Visualizzazione post con etichetta ARTE. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta ARTE. Mostra tutti i post

Arte in stazione: a Milano al via il bando per la Stazione Milano Porta Garibaldi

MILANO. È partito a Milano il bando "cosìMIpiace Leonardo", che chiama all'appello street artist, scuole e gruppi per abbellire la stazione Milano Porta Garibaldi. Sarà la figura di Leonardo da Vinci, nell'anno in cui si ricordano i 500 anni dalla scomparsa, che ispirerà artisti, scuole, comunità, gruppi di giovani e singoli cittadini per portare una nuova ondata di colore sulla lunghissima parete che divide la zona nord della stazione Milano Porta Garibaldi dal quartiere Isola.
I volontari del progetto 'cosìMIpiace', che già in passato, insieme a tanti street artist, hanno abbellito la stessa stazione con il precedente progetto EscoAdIsola.it, hanno pubblicato, come sempre in collaborazione con Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane), un nuovo bando sul sito www.cosimipiace.it.
Il bando è rivolto ad artisti e gruppi che potranno ispirarsi ai molteplici aspetti del personaggio che ha lasciato un segno importante nella storia di Milano: Leonardo come artista, Leonardo come genio, Leonardo come indagatore ed osservatore, Leonardo come innovatore e personaggio illustre di Milano.
Novità assoluta di questa edizione è l’apertura a scuole, centri di aggregazione per giovani, comunità locali, gruppi anche non costituiti formalmente che in un’ottica di collaborazione in rete hanno un’opportunità unica ed organizzata di abbellire con la loro opera una zona di Milano molto particolare e che sta vivendo profondi cambiamenti.
Curatore artistico del Community Street Art Day - Milano Porta Garibaldi 2019, sarà l’immancabile Gregorio Mancino, in arte Greg, che con le sue particolari doti unirà l’espressione di artisti affermati con volenterosi cittadini per poter esclamare tutti insieme "Così MI Piace!".
Le candidature degli artisti con relativo bozzetto dovranno pervenire entro il 15 aprile 2019, data di nascita di Leonardo da Vinci, per i gruppi la scadenza è estesa al 26 aprile 2019. I materiali saranno forniti dall’organizzazione.
La data di svolgimento del Community Street Art Day è prevista per sabato 8 giugno 2019.
Due particolari bonus nel bando: "consegna prima" per chi invierà la candidatura entro il 30 marzo, e "porta un amico" per chi ha già partecipato e fa girare la voce. La speciale classifica darà una priorità di scelta dello spazio da dipingere.
Il bando completo e la scheda di partecipazione è pubblicata sul sito www.cosimpiace.it. Per ulteriori informazioni si può scrivere anche alla mail staff@cosimipiace.it.

SUL PROGETTO COSIMIPIACE - Il progetto, ideato e realizzato dall’Associazione di Filosofia, Cultura e Volontariato "Nuova Acropoli", è frutto di una proficua collaborazione con Rete Ferroviaria Italiana  (Gruppo FS Italiane) del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, nata nel 2011 e tesa a promuovere il recupero di spazi urbani anonimi e grigi, spesso preda di atti vandalici, in luoghi colorati nei quali l’arte pittorica diviene veicolo di valori e spunto di riflessione, trasformandoli in gallerie d’arte, luoghi di bellezza, di senso e di incontro nel contesto cittadino.
"CosìMIPiace" raccoglie le energie di artisti emergenti e non, che trovano in esso spazi ed occasioni per donare la propria arte.
Ad oggi il progetto ha portato alla riqualificazione degli spazi delle stazioni ferroviarie di Porta Garibaldi, Porta Genova, Greco Pirelli, Romolo,  San Cristoforo e Corsico.

