Visualizzazione post con etichetta Attualità. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Attualità. Mostra tutti i post

Salvini: "Crisi? Non ci penso neanche"


ROMA - "Non ci penso neanche. Ho, anzi abbiamo, ancora troppe cose da fare". Così il vicepremier Matteo Salvini, intervistato da Quotidiano.net, esclude categoricamente l'intenzione di aprire una crisi di governo. "Mi auguro", prosegue riferendosi agli alleati del M5s, "che qualcuno non voglia far saltare il tavolo per interessi di partito. Io", ribadisce il vicepremier, "non ho intenzione né di andare a votare prima del previsto, né di tornare al passato".

Perugia: scossa 3.2 alle prime ore del mattino


PERUGIA - Una scossa di terremoto di magnitudo 3.2 è stata registrata intorno alle 5:45 in provincia di Perugia. Stando ai primi rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il terremoto avrebbe avuto ipocentro a 9 km di profondità ed epicentro tra i comuni di Montefalco e Bevagna. Al momento non si hanno notizie di danni a persone o cose.

Immortalato un buco nero: è la fotografia del secolo

(EHT)
Ecco la fotografia del secolo: un buco nero. Dopo che nel 2016 le onde gravitazionali hanno dimostrato l'esistenza di questi misteriosi oggetti cosmici, arriva la prima prova diretta e l'immagine che lo testimonia è quella del buco nero M 87, al centro della galassia Virgo A (o M87), distante circa 55 milioni di anni luce. Il progetto internazionale Event Horizon Telescope (Eht) parla italiano: figura infatti la partecipazione dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) e dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn).

Caso Cucchi: "Sì all'Arma parte civile"

ROMA - Il comandante dei Carabinieri, il generale Giovanni Nistri, si è rivolto alla sorella di Stefano Cucchi, Ilaria, in una lettera di quattro pagine inviata quasi un mese fa. A riportarlo Repubblica, che allega la prima pagina della missiva, datata 11 marzo. 

"Abbiamo la vostra stessa impazienza che su ogni aspetto della morte di Suo fratello si faccia piena luce e che ci siano infine le condizioni per adottare i conseguenti provvedimenti verso chi ha mancato ai propri doveri e al giuramento di fedeltà - scrive il comandante -. Abbiamo la vostra stessa impazienza - scrive il generale Nistri - perché il vostro lutto ci addolora da persone, cittadini, nel mio caso, mi consenta di aggiungere: da padre". Il comandante si impegna a procedere in via disciplinare: "Comprendiamo l'urgenza e la necessità di giustizia, così come lo strazio di dover attendere ancora. Ma gli ulteriori provvedimenti, che certamente saranno presi, non potranno non tenere conto del compiuto accertamento e del grado di colpevolezza di ciascuno", ciò varrà per il processo in corso alla Corte d'Assise e "indefettibilmente per la nuova inchiesta avviata dal pubblico ministero, ora nella fase delle indagini preliminari".

Migranti: Sea Eye via da Lampedusa, rotta verso Malta

(Ap)
ROMA - Sta facendo rotta verso Malta, dove chiederà un porto sicuro, la Alan Kurdi, della ong tedesca Sea Eye, cui l'Italia non ha concesso di approdare a Lampedusa. A renderlo noto la stessa ong ribadendo che i bambini e le loro madri ieri non hanno accettato di sbarcare per non essere separati dai padri. Attacchi sono giunti al ministro Salvini che "non ha umiliato solo i naufraghi, ma sfrutta tutto e tutti per ottenere il massimo vantaggio possibile da questa situazione".

Siria: liberato Sergio Zanotti

DAMASCO - E' stato liberato, dopo quasi 3 anni dal suo rapimento, l'italiano Sergio Zanotti, l'imprenditore scomparso in circostanze finora rimaste avvolte dal mistero. A dare la notizia della liberazione, prima del suo rientro in serata a Ciampino, è stato direttamente il premier Conte, che ha parlato di un uomo "in buone condizioni".

"A conclusione di una complessa e delicata attività di intelligence, investigativa e diplomatica, condotta in maniera sinergica, in data odierna siamo riusciti a ottenere la liberazione di Sergio Zanotti, rapito in Siria nell'aprile 2016. Il nostro connazionale appare in buone condizioni generali e tra qualche ora rientrerà in Italia, a Roma. Un ulteriore successo delle nostre Istituzioni e, in particolare, dell'Aise: a loro il mio più vivo e sentito ringraziamento". E' quanto si legge in una nota del presidente del Consiglio.

