Visualizzazione post con etichetta Attualità. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Attualità. Mostra tutti i post

Coronavirus: due casi in Francia, rientrato allarme in Puglia

(getty)
PARIGI - Trema l'Europa per i due casi di coronavirus confermati in Francia: sono i primi accertati nel Continente. Ad annunciarlo il governo francese. Un caso è a Bordeaux, nel sud-ovest, l'altro a Parigi, ha annunciato stasera in tv la ministra della Salute, Agnes Buzyn. "Il paziente di Bordeaux ha 48 anni - ha detto la ministra - è rientrato dalla Cina, dove è passato da Wuhan. Si è fatto visitare ieri. Da ieri è ricoverato in una camera isolata. E' stato in contatto con una decina di persone dopo il suo arrivo in Francia". L'uomo è di "origini cinesi", ma residente in Gironda, la regione di Bordeaux. Si trovava in Cina per motivi professionali. Si sa poco del paziente ricoverato a Parigi, all'ospedale Bichat, a parte il fatto che anche lui è rientrato dalla Cina.
Intanto si segnala una seconda vittima cinese del coronavirus al di fuori dall'area dell'epicentro di Wuhan. Il decesso è avvenuto a Heilongjiang (nord-est), una provincia al confine con la Russia, a più di 1.800 km in linea d'aria da Wuhan, centro del focolaio del virus. Un altro caso è stato annunciato poco prima a Hebei, la provincia che circonda Pechino.

Le autorità cinesi hanno imposto il blocco ai trasporti in altre città, Xiaogan, Enshi e Zhijiang - tutte nella provincia di Hubei, culla dell'epidemia di coronavirus - portando così a oltre 41 milioni il numero di cittadini coinvolti dalle misure per contrastare l'emergenza.

In molte di queste città è stata disposta anche la chiusura di luoghi aperti al pubblico come teatri o locali per il karaoke.

Intanto il Cdc, centro statunitense per il controllo e la prevenzione delle malattie, ha riferito oggi che è stato diagnosticato il coronavirus a una persona arrivata a Chicago, Illinois, da Wuhan, città cinese epicentro dell'epidemia in corso.

Liliana Segre: stop a incontri nelle scuole

ROMA - Ad 89 anni Liliana Segre, la senatrice deportata nel '44 nel campo di sterminio di Auschwitz, sospenderà gli incontri con le scuole e gli studenti per limiti di età. Ad anticipare la notizia il Ducato, la pubblicazione degli studenti di giornalismo di Urbino.

La senatrice interromperà gli incontri dal prossimo aprile. Segre concluderà ad aprile i suoi incontri nelle scuole ma questo "non vuol dire che non continuerà a testimoniare la sua esperienza", spiega all'Ansa il figlio della senatrice a vita e sopravvissuta ad Auschwitz.

Conoravirus: vittime salgono a 9

PECHINO - Nuove vittime in Cina del coronavirus: sinora i casi accertati in tutto il Paese hanno superato i 400 e le vittime sono aumentate da sei a nove. A rendere noti i dati il vice ministro della Commissione nazionale per la salute Li Bin in una conferenza stampa. Il nuovo virus, della stessa famiglia della Sars, "può mutare e propagarsi più facilmente", secondo Li Bin.

Greta: "Clima tema caldo ma non è stato fatto ancora nulla"

DAVOS - "Nessuno se lo sarebbe aspettato, c'è una maggiore consapevolezza e il cambiamento climatico è diventato un tema 'caldo'. Ma da un altro punto di vista non è stato fatto nulla, le emissioni di Co2 non sono state ridotte ed è questo il nostro obiettivo". Così la giovane attivista per il clima Greta Thunberg durante un panel al Forum economico mondiale. La 17enne svedese ha promesso che "questo è solo l'inizio" e ha auspicato che "si inizi ad ascoltare la scienza e si inizi a considerare la crisi per quello che è".

