Visualizzazione post con etichetta POLITICA. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta POLITICA. Mostra tutti i post

Salvini: "La Sea Watch non sbarca neanche a Natale"


ROMA - E' ancora scontro tra l'Ue e l'Italia sulla Sea Watch 3. La Corte europea per i diritti umani di Strasburgo, pur avendo respinto la richiesta delle persone a bordo della Sea Watch 3, ha comunque "indicato al governo italiano che conta sulle autorità del Paese affinché continuino a fornire tutta l'assistenza necessaria alle persone in situazione di vulnerabilità a causa dell'età o dello stato di salute che si trovano a bordo della nave". A renderlo noto in un comunicato stampa la stessa Corte.

"Anche la Corte Europea di Strasburgo conferma la scelta di ordine, buon senso, legalità e giustizia dell'Italia: porti chiusi ai trafficanti di esseri umani e ai loro complici. Meno partenze, meno sbarchi, meno morti, meno sprechi. Indietro non si torna", dice il ministro dell'Interno Matteo Salvini commentando la decisione della Cedu sul ricorso presentato dai migranti della Sea Watch.

Tria: "Non vedo ostacoli per un accordo con l'Ue"


ROMA - "Noi pensiamo che l'Italia rispetti in modo sostanziale le regole di bilancio europee e sono ottimista per questa ragione riguardo alla procedura europea". Sono le parole del ministro dell'Economia, Giovanni Tria parlando al Seminario di Economia Internazionale di Villa Mondragone.

"Non vedo ostacoli per un accordo" con l'Ue: "per un'economia a crescita zero l'obiettivo di un deficit pubblico del 2,1% per l'anno corrente rappresenta una politica di bilancio più che prudente e noi arriveremo a questo livello di deficit grazie ad una gestione prudenziale anche se stiamo implementando le politiche sociali programmate decise con l'ultima legge di bilancio", ha aggiunto Tria.

Sea Watch, Salvini contro l'Ue: "Migranti vadano in Olanda e Germania"


ROMA - E' ancora scontro sui migranti tra Ue e Salvini. La Corte di Strasburgo ha ricevuto una richiesta di 'misure provvisorie' da parte della Sea Watch 3 per chiedere all'Italia di consentire lo sbarco dei migranti a bordo della nave. La Corte ha rivolto una serie di domande sia alla Sea Watch 3 che al governo italiano. Questi ultimi dovranno rispondere entro il pomeriggio.

La Corte in base ai suoi regolamenti può chiedere all'Italia di adottare quelle che vengono definite "misure urgenti" e che "servono ad impedire serie e irrimediabili violazioni dei diritti umani".

"L'Unione Europea vuole risolvere il problema Sea Watch? Facile. Nave olandese, ong tedesca: metà immigrati ad Amsterdam, l'altra metà a Berlino. E sequestro della nave pirata. Punto". Lo dice il ministro dell'Interno.


Salvini: "Flat tax sarà almeno da 15 mld"


MILANO MARITTIMA - La flat tax si farà? "Ovvio". Risponde così il vicepremier Matteo Salvini a SkyTg24 che lo intervista a Milano Marittima. Varrà "almeno 15 miliardi", fondi che sono stati "già trovati", assicura. "Non è un capriccio della Lega diminuire le tasse alle famiglie, alle imprese, ai lavoratori. E' l'unico modo per far ripartire questo Paese. A Bruxelles si mettano l'anima in pace: nel 2020 non tutti ma tanti italiani pagheranno meno tasse, apriranno nuove imprese e ci saranno più assunzioni".

Nessuna manovra aggiuntiva dice il vicepremier ma anticipare la manovra d'autunno. "No, nessuna nuova tassa in più. Anzi, vogliamo fare subito la manovra che di solito si fa in inverno" sostiene il ministro dell'Interno.

