Visualizzazione post con etichetta CAMPANIA. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta CAMPANIA. Mostra tutti i post

Trema il Napoletano: sisma magnitudo 2.5 vicino Pozzuoli

NAPOLI - Trema la popolazione a Pozzuoli (Napoli) e nel circondario flegreo. In zona si sono distintamente avvertite due scosse: la prima, accompagnata anche da un boato, alle 23:36 di ieri con magnitudo 2.5; la seconda qualche minuto dopo, di intensità inferiore.

L'ipocentro è stato a soli 2 km di profondità, secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv); epicentro l'area tra la Solfatara e la zona Pisciarelli.

Il terremoto è stato avvertito sia nella zona di Pozzuoli alta che sull'intero litorale flegreo dal quartiere di Bagnoli a Napoli fino ad Arco Felice e nell'entroterra fino a Quarto. Non si segnalano danni a persone e cose.

Napoli, esplode bombola di gas: 1 morto e 2 feriti

NAPOLI - Dramma in un edificio a Napoli, in via Don Minzoni, nella zona dei Quartieri spagnoli, dove una forte esplosione, provocata probabilmente da una bombola a gas, ha causato una vittima e due feriti. Al via le operazioni di diverse squadre dei Vigili del fuoco.

Secondo quanto si è appreso oggi era in programma lo sfratto per l'appartamento nel quale è esplosa la bombola. E la gente del quartiere riferisce di un forte malumore espresso nei giorni scorsi da uno dei due figli - entrambi feriti, uno in 'codice rosso' - della donna deceduta nella deflagrazione, il quale avrebbe manifestato la volontà di non voler lasciare l'abitazione.

Ricatti a minorenni per foto hot: arrestato 21enne

ISCHIA - Una brutta storia di violenze e ricatti dal napoletano. Protagonista un 21enne, residente in provincia di Modena, arrestato in queste ore a Ischia per produzione e divulgazione di materiale pedopornografico ai danni di 26 ragazze minorenni residenti su tutto il territorio nazionale. Al termine di indagini coordinate dalla procura di Napoli, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Ischia, in collaborazione con i colleghi di Sassuolo, nel Modenese, hanno dato esecuzione a una misura custodia cautelare in carcere, emessa dal gip nei confronti del giovane, residente in Prignano sulla Secchia nel Modenese.

Le accuse per il 21enne sono di produzione di materiale pedopornografico utilizzando minori e divulgazione di materiale pedopornografico. Le indagini sono state avviate nel novembre del 2017 dopo la denuncia sporta dal padre di una delle vittime; il 21enne adescava le minorenni attraverso Instagram e Whatsapp, facendosi fornire, dopo aver instaurato un’apparente relazione sentimentale, foto e/o video 'hard'; per ottenerne altre le minacciava di diffondere quanto precedentemente consegnato, o inviando filmati riconducibili al terrorismo islamico per intimorirle. Nella casa dell'indagato, i carabinieri hanno sequestrato apparecchiature elettroniche (PC, smartphone, Hard Disk) e una consulenza tecnica informatica vi ha rintracciato materiale pedopornografico. Effettuate anche diverse perquisizioni.

Napoli, donna ferita da proiettile vagante

NAPOLI - Momenti di paura a Napoli, dove una donna è ancora ricoverata in ospedale dopo essere stata ferita da un proiettile vagante. Il dramma si è consumato in via Vicaria Vecchia, nella zona di Forcella nel corso di una "stesa", come riporta "Il Mattino" di Napoli.

La donna era affacciata al balcone di casa quando è stata ferita da un colpo d'arma da fuoco. A sparare sarebbero state due persone in sella ad uno scooter con il volto coperto da un casco che entrati hanno fatto fuoco in aria. Il fatto è accaduto poco dopo le 23.

Le sue condizioni non sono gravi: secondo i medici la ferita alla gamba destra guarirà in 21 giorni ma i sanitari ne hanno disposto comunque il ricovero. Gli agenti hanno trovato sul posto quattro bossoli esplosi da un'arma calibro 7,65.

