Visualizzazione post con etichetta CAMPANIA. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta CAMPANIA. Mostra tutti i post

Napoli: il Concerto di Pasqua 2019 alla Basilica dello Spirito Santo

NAPOLI. "Dalle tenebre alla sua ammirabile luce" è il titolo del Concerto di Pasqua 2019 che l'Associazione Culturale Noi per Napoli rappresenterà domenica 14 aprile 2019 alle ore 18:30, giorno della Domenica delle Palme, presso la Basilica dello Spirito Santo in Via Toledo a Napoli.
Protagonisti saranno il soprano Olga De Maio, il tenore Luca Lupoli, artisti del Teatro San Carlo,  insieme ideatori e direttori artistici del Concerto, il tenore Lucio Lupoli, il flautista Andrea Ceccomori,l'arpista Gianluca Rovinello, la pianista Natalyia Apolenskaja, con la partecipazione straordinaria dell’attore Benedetto Casillo come voce recitante, il giornalista Giuseppe Giorgio presenterà l’evento.
Verrà proposta al pubblico un'originale narrazione, attaverso il canto, la musica, ed il testo della Passione di Gesù Cristo secondo San Matteo in una versione  volgarizzata in lingua napoletana di un intellettuale  napoletano del 1860, con immagini realistiche tratte dal film di Pier Paolo Pasolini, il Vangelo di San Matteo.
Il racconto della Passione sarà scandito dall’esecuzione di brani strumentali e vocali di autori quali Bach, Pergolesi, Stradella, Refice, Albinoni, Haendel, Mozart, Rossini, Verdi, Orff, Massenet, Cocciante.
Dall'incipit delle tenebre della condizione umana di peccato e fragilità dell’uomo, espressa dal tradimento di Giuda, fino alla mirabile luce della Resurrezione di Gesù Cristo, si ripercorreranno gli episodi del suo processo, crocifissione e morte, ed in un graduale crescendo, la musica, il canto, le immagini e le  parole accompagneranno  gli spettatori a ripercorrere ed a vivere con grande pathos, emozioni e coinvolgimento  uno degli Eventi capitali, più straordinari della storia del cristianesimo ed  ad una profonda riflessione su di esso, proprio in vista delle festività pasquale imminenti.
L’evento si inserisce sempre tra le iniziative a scopo benefico che l’Associazione Culturale NoiperNapoli destina alla mensa dei senzatetto di S.Francesco e S.Chiara di Piazza del Gesù attraverso la consegna diretta di una spesa di generi alimentari di prima necessità.
L’iniziativa verrà patrocinata dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, dalla Presidenza del Consiglio della Regione Campania, sarà seguita dalle telecamere di "InCitta" delle giornaliste LorenzaLicenziati e Laura Bufano, coordinatrice logistica ed organizzativa dell’evento e dalla DG PhotoArt di DavideGuida, che ha curato anche il progetto immagini dell'evento.

Contributo di partecipazione € 15
Infoline: 3394545044/ 3277589936
Email: noipernapoliart@gmail.com
http://www.noipernapoli.it
Tickets point: Edicola Piazza del Gesù
Biglietterie Go2 (Feltrinelli, Box Office Galleria Umberto, il Botteghino via Pitloo n.3 Vomero e tutti gli altri indicati sul sito https://www.go2.it/evento/concerto_di_pasqua_-_dalle_tenebre_alla_sua_ammirabile_luce/3957)

Maltempo: neve imbianca il Vesuvio

NAPOLI - Stamani i residenti dell'area vesuviana hanno avuto una lieta immagine al loro risveglio: l'annunciato colpo di coda dell'inverno ha infatti riportato la neve sul Vesuvio, che quest'oggi si presenta con uno spesso velo bianco dopo le abbondanti precipitazioni che si sono abbattute sulle città della provincia di Napoli. In forte calo le temperature rispetto agli ultimi giorni, vento forte. Quasi tutti i sindaci dell'area metropolitana hanno deciso di lasciare regolarmente aperte le scuole.

Stupro nella Circumvesuviana: in manette tre giovani

NAPOLI - Sono tre i ragazzi tra i 18 e i 20 anni che sono stati fermati per lo stupro nella stazione di San Giorgio a Cremano della Circumvesuviana, treno locale che collega Napoli con l'hinterland intorno al Vesuvio. All'individuazione dei presunti responsabili della violenza su una 24enne con problemi psichici hanno contribuito sia il racconto della giovane, che aveva già detto agli investigatori di conoscere indirettamente uno degli aggressori, che le immagini delle telecamere di videosorveglianza. Le violenze si sarebbero consumate all'interno di uno degli ascensori che portano ai binari nel tardo pomeriggio del 4 marzo.

