo 15 anni di latitanza, il boss di camorra Antonio Orlando. Era inserito nell'elenco dei ricercati più pericolosi d'Italia. Orlando, 60 anni, è stato prelevato nel suo covo in un appartamento a Mugnano, nel Napoletano.

Orlando è ritenuto il reggente del clan Orlando-Nuvoletta-Polverino nato dalla 'federazione' di tre gruppi tra i più potenti nell'hinterland a nord del capoluogo campano, decimato dagli arresti.

I militari dell'Arma gli hanno notificato due ordinanze di custodia cautelare in carcere per associazione a delinquere di stampo mafioso emesse dal gip su richiesta della Dia.

Rifiuti: è scontro M5S-Lega

ROMA - Si inasprisce lo scontro Lega-M5s sui rifiuti con un secco botta e risposta tra il vicepremier Salvini e il presidente della Camera Roberto Fico. "Ho passato ieri la giornata a Napoli ed erano tutti preoccupati per la salute. Devi fare delle strutture; perché in Lombardia ci sono 13 impianti e in Campania uno? Il rapporto non può essere di tredici a uno - ha detto ancora Salvini, prima della registrazione di 'Nemo'".

"Non c'è nel contratto? Vallo a spiegare ai bambini che fra due mesi respirano merda. Un'emergenza? Non lo dico io, ma quando il capo dei vigili mi dice che c'è il rischio di tornare alla situazione di 10 anni fa, devo fare qualcosa".

"E' uno schiaffo forte a questa città e a questa Regione arrivare qui e dire che ci vuole un termovalorizzatore a provincia dopo le lotte che sono state fatte e dopo l'avanzamento delle nuove tecnologie". Così il presidente della Camera Roberto Fico commentando le parole di Salvini. "Ve lo assicuro, non si farà neanche un inceneritore in più ma molti più impianti di compostaggio per la frazione umida dei rifiuti solidi urbani, più differenziata e più impianti di trattamento meccanico manuale dove si ricicla il tutto

Napoli, trafficanti festeggiano la comunione con confetti a forma di proiettile

NAPOLI - Utilizzavano bomboniere e confetti a forma di pistola e proiettili dorati per ricordare il giorno della prima comunione di un nipote: si tratta di uno degli oggetti trovati in casa di uno dei presunti trafficanti di droga arrestati in un blitz dei carabinieri a Napoli.

A scoprirlo i militari della compagnia di Napoli-Stella che hanno compiuto gli arresti nei quartieri di Secondigliano e Miano al culmine di una indagine sullo spaccio nella Masseria Cardone, una zona del quartiere di Miano ritenuta da sempre la roccaforte del clan Licciardi dove il 18 luglio scorso i militari sequestrarono oltre 11 chili di hashish e 600 grammi di cocaina pura nonché manoscritti contenenti numeri, nomi e sigle riconducibili al traffico.

Una volta analizzati i manoscritti si è riusciti a stimare un giro d’affari in quella zona pari a circa 20.000 euro al giorno e oltre 7 milioni di euro l’anno.

Durante le perquisizioni per blocchi di edifici, svolte anche con i vigili del fuoco per la rimozione di porte e cancellate, è stato trovato un minorenne evaso due mesi fa da una comunità in cui si trovava in esecuzione di una misura cautelare per rapina; è un 17enne del quartiere  di Scampia che ha anche provato a fuggire di calandosi da una finestra.

Insegue malvivente, carabiniere muore travolto da convoglio

CASERTA - Dramma nei pressi della stazione di Caserta, dove un carabiniere che stava inseguendo un uomo da arrestare è morto travolto da un treno. E' quanto accaduto al militare effettivo in servizio al Nucleo Radiomobile dei di Caserta, Emanuele Reali, 34 anni.

Il giovane ha inseguito a piedi un uomo fino a scavalcare il muro di recinzione della sede ferroviaria vicino alla stazione di Caserta e a essere travolto da un convoglio regionale in ingresso nel nodo ferroviario. Reali lascia la moglie e due figli. Il fuggitivo è stato poi catturato dai colleghi.