Quattordici anni fa nello stesso quartiere venne uccisa Annalisa Durante; una ragazzina di 14 anni, vittima innocente della camorra, che stava passeggiando per le strade di Forcella e che venne colpita da un proiettile vagante durante una sparatoria.

San Pietro al Tanagro: al via la 'Festa della Cipolla'

SALERNO - La Festa della di Cipolla di San Pietro al Tanagro (SA), che avrà luogo il 31 agosto e l’1 settembre 2018 è arrivata all'importante traguardo della sua XII edizione. “I sapori che si sentono in bocca … e nella mente”, è questo lo slogan che da anni caratterizza la due giorni organizzata dalla Pro Loco di San Pietro al Tanagro che ha come protagonista, giusto appunto, una delle eccellenze gastronomiche del territorio: la cipolla.

Fin dalla metà del 1800, la cipolla rappresentava un rilevante valore aggiunto, alla povera economia contadina locale dell’entroterra Salernitano, oggi è un prodotto d’eccellenza molto ricercato ed apprezzato, simbolo dello sforzo di rinascita di un territorio. “L’ idea è quella di fare di un “frutto” della nostra terra, un’occasione enogastronomica – ha dichiarato, infatti, Francesco Cardiello, presidente dalla Pro Loco di San Pietro al Tanagro – cercando di incentivare l’economia locale attraverso la memoria e la promozione del prodotto tipico locale. Questa sarà la nostra sfida”.

“La due giorni , intende offrire l’occasione ai visitatori ed agli stessi Sampetresi – ha spiegato Antonio Pagliarulo, Assessore Turismo e Cultura ‐ di ammirare e riscoprire la bellezza, la semplicità e la serenità di vita di una volta”. Dunque, attrattive naturalistiche, paesaggistiche ed ambientali, riscoperta di vecchie tradizioni, tra cui, ovviamente, gastronomia tipica del posto.

Il primo settembre alle ore 18:30, inoltre, si terrà un interessante seminario/dibattito:

“Mangiare e sapere. La dimensione culturale del cibo” con esperti nel settore culinario ed altri professionisti che forniranno informazioni corrette e ci accompagneranno nel mondo dell’alimentazione sana e della prevenzione, senza perdere di vista l’importanza del gusto a tavola.

Le precedenti edizioni rappresentano la garanzia dell’evento che per l’anno 2018 conferma l’obiettivo della manifestazione, ovvero la scelta delle prelibate pietanze, servite rigorosamente in piatti di terracotta, accompagnati da “tammorra, tamburelli e triccheballacche” e dal vino rosso prodotto a San Pietro al Tanagro. Tutto questo farà apprezzare maggiormente i succulenti piatti, quest’anno rafforzati come al solito da una eccellente novità (trippa, fagioli e cipolla alla contadina), senza far mancare le “patane e cepodde arraanate” e gli anelletti di cipolla indorati con farina di mais.

Inviava messaggi piccanti ad alcuni parrocchiani sposati, rimosso sacerdote


AVELLINO - Inviava messaggi piccanti con chiare avances sessuali ad alcuni uomini sposati, che erano soliti frequentare la sua parrocchia. Per questo motivo, una volta scoperto, un parroco è stato rimosso dal vescovo di Avellino, monsignor Arturo Aiello. Da quello che si apprende, nei confronti del giovane sacerdote pare sia anche stato avviato l'iter per la sospensione a divinis, viste le gravi condotte di cui si è reso protagonista.

Napoli, disabile gettato tra i rifiuti

NAPOLI - Napoli sotto choc per le violenze del branco su un disabile, gettato nel cassonetto dei rifiuti. Individuati tre maggiorenni e un minore, tutti incensurati, colpevoli di aver preso un uomo e di averlo scaraventato in un cassonetto della spazzatura. A diffondere la notizia è "Il Mattino", spiegando che i quattro - individuati dal commissariato di Fuorigrotta - sono stati denunciati per violenza privata, ma potrebbero essere accusati anche di lesioni se emergessero delle ferite ai danni della vittima: rischiano una condanna fino a quattro anni.