Primarie Pd: Casalnuovo avrà un capolista

CASALNUOVO DI NAPOLI. Arriva il giorno delle Primarie Nazionali del Partito Democratico e Casalnuovo di Napoli avrà un suo capolista.
Si voterà domenica 3 marzo dalle 8 alle 20, nel seggio istituito a Via Vittorio Emanuele 110, Casalnuovo di Napoli.
Giovanni Nappi, già presidente del consiglio comunale in Città e leader storico del Pd Casalnuovese, sarà il capolista per le elezioni dell’assemblea nazionale del partito.
Nappi scende in campo a sostegno del segretario nazionale uscente Maurizio Martina.
Il collegio in cui Nappi è capolista è quello di Acerra-Casalnuovo-Pomigliano e comprende 11 territori: Acerra, Brusciano, Caivano, Casalnuovo di Napoli, Castello di Cisterna, Mariglianella, Marigliano, Pomigliano d'Arco, San Vitaliano, Scisciano e Volla.
Un profilo, quello di Giovanni Nappi, che negli ultimi anni sembra sempre più distante dai vecchi schemi e dal vecchio modo di fare politica nei partiti.
Giovanni Nappi è stato l’ideatore del Premio Letterario ‘Una Città Che Scrive, che in 3 anni ha registrato oltre 5000 iscritti e ben 5 antologie (l’ultima, sulla Dislessia, è stata presentata al BookCity di Milano). Recentemente, ha fondato una Biblioteca Sociale intitolata a Giacomo Leopardi, per celebrare i 200 anni de ‘L’Infinito’. La Biblioteca nasce in uno spazio di proprietà della sua famiglia, spazio messo a disposizione gratuitamente. Nel suo territorio ha proposto in pochi anni decine di iniziative per i ragazzi: sono suoi, per esempio, i progetti di "Giornate di Educazione Civica", "Luoghi di Musica & Poesia", "Una Città Che Dipinge", "Scuola di Comunità", "Centro Estivo gratuito con vitto". Ama regalare momenti di sviluppo e aggregazione alla Comunità di riferimento: riporta dopo 35 anni in Città una storica Festa di quartiere, "Via Roma in Festa", facendola diventare un appuntamento che va ben oltre il proprio territorio di appartenenza. Organizza il primo Villaggio di Babbo Natale nella sua Città, il primo Carnevale con grandi carri allegorici. Da anni ricopre il ruolo di segretario nazionale del Sindacato SLI, un piccolo, ma dinamico, Sindacato autonomo di lavoratori e pensionati, da lui stesso fondato: la festa dei pensionati dello SLI vede ogni anno centinaia di amici della terza età partecipare con gioia. Insomma, una bella novità nel gruppo dirigente nazionale del Partito Democratico.

Camorra: maxi-blitz Fiamme Gialle tra Veneto e Campania, 50 arresti

NAPOLI - Le Fiamme gialle hanno portato a termine una maxi-operazione contro la camorra tra Veneto e Campania con 50 misure di custodia cautelare personale per associazione a delinquere di stampo mafioso e vari gravi reati. 

Il Gico del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Trieste e la Squadra Mobile di Venezia stanno eseguendo - in provincia di Venezia, a Casal di Principe (Caserta) e in altre località - anche 11 provvedimenti di obblighi di dimora e di altro tipo disposti su richiesta della procura distrettuale del capoluogo veneto. In corso di esecuzione sequestri preventivi per beni e valori pari a 10 milioni di euro.

Campania: la regione presente alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano

