Visualizzazione post con etichetta LAVORO. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta LAVORO. Mostra tutti i post

Lavoro: a marzo occupazione -0,4%


ROMA - Aumentano nel mese di marzo gli occupati, che secondo l'Istat mostrano un aumento dello 0,3% (60 mila unità in più), di conseguenza il tasso di occupazione passa al 58,9% (+0,2%). In particolare, l'Istat rileva una crescita dei dipendenti permanenti (+44 mila) e di quelli indipendenti (+14 mila) mentre sono stabili i dipendenti a termine. In calo il tasso di disoccupazione che a marzo scende dal 10,5% al 10,2% con un calo di 0,4 punti percentuali.

L'aumento dell'occupazione - spiega l'Istat - è determinato da entrambe le componenti di genere e si concentra tra i minori di 34 anni (+69 mila); sono sostanzialmente stabili i 35-49enni mentre calano gli ultracinquantenni (-14 mila). Le persone in cerca di occupazione calano del 3,5% (-96 mila). La diminuzione riguarda entrambi i generi e tutte le classi d'età. Il tasso di disoccupazione passa dal 10,5% al 10,2% con un calo di 0,4 punti percentuali.

Nel periodo che va da gennaio a marzo 2019 l'occupazione registra una crescita rispetto ai tre mesi precedenti, sia nel complesso (+0,2%, pari a +46 mila) sia per genere. Nello stesso periodo diminuiscono i dipendenti a termine (-1,0%, -31 mila), mentre aumentano sia i dipendenti permanenti (+0,4%, +64 mila) sia gli indipendenti (+0,3%, +14 mila). Nel trimestre all'aumento degli occupati si associa un calo delle persone in cerca di occupazione (-1,8%, pari a -50 mila) e degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-0,1%, -18 mila).

Su base annua l'occupazione cresce dello 0,5%, pari a +114 mila unità. L'espansione interessa entrambe le componenti di genere, i 15-24enni (+63 mila) e gli ultracinquantenni (+210 mila). Al netto della componente demografica la variazione è positiva per tutte le classi di età. In un anno crescono soprattutto i dipendenti a termine (+65 mila) e si registrano segnali positivi anche per gli indipendenti (+51 mila), risultano sostanzialmente stabili i dipendenti permanenti.

Nei dodici mesi, la crescita degli occupati si accompagna al calo dei disoccupati (-7,3%, pari a 208 mila unità in meno) e degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-0,3%, -35 mila).

In calo a marzo al 30,2% la disoccupazione giovanile tra 15 e 24 anni, il minimo da ottobre 2011. Nel mese si è registrata una riduzione di 1,6 punti rispetto a febbraio e di 2,5 punti sull'anno. Il tasso di occupazione in questa fascia di età sale al 18,6%.

Brescia: ritorna "Smart Future Academy" per aiutare gli studenti a decidere cosa fare da grandi