ASSOCIAZIONE NUOVA ACROPOLI - Nuova Acropoli è una associazione che si occupa di filosofia, cultura e volontariato, presente a Milano dal 2009. Promuove, soprattutto tra i giovani, un impegno civico che porti a migliorare se stessi e l'ambiente, nella convinzione che l’esempio ed il coinvolgimento attivo siano metodi efficaci per essere cittadini responsabili. Accanto al progetto "CosìMIPiace", l’Associazione Nuova Acropoli si occupa, tra le altre cose, della promozione della cultura attraverso incontri e conferenze di argomento filosofico, del contrasto all’abbandono scolastico (progetto PASS), delle attività di protezione civile.
Per saperne di più visitare i siti dell’associazione www.nuovaacropoli.itwww.cosimipiace.it, e  www.progettopass.it. Per informazioni scrivere a staff@cosimipiace.it.

Arte: a Roma la mostra "Nell'Intimo e nel Molteplice" di Claudia Marchetti

ROMA. Si è aperta a Palazzo Cenci-Bolognetti, in Via d'Aracoeli n°37 a Roma, la mostra "Nell'Intimo nel Molteplice" dell'artista Claudia Marchetti.
La sua prima mostra presso Dispensabile, che durerà fino al 21 marzo prossimo, vede esposti i suoi disegni popolati di memorie fuggitive, creature inventate, fantasie sensuali, paure striscianti e colori irrealistici.
Un vero e proprio viaggio interiore, per raggiungere un luogo dove non esiste separazione tra corpo e mente, tocco e sguardo.
Per quel che riguarda Claudia Marchetti, è interprete di conferenza e traduttrice free-lance, attiva spesso nel mondo dell’arte, in occasione di conferenze stampa, inaugurazioni di mostre e lecture in teatri e musei. Dopo molti anni trascorsi interpretando e dando voce alle parole e ai pensieri degli altri, sente il bisogno di esprimere i propri sentimenti, di rivelare sé stessa. Un giorno interpreta al Teatro dell’Opera di Roma e si sente sopraffatta dalla bellezza. Torna a casa e decide di replicare quella bellezza e vivere per sempre, incessantemente, in un mondo fatto di incanto, anche se immaginaria per lo più.

Valeria Viva, tra arte musica e progetti


di REDAZIONE - Dalla Puglia arriva l'artista Valeria Viva che ci presenta il suo nuovo singolo 'Terra mia' un inno al suo amato Salento. Costumista, attrice, poetessa e cantante, le sue emozioni e le sue esperienze, le comunica attraverso l'arte e la musica. L'abbiamo incontrata per farci raccontare la sua vita.

Quando si è appassionata all'arte? 
Sin da da fanciulla con la scuola. Trascorrevo il mio tempo con le suore tra canti balli e giochi e preparavamo degli spettacoli per ogni ricorrente festività. Anche a casa, insieme alle mie sorelle,
si allestiva un palco provvisorio con le tavole da forno, interpretando qualche storiella inventata. Ci inventavamo sempre qualcosa. 

Terra mia è dedicata alla sua terra? 
Sì, al mio amato Salento che mi manca tanto. E' un brano ricco di sfaccettature; racconto la mia infanzia, l'adolescenza e i primi amori. 

Cosa vuole trasmettere con la sua arte? 
Vorrei trasmettere l'amore che ogni fatidico giorno la vita ci regala dalle poetiche sensazioni con l'ago ricamare profonde cicatrici,,la penna disegnare sempre un raggiante sole dietro altissime pendici..

Le piacerebbe presentare una sua opera all'estero? 
Perchè no. Vorrei essere all'altezza di trasmettere al mondo intero, quello che si prova ad essere protagonisti nel suscitare, attraverso un'opera, le proprie emozioni. 

http://www.valeriaviva.it/ 

Canale Youtube:
https://www.youtube.com/channel/UCV6mLyKqEX858iixMqOXeLw

Firenze: a Palazzo Strozzi la mostra "The Cleaner" di Marina Abramovic

"La mostra di Palazzo Strozzi copre 50 anni del mio lavoro, un lungo periodo e 12 di questi anni li ho passati con Ulay con il quale ho condiviso una storia d’amore e l’attività di lavoro che si è conclusa sulla Muraglia Cinese con un video divenuto virale" ha dichiarato l’artista serba, naturalizzata statunitense, Marina Abramovic, durante la presentazione della mostra ‘The Cleaner’, allestita dal 21 settembre al 20 gennaio 2019 a Palazzo Strozzi a Firenze.