MILANO. Anche la Regione Campania è presente alla BIT, la Borsa Internazionale del Turismo di Milano, e punta su servizi complessi, distretti, organizzazione generale e messa in rete di grandi eventi per raccogliere la sfida del turismo.
Alla conferenza stampa svoltasi al Padiglione della Regione durante i lavori della BIT, coordinati dal Direttore generale per le politiche turistiche e culturali dell'ente di Santa Lucia Rosanna Romano, è intervenuto  insieme con il coordinatore dei distretti turistici Enzo Marrazzo, il direttore dell'agenzia regionale per il turismo Luigi Raia e il presidente del Premio Ischia di giornalismo Benedetto Valentino anche il direttore del Premio "Penisola Sorrentina Arturo Esposito", Mario Esposito di Piano di Sorrento.
Il Premio Penisola Sorrentina costruirà una rassegna di manifestazioni che culmineranno nel grande evento programmato il 26 ottobre nella cittadina costiera.
"La Regione Campania sta dando nuovo impulso a noi organizzatori di eventi. E su questo gli indirizzi istituzionali del Governatore De Luca e dell'Assessore al Turismo Corrado Matera appaiono chiari ed efficaci. Spesso infatti i creativi tendono, o più spesso, sono destinati ad essere isole. Occorre invece diventare arcipelago", commenta Mario Esposito, patron della rassegna nazionale giunta alla ventiquattresima edizione e riconosciuta anche dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e Ministero per i beni e attività culturali.
Tra le iniziative della ventiquattresima edizione ritorna "Copertina d'autore", diretto dal maestro Giuseppe Leone e destinato all'arte visiva.  Atteso poi anche il "Music award", ovvero il concerto di fine settembre che aprirà il cartellone delle manifestazioni di Piano di Sorrento.
Ma le aspettative maggiori in termini istituzionali e di promozione per la Campania restano collegate alla serata evento che premia le eccellenze della cultura e dello spettacolo.
Piano di Sorrento ha acceso così i propri riflettori in un prestigioso contesto internazionale, come appunto l'evento fieristico milanese, nell'ottica di sinergie organizzative ed istituzionali.
"Ho partecipato anche all'inaugurazione di Spazio Campania, il luogo di rappresentanza nella centralissima Piazza Fontana insieme con rappresentanti istituzionali e culturali come Vincenzo De Luca, Giuseppe Sala, Attilio Fontana, Vincenzo Boccia, Mario Martone. Questo luogo, con la regia di Sviluppo Campania, sarà in grado di intercettare gli interessi dell'industria della moda, della gastronomia e della cultura. Da oggi la Campania ha un vero cuore in Europa e anche come Premio Penisola Sorrentina raccoglieremo questa sfida rafforzando nel tempo la nostra presenza nella città più internazionale d'Italia", conclude il direttore del Premio Mario Esposito.

Maltempo: Vesuvio innevato


ROMA - Non dà tregua la nuova ondata di maltempo che sta imperversando in queste ore sul Paese. Scene inconsuete dal Vesuvio, oggi innevato, raffiche di vento e temperature in calo. È lo scenario che si registra questa mattina tra Napoli e provincia.

Le temperature più fredde della scorsa notte hanno consentito il formarsi di uno strato nevoso che ancora questa mattina rende suggestivo il vulcano più famoso al mondo. Su Napoli e i comuni vesuviani aria fredda ma il tempo è sereno.
 
I fenomeni sono riconducibili ad un deteriorarsi progressivo della situazione meteo annunciato già nelle scorse ore dalle allerte diramate dalla Protezione civile in diverse regioni.

Napoli, muore in corsia dopo sei ore di attesa


NAPOLI - Al via le indagini della polizia per la morte di Eduardo Estatico, di 72 anni, avvenuta sabato 9 febbraio nel pronto soccorso dell'ospedale San Paolo di Fuorigrotta, a Napoli. Dopo il decesso, i familiari hanno presentato una denuncia riferendo che l'uomo si trovava nel nosocomio dalle 14.30, in codice giallo, a causa di alcuni dolori addominali.

Secondo quanto ricostruito dalla Polizia anche sulla base della denuncia, l'uomo era stato portato nello stesso ospedale tre giorni fa con gli stessi sintomi ed era stato dimesso dopo accertamenti. Ricostruzione diversa da quella di fonti dell'ospedale per le quali tre giorni fa l'uomo era stato portato nel nosocomio, ma era stata indicata la necessità del ricovero e aveva rifiutato. Il pm ha messo sotto sequestro la cartella clinica e disposto l'autopsia.

"Non chiediamo niente, solo giustizia; denunciamo l'indifferenza che abbiamo trovato in quella azienda, in quell'ospedale". Così, in un video pubblicato da Il Mattino, Salvatore Estatico, sulla morte del padre. "Non si può tenere una persona 6 ore ad aspettare che poi, in qualche modo, arrivi la morte, non hanno fatto niente per evitarlo".

Domani, lunedì 11 febbraio, partirà un'indagine interna per accertare quanto è avvenuto in relazione alla morte della 72enne. Lo si apprende da fonti dell'ospedale. Le stesse fonti affermano che ieri, poi, era giunto in codice rosso e si era evidenziata la necessità di un intervento chirurgico urgente.