BRESCIA. Il 26 marzo al Palazzetto dello Sport di Brescia, in via Caprera n°5 dalle ore 8 alle ore 14, si terrà  la terza edizione di "Smart Future Academy" (www.smartfutureacademy.it), per cui sono attesi ben più di 4.000 ragazzi.
Smart Future Academy è il progetto rivolto agli studenti delle scuole superiori che ha come obiettivo di aiutarli a meglio comprendere cosa vorrebbero fare da "grandi" attraverso il contatto con straordinari personaggi dell’imprenditoria, della cultura, della scienza e dell’arte.
Gli speaker portano sul palco la loro storia, i loro errori e i loro consigli, mostrando ai ragazzi come sia possibile raggiungere il successo personale e professionale.
Gli 11 speaker scelti da un autorevole Comitato Scientifico, parlano senza veli della loro carriera, dei loro successi e delle difficoltà incontrate perché il successo è evidente ma la fatica per raggiungerlo non sempre.
"L’obiettivo, dunque" dice il Presidente di Smart Future Academy Lilli Franceschetti "è quello di aiutare i giovani a trovare la loro strada convincendoli che lavorare o studiare con passione, magari svolgendo un lavoro o un percorso di studi in armonia con le proprie inclinazioni e le proprie aspirazioni, è un sogno realizzabile. Esercitare una professione appassionante o studiare materie interessanti vuol dire affrontare ogni nuovo giorno con il sorriso". 
L’evento è patrocinato e cofinanziato dalla Camera di Commercio di Brescia, e ha il patrocinio di Regione Lombardia, Comune di Brescia, Associazione Industriale Bresciana, Confcommercio Lombardia, Federalimentare, Utilitalia, Fondazione ASM, Brescia Mobilità.
Il presidente Lilli Franceschetti afferma "Siamo orgogliosamente arrivati alla terza edizione di Smart Future Academy Brescia, ma soprattutto siamo fieri di vedere come questa realtà, nata solo tre anni fa,  sia cresciuta, diffondendosi in modo contagioso e riuscendo a diventare un evento nazionale. Oltre a Brescia, infatti ci sarà l’edizione Torino, Milano, Firenze, Bologna, Bergamo e Padova. - e aggiunge- Essere poi al PalaLeonessa quest’anno corona il nostro sogno con largo anticipo: riempire i palazzetti dello sport!".
A collaborare per l'evento il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, Talent Garden, Einaudi Institute for Economica and Finance (Banca d’Italia), Fondazione per l’Educazione Economica e Finanziaria e Risparmio (ABI). Partner Mobility: Brescia Mobilità, Sia-Arriva.
Il sostegno di: A2A Spa, AntaresVision Spa, Ambrosi Spa, Consorzio per la tutela del formaggio Grana Padano, EliWms Srl, Fondazione Oneocean, Banca Valsabbina, Istituto Artigianelli, Istituto Rizzoli Milanno, Metallurgica San Marco Spa, Bugatti spa, Autoind Spa, Macpi Group, Beretta Spa, Gruppo Feralpi, Steparava Spa, AGM Spa, Cartiere del Chiese Spa, Italmark Spa.
Smart Future Academy nasce nel 2016 per iniziativa di Lilli Adriana Franceschetti, co-fondatrice e Presidente di Smart Future Academy, insieme a Marco Bianchi, Vicepresidente e da Carlo Alberto Pratesi, membro del comitato scientifico. Il workshop Smart Future Academy è aperto a tutti gli studenti delle scuole superiori senza alcun costo, né per le scuole, né per le famiglie.
Gli speaker si Smart Future Academy Brescia 2019 sono: Giuseppe Ambrosi - Presidente Camera di Commercio di Brescia, Ambrosi Spa e Assolatte; Francesca Bazoli - Avvocato e presidente Brescia Musei; Franco Gussalli Beretta - Presidente Fabbrica D’Armi Pietro Beretta; Massimo Bonardi e Emidio Zorzella - Fondatori Antares Vision; Davide Dattoli - presidente e fondatore Talent Garden; Emilio Del Bono - Sindaco di Brescia; Marco Gambarini - Presidente Metallurgica San Marco; Paolo Gesa - Direttore Business Banca Valsabbina; Gabriele Iemma - Colonnello Comandante Provinciale di Brescia; Giuseppe Pasini - Presidente Aib, Gruppo Feralpi.
Il Comitato Scientifico è composto da: Giuseppe Ambrosi  (presidente CCIAA Brescia, Assolatte, Gruppo Ambrosi); Sergio Pecorelli (già Rettore Università di Brescia); Carlo Alberto Pratesi  (docente di marketing ed innovazione, Univ. Roma Tre); Luigi Scordamaglia (amministratore delegano gruppo Cremonini-Inalca, presidente Federalimentare;); Daniele Tranchini  (amministratore delegato LaFabbrica); Giovanni Valotti - Presidente A2A, Docente Ordinario di economia delle aziende pubbliche; Enrico Zampedri (amministratore delegato gruppo Metra - già direttore generale Policlinico Gemelli.).
Questi i prossimi eventi di "Smart Future Academy":
Torino - 8 aprile 2019 – Nuvola Lavazza
Milano - 16 aprile - Teatro Ciak
Firenze - 30 aprile 2019 – Teatro della Compagnia
Bologna - 15 maggio 2019 – Fondazione Golinelli
Bergamo - ottobre 2019 – PalaCreberg