Addio al giornalista Cesare Cadeo

MILANO - E' morto, dopo una lunga malattia, Cesare Cadeo. Giornalista e conduttore tv per anni è stato protagonista del piccolo schermo al fianco, tra gli altri, di Mike Bongiorno e Sandra Mondaini. Volto noto di molti programmi sportivi di Mediaset, alla fine degli anni '90 è entrato in politica come assessore allo Sport della Provincia di Milano. Cadeo aveva 72 anni e lascia tre figli.

L'esordio in tv risale all'inizio degli anni '80, prima come inviato di Canale 5, poi con il ct dell'Italia campione del mondo, Enzo Bearzot, nel programma "Gol". Sempre sulla rete ammiraglia Mediaset ha condotto tanti programmi: Superflash con Mike Bongiorno, Record, Super Record e Super Record Sport. All'inizio degli anni '90 il passaggio su Italia 1 con Calciomania, al fianco di Paola Perego e Maurizio Mosca. Cadeo è stato anche ospite fisso di Mai dire Gol, inviato in collegamento con la Gialappa's Band.

Papa Francesco: "Cristiani dialoghino sempre"

RABAT - "Il cristiano, in queste terre, impara ad essere sacramento vivo del dialogo che Dio vuole intavolare con ciascun uomo e donna, in qualunque condizione viva". Così papa Francesco incontrando il clero a Rabat. "È un dialogo che - ha aggiunto il Papa - diventa preghiera e che possiamo realizzare concretamente tutti i giorni in nome 'della 'fratellanza umana' che abbraccia tutti gli uomini, li unisce e li rende uguali. In nome di questa fratellanza lacerata dalle politiche di integralismo e divisione e dai sistemi di guadagno smodato e dalle tendenze ideologiche odiose, che manipolano le azioni e i destini degli uomini". 

Gandolfini: "Dal '78 uccisi 6 milioni di bimbi con l'aborto"

VERONA - "In Italia, dal 1978 a oggi, sono stati uccisi sei milioni di bambini e ne sono stati salvati 200mila. Li ha salvati ad esempio il Movimento per la vita. Ecco lo Stato ha tradito se stesso. ". Lo ha detto Massimo Gandolfini, leader del Family day, a margine del Congresso internazionale delle Famiglie di Verona, parlando dell'aborto. "Da un'unione donna donna e uomo uomo, non nasce una vita, per cui non possono essere genitori. Siamo inoltre convintamente contrari alla maternità surrogata e all'utero in affitto, pratica incivile", ha aggiunto Gandolfini, a margine del Congresso internazionale delle Famiglie di Verona.

Sull'aborto "c'è una legge nazionale che va applicata, e spero che venga applicata completamente, soprattutto nella prima parte". A dichiararlo a Verona il sen. Simone Pillon (Lega) a margine del Congresso delle famiglie. "A me interessa - ha aggiunto - che venga applicata tutta la legge 194, che parla di tutela della donna e della gravidanza soprattutto nella prima parte. Credo che si debba applicare anche quella".

Sul caso interviene il vicepremier Salvini, secondo cui quella sul Congresso sulla famiglia di Verona è una "polemica costruita sul nulla dalla sinistra". "Andrò a ribadire la libertà di scelta di tutti e per tutti - ha detto al suo arrivo in prefettura a Milano -: le conquiste sociali non si toccano, non si discute sulla revisione dell' aborto del divorzio, della libertà di scelta per donne e uomini". "Si ragiona su come aiutare le famiglie italiane: mamme e papà, coi bimbi e coi nonni e uscire da una situazione di povertà che a volte, dopo la nascita di un figlio, ti entra in casa", ha concluso Salvini.

Sabrina Ginocchio: 'Azzurra' è il nuovo libro

DI REDAZIONE - Nelle librerie arriva 'Azzurra' il nuovo libro della scrittrice Sabrina Ginocchio. Il libro è una delicata favola su una piccola goccia di pioggia che desidera atterrare su un morbido prato invece che in mare, come le succede sempre quando lascia la sua nuvola dalla forma di veliero. Seguire gli ostinati tentativi della goccia per raggiungere il suo scopo permette ai bambini di comprendere che anche gli esseri più piccoli e fragili possono avere grandi sogni, e che per quanto sia difficile l’ostacolo da superare, l’importante è non arrendersi mai. La favola contiene anche un forte messaggio ecologico che ricorda ai bimbi, e anche ai genitori che leggeranno con loro la storia, che la natura va rispettata, e che ha bisogno dell’aiuto e dell’amore di tutti gli esseri viventi.