Scambia candeggina per aranciata: ricoverata in ospedale


di PIERO CHIMENTI - Incidente domestico a San Valentino Torio, in provincia di Salerno, dove una ragazza di 21 anni ha ingerito la candeggina, imbottigliata in una bottiglia di succo di frutta. Immediati i soccorsi da parte del 118, che hanno portato la donna all'ospedale Martiri di Villa Malta di Sarno, dove si cerca una terapia farmacologica per riparare ai gravi danni provati a trachea ed esofago.

Riscatto per auto rubate, 31 arresti ad Afragola


NAPOLI - Sgominato nel Napoletano un gruppo criminale con base nel rione Salicelle ad Afragola, che rubava auto e chiedeva un 'riscatto' ai proprietari per restituirle. Indagini dei carabinieri del comando provinciale di Napoli coordinate dalla procura di Napoli Nord hanno portato all'esecuzione di un'ordinanza di applicazione della misura cautelare nei confronti di 31 persone emessa dal gip per di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di estorsioni, furti, ricettazione, rapina e favoreggiamento.

L'inchiesta si è avvalsa anche di intercettazioni telefoniche e ambientali e dell'acquisizione di immagini riprese da una telecamera all'uopo installata, ricostruendo il modus operandi della banda. II gruppo, con base nel rione popolare, aveva al suo vertice una persona già sottoposta agli arresti domiciliari che organizzava e coordinava le attività illecite dalla finestra della propria abitazione; attraverso una fitta rete di conoscenze, riusciva a mettere in contatto estorsori e vittime, che ricevevano indicazioni sulle modalità di pagamento e poi, una volta versati i soldi, la comunicazione del luogo di restituzione dell'auto.

Caserta, migranti travolti e uccisi in bicicletta: arrestato pirata della strada


CASERTA - I carabinieri della Stazione di Teverola hanno eseguito un provvedimento di fermo di indiziato di delitto per omicidio stradale, emesso dal pm Paolo Martinelli della procura di Napoli Nord, a carico di un 42enne di Caserta. L'indagine ha raccolto concreti indizi di colpevolezza a suo carico per il duplice omicidio stradale avvenuto sulla strada statale 7bis a Teverola; alle 3 del mattino due extracomunitari regolari in Italia, un 20enne della Guinea e un 19enne del Senegal, sono stati investiti, mentre erano in bicicletta, da una Bmw X3 guidata dall'uomo. L'auto, trovata in una carrozzeria di Caserta, è stata sottoposta a sequestro e a rilievi tecnici. Il 42enne è stato rintracciato a Caserta ed è ora nel carcere di Santa Maria Capua Vetere.

Maltempo: Reno rompe argini, salvati sei carabinieri

Italia nella morsa del maltempo: valanghe, fiumi in piena ed esondazioni tengono in allerta il paese, colpito da nevicate e nubifragi. La situazione più critica si registra nella Bassa Bolognese, dove il Reno ha rotto gli argini e l'acqua ha allagato le case circostanti. Sei carabinieri sono rimasti feriti, travolti dall'onda di piena, mentre stavano soccorrendo alcune persone nella Bassa bolognese, dove il fiume è esondato rompendo un argine. I militari sono stati salvati dall'elicottero dei vigili del fuoco e portati in ospedale per ipotermia, ma nessuno è grave. L'esondazione del Reno ha costretto 280 persone ad abbandonare le proprie abitazioni.

Fa paura anche il Po, il cui livello è salito di tre metri in 12 ore per effetto delle piogge intense mentre a Venezia il fenomeno dell'acqua alta ha raggiunto i 113 cm di altezza sul medio mare. Chiusi gli accessi alle banchine del Tevere a Roma, con il superamento della prima soglia di attenzione del livello del fiume Aniene. A Livorno la piena fiume del Cecina allaga le campagne, ma le esondazioni non riguardano i centri abitati.

In Puglia allerta gialle per venti forti di burrasca su tutta la regione, con diversi disagi nel Barese. Mareggiate lungo le coste esposte. Analoga situazione in Campania, dove la Protezione civile ha diramato una nuova allerta meteo per il rischio di frane e allagamenti: la situazione è particolarmente critica per l'esondazione del Sarno in alcuni tratti, che ha provocato allagamenti di case e danni alle aziende agricole. Bollino 'rosso' anche per la pianura emiliana orientale e la costa ferrarese per tutta la giornata di domenica.