Lavoro: ecco i posti ben pagati che nessuno vuole

MILANO. Negli ultimi tempi parla tanto di disoccupazione e povertà in Italia, relativamente al reddito di cittadinanza, ma nessuno dice, o sa, che ci sono tanti posti di lavoro vacanti perché nessuno vuole occuparli.
A cominciare dal digitale visto che le aziende italiane hanno un grandissimo bisogno di profili digital, in grado dunque di sfruttare al meglio le nuove tecnologie e le nuove possibilità, a partire per esempio dai Big Data, Data scientist, Data architect, Sviluppatori software, Chief digital officer, Ingegneri informatici. Insomma, tutte figure che, almeno per ora, il nostro Paese sembra non essere in grado di offrire abbastanza.
Proprio per questo motivo, le aziende si affidano sempre di più ai servizi delle agenzie di selezione di personale, come ad esempio la società milanese di head hunting Adami & Associati, specializzate nella ricerca di figure poco presenti sul mercato.
Come sottolinea la CEO e founder Carola Adami, infatti, "esiste un concreto e non trascurabile gap tra la domanda e l'offerta di lavoro, soprattutto per quanto riguarda le professioni tecnologiche". Questo significa che il fabbisogno delle aziende di determinate figure – come per esempio quello dei laureati in Information and Communications Technology – supera molto spesso l'effettiva disponibilità di tali figure.
Sarebbe però sbagliato pensare che le aziende italiane facciano fatica a individuare i soli laureati.
"Si parla spesso della difficoltà delle imprese nell'assumere profili altamente qualificati, soprattutto per quanto riguarda le nuove professioni digitali". Ciononostante, spiega Adami, "va evidenziato il fatto che le aziende arrancano talvolta anche nell'individuare delle figure più tradizionali, che spesso tra i requisiti minimi non contemplano un titolo di laurea. Parliamo infatti di ruoli come il perito tecnico e l'elettrotecnico, o ancora, il falegname, il cablatore, l'idraulico, il manutentore, l'elettricista, l'estetista, il camionista e il panettiere".
Proprio così: nonostante la recente crisi economica dal quale il Paese sta lentamente uscendo, permangono molti lavori che poche persone sono disposte a fare. Molto spesso, si tratta di ruoli che non richiedono particolari titoli accademici, e che garantiscono retribuzioni più che dignitose. Per molte professioni artigiane e per alcune professioni tecniche, infatti, le retribuzioni annue toccano i 40mila euro.
Per quale motivo, dunque, gli italiani non sono disposti ad accettare questi lavori, e dunque a rispondere alle richieste delle aziende in cerca di manodopera?
"Nella maggior parte dei casi le aziende hanno delle forti difficoltà nell'assumere tecnici, artigiani o lavoratori operativi perché, per molti giovani, il lavoro manuale corrisponde a un'occupazione umile, dal valore medio basso, e che in ogni caso richiede sforzi e sacrifici eccessivi. Per questo motivo, tali proposte di lavoro non vengono prese in considerazione, rimangono inascoltate, rallentando pesantemente i processi di recruiting delle aziende". Da qui, dunque, la necessità di affidarsi ai servizi delle agenzie di ricerca personale anche per la selezione di figure non altamente qualificate, per le quali, fino a qualche tempo fa, alcune imprese potevano pensare di agire in autonomia.
"Sbaglia chi pensa che, con la rivoluzione digitale, le professioni artigiane siano destinate a scomparire. É vero il contrario: il bisogno di artigiani professionisti da parte delle imprese continuerà a essere impellente. Tutt'al più questi stessi profili saranno chiamati a rinnovarsi e ad acquisire nuove skills, trasformandosi pian piano nei cosiddetti artigiani 4.0" conclude l'head hunter Adami.

Lavoro: ecco i profili marketing più ricercati nel 2019

MILANO. Chi si occupa di selezione del personale nell'universo del marketing non ha potuto non notare, negli ultimi mesi, la presenza di due diverse e – a prima vista – contrapposte tendenze.
Da una parte le aziende si stanno infatti mobilitando per reclutare degli esperti con competenze innovative nel campo del digital marketing, per adeguarsi nel modo più veloce possibile alle esigenze e ai comportamenti di una clientela sempre più digitale. Dall'altra, invece, molte aziende hanno iniziato a rivolgere i riflettori verso gli esperti di marketing a tutto tondo, capaci dunque di impostare delle strategie impeccabili sia online che offline.
"Quella che gli anglosassoni hanno iniziato a definire come 'Age of the Costumer', ovvero l'epoca del consumatore, sta creando un gran numero di nuove opportunità nel settore del marketing" sottolinea Carola Adami, founder della società di head hunting Adami & Associati.
Ma quali sono – e quali saranno – i ruoli maggiormente ricercati dalle aziende in questo 2019?
"Soprattutto per quanto riguarda il versante del web marketing, c'è un costante crescendo dell'attenzione dedicata all'esperienza degli utenti. Ne consegue che un buon numero di aziende ha iniziato ad assumere, al fianco degli ormai classici Chief Digital Officers, i cosiddetti CXO, ovvero i Chief Experience Officers: il loro ruolo è quello di assicurarsi che i clienti abbiano un'esperienza positiva nel rapportarsi al brand, ai prodotti e ai servizi dell'azienda".
Altro ruolo emergente nel campo del web marketing è il Digital Brand Manager, il quale, come suggerisce il nome, è responsabile della definizione e dell'implementazione della strategia online di branding aziendale: "per il Digital Brand Manager" specifica Adami "si parla dunque di compiti come la gestione della brand awareness e la supervisione della presenza online aziendale".
Come anticipato, però, i ruoli emergenti del 2019 per quanto riguarda il marketing non solo solamente digital.
"Già durante la seconda metà del 2018 c'è stato un crescente interesse nei confronti del Chief Growth Officier, il quale in molte aziende sta di fatto assumendo la funzione del direttore di marketing".
Rispetto al Chief Marketing Officier, il CGO vanta una visione più ampia, che travalica l'ufficio marketing: per aiutare l'azienda a raggiungere gli obiettivi commerciali prefissati, questo profilo è portato a supervisionare anche le vendite e il prodotto stesso.
Altra figura più tradizionale che sta tornando in voga è poi quella del Product Marketing Manager, il quale – lontano dall'essere un profilo puramente digital – è il responsabile dello sviluppo strategico dei prodotti o servizi offerti dall'azienda.
"Le aziende stanno chiedendo ai responsabili marketing di alzare e di allargare lo sguardo, puntando più decisamente il timone verso la redditività" conclude l'head hunter Adami "ed è da qui che nasce l'esigenza di assumere profili più completi".