Gregoretti: Giunta Senato, ok processo a Salvini

La Giunta delle immunità del Senato ha dato il via libera al processo all'ex ministro degli Interni Matteo Salvini sull'ipotesi di accusa di sequestro di persona per la vicenda Gregoretti. La Giunta ha respinto la proposta del presidente Gasparri di negare la richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti dell'ex ministro dell'Interno. Contro la proposta hanno votato i 5 senatori della Lega, a favore i 4 di FI e Alberto Balboni di FdI. In caso di pareggio, il regolamento del Senato fa prevalere i "no".

"La maggioranza non solo vuole processare Salvini, ma pretende anche di decidere come e quando. Se la maggioranza pensa davvero che Salvini sia un sequestratore, l'ex ministro andrebbe fermato subito. La melina di Pd, 5S e Iv dimostra che è solo una vergognosa sceneggiata per colpire il leader della Lega. La vera sentenza sarà emessa dagli elettori di Calabria ed Emilia-Romagna, e per smascherare l'ipocrisia della maggioranza voteremo sì al processo" dichiara Erika Stefani a nome dei componenti leghisti della giunta per le immunità di Palazzo Madama.

Gregoretti, Salvini: "Pronto a prigione"

FERRARA - "Guareschi diceva che ci sono momenti in cui per arrivare alla libertà bisogna passare dalla prigione. Siamo pronti, sono pronto". Così il leader del Carroccio Matteo Salvini, a margine di un'iniziativa elettorale della Lega a Comacchio, rispondendo a una domanda sulla vicenda Gregoretti e sul voto previsto per il pomeriggio della Giunta per l'immunità del Senato.

Anastasi, il figlio: "Papà aveva la Sla, ha chiesto sedazione assistita"

Papà aveva la Sla, che gli era stata diagnosticata tre anni fa dopo essere stato operato di un tumore all'intestino. Gli ultimi mesi sono stati davvero devastanti e lui giovedì sera quando era ricoverato all' ospedale 'di Circolo' di Varese ha chiesto la sedazione assistita per poter morire serenamente": a parlare è Gianluca Anastasi, che ricorda all'ANSA la scomparsa del padre Pietro avvenuta ieri. "Ha scelto lui giovedì sera di andarsene. Ha chiamato mia mamma e ci ha detto di volerla subito".

"Tutto era cominciato tre anni fa con dei dolori al braccio e alla gamba ma a lui all'inizio non abbiamo detto nulla - ricostruisce Gianluca - Abbiamo fatto altri esami ed è venuto fuori che aveva un tumore all'intestino, anche se persisteva il problema neurologico alle gambe. Comunque papà si è operato e il tumore è stato tirato via. Poi abbiamo fatto altre analisi e approfondimenti medici ed è venuto fuori il problema. Il meico ci ha detto che ra Sla ma a papà abbiamo preferito tacerlo anche se lui aveva capito tutto. Abbiamo deciso di dirgli la verità tre mesi fa - prosegue il primogenito di Anastasi - ma lui come detto lo aveva già immaginato perchè i problemi nei movimenti erano evidenti. Da allora la cosa è precipitata e gli ultimi mesi sono stati davvero devastanti, perchè papà non riusciva più a muoversi e respirava a fatica e si aiutava con l'ausilio di una macchina da cui non riusciva più a staccarsi. Poi gli è stata consigliata anche la tracheotomia ma a quel punti lui ha detto 'basta', seguirò il destino della mia malattia", e ha rifiutato l'accanimento terapeutico.

La Consulta boccia il referendum

ROMA - La Corte costituzionale ha dichiarato inammissibile perché "eccessivamente manipolativo" il referendum sulla legge elettorale sostenuto dalla Lega per abrogare le norme sulla distribuzione proporzionale dei seggi e trasformare il sistema in un maggioritario puro.

Il quesito referendario era stato proposto da otto consigli regionali (di Veneto, Piemonte, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Sardegna, Abruzzo, Basilicata e Liguria), tutti guidati dal centro-destra.