Di Maio: "Stop a destabilizzare M5S e Governo"


ROMA - "Destabilizzare il Governo in questo momento in cui il Presidente del Consiglio sta portando avanti una trattativa difficilissima con l'Unione Europea è da incoscienti, e questo lo dico sia al Movimento che alla Lega". A scriverlo su Fb il vicepremier e capo politico del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio.

"Non mi interessa se in buonafede o in malafede, ma se qualcuno in questa fase destabilizza il Movimento con dichiarazioni, eventi, libri, destabilizza anche la capacità del Movimento di orientare le scelte di Governo", scrive il vicepremier e capo dei 5 Stelle. "Stiamo governando la Nazione Italia, non stiamo giocando a risiko. Si rimettano i carriarmatini nella scatola e ognuno porti avanti il ruolo che è chiamato ad assolvere nella società: ministro, parlamentare, attivista, cittadino".

Salvini: "Anticipiamo la manovra d'estate"


ROMA - "All'Unione europea gli italiani stanno regalando decine di miliardi (e sangue) da anni, adesso basta. La Lega vuole anticipare la manovra economica all'estate, non c'è tempo da perdere". Così il leader della Lega Matteo Salvini. La mossa non è concordata non i partner di Governo: non risultano contatti.

Sexy shop salvati dal Dl Crescita

di PIERO CHIMENTI - I sexy shop, inizialmente esclusi come le sale scommesse e compro oro, potranno usufruire del decreto previsto dal Governo, col bonus di 28 milioni di euro fino al 2020 per poi arrivare a 20 fino al 2023, oltre a semplificazioni fiscali. I negozi per adulti, presenti soprattutto nel nord Italia, nel corso degli anni hanno risentito della crisi subendo un calo costante attestatosi al 5,4%.

Saviano: "Salvini non è una persona perbene"


ROMA - "Fin quando avrò fiato, continuerò a dire che questo ministro non è una persona perbene". Così Roberto Saviano, riferendosi al vicepremier Salvini. "Una persona perbene non utilizzerebbe questo linguaggio. Solo chi ha un atteggiamento banditesco può permettersi di usare queste parole verso questa tragedia immane che merita invece un infinito tatto. Come si può parlare di pacchia di fronte a bambini che muoiono annegati nel mare? Baciare il crocifisso o dichiararsi padre di tutto il paese e ignorare quello che accade?".

Csm, Mattarella: "Quadro sconcertante"


ROMA - "Oggi si volta pagina nella vita del Csm". A dichiararlo il presidente della Repubblica Sergio Mattarella al plenum del Csm. "Il saluto e gli auguri  - ha sottolineato il capo dello Stato - sono accompagnati da grande preoccupazione. Quel che è emerso, da un'inchiesta in corso, ha disvelato un quadro sconcertante e inaccettabile". 

"Quanto avvenuto - ha evidenziato in un altro passaggio - ha prodotto conseguenze gravemente negative per il prestigio e per l'autorevolezza non soltanto di questo Consiglio ma anche il prestigio e l'autorevolezza dell'intero Ordine Giudiziario; la cui credibilità e la cui capacità di riscuotere fiducia sono indispensabili al sistema costituzionale e alla vita della Repubblica".

"La reazione del Consiglio ha rappresentato il primo passo per il recupero della autorevolezza e della credibilità cui ho fatto cenno e che occorre sapere restituire alla Magistratura italiana. Di essa i cittadini ricordano i grandi meriti e i pesanti sacrifici anche attraverso l'esempio di tanti suoi appartenenti e hanno il diritto di pretendere che quei meriti e quei sacrifici non siano offuscati".

Ue, Conte: "Italia non deve scusarsi"


BRUXELLES - Giuseppe Conte torna a parlare della procedura d'infrazione paventata dall'Ue. "I numeri reali ce li abbiamo noi. Se mi riunisco con i tecnici del Mef e il ministro dell'Economia è per arrivare ad un aggiornamento concreto, con dati economici aggiornati a giugno", dichiara il premier parlando della procedura di infrazione nei confronti dell'Italia per disavanzo eccessivo, "non sono esercizi accademici. Noi i numeri li portiamo e la Commissione li può verificare".