Azzurra, dell’autrice Sabrina Ginocchio, è il terzo libro della collana “Il trenino racconta…” delle Edizioni03. Una collana che si occupa di storie dedicate all’infanzia contenenti messaggi positivi legati al rispetto degli esseri viventi e dell’ambiente, veicolati attraverso l’incanto della fantasia. Ogni libro racchiude un racconto impreziosito da illustrazioni a colori di Elisabetta Micheloni e attività interattive. In Azzurra viene sottolineata l’importanza dell’acqua, del riciclo e del rispetto per l’ambiente, raccontando la storia di una goccia di pioggia determinata ad atterrare su un prato, una volta lasciata la sua nuvola a forma di veliero. Nelle tante avventure che vivrà per realizzare il suo sogno, si troverà e visitare luoghi differenti e spesso in difficoltà, a causa dell’inquinamento. Ad esempio atterrando su uno stagno incontrerà una rana intenta a raccogliere l’immondizia con un retino, per cercare di rimediare agli errori degli esseri umani.

La natura è mostrata al bambino attraverso disegni pieni di colori e di fantasia e raccontata nella sua bontà e bellezza, come il simpatico pinguino che aiuta la goccia a tornare verso il mare, perché al Polo Sud fa troppo freddo per evaporare e poter raggiungere la sua nuvola/veliero. Messaggi semplici ma efficaci, che aiutano il bambino a comprendere la fortuna di essere circondati da alberi, corsi d’acqua e una varietà multicolore di animali, che meritano rispetto e protezione. Alla fine della storia sono presenti attività che stimolano l’intelligenza, la creatività e la voglia di sperimentare, e che riprendono il messaggio ecologico della favola inserendo delle sezioni dedicate, come quella sulla raccolta differenziata. È inoltre molto interessante l’attività pratica dedicata al riciclo: è stato infatti inserito all’interno del libro un ritaglio di carta seminabile (biodegradabile e riciclata) nella quale vi sono dei semi che i bambini potranno coltivare, utilizzando acqua e terra. Il foglio biodegradabile decomponendosi diventerà un ottimo compost ecologico per favorire la crescita delle piantine, così come Azzurra è un’ottima lettura per favorire a sua volta la crescita sana e consapevole del bambino.

TRAMA. Azzurra è una gocciolina che vive su una nuvola a forma di veliero. “Drindrin”, ecco il suono della campanella, il segnale della pioggia. Sentendolo, tutte le goccioline si tuffano. Dove andrà a finire Azzurra? Azzurra nei suoi viaggi incontrerà diversi personaggi, diversi ambienti, passerà dal caldo al freddo e anche tra luoghi inquinati. Il sogno di Azzurra è quello di atterrare su un morbido prato, ma ogni volta che si lancia dal veliero cade sempre nello stesso punto: nel mare. Riuscirà Azzurra a trovare l’inclinazione giusta per atterrare sull’erba?

Sabrina Ginocchio è la fondatrice e curatrice della collana "Il trenino racconta..." delle Edizioni ZEROTRE. Sabrina si definisce un frullato di Heidi e di Anna dai capelli rossi. Ha trascorso la sua infanzia in mezzo alla natura, come Heidi, tra pecore, mucche, noccioli, oliveti, boschi, mare… Ama vedere il mondo con gli occhi della fantasia e della scoperta, e come Anna spesso ribadisce: “Se conoscessimo tutto, non ci sarebbe più spazio per la fantasia”.

Papa Francesco: "Un'ingiustizia bloccare le navi di Open Arms"

CDV - "Tenere ferma la nave è un'ingiustizia. Perché lo fanno? Per farli annegare?". E' la replica di Papa Francesco al giornalista spagnolo Jordi Evole alla domanda se sapesse che "nel porto di Barcellona è stata bloccata la nave di Open Arms". Evole - riporta il sito Avvenire.it - lo ha incontrato il 22 marzo a Roma. Nel colloquio di oltre un'ora il Papa ha risposto sugli abusi sessuali di religiosi, il ruolo delle donne nella Chiesa, la memoria storica, la disuguaglianza, i migranti e rifugiati. L'intervista andrà in onda domenica 31 marzo sulla tv spagnola laSexta.