"È una vergogna, è il vecchio sistema che si difende: Pd e 5stelle sono e restano attaccati alle poltrone. Ci dispiace che non si lasci decidere il popolo: così è il ritorno alla preistoria della peggiore politica italica". Lo dichiara Matteo Salvini, segretario della Lega.

Gli ultimi 5 anni i più caldi di sempre

(credits: NASA)
Record di temperature negli ultimi cinque anni che sono stati di fatto i più caldi dal 1880. A registrare l'eccezionale picco di calore la Nasa e la National Oceanic and Atmospheric Administration (Noaa) negli ultimi 140 anni, cioè da quando si fanno le rilevazioni delle temperature. Nel comunicarlo, le due agenzie rilevano che il 2019 si è piazzato al secondo posto dopo il 2016 per record di temperatura terrestre, confermando il trend del riscaldamento a lungo termine del pianeta.

Lo scorso anno le temperature erano 0,98 gradi centigradi più caldi rispetto alla media del 1951-1980, secondo gli scienziati del Goddard Institute for Space Studies (Giss) della Nasa a New York. "Il decennio appena concluso è chiaramente il decennio più caldo mai registrato", commenta il direttore del Giss Gavin Schmidt osservando che "ogni decennio dagli anni '60 è stato chiaramente più caldo di quello precedente".

Dal 1880, la temperatura media globale della superficie terrestre è aumentata e ora è di un po' più di 1 grado al di sopra di quella della fine del 19/o secolo. Gli scienziati, utilizzando modelli climatici e analisi statistiche dei dati della temperatura globale, hanno concluso che questo aumento è stato provocato principalmente dall'aumento delle emissioni nell'atmosfera di anidride carbonica e altri gas serra prodotti dalle attività umane.

Migranti: Open Arms e Sea Watch 3 assegnate a Messina e Taranto

TARANTO - Alle ong Open Arms e Sea Watch 3 sono stati assegnati, rispettivamente, i porti di Messina e Taranto. A renderlo noto il Viminale, che evidenzia che "Francia, Germania, Portogallo e Irlanda hanno già dato la loro disponibilità ad accogliere i richiedenti asilo a bordo". La disponibilità, secondo il ministero, è stata offerta sulla base dell'apertura della procedura di ridistribuzione dei migranti a livello europeo avviata dalla Commissione Ue anche sulla scorta del pre-accordo di Malta.

Libia: conferenza di Berlino il 19 gennaio, Sarraj firma accordo

"Sarraj ha firmato l'accordo" sulla tregua in Libia, "mentre Haftar ha chiesto tempo fino a domani mattina". Lo ha annunciato il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov.

Vertice ad Ankara tra il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e il premier italiano, Giuseppe Conte. "Mi auguro che si arrivi al più presto al cessate il fuoco permanente" in Libia, dice Erdogan al termine del colloquio, parlando del lavoro diplomatico in corso a Mosca.

La conferenza di Berlino sulla Libia si dovrebbe tenere il 19 gennaio. Lo comunica la Germania ai Paesi partecipanti, tra cui l'Italia, secondo quanto si apprende. L'Italia, attraverso il ministro degli Esteri Di Maio, aveva sollecitato più volte i tedeschi, anche in sede europea, ad indicare quanto prima una data per il summit.

Tra i punti salienti dell'accordo che il premier libico Fayez al Sarraj e il generale Khalifa Haftar si apprestano a firmare a Mosca, secondo quanto anticipato da Al Arabiya, vi è lo stop all'invio di truppe turche in Libia, un cessate il fuoco sotto la supervisione della Russia e delle Nazioni Unite, il ritiro delle reciproche milizie nelle caserme e una soluzione politica.

Guasti a Roma Termini, ritardi treni sino ad un'ora

ROMA - Si è verificato un forte rallentamento al traffico ferroviario ma in graduale ripresa dalle ore 9 dopo un guasto tecnico alla linea a Roma Termini. E' quanto si legge nel sito di Trenitalia. I ritardi sono fino a 60 minuti per i treni in viaggio. E' in corso la riprogrammazione dell'offerta commerciale.