Lavoro. Battisti: "Le Ferrovie dello Stato assumeranno 4mila dipendenti nel 2019"

"Abbiamo piani ambiziosi per il futuro dell’azienda e dei nostri dipendenti" ha dichiarato Gianfranco Battisti, Ad di Fs Italiane durante il saluto alla 'Giornata del Cantoniere' di Anas "E' già stato avviato un importante processo di ricambio generazionale che sarà consolidato nell’anno appena iniziato con oltre 4 mila assunzioni, di cui 450 per Anas, tutte da mercato. Assunzioni che interesseranno tutti i settori operativi e strategici dell’azienda. Capistazione, macchinisti e capitreno, ma anche manutentori di treni e di infrastrutture ferroviarie e stradali, senza dimenticare le assunzioni previste per potenziare l’assistenza e la security per le persone che ogni giorno scelgono il treno per muoversi e quelle per nuovi autisti e nei settori della logistica e delle merci. Il piano di assunzioni, che coinvolge tutte le società operative del Gruppo perché le persone sono la vera forza delle aziende, permetterà di consolidare il ricambio generazionale, già avviato, per le figure professionali a maggiore valenza industriale e produttiva. Con il nuovo piano di assunzione sarà data l’opportunità, a tanti giovani neolaureati e a figure con esperienze già consolidate, di lavorare in uno fra i più grandi gruppi industriali, primo per investimenti in Italia. I settori interessati dalle assunzioni sono quelli strettamente legati al trasporto ferroviario, il core business aziendale e il centro di tutte le attività. In particolare, circa duemila persone saranno selezionate per ruoli quali macchinisti, capotreno, capostazione e addetti all’assistenza ai viaggiatori e alla security. Oltre mille neoassunti saranno invece occupati nella manutenzione dei treni e dell’infrastruttura, garantendo il costante miglioramento delle performance del trasporto ferroviario in termini di affidabilità, disponibilità e puntualità. Sono previsti, inoltre, nuovi ingressi in settori considerati strategici nel nuovo Piano industriale quinquennale: nella logistica, 600 persone saranno impiegate nel Polo Mercitalia impegnato nel rilancio del trasporto merci su ferrovia; nel TPL, 250 nuovi autisti viaggeranno sui mezzi di Busitalia per migliorare gli standard qualitativi del trasporto urbano ed extraurbano nelle regioni dove Fs Italiane svolge il servizio. Accanto alle assunzioni previste nel 2019, il Gruppo FS Italiane prosegue collaborazioni e partnership con alcune delle più prestigiose università italiane con l’obiettivo di favorire l’approccio al mondo del lavoro di migliaia di neolaureati e scoprire talenti che possano crescere e sviluppare le proprie capacità".

Lavoro: 300 nuove assunzioni nel Ministero degli Affari Esteri

ROMA - "Nel maxi emendamento del governo è prevista l'assunzione di 300 unità di personale nelle aree funzionali del Ministero degli Affari Esteri e di circa 50 contrattisti" ha dichiarato il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano.

"Si tratta di una svolta per quanto riguarda la rete diplomatica e consolare. Un segnale importante dopo decenni di blocco totale nonché un primo passo verso la realizzazione di un punto del nostro contratto di governo. Stanzieremo, inoltre, ulteriori 400mila euro per il fondo che consentirà di dare degli aumenti ai contrattisti la cui retribuzione è ferma da anni".

Giovani e lavoro: a Bari il 'postino' Maurizio Zamboni presenta 'Rotarjob'

BARI - Giovani e lavoro, un connubio possibile a Bari grazie al Rotary. Mercoledì 14 alle ore 20:30 presso Villa de Grecis il Rotary Club Bari Mediterraneo ha organizzato un incontro dal titolo "Finanza comportamentale".

Relatori della serata la dr.ssa Chiara D'Addetta, Sanior Sales Manager della Natixis Investment Managers S.A. di Milano, e il personaggio televisivo Maurizio Zamboni, storico postino del programma "C'è Posta per te" e formatore dal 1994.

In tale occasione il Rotary Club Bari Mediterraneo presenterà il service Rotarjob realizzato dalla commissione di club "Nuove generazioni", adottato dal Distretto Rotaract 2120 Puglia e Basilicata quale service distrettuale.

Parteciperanno alla serata quali partner del progetto Confindustria Puglia Piccola Industria, l'Associazione Nazionale Consulenti Finanziari, la Unione Cuochi Regione Puglia, l'Associazione Biologi e Nutrizionisti Italiani.

Lo scopo del service Rotarjob è quello di facilitare l’ingresso dei giovani nel mercato del lavoro attraverso la loro partecipazione a un corso formativo gratuito durante il quale saranno promosse le professioni che si ritiene possano essere tra le più richieste nei prossimi anni ed offerto un piano di sviluppo personale su cui lavorare per la propria affermazione professionale.

L’obiettivo finale dell'iniziativa è infatti quella di creare colloqui di lavoro tra i ragazzi partecipanti e le categorie professionali aderenti che consentano l'avvio di nuove attività lavorativa.