"Mi muovo non per ragioni personali, ma in rappresentanza dell'Italia, una potenza del G7. Non porto il cappello in mano a Bruxelles. L'Italia - dice Conte - non ha nulla di cui farsi scusare. La lettera inviata alla Commissione Ue non è un espediente per sottrarsi alle regole. Vogliamo applicare le regole vigenti ma se l'edificio ha delle crepe, fa entrare infiltrazioni vogliamo intervenire o no?".

"E' auspicabile una logica di pacchetto, occorre una visione complessiva" aggiunge Conte, parlando delle nomine Ue e della fase di stallo. Una fase di stallo che - argomenta il premier - potrebbe fare anche l'interesse dell'Italia, soprattutto se il criterio portato avanti finora dovesse cambiare.

Salvini: "Pronto a lasciare senza taglio tasse da 10 miliardi"


ROMA - Aut aut di Salvini. Il vicepremier si dice pronto a lasciare il suo incarico se il governo non taglierà le tasse a lavoratori e famiglie per 10 miliardi. "Dal viaggio negli Stati Uniti ho portato una convinzione fortissima: all'Italia serve una riforma fiscale coraggiosa. E quindi, il mio dovere è farla... Se non me la dovessero far fare io saluto e me ne vado", dice il vicepremier in una intervista al Corriere della Sera.

Il vicepremier italiano ha poi confermato che i risparmi su reddito di cittadinanza e quota 100 stimati intorno a 2 miliardi possono essere utilizzati per tagliare il deficit 2019 e venire incontro alle richieste di Bruxelles che minaccia una proceduta di infrazione.

"Per il 2019 possiamo usare quella cifra per abbattere debito (ma) basta gabbie sugli anni futuri, basta con lo strozzare la crescita possibile", ha dichiarato Salvini.

Conte replica a Bruxelles: "deficit a 2,1% e non al 2,5"


BRUXELLES - Il premier Conte è a Bruxelles per il Consiglio Europeo dopo l'invio della lettera sui conti pubblici italiani all'Europa. "La lettera - ha dichiarato il premier prima del Consiglio commentando le parole di Moscovici - contiene un messaggio politico chiaro. Non vuole dire che non rispettiamo le regole, finché non cambiano le regole sono queste". 

"La Commissione Ue ha ricevuto la lettera del premier Conte, e la sta ora analizzando", ha reso noto un portavoce della Commissione Ue.

"Il nostro candidato ideale alla presidenza della Commissione Ue è quello che si predispone a cambiare le regole" europee, ha dichiarato Conte replicando a un'altra domanda.

"Se siamo in un sistema integrato - ha evidenziato - dobbiamo competere con le sfide globali ma all'interno dell'Ue le regole devono essere uguali per tutti. Io voglio competere, ma a parità di armi".

"Mercoledì in Cdm - ha fatto sapere Conte - faremo definitivamente l'assestamento di bilancio per certificare che i conti vanno meglio del previsto". Mercoledì in Cdm, "noi potremo certificare che siamo attorno al 2,1% del deficit e non al 2,5 come prevede la commissione Ue", ha detto ancora sottolineando come, nella trattativa con l'Ue c'è "un binario tecnico" e un "binario politico". Su quest'ultimo punto Conte ribadisce che l'Ue ha "un patto di stabilità e crescita che è molta stabilità e poca crescita, dobbiamo invertire un attimo queste regole".

Migranti: Afd, Salvini premio Nobel per la pace


BERLINO - Una candidatura che farà di certo discutere quella della vice capogruppo di Alternative fur Deutschland (Afd) al Bundestag, Beatrix von Storch, che ha proposto Matteo Salvini al premio Nobel per la Pace. “Come ministro dell’Interno italiano ha dato un grande contributo alla sicurezza e alla stabilità dell’Europa”, sostiene la politica tedesca in una nota. “Con la chiusura delle frontiere italiane - aggiunge - ha fermato con successo l’immigrazione clandestina verso l’Europa e l’industria dei migranti, dimostrando quali politiche oneste e determinate si possono fare”. 