"E’ meraviglioso essere in Italia. L’Italia è sempre stata estremamente importante per me fin da bambina quando prendevamo il treno per andare a Trieste a comprare i jeans. Allora da noi avevamo il comunismo, non avevamo soldi ed eravamo felici di venire in Italia. Non possiamo chiudere gli occhi davanti alla tecnologia. Fa ormai fa parte della nostra vita e non c’è niente di male in questo, quello che non va è il modo in cui la utilizziamo. Dobbiamo cercare di capire come usarla, usarla al meglio, senza che sia la tecnologia ad utilizzare noi. Una cosa che voglio chiarire è che per me Instagram non è arte. La mia prossima performance la farò nel 2020 alla ‘Royal Academy’ e non mi sento di dire niente al riguardo perché non voglio che porti sfortuna".

Infine, il direttore generale della Fondazione ‘Palazzo Strozzi’, Arturo Galansino, ha annunciato che Marina Abramovic è la prima artista donna a cui è stata dedicata una mostra nella storia di Palazzo Strozzi a Firenze. La mostra ‘The Cleaner’ riunisce cento opere dell’artista serba, offrendo una panoramica sui lavori piu’ famosi della sua carriera dagli anni Sessanta agli anni Duemila, attraverso video, fotografie, dipinti, oggetti, installazioni e la riesecuzione dal vivo di sue celebre performance.

Arte, Antonio Meneghetti per Albed

ROMA - Immensa la produzione artistica e culturale di Antonio Meneghetti, a cui è stata dedicata una retrospettiva, lo scorso maggio al Vittoriano di Roma, occasione in cui è stato possibile ammirare la sua intelligenza creativa e il suo eclettismo. Un Maestro che ha imparato fin da adolescente, a lavorare legno, ceramica e ferro, divenuto artista a tutto tondo, nel corso di una vita ricca di viaggi, studi, riflessioni e sfide. Le opere spaziano dalla pittura su tela alla scultura, dalla musica alla progettazione d’interni.

Questa iniziativa con Albed, curata da Ermanno Tedeschi, punta a valorizzare il suo rapporto con il design: “Antonio Meneghetti è stato un artista con un talento particolare e una sensibilità unica, raffinato osservatore del mondo e capace di imprimere la sua profonda gioia di vivere nei suoi dipinti, nei suoi cristalli, nelle sue sculture. Albed è un’azienda che realizza la sua produzione di porte, mobili, tavoli, elementi d’arredo con una contemporanea bellezza e grande ricercatezza estetica. Per questo ho pensato di farli dialogare artisticamente con questo progetto.

”Negli spazi Albed in via San Damiano 5, a Milano, dall’11 al 25 novembre è possibile visitare un’esposizione con una selezione di opere provenienti dalla Fondazione di Ricerca Scientifica e Umanistica Antonio Meneghetti. Si tratta di una mostra con 4 elementi d’arredo che interpretano le opere del Maestro: “Ci ha colpito l’attualità nell’uso del colore e la linearità dei tratti delle sue opere, che perfettamente si sposano con il rigore e la razionalità della produzione Albed – sottolinea il CEO Andrea Delmonte – Ci accomuna a Meneghetti, la cura per il dettaglio, la ricerca della qualità e dell’originalità. I prodotti che presentiamo in questa occasione usano le grandi specchiature delle porte o dei tavoli per farli diventare quadri che donano calore e carattere agli ambienti in cui vengono posizionati. Sono interpretazioni eleganti, perfettamente integrabili nei vari stili di arredamento, dal classico al contemporaneo e al design”.