Info:

https://www.facebook.com/RotaryClubBariMediterraneo/

Calabria: nasce il progetto "Yes I Start Up"

ROMA - Novità nel mondo del lavoro: nasce in Calabria "Yes I Start Up", un progetto finanziato nell'ambito di Garanzia Giovani, misura 7.1 e rivolto ai giovani NEET (not in education, employment or training) iscritti a questo Programma. Questo progetto è realizzato dall'Ente Nazionale per Microcredito a seguito di un Accordo istituzionale con ANPAL (Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro) ed è stato presentato a Roma presso la Sala Spazio (Sala Commissione Europea) dal direttore generale ANPAL, Salvatore Pirrone, dal presidente ENM, Mario Baccini e dal direttore generale dipartimento lavoro formazione e politiche sociali Regione Calabria, Fortunato Varone.

Il progetto è finalizzato a formare i ragazzi per supportali a realizzare la loro idea di auto imprenditorialità attraverso lo sviluppo di un business plan/piano di impresa. Lo scopo è consentire, al termine del percorso formativo, l'accesso al finanziamento del Fondo Rotativo SELFIEmployment misura 7.2 di Garanzia Giovani che mette a disposizione un prestito senza interessi e senza la necessità di garanzie reali e/o personali per importi da 5.000 a 50.000 euro.

"A coordinare l'attività formativa è l'Ente Nazionale per il Microcredito" ha dichiarato il Presidente Mario Baccini "Per la prima volta partner pubblici e privati si uniscono per formare la creazione di impresa e, per la presentazione della richiesta al Fondo, l'ENM supporta i giovani NEET attraverso i nostri sportelli informativi 'Retemicrocredito', attivi presso 160 Comuni, CPI, Camere di Commercio, Università. Oltre 60 sportelli, tra i 160 della Retemicrocredito, svolgono anche funzione di accompagnamento e supporto personalizzato. Una rete sempre attiva e conosolidatasi nel tempo attraverso il lavoro dei nostri esperti".

"Siamo i primi ad aver sposato il progetto Yes I Start Up facendolo diventare un progetto regionale in Calabria finanziato da fondi europei perché crediamo in questa azione" ha dichiarato Fortunato Varone, direttore generale dipartimento lavoro formazione e politiche sociali Regione Calabria "Obiettivo di YISU Calabria è la formazione di 400 neet. Tre sono i corsi già partiti e sette quelli in programmazione e che prenderanno il via le prossime settimane, come ci annunciano i responsabili dell'Ente Microcredito. Intanto, alcune domande di finanziamento sono andate a buon fine e sono circa 90 le pratiche finanziate dal Fondo SELFIEmployment, il 70 per cento dei richiedenti ha già avviato l'attività. Una storia di successo su tutte: attraverso il piccolo prestito ottenuto da SElFIEmpoyment, un giovane, a Marina di Gioiosa Ionica, provincia di Reggio Calabria, ha già aperto una caffetteria- pasticceria realizzando il suo sogno di mettersi in proprio e diventando così un piccolo imprenditore".

Ryanair: firmato il contratto collettivo per gli assistenti di volo basati in Italia

ROMA - Novità in Ryanair: è stato firmato mercoledì 17 ottobre il contratto collettivo per gli assistenti di volo basati in Italia. Ad annunciarlo sono Fit-Cisl, Anpac e Anpav.

"Si tratta del primo contratto del genere in Europa" hanno dichiarato le tre sigle sindacali "e sarà in vigore per un triennio fino al 31 dicembre 2021. Il contratto rispetta tutte le leggi italiane con le relative tutele sociali, include tra l’altro il riconoscimento del Tfr e della tredicesima e rende possibile l’iscrizione ai fondi previdenziali del settore. Prevede inoltre un aumento medio salariale sulle varie figure professionali del 18% nel triennio. La firma odierna comporta il passaggio immediato di 224 dipendenti dalle agenzie di reclutamento Crewlink e Workforce alle dirette dipendenze di Ryanair. Il 24 ottobre è prevista la firma di questo contratto anche da parte di Crewlink e Workforce, avvenuta la quale sarà indetto il referendum tra gli assistenti di volo. La firma odierna per noi è un primo, importante step sulla strada della costruzione dei diritti dei lavoratori di Ryanair. Il nostro prossimo obiettivo è migliorare anche il contratto dei piloti del vettore irlandese. Lo scopo finale è dare ai lavoratori di Ryanair tutte le tutele italiane dopo anni di assenza di relazioni industriali con questa azienda. Il valore della firma odierna è dato non solo dal suo essere la prima del genere in Europa, ma anche dal fatto che dimostra ancora una volta l’importanza del ruolo della contrattazione, soprattutto a chi finge di non capire il valore del sindacato".

Caserta: al via i nuovi corsi di formazione del Consorzio Tutela Mozzarella di Bufala Campana

CASERTA. Al via il nuovo anno di studi della Scuola di formazione lattiero casearia del Consorzio di Tutela Mozzarella di bufala campana Dop. Stilato il calendario dei prossimi appuntamenti, che puntano a creare tra i giovani le figure-chiave del comparto, dai futuri casari ai manager dell’export fino agli esperti del controllo qualità. Sei i corsi finora previsti.

