Toninelli, "'matrimonio' con Lega ma non con Berlusconi"

ROMA - "Fosse per M5s questo 'matrimonio', cioè patto di governo, con la Lega sarebbe gia' fatto ma senza Silvio Berlusconi". A sottolinearlo a Rtl 102.5 il capogruppo 5 stelle al Senato, Danilo Toninelli, rispondendo alla domanda se il matrimonio M5s-Lega s'ha da fare.

"Purtroppo Salvini continua a restare con quel centrodestra che e' un'ammucchiata. Noi non staremo mai con Berlusconi. Domani Salvini dovrà decidere se restare aggrappato alla restaurazione o no" ha concluso.

di NICOLA ZUCCARO - All'ultimatum "Salvini decida entro una settimana", proveniente da Luigi Di Maio, la replica del leader della Lega con un "fai un passo di lato come me" documenta l'inizio in salita per Elisabetta Casellati del mandato esplorativo affidatogli nella mattinata di mercoledì 18 aprile 2018 dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

E, in vista di un secondo incontro previsto per giovedì 19 aprile, a prendere le distanze è Forza Italia che per voce di Silvio Berlusconi nell'affermare che non sono mai stati messi dei veti da nessuno, conferma lo stallo emerso dopo il secondo giro delle consultazioni al Quirinale dello scorso 13 aprile. Un buon motivo per consentire al Capo dello Stato di proporre un "suo Esecutivo".

(twitter)
Un Governo a breve termine che consenta oltre al ritocco della legge elettorale, con l'introduzione del premio di maggioranza, la piena operatività per i prossimi impegni economico-finanziari (varo del Dpef) e per i prossimi appuntamenti internazionali (Consiglio d'Europa del 28-29 giugno), per poi consentire un ritorno alle urne fra ottobre-novembre 2018 (prima, l'8 e il 9 luglio, il Parlamento dovrà eleggere in seduta comune gli 8 componenti laici e di propria competenza del Consiglio Superiore della Magistratura) ed il febbraio 2019.

0 commenti:

Posta un commento