Un’immersione sensoriale tra le trenta tele, sculture e abiti di Antonio Meneghetti esposti nelle flagship store ALBED. Il visitatore potrà osservare, ma anche, aprire e passare attraverso, le porte, vivere gli spazi e immaginare queste soluzioni ambientate nella propria casa. Un’esperienza oltre la visita. Pamela Bernabei, collaboratrice del Maestro e Presidente della Fondazione, osserva: “Non sempre il lavoro di un’artista è rispettato nella sua pienezza e identità unica quando ci si confronta con un progetto come questo. Albed ha un prodotto di altissimo livello, mobili ed elementi d’arredo puri, con linee pulite. Un design che mi ha colpito molto. Sono sicura, avendo conosciuto e lavorato per molti anni a fianco di Meneghetti, che lo avrebbe apprezzato e avrebbe visto nelle porte e nelle superfici, tele a cui dare vita con la sua creatività gioiosa. Ha sempre lavorato molto come interior design. Le proporzioni dei mobili e le linee pittoriche s’incontrano, in questo caso, con sintonia. Sono stata molto sorpresa quando Albed ha scelto opere e quadri, anche molto particolari, per questo lavoro insieme, perché erano tra le più care a Meneghetti. È una sintonia rara”.

Un evento che avvicina l’arte contemporanea al design e suggerisce nuove vite e nuove destinazioni per l’opera del grande artista. Per informazioni e visite milano@albed.it - telefono 02 7634 0610

Lunedì 2 settembre a Brindisi Raffaele Casarano special trio in concerto sulla Scalinata Virgiliana

BRINDISI. Continuano gli eventi musicali dell'estate 2013 nella città di Brindisi: lunedì 2 settembre, a partire dalle ore 21:30 presso la splendida location della scalinata di Virgilio, si terrà l'evento 'Tra-dizioni' – Raffaele Casarano special jazz trio, organizzato con la sponsorizzazione del Rotary Club Brindisi Appia Antica.
L'artista salentino, accompagnato da William Greco e Alessia Tondo, presenterà il suo nuovo progetto incentrato sulla ricerca dei canti di tradizione, quindi, i canti d’amore. “Il Jazz e la musica tradizionale salentina, essendo due culture popolari, si incontrano in un esperimento che va oltre i canoni della struttura per dar vita ad un nuovo viaggio musicale, nonostante le due culture, apparentemente lontane, ma molto vicine" ha dichiarato Raffaele Casarano "Un viaggio dunque tra il jazz e le canzoni popolari del Salento, attraverso una voce, un pianoforte e un sax, verso suoni e colori nuovi”.
Raffaele Casarano, oltre ad essere il direttore artistico e l'ideatore del “Locomotive Jazz Festival”, vanta numerose collaborazioni con artisti del calibro de: i Negramaro, gli Après La Classe e Sud Sound System.

Daniele Martini

Parte Sanremo, ma il Crozza-show è un flop

SANREMO. Sono oltre 14 milioni di spettatori (14 milioni 196 mila) pari al 47.61% di share che hanno seguito ieri la prima parte dell'esordio del festival di Fabio Fazio, che ha ospitato tra l'altro l'intervento di Maurizio Crozza. La seconda parte ha avuto 8 milioni 146 mila con il 53.54%. La media ponderata è pari a 12 milioni 969 mila con il 48.28%.

La comica torinese Luciana Littizzetto ha aperto le danze della kermesse arrivando all'Ariston in carrozza. ''Come cocchiere ho un esodato della Fornero'' ha detto la Littizzetto che, una volta entrata in teatro, salendo sul palco ha detto: ''faccio come Monti, salgo sul palco non scendo''. La Littizzetto ha letto una lettera a San Remo scherzando sul tema della par condicio.

''Dopo quello che e' successo, con le elezioni, le dimissioni in Vaticano, qui manca solo che piovono rane e sbarcano gli alieni ad Arma di Taggia e stiamo a posto''.
Non si può definire un successo la performance tanto attesa di Crozza. Fischi e contestazioni per lo showman all'Ariston: ''No politica a Sanremo'', e' l'urlo che si leva dalla sala. L'ospite piu' atteso della prima serata, era entrato in scena nei panni di Berlusconi e canta 'Formidable', ''scritta da Bonaiuti, Verdini, Cosentino e Aznavour'' come annuncia Fabio Fazio. ''Ma che figata'', ripete. Poi una voce si alza dal pubblico, ''Vai a casa''.

Alla fine dello sketch lo spettatore viene fatto allontanare.