Parlamento Ue approva riforma copyright, Tajani: "Stop al Far West di Internet"

STRASBURGO - Il Parlamento Ue con 348 voti a favore ha approvato la riforma del Copyright, una direttiva che cambierà irreversibilmente il Web. La nuova misura, infatti, estende l’applicazione del diritto d’autore anche alla piattaforme online quali Facebook, Google News e Youtube e mira a fissare a livello europeo delle linee guida per lo sfruttamento economico delle opere dell’ingegno. 

Ciò consentirà ai titolari dei diritti (editori di notizie, artisti, musicisti e fotografi) di negoziare accordi migliori sulla remunerazione che deriva dall’utilizzo delle loro opere presenti sulle piattaforme online.

"Il Parlamento UE ha messo fine al Far West di Internet". Così il Presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, dopo l'approvazione della direttiva sul diritto d'autore.

Domenica scatta l'ora estiva, lancette avanti di un'ora

ROMA - Domenica 31 marzo, alle 2 del mattino, lancette avanti di un’ora perché scatta l’ora legale. Ovviamente fino al 27 ottobre quando ritorneremo a quella solare. Tale cambiamento, infatti, ci ruberà sessanta minuti di sonno che verranno recuperati in questa ultima data, quando le lancette dovranno essere retrocesse anche se il cambiamento di orario annuale è oggetto di intense discussioni in particolare nei Paesi limitrofi, anche se non sono ancora state prese decisioni definitive. L'ora legale inizia come ogni anno l'ultima domenica di marzo e termina l'ultima domenica di ottobre. Quest'anno essa durerà quindi dal 31 marzo al 27 ottobre. 

Non si tratta solo di un’ora di sonno in meno e la necessità di risparmiare globalmente energia ma, com’è noto, questa pratica, che da noi è in uso dagli anni '60, il cambio d’orario provoca una serie di conseguenze sui normali bioritmi che sono stati anche oggetto di studio per alcune conseguenze negative non difficilmente percepibili: tra tutte, un aumento degli attacchi cardiaci. "L'inizio dell'ora legale, scrivono ad esempio i ricercatori del Karolinska Institut di Stoccolma, sono come un enorme esperimento naturale. 

In particolare noi abbiamo notato un aumento del 4% degli attacchi cardiaci nella settimana successiva all'introduzione". Un'analisi della American Academy of Neurology ha dimostrato che gli effetti sull'orologio biologico del cambio dell'ora aumentano del 25% il rischio di ictus nei malati di cancro, e del 20% negli over 65. Oltre al rischio cardiaco molto studiati sono gli effetti del cambio sul sonno. Una ricerca su 14 studenti coordinata da Antonio Tonetti dell'Università di Bologna e pubblicata su Chronobiology International, ad esempio, ha trovato un maggior numero di risvegli notturni e una maggiore difficoltà ad alzarsi dal letto nei giorni successivi all'arrivo dell'ora legale. 

Altri effetti negativi, che per una ricerca sugli Annals of Human Biology non sono contrastati neanche da una particolare combinazione di geni che facilita il sonno, sono stati trovati sugli ormoni dello stress, che aumentano del 5%, e persino sulla propensione a distrarsi sul web mentre si è al lavoro. Per uno studio sul Journal of Applied Psychology questa 'sale drammaticamente' per effetto del sonno peggiore. Ci sono però ovviamente anche dei lati positivi derivanti dal cambio. Il primo, quello per cui è nata la pratica, è il risparmio energetico. Gli esperimenti condotti sul 'laboratorio' costituito dall'ora legale hanno svelato anche effetti positivi sulla salute. 

La possibilità di avere più ore di luce nel pomeriggio, ad esempio, aiuta a combattere l'obesità infantile, mentre una ricerca pubblicata sul Journal of Safety Research ha trovato che la luce naturale serale diminuisce il rischio di incidenti stradali. Sulla scorta di quanto sostengono tali ricerche, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, nella nostra società si tende a dormire troppo poco rispetto al necessario ed in tal senso anche un’ora in meno può comportare effetti evidenti sui nostri comportamenti. Peraltro, v’è da sottolineare che il nostro organismo ha bisogno di almeno un giorno per regolare l'orologio interno biologico. In tal senso i medici che si sono occupati della questione consigliano di andare a dormire un'ora prima del solito il sabato o, ancora meglio, di cominciare ad anticipare i tempi già una settimana prima, anche se quest'anno ci sarà per molti un giorno in più per adattarsi.