La politica tedesca è convinta che “nessuno affoga nel Mediterraneo se si impedisce all’industria dei rifugiati e alle loro navi di continuare i loro affari dando la speranza di un approdo in Europa”. Per queste ragioni, spiega, “propongo Matteo Salvini per il premio Nobel per la pace per aver dato vita ad una politica di stabilità per l’Europa e per aver salvato migliaia di vite umane. Un esempio che anche altri dovrebbero seguire”, suggerisce l'esponente di Afd. 

Ue, Conte: "Governo vuole evitare infrazione"


ROMA - Il premier Giuseppe Conte - nella colazione odierna al Quirinale che prepara il Consiglio europeo - ha parlato degli sforzi del governo assicurando che, nell'esecutivo, sono tutti unanimi nel voler evitare la procedura d'infrazione, tema che sarà puntellato questa sera, come lo stesso premier afferma: "Questa sera sarà un Consiglio dei ministri interessante, porteremo un testo per rispondere a Bruxelles". E a chi gli chiede se il testo sarà il ddl per l'assestamento di bilancio il premier risponde: "confermo". 

"Il vertice è andato bene, ci siamo confrontati sulla strategia sulla procedura di infrazione, che vogliamo tutti evitare", ha detto Conte interpellato dai cronisti a Montecitorio sul vertice economico di questa mattina.

"Quanto alla procedura d'infrazione ho avuto modo di affermare anche pubblicamente che siamo tutti determinati a evitarla ma anche che siamo ben convinti della nostra politica economica. Intendiamo mantenere un dialogo costruttivo con l'Ue e questa determinazione la sto rappresentando con chiarezza anche ai vertici europei e ai miei omologhi", ha aggiunto Conte nell'informativa alla Camera sul Consiglio europeo.

Conte: "Italia auspica portafoglio economico di prima linea"


ROMA - "L'Italia auspica per sè un portafoglio economico di prima linea". A dichiararlo il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, durante un intervento in Aula alla Camera parlando del prossimo Consiglio europeo che verterà sulle nomine nelle istituzioni comunitarie. "Una governance europea sulle migrazioni, sui rimpatri e di contrasto al traffico illegale di esseri umani" ha detto il presidente del Consiglio elencando i punti che, secondo lui, l'Unione Europea dovrebbe fare propri.

"Realizzare forme minimo di salario europeo. Un budget dell'Eurozona per la stabilizzazione economica, che mettano al riparo da turbolenze. Un impulso concreto per incentivare investimenti pubblici produttivi. Una unione che promuova politiche ambientali per l'economia circolare, senza che cio' incrini l'unita' europea. Una adeguata tutela europea dei prodotti agricoli, etichettatura e tracciabilità, rispettosa di imprenditori e consumatori. Miglioramento della cooperazione al contrasto del terrorismo internazionale e del crimine organizzato. Una politica di difesa comune adeguata", ha continuato Conte.

Salvini a Mattarella: "Conti in disordine a causa delle regole Ue"


ROMA - "I conti sono in disordine perché abbiamo applicato per troppi anni le regole della precarietà e dell'austerità e dei tagli imposti dall'Europa": così il vicepremier Matteo Salvini commentando le osservazioni contenute nel messaggio del presidente Mattarella.

"Il debito è cresciuto di 650 miliardi in 10 anni - ha continuato Salvini parlando a margine dell'assemblea di Confartigianato - per far diminuire il debito occorre che italiani lavorino, e gli italiani lavorano di più e meglio se le imprese pagano meno tasse. L'impegno che abbiamo preso con gli italiani e' di abbassare le tasse, non a tutti ma a tanti e lo faremo".