Napoli, sequestrate armi e ricette mediche


NAPOLI - In un garage sotterraneo in piazza Mercato a Napoli i carabinieri hanno scoperto un arsenale. Trovati e sequestrati in contenitori di plastica 5 ricettari in bianco del Servizio sanitario nazionale, ognuno da 100 ricette; tre pistole semiautomatiche con matricola abrasa, di cui una di fabbricazione tedesca, tutte cariche; un silenziatore; 80 cartucce di vari calibri, e una doppietta con matricola abrasa. I contenitori erano in scaffali tra indumenti e vecchie tovaglie. Il fucile era, invece, all'interno di una colonna di cemento che era stata svuotata e divisa a metà. Le armi, inoltre, erano avvolte in stoffa e plastica per proteggerle da polvere e agenti atmosferici, ed erano pulite, oliate e pronte all'uso. Le indagini dei carabinieri proseguono per risalire al detentore materiale del box.

Napoli: bimbo 7 anni ucciso per aver rotto lettino. Si indaga anche sulla madre


NAPOLI - La Procura di Napoli Nord sta svolgendo accertamenti sulla madre dei due bimbi vittime della furia omicida del compagno 24enne di origini tunisine, che domenica ha ucciso il maschietto di 7 anni e ferito gravemente la sorellina di 8 anni.

La donna ha confermato agli inquirenti le violenze commesse dal convivente, ma ha riferito di non averle denunciate, forse per paura. È su questa circostanza decisiva che la Procura vuole vederci chiaro, e non è improbabile che la donna possa essere iscritta nel registro degli indagati per non aver fatto nulla per impedire il pestaggio.

A far scaturire la follia omicida del giovane sarebbe stata la rottura della sponda del lettino appena comprato. Sarebbe stata questa la motivazione che ha portato il 24enne, fermato per omicidio volontario e tentativo di omicidio, a picchiare fino a uccidere Giuseppe, il bimbo di 7 anni figlio della compagna, e a ferire gravemente la sorellina di 8.

Questa la confessione dell'uomo - di cui riferiscono vari giornali - al termine del lungo interrogatorio. I bambini sarebbero stati colpiti - ha detto - a pugni e calci ma non, come trapelato, con il manico di una scopa.

L'uomo avrebbe rotto la scopa per rabbia ma non la avrebbe usata contro i bambini. "Avevamo fatto sacrifici per comprarlo", ha aggiunto. Le accuse che la procura di Napoli Nord muove al 24enne  sono di omicidio volontario aggravato e tentato omicidio aggravato.

Orrore a Napoli: bimbo ucciso di botte, grave sorellina


NAPOLI - Si tinge di giallo alle porte di Napoli il brutale pestaggio di due fratellini, uno dei quali è morto per la violenza delle botte. Il piccolo di 7 anni è stato ritrovato esanime all'interno di un'abitazione di Cardito (Napoli). La sorellina, di 8 anni, è stata ricoverata d'urgenza all'ospedale Santobono di Napoli. Un terzo minore, di 4 anni, è illeso. Sul fatto indaga la Polizia allertata da una telefonata. Le cause della morte del bambino sono ancora in corso di accertamento. Gli agenti stanno ascoltando la mamma e il compagno di quest'ultima.

La bimba di 8 anni - secondo quanto apprende l'agenzia Ansa da fonti dell'ospedale pediatrico Santobono di Napoli - non ha traumi agli organi interni e la Tac al cranio non ha evidenziato problemi particolari. Ma ha il volto completamente tumefatto e tra i medici c'è chi dice di essersi trovato di fronte a una situazione forse senza precedenti. La piccola "affetta da trauma cranio-facciale e contusioni multiple per il corpo da percosse", si legge nel bollettino dell'ospedale pediatrico Santobono di Napoli dove è ricoverata.

Frana su statale: tragedia sfiorata a Ischia


ISCHIA - Torna la paura ad Ischia per una frana che la scorsa notte si è abbattuta sulla ex strada statale 270, nel tratto antistante l'eliporto, sulla arteria di collegamento tra Casamicciola e Lacco Ameno. Nessuna persona o auto sarebbe stata coinvolta.

 La frana ha interessato una scarpata per un'altezza di 16 metri e per una lunghezza di 50 metri circa. A venir giù con violenza inaudita un terrapieno dall'altezza di 16 metri. La strada rimarrà comunque chiusa sino al termine delle operazioni e dei sopralluoghi. Sono stati sinora rimossi all'incirca 170 metri cubi di materiale.