Si parte il 10 ottobre con la seconda edizione del corso per diventare casaro. I numeri del primo anno di questa iniziativa sono entusiasmanti: il 90% dei giovani che hanno partecipato al corso, arrivati anche da Usa e Australia, ha trovato un impiego in azienda o ha aperto il proprio caseificio.

"Formazione è la parola chiave per le filiere dei prodotti di qualità. In un mondo globale, il comparto della mozzarella di bufala campana Dop non rimanda più l’immagine quasi ancestrale del lavoratore che munge una bufala e poi produce mozzarella. Siamo invece di fronte a una filiera fatta di imprese all’avanguardia, che sanno guardare al mercato e al mondo" ha dichiarato il presidente del Consorzio, Domenico Raimondo. Dalla zootecnia fino alla produzione: tutti gli anelli della catena hanno bisogno di studi e approfondimenti per un approccio sempre più al passo con i tempi: "Questa è la sfida che il Consorzio di Tutela Mozzarella di Bufala Campana Dop ha lanciato con la nascita della prima Scuola nazionale di formazione al Sud e l’unica in Italia gestita direttamente da un organismo consortile" aggiunge il presidente.

L’accreditamento del Consorzio di Tutela della Mozzarella di bufala campana Dop nel sistema formativo regionale ha colmato un gap del Mezzogiorno e ha aperto le porte a una formazione di alta qualità. "Quel progetto ha compiuto un anno e va avanti spedito. La chiave per il successo è creare professionalità adeguate in un settore, quello lattiero caseario, dove non si può più improvvisare, anche per dare risposte puntuali e stringenti al tema della sicurezza alimentare, sempre molto avvertito dai consumatori" commenta il direttore del Consorzio, Pier Maria Saccani.

La nascita della Scuola lattiero-casearia, curata in particolare da Alessandro Garofalo e Giampiero Perna del settore Assistenza e Ricerca del Consorzio, ha inaugurato una stagione di crescita, che si basa su giovani, formazione, ricerca e innovazione tecnologica, asset strategici per l’ulteriore sviluppo della mozzarella Dop. "I giovani sono il presente e il futuro del Consorzio e tanti di loro stanno tornando a impegnarsi nella filiera bufalina: il 39% degli addetti nel comparto (15mila in totale) sono under 32, mentre il 32% sono donne. Il nuovo calendario dei corsi contribuirà ad ammodernare l’intero comparto, visto da ogni prospettiva" conclude Saccani.

Per consultare il calendario dei corsi dettagliati, clicca qui.

Lavoro, Biazzo: "Il lavoro domenicale riguarda tutto il sistema economico"

ROMA - "Il tema del lavoro nei giorni festivi è molto ampio e riguarda in modo trasversale quasi tutti i settori produttivi italiani. Certo, ci sono settori e mansioni in cui il lavoro di domenica è più diffuso di altri e attiene alla particolare attività svolta, ma il dato oggettivo è che il lavoro feriale è parte dell’intero sistema economico italiano, anche se con diverse sfumature e livelli di diffusione" ha dichiarato Giuseppe Biazzo, ad di Orienta Spa, agenzia per il lavoro.

"Dal nostro osservatorio, che ci porta a contatto quotidiano con le aziende e i candidati, riscontriamo che esiste una generale disponibilità delle persone a lavorare anche la domenica (probabilmente perché in taluni casi è imprescindibile), soprattutto in quei settori in cui si dà per scontato il lavoro feriale. Ci sono, tuttavia, anche diversi candidati che, invece, rifiutano offerte di lavoro che prevedono il lavoro di domenicale".

Stando all'osservatorio di Orienta, gli annunci di lavoro che richiedono la disponibilità dei candidati di lavorare anche la domenica sono numerosi e riguardano molteplici settori economico-produttivi: ristorazione, retail, call center, pulizie, telecomunicazioni, telemarketing, Grande distribuzione, ecologia (smantellamento rifiuti), sanità, trasporti, manutenzione e facility management, turismo, hotel, industria e settore metalmeccanico e chimico, tessile, alimentare e così via. Si tratta, dunque, di una modalità lavorativa trasversale a moltissimi ambiti lavorativi e non a uno o pochi specifici settori.

Lecce, call center licenzia 113 dipendenti

LECCE - Giornate nere per i 113 dipendenti del call center pugliese Progetto Vendita, con sedi a Gallipoli e a Maglie, licenziati in tronco dopo avere perso la commessa principale di Mediaset-Premium. La sede di Gallipoli ha ha già chiuso i battenti, mentre quella di Maglie manterrà i lavoratori subordinati fino al compimento di alcune pratiche e, infine, solo i lavoratori a progetto che sono circa un centinaio. La procedura di licenziamento collettivo si è chiusa con un mancato accordo e nella giornata di ieri i dipendenti hanno ricevuto le lettere di licenziamento, mentre sono state avviate le procedure per l'accesso alla Naspi (l'indennità mensile di disoccupazione).