Genovese in fiamme: sfollati e scuole chiuse. Toti: "Temo sia doloso"

GENOVA - Trema la Liguria a causa di un incendio di vaste dimensioni che sta devastando dalla scorsa notte le alture di Cogoleto, nel ponente di Genova. Sfollate una cinquantina di famiglie, chiuse le scuole. Le fiamme lambiscono le carreggiate. Ad alimentare il rogo il forte vento che ha raggiunto anche i 100 km orari. 

Intervenuti sul posto 60 vigili del fuoco, provenienti da Genova, La Spezia, Massa Carrara, Piacenza, e 30 volontari. "Stiamo ancora lavorando per domare le fiamme a Cogoleto. La sala operativa della Protezione civile della Regione è rimasta aperta tutta la notte, oltre 60 unità tra Vigili del fuoco e volontari hanno operato sulle alture di Cogoleto e da stamattina anche i Canadair", dice il governatore Giovanni Toti via facebook. 

"Si parla di 12 ettari di terreno andati in fumo e di una cinquantina di persone evacuate. Sarà una giornata complicata per la viabilità. La A10, subito chiusa in entrambe le direzioni, tra Arenzano e Varazze, è stata riaperta in un senso, verso Savona. Grazie alla Protezione civile, ai Vigili del Fuoco e a tutti i volontari che stanno lavorando senza sosta".

Il Respiro della Natura (The Breath of Nature) di Luca Bracali




Il Respiro della Natura (The Breath of Nature) è l’ultimo lavoro del pluripremiato fotografo e documentarista Luca Bracali. L’opera è divisa in due volumi cartonati (Vol. 1 Un viaggio dall’Alaska allo Zambia; Vol. 2 Romiti Vivai: La tradizione secolare del vivaio toscano nel mondo) raccolti in un cofanetto di pregio, e presentati nelle lingue italiano, inglese, francese e tedesco. Una selezione di più di 250 fotografie che permettono di viaggiare da un capo all’altro del mondo, e che offrono uno sguardo privilegiato sulle meraviglie del regno vegetale. Un cammino di bellezza ma anche di consapevolezza, per un artista che ha sempre messo al centro del suo lavoro l’importanza di rispettare il patrimonio naturale del nostro Pianeta, e la necessità di agire attivamente per la sua salvaguardia.

Luca Bracali presenta l’opera Il Respiro della Natura (The Breath of Nature), un viaggio visivo e insieme emozionale intorno al globo terracqueo, che racconta in più di 250 fotografie il regno vegetale nella sua bellezza e varietà, nella sua forza e fragilità. Il fotografo, documentarista, giornalista ed esploratore toscano propone meravigliose immagini di alberi, piante e foreste, espressione della potenza e della perfezione della natura, troppo spesso testimoni muti della cattiveria umana. Fotografie che evocano pace, fotografie drammatiche, fotografie di animali che convivono con il mondo vegetale; alberi in fiore, alberi secchi, colti al tramonto o in piena luce, piccoli arbusti o maestosi Baobab, piante immerse nell’acqua, tenaci tra i ghiacci, solitarie nel deserto. Attraverso le fotografie naturalistiche di Luca Bracali è possibile ammirare la vita nelle sue infinite e variopinte sfumature, quella stessa vita che gli alberi contribuiscono a proteggere con il loro incessante e prezioso lavoro.

Spesso si dimentica che la nostra esistenza è possibile anche grazie al processo di fotosintesi delle piante, che sottrae anidride carbonica all’atmosfera, rendendo l’aria che respiriamo compatibile con la vita; spesso si dimentica che rispettare il mondo vegetale, dalla più piccola pianta al più grande albero, significa rispettare il mondo intero che gentilmente ci ospita, e che ci fa prosperare. Luca Bracali non lo ha mai dimenticato, e nei suoi tredici libri fotografici porta avanti la sua missione di salvaguardia del Pianeta Terra, e di sensibilizzazione sullo sfruttamento insensato delle sue risorse. Un artista profondamente attento alle tematiche ambientali, in particolare ai cambiamenti climatici e al riscaldamento globale, che tramite le sue opere, le mostre e le conferenze condivide la bellezza del mondo che ha conosciuto nei suoi viaggi di esplorazione attraverso 141 paesi, dall’Alaska allo Zambia, in terre inospitali e in paradisi terrestri, in foreste pluviali e tra i ghiacciai dell’Antartide. “Gli alberi sono lo sforzo infinito della terra per parlare al cielo in ascolto”, ha detto Rabindranath Tagore, e Bracali ci chiede di ascoltare a nostra volta quella flebile voce che invoca aiuto e comprensione.