Le indagini hanno preso spunto da un video registrato in via Leopardi e presto diventato virale che immortala un gruppetto di 'bulli' che se la prende con una persona con evidenti disturbi psichici, fino a gettarla nel contenitore dei rifiuti chiudendo anche il coperchio. Come racconta il quotidiano, quando la notizia è stata pubblicata, i responsabili hanno cercato il contropiede facendo circolare un altro video, nel quale hanno intervistato l'uomo del cassonetto facendogli confermare la versione dello scherzo.

Napoli, abusa delle piccole pazienti: in manette fisioterapista

NAPOLI - Storia dell'orrore dal Napoletano, dove un fisioterapista di 54 anni è stato arrestato dalla polizia per pedofilia. L'indagine della VI Sezione della Squadra Mobile partenopea è scattata dopo la denuncia sporta dalla madre di una ragazzina di meno di 14 anni nei confronti dell'uomo, che lavora in un centro di riabilitazione nel quartiere di Napoli di Posillipo, per presunti abusi sessuali commessi nei confronti della sua giovane paziente.

L'inchiesta, avvalendosi anche di attività tecniche, ha indicato che il terapista aveva infastidito anche un'altra paziente minorenne, mettendo in luce inequivocabili atti sessuali ai danni di un'altra piccola paziente, e gli agenti hanno dovuto intervenire.

L'uomo, arrestato in flagranza e su disposizione del magistrato, è stato condotto presso la Casa Circondariale di Poggioreale. A convalidare l'arresto del fisioterapista il gip di Napoli, che ha disposto per l'uomo i domiciliari.

Salerno, meticcio salvato dai carabinieri

di PIERO CHIMENTI - Un'auto parcheggiata nei pressi del cinema Space a Salerno era diventata un luogo troppo caldo per il povero meticcio che si trovava nel portabagagli ed aveva come unico spiraglio un finestrino di poco abbassato della parte anteriore del mezzo.

I guaiti hanno subito attratto l'attenzione dei passanti che hanno provveduto ad allertare la la Lega nazionale per la protezione del cane della sezione salernitana. L'associazione, con la collaborazione dei Carabinieri, ha provveduto a rompere il finestrino per trarre in salvo l'animale che iniziava a dare evidenti segni di sofferenza per le elevate temperature estive.

Tutti i pazienti dimessi per festeggiare il nuovo primario

di PIERO CHIMENTI - Nell'ospedale del Mare di Napoli tutti i pazienti sono stati dimessi tra venerdì e sabato per permettere al reparto di Chirurgia vascolare di chiudere per consentire a tutto il personale di medici e infermieri, che si sarebbero organizzati tra ferie e malattia, di festeggiare al meglio in un locale a Pozzuoli la nomina del nuovo primario. La vicenda giunta, all'orecchio del consigliere regionale e componente della sanità, Mario Borrelli, ha denunciato il fatto al direttore dell'Asl Na1 che, prima delle indagini in reparto, ha sospeso il neo primario, reo di tali fatti.

Napoli, ai domiciliari abusava di due bimbe

NAPOLI - Nuova storia choc di abusi dal Napoletano: nonostante fosse agli arresti domiciliari per scontare una pena per abusi sessuali abusava di due bambine di 11 e 12 anni. Con questa accusa all'alba i carabinieri hanno arrestato un 43enne di Qualiano, in provincia di Napoli. I fatti sono accaduti lo scorso mese di maggio. Le indagini dei militari, coordinate dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, sono state avviate a seguito delle denunce sporte dalle madri delle vittime nelle quali si narravano diversi episodi di ripetute violenze.

Comunali: il centrodestra trionfa in Toscana

Nei ballottaggi delle comunali '18 il centrosinistra è stato travolto in Toscana e in Emilia. I Cinque Stelle si affermano ad Avellino e Imola, ma perdono Ragusa. Avanzano Lega e centrodestra un po' ovunque.