Al momento in partenza registrano ancora ritardi fino a 57 minuti. Da questa mattina, informa Trenitalia, sono stati cancellati cinque treni. La situazione più delicata riguarda i treni in arrivo a Termini.

Regge in Libia la tregua

(ANSA/EPA)
TRIPOLI - Regge in Libia la fragilissima tregua. E' infatti in vigore dalla mezzanotte il cessate il fuoco, che il capo del Consiglio presidenziale del governo di accordo nazionale libico (Gna), Fayez al Serraj, ha accettato di buon grado. Alla proposta, avanzata in queste ore da Turchia e Russia, hanno aderito anche le forze del generale dell'Est, Khalifa Haftar.

Il governo di Serraj denuncia comunque violazioni "a Salaheddin e Wadi Rabie pochi minuti dopo la sua entrata in vigore" e ribadisce che "la piena attuazione del cessate il fuoco potrà avvenire solo con il ritiro dell'aggressore da dove è venuto", in riferimento al generale Haftar. Lo si legge in un comunicato del governo di Tripoli diffuso in mattinata. "In caso di ulteriori violazioni - si avverte - il Consiglio presidenziale del governo di accordo nazionale libico non resterà a guardare e la sua risposta sarà violenta e ferma".

E' giallo sull'aereo ucraino caduto

(ANSA)
E' giallo sull'aereo ucraino caduto ieri poco dopo il decollo da Teheran. Il velivolo stava tornando indietro a causa di un "problema": è quanto emerge finora dall'inchiesta iraniana sull'incidente costato la vita a 176 persone.

Molte compagnie, dopo la segnalazione, hanno cambiato rotta ai propri voli, evitando uno spazio aereo considerato ad alto rischio per i venti di guerra. Ad alimentare i sospetti è anche l'annuncio delle autorità della Repubblica islamica di non voler consegnare alla Boeing né agli Usa le due scatole nere recuperate tra i detriti, a una decina di chilometri dallo scalo.

"L'aereo, che all'inizio si dirigeva verso est per lasciare la zona dell'aeroporto, ha girato a destra a causa di un problema e stava tornando all'aeroporto nel momento dell'incidente", ha reso noto ieri notte sul suo sito l'Organizzazione per l'aviazione civile iraniana.

Le agenzie di intelligence occidentali ieri in serata avevano scartato l'ipotesi che il Boeing 777 ucraino fosse stato colpito da un missile, ma i dubbi rimangono.

Iran attacca due basi Usa in Iraq. "Almeno 80 morti"


Donald Trump, nel suo intervento, dopo aver ribadito che non ci sono vittime americane nel raid dell'Iran ma solo dei danni, ha sottolineato di non aver intenzione di scartare nessuna soluzione per risolvere il problema Iran, che deve rinunciare al nucleare e a sostenere il terrorismo. Il tycoon è anche pronto ad abbracciare la pace con Teheran.

Questa notte Teheran ha lanciato una dozzina di missili balistici contro le strutture statunitensi. I media locali parlano di ottanta vittime tra gli americani ma il Pentagono non ha conferme a riguardo. Illesi i militari italiani.

Almeno 80 morti. Sarebbe questo un primo bilancio dell'attacco missilistico dell'Iran contro due basi irachene dove erano ospitati militari americani. La tv di Stato iraniana cita fonti ben informate della Guardia Rivoluzionaria secondo le quali circa 80 persone sono state uccise, ed altre 200 sono rimaste ferite, in seguito al raid.

"Grandi perdite sono state inflitte a numerosi droni, elicotteri e equipaggiamento militare nella base" di al-Asad. Secondo la Guardia Rivoluzionaria almeno 15 missili hanno colpito basi statunitensi, e nessuno è stato intercettato dall'esercito americano.

Ressa alla sepoltura di Soleimani, decine di vittime

(Afp)
KERMAN - Sono almeno 35 le persone morte e altre 48 quelle rimaste ferite nella calca durante la cerimonia di sepoltura del generale Qassem Soleimani a Kerman, la sua città natale in Iran. Lo rendono noto i media locali.