A rivelarsi fatale la perdita della commessa principale, quella di Mediaset-Premium: "Purtroppo quel che temevamo si è concretizzato in queste ore", sostiene il segretario generale della Slc-Cgil di Lecce e Brindisi, Tommaso Moscara, "abbiamo da molto tempo denunciato l'atteggiamento irresponsabile dell'azienda che, nonostante i ripetuti solleciti, si è sempre sottratta al confronto. Un atteggiamento confermato anche recentemente, quando in prefettura, alla presenza di esponenti del governo regionale, l'azienda ha tentato di coinvolgere un altro soggetto nel proprio business. Un incontro al quale è stata preclusa la presenza dei sindacati. Sembrava aprirsi uno spiraglio, ma in realtà il tentativo, i cui contenuti restano un mistero, è caduto nel vuoto".

Statali, ministro Bongiorno: "450mila assunzioni entro il 2019"


"Il disegno di legge si chiamerà Concretezza perché desidera porre fine a riforme fumose destinate a restare sulla carta. Dunque partiremo da una cosa concreta: puntiamo a mettere entro il 2019 in campo 450mila assunzioni". Lo annuncia il ministro della Funzione pubblica, Giulia Bongiorno, sottolineando che con il suo ddl vorrebbe anticipare al prossimo anno le assunzioni pubbliche previste per il triennio 2019-2021.

Turismo e lavoro: a Milano previsti circa 10mila lavoratori

MILANO - "Turismo e lavoro, sono circa 10 mila i lavoratori previsti in entrata dalle imprese del territorio di Milano tra alloggio, ristorazione e servizi turistici nei mesi estivi" si legge nella nota dell’elaborazione della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi sui dati Sistema Informativo Excelsior realizzato da Unioncamere in collaborazione con ANPAL.

"Pesano oltre un terzo delle assunzioni previste nel settore turismo nello stesso periodo in Lombardia (29 mila) e il 10% di tutte le assunzioni previste tra giugno ed agosto a Milano. E’ luglio il mese di picco con oltre 4 mila entrate previste a Milano e 12 mila in Lombardia, oltre il 40% del totale, mentre ad agosto, mese tradizionale di ferie per molte attività, il numero scende a circa 2 mila a Milano e 5.430 in regione. Complessivamente, nei mesi compresi tra giugno e agosto, sono oltre 95 mila le entrate previste dalle imprese milanesi in tutti i settori di attività tra personale dipendente, lavoro somministrato e collaboratori. Il 45% è previsto nei servizi alle imprese, vengono poi il commercio (18%), l’industria (soprattutto metalmeccanica ed elettronica) (17%), i servizi turistici e alla persona (10% l’uno). Le assunzioni del settore turismo in Lombardia. Sono oltre 29 mila i lavoratori in entrata previsti dalle imprese lombarde nel trimestre giugno-agosto nei settori legati al turismo, su 222 mila complessivamente previsti in tutti i settori nello stesso periodo, il 13%. Dopo Milano che è prima con quasi 10 mila richieste, vengono Brescia con quasi 6 mila, Bergamo e Varese con circa 2.500 ciascuna, Como e Sondrio con quasi 2 mila l’una. Sono 1.300 circa le entrate previste a Monza Brianza e quasi 400 quelle previste dalle imprese di Lodi. Dove però le assunzioni del settore turismo sul totale delle entrate previste in tutti i settori nel trimestre estivo pesano di più è Sondrio, con il 39%, seguita da Brescia e Como con circa il 20% e Varese con il 16%".

Lavoro: Amazon apre un nuovo deposito di smistamento a Burago di Molgora

Novità per Amazon: si aprirà un nuovo deposito di smistamento a Burago di Molgora, in provincia di Monza e Brianza.

"La nuova struttura" si legge in una nota "consentirà ad Amazon di incrementare la capacità e la flessibilità della sua logistica in Italia, garantendo consegne più veloci ai clienti e un servizio migliore per le aziende che vendono tramite Amazon e che beneficiano della sua rete di distribuzione. Il nuovo deposito di smistamento di oltre 5.000 mq creerà circa 70 posti di lavoro a tempo indeterminato nei prossimi anni, consentendo ai corrieri locali e regionali di consegnare gli ordini dei clienti più velocemente".

Per consultare le offerte di lavoro di Amazon, cliccare qui.

Istat: disoccupazione scende al 10,7%, ai minimi dal 2012

ROMA - Notizie confortanti per il lavoro in Italia. Nel mese di maggio 2018 il tasso di disoccupazione scende al 10,7%, in calo di 0,3 punti percentuali su base mensile. Lo rileva l'Istat, sottolineando che si tratta del livello più basso da agosto del 2012.

L'Istituto fa notare come la stima delle persone in cerca di occupazione a maggio registri un "forte calo" (-2,9%, pari a -84 mila). Il numero dei disoccupati così scende a 2 milioni 793 mila.