Pd, Zingaretti: "Il nemico è Salvini"


ROMA - Il segretario del Pd Nicola Zingaretti lancia un appello all'unità del partito e avverte: il nemico è Matteo Salvini che rischia di dar vita a una "egemonia duratura e illiberale". Il segretario coglie l'occasione per tentare di ricompattare i suoi all'indomani delle forti polemiche suscitate dall'esclusione della minoranza renziana dalla segreteria e dalla gestione del caso Lotti.

Queste le parole di Zingaretti nel suo intervento in apertura di direzione: "Siamo in una fase in cui combattiamo per rappresentare un'alternativa, ma siamo davanti a un quadro difficile perché l'orientamento degli italiani spinge ancora nelle vele di Salvini. Siamo di fronte a una possibile e duratura egemonia di forze illiberale. Anche per questo motivo sento su di me tutta la responsabilità di proporre un intervento per ricostruire un clima di fiducia dentro a un clima unitario che ci consenta di combattere le nostre battaglie".

Immediata la replica della corrente renziana che raccoglie l'invito alla tregua. Lorenzo Guerini ha dichiarato: "Colgo l'invito di Zingaretti alla responsabilità comune. La mia attenzione è sempre stata sul metodo. Mettiamo da parte le discussioni sul passato, non possiamo continuare la discussione su quello che è stato. L’egemonia di Salvini ci impone la discussione sul futuro".

Salvini: "Italia è il più credibile interlocutore degli Usa in Ue"


WASHINGTON - "L'Italia è il primo, più credibile, più solido interlocutore degli Usa nell'Unione europea". A dichiararlo il vicepremier e ministro dell'Interno, Matteo Salvini, in un punto stampa a Washington.

"Condivido le preoccupazioni dell'amministrazione americana sia nei confronti della Cina che nei confronti dell'Iran", ha aggiunto Salvini. "La posizione del'Italia con l'Iran - ha aggiunto il vicepremier - è già cambiata: nessuno si può permettere di dire di voler cancellare uno stato dalla faccia dalla terra, come Israele, e avare relazioni normali".

Cagliari, vince il centrodestra

CAGLIARI - Con 144 sezioni scrutinate su 174, alle elezioni comunali di Cagliari è in testa il candidato sindaco del centrodestra Paolo Truzzu con il 50,48% 49,1% (27.539 voti), mentre la candidata del centrosinistra, Francesca Ghirra si attesta al 47,46% (18043). A Sassari, invece, è in testa il candidato sindaco del centrosinistra, Mariano Brianda, magistrato, con il 33,86% delle preferenze, seguito dall'ex parlamentare Nanni Campus (30,63%), alla guida di cinque liste civiche. Ad Alghero, invece, vince il cdx con il candidato sindaco Mario Conoci saldamente in testa da inizio scrutinio con il 53,03% dei voti. Sconfitto il sindaco uscente Mario Bruno del centrosinistra (31,98%).

Salvini: "In Ue non solo per le briciole"


WASHINGTON - "Faccio parte di un governo che in Europa non si accontenta più delle briciole". E' il pensiero che il vicepremier Matteo Salvini intende rendere noto all'amministrazione Trump durante la sua visita a Washington, durante la quale - ha spiegato - "ragioneremo anche dei problemi che si stanno vivendo all'interno dell'Ue". 

Da Washington il vice premier ribadisce anche la volontà di realizzare la flat tax: "Possiamo decidere come modularla negli anni, ma un taglio delle tasse ci deve essere assolutamente. Convinceremo la Ue - ha aggiunto - con i numeri, la cortesia, altrimenti le tasse le taglieremo lo stesso, e la Ue se ne farà una ragione".

Poi il ministro dell'Interno parla poi di politica estera: "L'Italia vuole tornare a essere nel continente europeo il primo partner della più grande democrazia occidentale", ha detto prima di incontrare il vice presidente americano Mike Pence e il segretario di Stato Mike Pompeo. Tuttavia, precisa, "sarebbe un errore strategico sia commerciale sia geopolitico allontanare la Russia dall'occidente".