Debacle del centrosinistra anche in Toscana dove Pisa, Siena e Massa passano in blocco al centrodestra. A Pisa il nuovo sindaco è Michele Conti candidato di Lega, FI e FdI, che ha battuto Andrea Serfogli. A Siena Luigi De Mossi, con il 50,8% batte di misura il sindaco uscente Bruno Valentini (Pd) fermo al 49,2%. A Massa Francesco Persiani è al 56,6% e batte senza problemi Alessandro Volpe, sindaco uscente, fermo al 43,4%.

Dura sconfitta anche per Maurizio Perinetti, candidato sindaco del centrosinistra a Ivrea: qui la sinistra amministrava ininterrottamente dal Dopoguerra. Ad Ancona, unico capoluogo di Regione al voto, si riconferma la sindaca uscente, Valeria Mancinelli, di centrosinistra.

Ad Avellino si impone a sorpresa Vincenzo Ciampi candidato M5S che strappa la cittadina campana finora guidata dal centrosinistra. Il M5S espugna anche Imola, governata per oltre 70 anni dal centrosinistra.

Da Brindisi una delle poche consolazioni per il centrosinistra: vince Riccardo Rossi, che ribalta così i risultati del primo turno che vedevano favorito Roberto Cavalera del centrodestra. Brindisi era uno dei comuni guidati dal Commissario straordinario.  Rossi vince col 56 per cento. Con il 56,61 per cento e 16.658 voti Riccardo Rossi, ingegnere dell'Enea, alla testa di una coalizione composta da Brindisi Bene Comune, Liberi e Uguali, Pd e Ora Tocca a Noi, è il nuovo sindaco di Brindisi“

Benevento, affari sui centri per migranti: 5 arresti

BENEVENTO – E' stata eseguita dalla Polizia di Stato di Benevento, i Carabinieri del Nucleo investigativo di Benevento e del Nas di Salerno un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Benevento nei confronti di cinque persone tra cui un funzionario pubblico, un impiegato del Ministero della Giustizia e un appartenente alle forze dell’ordine, accusati di truffa ai danni dello Stato per il conseguimento di erogazioni pubbliche, frode in pubbliche forniture, corruzione e rivelazione di segreti d’ufficio.

L’indagine, partita nel novembre 2015 e coordinata dalla Procura di Benevento, ha avuto origine da un esposto e ha fatto luce su una serie di gravi comportamenti illeciti riguardanti la gestione dei centri di accoglienza per migranti della Provincia di Benevento. Nello stesso procedimento sono indagate altre 36 persone.

Abusava di bimba di 3 anni: arrestato 24enne

NOLA (NA) - Abusava di una bimba di tre anni: a scoprirlo i Cc a Nola, in provincia di Napoli. Per gli abusi è stato tratto in arresto un 24enne con l'accusa di atti di violenza sessuale aggravata.

Le indagini, scaturite da una confidenza raccolta a seguito dell'intervento di una pattuglia dei carabinieri, hanno consentito di delineare un grave e univoco quadro indiziario a carico dell'uomo ritenuto responsabile di aver commesso gli abusi nel gennaio 2018.

Napoli, giovane ucciso a colpi di pistola

NAPOLI - Nuovo dramma a Napoli, dove un giovane di 28 anni, originario del quartiere Scampia, è stato ucciso all'alba in via Coroglio. Secondo le ricostruzioni fornite dagli investigatori, il giovane era alla guida della sua auto quando è stato raggiunto da alcuni sconosciuti che hanno fatto fuoco più volte.

Per il 28enne non c'è stato scampo: è morto sul colpo. Le indagini sono condotte dai carabinieri.