Ryanair: assume giovani come assistenti di volo e di terra

Anche per il 2018 tornano le giornate dedicate al lavoro della compagnia aerea Ryanair. Già nel 2017 la compagnia aveva creato centinaia di nuovi posti di lavoro soprattutto nelle posizioni di assistente di volo e di terra. Tra luglio e agosto arrivano dunque i "Recruitment Days”, giornate dedicate ai colloqui con i tanti giovani interessati a lavorare in questa azienda. Si terranno in molte città italiane e serviranno proprio a conoscere i futuri assistenti che poi seguiranno un corso prima di essere assunti. Ma chi è Ryanair ? Questa azienda nata solo nel 1985, grazie a tariffe super-scontate, è riuscita a passare dai 5mila viaggiatori del primo anno ai 100milioni di oggi. Così di pari passo è cresciuto il numero di dipendenti e collaboratori a vario titolo; erano 25 nel 1985 e oggi sono diverse migliaia. Per avere ulteriori dettagli sull'iniziativa ... continua a leggere

Penny Market: assunzioni di addetti vendita e addetti magazzino

Penny Market Italia, che fa parte del gruppo tedesco REWE, è uno dei gruppi leader sul mercato tedesco ed europeo nel settore della Grande Distribuzione Organizzata. Apre il primo punto vendita in Italia, precisamente a Cremona, nel 1994 grazie ad un processo di espansione internazionale in collaborazione con la catena Esselunga.

L’unione tra questi 2 gruppi leader si rivela un grande successo grazie alla grande varietà e qualità dell’assortimento che comprende non solo una vasta gamma di prodotti alimentari, ma anche prodotti per la casa e per la pulizia, a prezzi bassi e competitivi.

 Negli anni successivi riesce a consolidare la sua presenza non solo in Europa aprendo punti vendita in Germania, Ungheria, Romania e Repubblica Ceca, ma soprattutto in Italia.

Assolavoro: "Nel 2017 boom di occupati tramite le agenzie per il lavoro"

"Nel 2017 il numero medio mensile di lavoratori impiegati tramite le agenzie per il lavoro è̀ pari a 439.373, in aumento del 24,6% sull’anno prima. I lavoratori in somministrazione assunti a tempo indeterminato dalle agenzie per il lavoro sono 36.300" si legge in una nota dei dati diffusi da Assolavoro, in occasione dell'assemblea pubblica dell'associazione "Attraverso le attività di ricerca e selezione del personale delle agenzie per il lavoro, nel 2017, 52mila persone, inoltre, sono state scelte per essere assunte direttamente dalle aziende committenti, con profili medio-alti e contratti stabili. Le persone che, nel corso del 2017, hanno avuto accesso attraverso le agenzie per il lavoro ad almeno un contratto di lavoro dipendente, con la retribuzione prevista dal contratto collettivo nazionale di lavoro e tutte le tutele garantite dalla legge, risultano 702mila. Erano 624.559 nel 2016. Mediamente, il 33% dei lavoratori era disoccupato prima di trovare lavoro tramite agenzia (secondo le rilevazioni internazionali della World Employment Confederation di cui Assolavoro è l’espressione italiana). Più della metà (53,7%) dei lavoratori in somministrazione ha meno di 34 anni. Cresce, in particolare, l’occupazione tramite agenzia di quelli fino a 24 anni: dal 18,7% del totale dei lavoratori in somministrazione del 2016 al 20,1% del 2017. Il 39% dei lavoratori tramite agenzia è costituito da donne. Almeno un lavoratore in somministrazione su tre, dopo aver lavorato con le agenzie per il lavoro, accede a una occupazione stabile. In merito ai progetti di alternanza scuola-lavoro, le agenzie hanno facilitato in un anno percorsi per 450mila studenti di 500 scuole, attraverso 250mila ore di alternanza, centrate principalmente sull’orientamento al mercato del lavoro, sulla compilazione del cv, i consigli su come affrontare un colloquio, una guida per l’autoimprenditorialità. I lavoratori in somministrazione hanno, per legge, diritto alla stessa retribuzione e alle stesse tutele che spettano ai dipendenti diretti dell’azienda presso cui prestano la loro attività".

Lavoro: Air Dolomiti seleziona assistenti di volo

Air Dolomiti, compagnia aerea italiana del Gruppo Lufthansa, ricerca figure professionali che desiderino intraprendere una carriera da assistente di volo. A settembre quattro giornate saranno dedicate alla selezione di candidati che potranno entrare a far parte della compagnia. Le selezioni sono rivolte esclusivamente a chi non è ancora in possesso del Cabin Crew Attestation e si terranno: il 18 settembre a Verona; il 20 settembre a Milano; il 25 settembre a Bressanone; il 26 settembre a Merano.

Il talento più ricercato è sapersi prendere cura degli altri con gentilezza e professionalità. L’orgoglio di indossare una divisa, ottime competenze linguistiche (inglese e tedesco obbligatori), puntualità e flessibilità completano il profilo del perfetto assistente di volo Air Dolomiti.

Gli interessati sono invitati a compilare l’apposito form di candidatura presente sul sito www.airdolomiti.it (sezione job opportunities), selezionando un’opzione di data e luogo fra quelle disponibili.

Dopo uno screening iniziale, solo i candidati selezionati verranno contattati per la successiva fase di assessment. Al Recruiting Day sarà necessario portare un cv completo di foto sia a figura intera che a mezzo busto.