Non si stempera quindi la tensione tra Iran e Usa nel giorno in cui una nuova ondata di folla si è radunata a Kerman per la sepoltura del generale Soleimani, la cui salma è arrivata nella cittadina dell'Iran sudoccidentale.

Iraq, La Stampa: "Soldati italiani via da base Usa"

Secondo quanto riferisce il quotidiano La Stampa, i soldati italiani hanno lasciato, nel corso della notte, la base americana a Baghdad, da due giorni sotto il tiro dei mortai. Secondo il quotidiano torinese il trasferimento dal compound "Union 3" ha riguardato tutti gli uomini italiani impegnati nell'operazione di addestramento delle forze di sicurezza irachene - un cinquantina di carabinieri - ed è stato deciso dallo Stato maggiore della Difesa in accordo con i vertici della Nato. I soldati, che partecipano alla "Nato Mission Iraq", non sono stati riportati in Italia, riferisce ancora il giornale torinese, ma sono stati trasferiti in "un un'altra zona, sicura e non lontana". Anche la Germania ritirerà alcune delle sue truppe schierate nel Paese.

Papa: "Mantenere usanze Epifania in loro significato cristiano"

(Agenzia Vista) Città del Vaticano. Papa Francesco durante l'Angelus in Piazza San Pietro: "Un saluto speciale a quanti danno vita al corteo storico-folcloristico, ispirato alle tradizioni dell'Epifania e dedicato quest'anno al territorio di Allumiere e della Valle del Mignone. E lo estendo anche al corteo dei Magi in numerose città e villaggi della Polonia. Mi piace salutare tante espressioni popolari legate alla festa di oggi - penso alla Spagna, all'America Latina, alla Germania - usanze che vanno mantenute nel loro genuino significato cristiano".

Autostrade: via alla revoca delle concessioni

ROMA - "Nel milleproproghe abbiamo inserito la norma sulle concessioni autostradali. Questo decreto dice finalmente che si avvia un percorso per alcune infrastrutture che ci permette di revocare le concessioni ai Benetton". Così il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in una diretta facebook.

"Tutti si sono scandalizzati perché è crollato il titolo di Atlantia, ma chi si è scandalizzato non lo ha fatto quando è crollato il Ponte Morandi. E' crollato il ponte e non si sa di chi è la colpa, invece ogni dichiarazione sulle concessioni è diventata un attentato ad Autostrade".

"La retorica che si perdono i posti di lavoro" con la revoca delle concessioni ad Autostrade "è una sciocchezza. Si perdono i profitti dei Benetton ed è giusto, perché non hanno fatto quanto dovuto per mantenere quel ponte" Morandi.

"Io non sono tranquillo che ci siano quei signori che non hanno mantenuto il ponte Morandi che ora gestiscono 3 mila chilometri, bisogna riprenderci quella gestione e poi i dipendenti verranno chiaramente impiegati".

Migranti, l'Sos: "Disperso barcone da 74 ore con 45 persone a bordo"

ROMA - Da domenica non c’è più traccia di un barcone con a bordo 45 migranti. L’allerta arriva da Alarm Phone, la piattaforma che offre assistenza ai migranti in mare. I volontari della Ong affermano di aver ricevuto una chiamata da un barcone con a bordo uomini, donne e bambini che si trovava al largo della Libia.

Un pescatore aveva detto all'organizzazione di aver avvistato la barca in pericolo, con il motore in avaria tra le onde altissime. Le autorità libiche risultavano irraggiungibili. «Abbiamo parlato con la guardia costiera, l'autorità in Libia, le organizzazioni internazionali e con il nostro testimone, scrive ora Alarm Phone, nessuno sa cosa sia successo a questa barca.

Temiamo il peggio, ma speriamo che in qualche modo siano salvi». Speriamo, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”,di poter festeggiare l'inizio dell'anno con la buona notizia che queste persone sono state soccorse o che sono arrivate sulle coste UE.