Caserta, rogo nell'impianto rifiuti

CASERTA - Un vasto rogo si è sviluppato nello Stir di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), l'impianto di tritovagliatura e imballaggio dei rifiuti. Ad intervenire sul posto sei squadre dei Vigili del fuoco di Caserta con il supporto di due squadre di Napoli e Benevento. L'incendio è divampato all'interno di uno dei capannoni, in cui i pompieri non sono ancora riusciti ad entrare a causa delle fiamme molto alte; c'è il rischio che la struttura possa crollare. Ad accorgersi del rogo sono stati i guardiani.

Camera approva decreto Genova. Pd contro M5S: "Varato il più grande condono degli ultimi 20 anni"

ROMA - E' stato approvato dalla Camera dei deputati il decreto Genova, che passa ora in Senato per la seconda lettura. I sì sono stati 284 (Lega, M5s, Fdi), i no 67 (Pd,Leu), 41 gli astenuti (Fi).

A caratterizzare il voto è stato il muro contro muro tra Governo e Pd sul condono per Ischia. Il Pd ha praticato ostruzionismo soprattutto su quello che come il 'Condono edilizio Di Maio' su Ischia. La Camera ha bocciato tutti gli emendamenti all'articolo 25 del decreto Genova che contiene il condono tombale per i comuni di Ischia colpiti dal sisma del 21 agosto 2017.

Ad intervenire nella dichiarazione di voto tutti i deputati del Pd, accusando M5s di aver varato "il più grande condono degli ultimi 20 anni nel collegio dell'onorevole Di Maio".

Orrore a Castellammare di Stabia: cane accoltellato e impiccato

CASTELLAMMARE DI STABIA - Ancora violenze sugli animali dalla Campania. "Una femmina di pitbull è stata accoltellata e poi impiccata sui boschi di Quisisana nel Comune di Castellammare di Stabia". A denunciarlo il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli che parla di "un episodio di una brutalità inaccettabile che nasconde sullo sfondo la piaga dei combattimenti clandestini tra cani. Fenomeno sul quale troppo poco si fa dal punto di vista investigativo. Chiedo - aggiunge Borrelli - che le forze dell'ordine indaghino a fondo su questo episodio per risalire prima di tutto ai responsabili di questo assassinio e poi agli squallidi protagonisti delle organizzazioni dei combattimenti".

Caserta: al via i nuovi corsi di formazione del Consorzio Tutela Mozzarella di Bufala Campana

CASERTA. Al via il nuovo anno di studi della Scuola di formazione lattiero casearia del Consorzio di Tutela Mozzarella di bufala campana Dop. Stilato il calendario dei prossimi appuntamenti, che puntano a creare tra i giovani le figure-chiave del comparto, dai futuri casari ai manager dell’export fino agli esperti del controllo qualità. Sei i corsi finora previsti.

Si parte il 10 ottobre con la seconda edizione del corso per diventare casaro. I numeri del primo anno di questa iniziativa sono entusiasmanti: il 90% dei giovani che hanno partecipato al corso, arrivati anche da Usa e Australia, ha trovato un impiego in azienda o ha aperto il proprio caseificio.

"Formazione è la parola chiave per le filiere dei prodotti di qualità. In un mondo globale, il comparto della mozzarella di bufala campana Dop non rimanda più l’immagine quasi ancestrale del lavoratore che munge una bufala e poi produce mozzarella. Siamo invece di fronte a una filiera fatta di imprese all’avanguardia, che sanno guardare al mercato e al mondo" ha dichiarato il presidente del Consorzio, Domenico Raimondo. Dalla zootecnia fino alla produzione: tutti gli anelli della catena hanno bisogno di studi e approfondimenti per un approccio sempre più al passo con i tempi: "Questa è la sfida che il Consorzio di Tutela Mozzarella di Bufala Campana Dop ha lanciato con la nascita della prima Scuola nazionale di formazione al Sud e l’unica in Italia gestita direttamente da un organismo consortile" aggiunge il presidente.