Dalla sua opera: “Mai l’azione antropica sul territorio è stata così evidente e di così forte impatto come negli ultimi 30 anni, tanto da generare importanti, e probabilmente irreversibili, cambiamenti climatici. L’atmosfera è satura di gas serra, la terra respira con maggior fatica, le temperature a livello globale aumentano, gli oceani si riscaldano, i ghiacci si fondono”. Una tragica realtà di cui il fotografo porta testimonianza nelle numerose interviste che gli vengono rivolte (si ricordano quelle per Rai1/Unomattina, per Rai2/Tg2 Storie, per Rai3/Alle falde del Kilimangiaro e per Tv2000/Il mondo insieme) e soprattutto nei suoi documentari proposti dalle reti Rai e nei suoi reportage per diverse riviste specializzate tra cui il National Geographic, che gli sono valsi molti premi e riconoscimenti internazionali nel corso della sua carriera trentennale.

Luca Bracali (Pistoia, 1965) è un fotografo, esploratore, documentarista, giornalista e docente. Ha viaggiato in 141 paesi per realizzare i suoi reportage, ha pubblicato numerosi articoli su riviste di viaggi e di cultura, e ha firmato quindici servizi su National Geographic. È autore di tredici libri e vincitore di diversi premi in concorsi fotografici internazionali, tra i quali si ricordano nel 2017 Travel Photographer of the Year, Menzione speciale categoria “Earth & Climate” e nel 2018 TIFA Photography Awards, Silver winner categoria “Nature-Aerial”. Tra le sue opere si menzionano: I colori del viaggio (Gli Ori, 2006), SOS Pianeta Terra (Mondadori Electa, 2010), Fantasie della Terra (Zerotre, 2015), Myanmar. The true essence (Zerotre, 2015), Pianeta Terra. Un mondo da salvare (Silvana, 2016), Rapa Nui. Genesi di un restauro fra storia, leggende e misteri (Lorenzo De Medici Press, 2017), Il respiro della natura (Silvana, 2018). Nel 2010 debutta nel mondo della fine-art photography, e le sue immagini vengono esposte, in mostre personali, in più di cinquanta musei e gallerie di Roma, Milano, Bologna, Napoli, Sofia, Kiev, Odessa, Copenaghen, Yangon, Montreal, New York e Bruxelles (mostra “Arctic under attack” nella sala espositiva del Parlamento Europeo, 2017). Molto sensibile ai problemi ambientali, in primis lo scioglimento dei ghiacciai e il riscaldamento globale contribuisce attivamente a queste importanti cause attraverso progetti fotografici in Antartide e Artide.

Dal 2008 è membro di APECS (Association of Polar Early Career Scientists) per i suoi contributi mediatici e scientifici legati all'ambiente. Dal 2017 diviene ambasciatore dell’associazione no-profit “Salviamo il Pianeta”. Come regista e documentarista lavora dal 2011 per i canali Rai: per Rai1 cura la regia della rubrica "Easy Driver" ed è presente su Uno Mattina con il format “Un mondo da amare”; su Rai2 cura per il programma Niagara la serie di reportage “Cacciatore di emozioni”; su Rai3 presenta i suoi documentari nel programma Kilimangiaro. È inoltre autore, produttore e regista del progetto “Planet Explorer”, un live-tour fotografico e video, pensato appositamente per il web, che nel 2017 giunge alla sua undicesima edizione. Ha insegnato fotografia ai corsi Academy Passion Suite di Canon, per poi diventare Ambassador per Fujifilm. Ha tenuto nel 2017 il ciclo di conferenze “Global Warming” presso l’Università Bocconi di Milano, il Museo di Storia Naturale di Milano, l’Università di Pisa e la Concordia University a Montreal, e nel 2018 il ciclo di conferenze “Wildlife e Artico” presso l’Ospedale Meyer di Firenze e il Museo di Storia Naturale di Pisa. È autore della copertina de L'ultima Thule, lavoro discografico di Francesco Guccini. Il Minor Planet Center di Cambridge ha inoltre intitolato a suo nome il 198.616esimo asteroide scoperto.