Bomba in pizzeria a Napoli: Salvini incontra Gino Sorbillo

NAPOLI - Stamani si è tenuto un incontro tra il ministro dell'interno Matteo Salvini e Gino Sorbillo, titolare della celebre pizzeria di Napoli, vittima di un attentato nei giorni scorsi. Il ministro ha incontrato il noto pizzaiolo napoletano in una saletta dell'aeroporto di Capodichino. Il ministro dell'Interno e Sorbillo hanno parlato per una decina di minuti.

Nel frattempo il procuratore, Giovanni Melillo, insieme con il commissariato stanno lavorando intensamente per portare avanti in maniera forte e capillare tutte le piste investigative, come ha detto oggi il questore di Napoli, Antonio De Iesu, raggiungendo il municipio di Afragola dove arriverà il ministro dell'Interno

Non si fermano all'alt della polizia e si schiantano contro un tir: 4 morti

CASERTA - Dramma sulle strade del Casertano. Dopo che non si sono fermati all’alt di una pattuglia della polizia stradale in servizio lungo la strada statale Telesina è scattato un inseguimento che si è concluso con una tragedia. Quattro in tutto le persone morte nei pressi dell’uscita di Alvignano, in provincia di Caserta. Erano tutte a bordo di una Skoda intercettata da una pattuglia del commissariato di Telese Terme. Dopo una ventina di chilometri, l’auto è uscita di strada e le quattro persone a bordo sono tutte decedute. La polizia indaga per identificare le vittime.

I quattro hanno cercato di seminare l’auto della polizia che li inseguiva da Telese Terme e per sorpassare un’altra vettura si sono spostati sulla corsia opposta della statale Telesina, proprio mentre sopraggiungeva un tir. Per la forte velocità non sono riusciti a evitare l’impatto e la loro auto si è incastrata sotto l’autoarticolato. Due dei deceduti sono stati sbalzati dalla vettura, altri due corpi sono rimasti incastrati nelle lamiere. I vigili del fuoco di Caserta stanno lavorando per estrarli.

Lievemente feriti anche i due agenti della squadra volante che hanno subito allertato i soccorsi. Uno dei quattro occupanti della Skoda era ancora vivo dopo l’impatto, ma quando i sanitari del 118 sono giunti nei pressi dell’uscita di Alvignano della Statale 372, che collega la Valle Telesina all’autostrada A1, l’uomo era già morto.

In corso le verifiche per identificare gli occupanti della vettura, intercettata a Telese Terme e inseguita per circa 20 chilometri dalla polizia. Ad intervenire sul posto anche i carabinieri del Comando provinciale di Caserta e la polizia stradale.

Bomba in pizzeria a Napoli, Fico: "Stato sia duro"


ROMA - "Solidarietà a Gino Sorbillo e a chi lavora nella sua pizzeria per l'atto ignobile che hanno subito. Sono sicuro che le forze dell'ordine stanno facendo un lavoro straordinario e i criminali saranno presto in galera". Messaggio di solidarietà del presidente della Camera Roberto Fico che in un video esprime "vicinanza anche a tutti quelli che ogni giorno subiscono atti intimidatori e lavorano in una realtà spesso difficile".

"Sono felice - continua il presidente della Camera - che Napoli reagisca sempre con forza. La pizzeria Sorbillo già subì un attentato e quando passo lì davanti c'è sempre una folla in festa che aspetta di mangiare una pizza. La città non si arrende, non vuole subire soprusi e quando subisce un torto così profondo si rialza sempre. Lo Stato deve essere fermo, deve darsi un termine nella risoluzione della lotta alla camorra: una minima parte della città non può inficiare il lavoro della maggioranza delle persone oneste. Lo Stato deve essere inflessibile nel darsi un termine per la sconfitta della camorra".

Napoli, guerra tra clan: 9 arresti

NAPOLI - In manette alcuni esponenti di due clan in lotta a Napoli. Eseguite dai carabinieri nove misure di custodia cautelare in carcere emesse dal gip partenopeo per omicidio e tentato omicidio, aggravati da metodo e finalità mafiose.

Tra gli arrestati figurano alcuni esponenti di spicco dei clan avversari Mazzarella e Rinaldi, impegnati da tempo in una 'guerra' per il controllo di una vasta porzione del capoluogo campano e del suo hinterland, nonché Luigi Esposito detto "lo sciamarro".

Le indagini sono riuscite a ricostruire la dinamica e il movente dell’omicidio di Vincenzo De Bernardo, ucciso l'11 novembre 2015, e del tentato omicidio di Antonio Amato il 7 settembre 2017.