L’accreditamento del Consorzio di Tutela della Mozzarella di bufala campana Dop nel sistema formativo regionale ha colmato un gap del Mezzogiorno e ha aperto le porte a una formazione di alta qualità. "Quel progetto ha compiuto un anno e va avanti spedito. La chiave per il successo è creare professionalità adeguate in un settore, quello lattiero caseario, dove non si può più improvvisare, anche per dare risposte puntuali e stringenti al tema della sicurezza alimentare, sempre molto avvertito dai consumatori" commenta il direttore del Consorzio, Pier Maria Saccani.

La nascita della Scuola lattiero-casearia, curata in particolare da Alessandro Garofalo e Giampiero Perna del settore Assistenza e Ricerca del Consorzio, ha inaugurato una stagione di crescita, che si basa su giovani, formazione, ricerca e innovazione tecnologica, asset strategici per l’ulteriore sviluppo della mozzarella Dop. "I giovani sono il presente e il futuro del Consorzio e tanti di loro stanno tornando a impegnarsi nella filiera bufalina: il 39% degli addetti nel comparto (15mila in totale) sono under 32, mentre il 32% sono donne. Il nuovo calendario dei corsi contribuirà ad ammodernare l’intero comparto, visto da ogni prospettiva" conclude Saccani.

Per consultare il calendario dei corsi dettagliati, clicca qui.

Trema il Napoletano: sisma magnitudo 2.5 vicino Pozzuoli

NAPOLI - Trema la popolazione a Pozzuoli (Napoli) e nel circondario flegreo. In zona si sono distintamente avvertite due scosse: la prima, accompagnata anche da un boato, alle 23:36 di ieri con magnitudo 2.5; la seconda qualche minuto dopo, di intensità inferiore.

L'ipocentro è stato a soli 2 km di profondità, secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv); epicentro l'area tra la Solfatara e la zona Pisciarelli.

Il terremoto è stato avvertito sia nella zona di Pozzuoli alta che sull'intero litorale flegreo dal quartiere di Bagnoli a Napoli fino ad Arco Felice e nell'entroterra fino a Quarto. Non si segnalano danni a persone e cose.

Napoli, esplode bombola di gas: 1 morto e 2 feriti

NAPOLI - Dramma in un edificio a Napoli, in via Don Minzoni, nella zona dei Quartieri spagnoli, dove una forte esplosione, provocata probabilmente da una bombola a gas, ha causato una vittima e due feriti. Al via le operazioni di diverse squadre dei Vigili del fuoco.

Secondo quanto si è appreso oggi era in programma lo sfratto per l'appartamento nel quale è esplosa la bombola. E la gente del quartiere riferisce di un forte malumore espresso nei giorni scorsi da uno dei due figli - entrambi feriti, uno in 'codice rosso' - della donna deceduta nella deflagrazione, il quale avrebbe manifestato la volontà di non voler lasciare l'abitazione.

Ricatti a minorenni per foto hot: arrestato 21enne

ISCHIA - Una brutta storia di violenze e ricatti dal napoletano. Protagonista un 21enne, residente in provincia di Modena, arrestato in queste ore a Ischia per produzione e divulgazione di materiale pedopornografico ai danni di 26 ragazze minorenni residenti su tutto il territorio nazionale. Al termine di indagini coordinate dalla procura di Napoli, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Ischia, in collaborazione con i colleghi di Sassuolo, nel Modenese, hanno dato esecuzione a una misura custodia cautelare in carcere, emessa dal gip nei confronti del giovane, residente in Prignano sulla Secchia nel Modenese.

Le accuse per il 21enne sono di produzione di materiale pedopornografico utilizzando minori e divulgazione di materiale pedopornografico. Le indagini sono state avviate nel novembre del 2017 dopo la denuncia sporta dal padre di una delle vittime; il 21enne adescava le minorenni attraverso Instagram e Whatsapp, facendosi fornire, dopo aver instaurato un’apparente relazione sentimentale, foto e/o video 'hard'; per ottenerne altre le minacciava di diffondere quanto precedentemente consegnato, o inviando filmati riconducibili al terrorismo islamico per intimorirle. Nella casa dell'indagato, i carabinieri hanno sequestrato apparecchiature elettroniche (PC, smartphone, Hard Disk) e una consulenza tecnica informatica vi ha rintracciato materiale pedopornografico. Effettuate anche diverse perquisizioni.