Papa: "Roma non si degradi"

(ANSA)
ROMA - Incontro stamani nel Campidoglio tra il Papa e la sindaca di Roma Virginia Raggi. Roma "è un organismo delicato, che necessita di cura umile e assidua e di coraggio creativo per mantenersi ordinato e vivibile, perché tanto splendore non si degradi, ma al cumulo delle glorie passate si possa aggiungere il contributo delle nuove generazioni, il loro specifico genio, le loro iniziative, i loro buoni progetti". Così il Pontefice nel suo discorso all'Amministrazione capitolina. 

"Questa peculiare identità storica, culturale e istituzionale di Roma postula che l'Amministrazione capitolina sia posta in grado di governare questa complessa realtà con strumenti normativi appropriati e una congrua dotazione di risorse", ha aggiunto il Papa. 

"Formulo perciò i migliori auspici affinché tutti si sentano pienamente coinvolti per raggiungere questo obiettivo, per confermare con la chiarezza delle idee e la forza della testimonianza quotidiana le migliori tradizioni di Roma e la sua missione, e perché questo favorisca una rinascita morale e spirituale della Città", ha concluso il Papa. 

Crociera da incubo sui fiordi: il racconto dei passeggeri


MOLDE - E' finita col lieto fine la crociera del terrore che ha visto protagonisti 1300 sfortunati passeggeri, rimasti quasi 24 ore in preda a onde alte fino ad otto metri. Venti persone in ospedale…

Emilia Romagna: forte sciame sismico nel Cesenate

CESENA - Trema di nuovo la terra in Emilia Romagna. Una sequenza sismica sta interessando da ieri sera il territorio di Meldola, in provincia di Forlì-Cesena. Non si segnalano al momento danni a persone o cose. 

L'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) ha registrato 12 lievi scosse dalle 22:18 a 00:25, la più forte delle quali di magnitudo 2.6 alle 23:30.

Scuolabus, Di Maio: "Concedere cittadinanza per meriti speciali a Ramy"

ROMA - "Concedere la cittadinanza per meriti speciali al piccolo Ramy, il bambino di nazionalità egiziana che ieri ha tolto il cellulare al dirottatore del bus a Milano permettendo ai suoi compagni di chiamare le forze dell'ordine". E' la proposta lanciata dal ministro dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, che in un post su Facebook spiega: "Questo è un Paese che deve saper guardare oltre. È un Paese che non può fermarsi all'indignazione. Siamo molto di più della semplice indignazione. Credo sia un dovere togliere immediatamente la cittadinanza a quel criminale che ieri, a San Donato Milanese, stava per compiere una strage di 51 bambini. Per fortuna l'intervento dei Carabinieri ha fatto in modo che nessuno restasse ferito gravemente".

"Oltre ai nostri due eroi in uniforme ce n'è però anche un altro di eroe: ha 13 anni, si chiama Ramy, ha origini egiziane, ed è uno dei bambini che ieri ha nascosto il cellulare al sequestratore avvisando per primo le forze dell'ordine. Ha messo a rischio la propria vita per salvare quella dei suoi compagni".

Isis choc: "Ucciso crociato italiano". E' il fiorentino Orsetti

DAMASCO - L'Isis miete ancora vittime in Siria. I jihadisti hanno pubblicato la fotografia dei documenti di un italiano, Lorenzo Orsetti, fiorentino, classe 1986, annunciando di averlo ucciso durante una battaglia a Baghuz, in Siria. Il giovane italiano sarebbe stato ucciso in un'imboscata. A confermare la notizia fonti di sicurezza italiane.

I jihadisti hanno diffuso la foto del cadavere di quello che viene descritto come "il crociato italiano Lorenzo Orsetti". L'immagine, postata sui social network da Aamaq, piattaforma di notizie legata all'Isis, mostra il viso e parte del busto della vittima, a terra.

Il giovane fiorentino militava nelle file delle milizie curde Ypg, legate al Pkk turco, contro i jihadisti dello 'Stato islamico' ed era stato di recente intervistato da media italiani come un combattente volontario italiano a fianco dei curdi contro l'Isis.