Napoli: giovedì 7 giugno l’Assemblea della Confcooperative FederazioneSanità Campania

NAPOLI. Continuano le interessanti iniziative a Napoli: si svolgerà giovedì 7 giugno, presso la Sala Vasari della Chiesa di Sant’Anna dei Lombardi in Piazza Monteoliveto n°4, l’Assemblea della Confcooperative FederazioneSanità Campania per il rinnovo delle cariche sociali. 
Momento centrale dell’Assemblea, a partire dalle ore 10:30, la Tavola rotonda "La cooperazione medica e socio-sanitaria per la riorganizzazione delle cure in Campania: cambiamenti nell’offerta integrata dei servizi sanitari e sociali".
Interverranno ai lavori: Raffaele Topo, Presidente Commissione Sanità e Sicurezza Sociale Regione Campania; Raffaele Sellitto, Presidente Consorzio Cooperative Mediche Mega Ellas; Gianfranca Ranisio, Professoressa Dipartimento Scienze Sociali, Università Federico II di Napoli; Ferdinando Flagiello, Presidente M.A.S. Mutua Assistenza Sanitaria; Giuseppe Milanese, Presidente Confcooperative FederazioneSanità Nazionale; Rosa Anna Giordano, Presidente Confcooperative FederazioneSanità Campania; Antonio Borea, Presidente Confcooperative Campania.

Appalti truccati, arrestato sindaco del Salernitano

SALERNO - I carabinieri della compagnia di Vallo della Lucania, nel Salernitano, hanno arrestato 9 persone: tra loro il sindaco del Comune di San Mauro Cilento - piccolo comune dell'area cilentana, di 890 abitanti - due assessori comunali, due consiglieri, il segretario comunale, i responsabili dell'ufficio tecnico e dell'ufficio di Ragioneria e l'amministratore di una ditta di smaltimento rifiuti. Si trovano tutti ai domiciliari.

Tra i reati contestati vi sono corruzione, concussione, abuso d'atti d'ufficio, falsità ideologica, gare d'appalto con procedure per l'affidamento truccate.

Napoli, investivano per il clan: arrestati due fratelli medici

NAPOLI - Facevano investimenti e affari per conto della cosca: con questa accusa sono stati arrestati due medici napoletani, professionisti insospettabili, insieme alla sorella e al cognato di un boss e a due affiliati. I medici sono due fratelli, un anestesista e un chirurgo estetico, in servizio presso due cliniche private napoletane dei quartieri di Chiaia e Vomero; la misura restrittiva riguarda anche Domenico Mollica, cognato del capoclan pentito Carlo Lo Russo e titolare di un'agenzia d’affari con sede nel centro direzionale di Napoli, insieme alla moglie Adriana Lo Russo, sorella di Carlo.

Turista inglese violentata, 5 arresti nel Napoletano

NAPOLI - Avrebbero stuprato una turista inglese, dopo averle somministrato sostanze stupefacenti. Gli agenti di Polizia del Commissariato di Sorrento e della Squadra Mobile di Napoli, coordinati dalla Procura di Torre Annunziata, stanno eseguendo in queste ore tra Massa Lubrense, Vico Equense, Portici e Torre del Greco, un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di cinque persone ritenute responsabili di violenza sessuale di gruppo con l'aggravante dell'uso di sostanza stupefacente nei confronti di una turista inglese.

Napoli, imprenditori per conto del clan: arrestate 6 persone

NAPOLI - Esercitavano l'attività imprenditoriale per conto dei clan camorristici. La Dia di Napoli sta eseguendo in queste ore una misura di custodia cautelare emessa dal gip partenopeo nei confronti di tre fratelli residenti nel quartiere napoletano di Posillipo, imprenditori con interessi nel settore della commercializzazione e distribuzione di giocattoli, delle agenzie di scommesse, della ristorazione e proprietari di in un noto locale per serate danzanti ed eventi musicali che ospitava spesso calciatori partenopei e uomini dello spettacolo. La misura cautelare riguarda anche le mogli di due degli imprenditori e un sesto indagato, ritenuto prestanome dei tre.

Agli arrestati viene contestato il reato di intestazione fittizia di beni con l’aggravante di aver commesso il fatto al fine di agevolare le attività dei clan Contini e Sarno. La Dia napoletana sta contestualmente eseguendo il sequestro di depositi e negozi per la commercializzazione e distribuzione di giocattoli a Napoli, in provincia e nel Casertano, di un bar/ristorante nel quartiere di Chiaia a Napolo, di un’agenzia di scommesse in piazza Mercato a Napoli e di una discoteca nella zona di Cornelio.