Napoli, donna ferita da proiettile vagante

NAPOLI - Momenti di paura a Napoli, dove una donna è ancora ricoverata in ospedale dopo essere stata ferita da un proiettile vagante. Il dramma si è consumato in via Vicaria Vecchia, nella zona di Forcella nel corso di una "stesa", come riporta "Il Mattino" di Napoli.

La donna era affacciata al balcone di casa quando è stata ferita da un colpo d'arma da fuoco. A sparare sarebbero state due persone in sella ad uno scooter con il volto coperto da un casco che entrati hanno fatto fuoco in aria. Il fatto è accaduto poco dopo le 23.

Le sue condizioni non sono gravi: secondo i medici la ferita alla gamba destra guarirà in 21 giorni ma i sanitari ne hanno disposto comunque il ricovero. Gli agenti hanno trovato sul posto quattro bossoli esplosi da un'arma calibro 7,65.

Quattordici anni fa nello stesso quartiere venne uccisa Annalisa Durante; una ragazzina di 14 anni, vittima innocente della camorra, che stava passeggiando per le strade di Forcella e che venne colpita da un proiettile vagante durante una sparatoria.

San Pietro al Tanagro: al via la 'Festa della Cipolla'

SALERNO - La Festa della di Cipolla di San Pietro al Tanagro (SA), che avrà luogo il 31 agosto e l’1 settembre 2018 è arrivata all'importante traguardo della sua XII edizione. “I sapori che si sentono in bocca … e nella mente”, è questo lo slogan che da anni caratterizza la due giorni organizzata dalla Pro Loco di San Pietro al Tanagro che ha come protagonista, giusto appunto, una delle eccellenze gastronomiche del territorio: la cipolla.

Fin dalla metà del 1800, la cipolla rappresentava un rilevante valore aggiunto, alla povera economia contadina locale dell’entroterra Salernitano, oggi è un prodotto d’eccellenza molto ricercato ed apprezzato, simbolo dello sforzo di rinascita di un territorio. “L’ idea è quella di fare di un “frutto” della nostra terra, un’occasione enogastronomica – ha dichiarato, infatti, Francesco Cardiello, presidente dalla Pro Loco di San Pietro al Tanagro – cercando di incentivare l’economia locale attraverso la memoria e la promozione del prodotto tipico locale. Questa sarà la nostra sfida”.

“La due giorni , intende offrire l’occasione ai visitatori ed agli stessi Sampetresi – ha spiegato Antonio Pagliarulo, Assessore Turismo e Cultura ‐ di ammirare e riscoprire la bellezza, la semplicità e la serenità di vita di una volta”. Dunque, attrattive naturalistiche, paesaggistiche ed ambientali, riscoperta di vecchie tradizioni, tra cui, ovviamente, gastronomia tipica del posto.

Il primo settembre alle ore 18:30, inoltre, si terrà un interessante seminario/dibattito:

“Mangiare e sapere. La dimensione culturale del cibo” con esperti nel settore culinario ed altri professionisti che forniranno informazioni corrette e ci accompagneranno nel mondo dell’alimentazione sana e della prevenzione, senza perdere di vista l’importanza del gusto a tavola.

Le precedenti edizioni rappresentano la garanzia dell’evento che per l’anno 2018 conferma l’obiettivo della manifestazione, ovvero la scelta delle prelibate pietanze, servite rigorosamente in piatti di terracotta, accompagnati da “tammorra, tamburelli e triccheballacche” e dal vino rosso prodotto a San Pietro al Tanagro. Tutto questo farà apprezzare maggiormente i succulenti piatti, quest’anno rafforzati come al solito da una eccellente novità (trippa, fagioli e cipolla alla contadina), senza far mancare le “patane e cepodde arraanate” e gli anelletti di cipolla indorati con farina di mais.