Visualizzazione post con etichetta Palermo. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Palermo. Mostra tutti i post

Lite condominiale sfocia in una strage. Arrestato un 60 enne per l'omicidio del proprio vicino


Quella che sembrava poter essere soltanto l'ennesima lite condominiale, è sfociata invece in una tragedia. Un uomo di 43 anni, Cosimo D'Aleo, è stato ferito a morte da un 60 enne, con dei colpi di pistola, nella borgata marinara di Sferracavallo, a Palermo. I due uomini, entrambi inquilini dello stesso palazzo, erano ai ferri corti, e litigavano da mesi per diverse questioni di vicinato. Martedì sera dopo l'ennesima discussione, questa volta causata dal fumo del barbecue di D'Aleo, si è trasformata in una strage. L'assassino è stato rintracciato e arrestato. Interrogato, ha confessato di essere l'autore del delitto.

Palermo: staccata la testa del busto di Falcone

PALERMO - Palermo sotto choc. E' stata danneggiata la statua di Giovanni Falcone che si trova davanti alla scuola Falcone-Borsellino nel capoluogo siciliano. Alla statua è stata staccata la testa e un pezzo del busto usati poi come ariete contro il muro dell'istituto scolastico. Aperta un'indagine sulla vicenda.

"Oltraggiare la memoria di Falcone è una misera esibizione di vigliaccheria": scrive su twitter il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni.

Clochard bruciato vivo, l'assassino ha confessato


PALERMO - La città di Palermo si costituirà parte civile nel processo contro l’assassino di Marcello Cimino, il senzatetto di 45 anni, arso vivo la notte scorsa in un centro di accoglienza di Palermo. Lo ha annunciato, dai microfoni di Skytg24, il sindaco del capoluogo siciliano, Leoluca Orlando che ha anche riferito che domani la città si fermerà per un sit-in e una fiaccolata per “condannare la barbarie” che si è perpetrata in città.

Le serrate indagini della Questura di Palermo hanno portato, infatti, al fermo di un uomo che avrebbe confessato l’omicidio, per motivi di gelosia, dopo che le immagini di una telecamera lo avevano ripreso negli ultimi drammatici, atti di vita di Cimino.

IL DRAMMA - Un clochard di 45 anni è stato bruciato vivo nel capoluogo siciliano. Ad intervenire all'interno di una struttura di accoglienza i vigili del fuoco, nel cui porticato l'uomo trascorreva la notte, dove era stato segnalato un incendio, trovando il corpo carbonizzato del senzatetto. La polizia, coordinata dal Pm che ha disposto l'autopsia, ipotizza al momento l'omicidio.
L'uomo sospettato di essere l'assassino del clochard arso vivo all'interno di una Missione dei Cappuccini, è stato fermato dalla polizia ed ha confessato l'assassinio.

Palermo, clochard bruciato vivo


PALERMO - Dramma a Palermo. Un clochard di 45 anni è stato bruciato vivo nel capoluogo siciliano. Ad intervenire all'interno di una struttura di accoglienza i vigili del fuoco, nel cui porticato l'uomo trascorreva la notte, dove era stato segnalato un incendio, trovando il corpo carbonizzato del senzatetto. La polizia, coordinata dal Pm che ha disposto l'autopsia, ipotizza al momento l'omicidio.

Gli investigatori stanno interrogando anche alcune persone con le quali ieri pomeriggio il clochard avrebbe avuto un diverbio.

Intesa Flixbus-GNV, Lecce-Palermo in autobus + nave con un solo biglietto


MILANO – Da oggi è possibile raggiungere Palermo da Lecce con una nuova soluzione autobus + nave: grazie al sodalizio tra FlixBus e GNV, le due città saranno collegate anche durante la bassa stagione, con un unico biglietto integrato valido per la tratta in autobus Lecce-Napoli e quella in traghetto Napoli-Palermo.

L’intermodalità continua a essere il motore che anima la collaborazione tra la start-up degli autobus divenuta primo operatore in Europa e la compagnia di navigazione, che offriranno così un’opzione di viaggio pratica ed economica a quanti si spostano fra il Salento e la Sicilia anche prima dell’estate.

Il collegamento autobus + nave da Lecce a Palermo sarà disponibile tutti i giorni della settimana: gli autobus FlixBus partiranno da Piazzale Carmelo Bene e collegheranno senza cambi il capoluogo salentino con il Metropark di Napoli, presso la Stazione Centrale; i passeggeri dovranno quindi raggiungere il Molo Immacolatella Vecchia, da cui si imbarcheranno alla volta di Palermo. Anche da Palermo, i passeggeri potranno fare ritorno a Lecce tutti i giorni: il traghetto salperà dal porto del capoluogo siciliano e approderà a Napoli, da cui i passeggeri dovranno raggiungere nuovamente il Metropark per prendere il FlixBus diretto a Lecce.

I passeggeri potranno acquistare il biglietto integrato bus + nave sul sito www.flixbus.it, via app o nelle agenzie di viaggio affiliate.

Palermo, dramma sfiorato nel porto, un incendio devasta il traghetto Snav Toscana


Dramma sfiorato nel porto di Palermo, dove si è sviluppato uno spaventoso incendio nella sala macchine del traghetto Snav Toscana, che è in servizio tra Napoli e Palermo, quando il traghetto si trovava a un miglio dal porto. Diverse squadre dei vigili del fuoco, gli uomini della Capitaneria di Porto, i carabinieri e la polizia impegnate nelle operazioni di spegnimento, con le fiamme, fortunatamente sotto controllo. A bordo presenti 113 passeggeri e 75 componenti dell'equipaggio, tutti salvi e illesi.

Un incendio è divampato , nel porto di Palermo. Sul posto numerose squadre dei vigili del fuoco. Nelle operazioni di spegnimento impegnati anche. Il rogo - rende noto la compagnia - è sotto controllo. I 113 passeggeri e i 75 membri dell'equipaggio presenti a bordo sono tutti in salvo e incolumi.

Palermo è la Capitale della cultura 2018. Il sindaco Orlando: "Hanno vinto tutti"

(Foto WIKIPEDIA)

di LOREDANA CAVALLO - Palermo è la Capitale italiana della cultura per il 2018: è stato annunciato dal ministro per i Beni culturali Dario Franceschini, che ha fatto presente il trionfo assoluto su altre città finaliste, cioè Alghero, Aquileia, Comacchio, Ercolano, Montebelluna, Recanati, Settimo torinese, Trento e l’Unione comuni elimo-ericini. Palermo riceverà, oltre il titolo, un milione di euro e l’esclusione dal patto di stabilità delle spese per realizzare i progetti.

La motivazione della giuria si basa su una candidatura sostenuta da un progetto originale, di elevato valore culturale, di grande umanità, fortemente e generosamente orientato alla creazione di capacità e di cittadinanza, senza escludere la valorizzazione del patrimonio artistico. Inoltre, sono previsti interventi infrastrutturali che lasceranno un segno duraturo.

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, è visibilmente soddisfatto della vittoria della sua città, sottolineando umilmente che hanno vinto tutti comunque in quanto sono stati capaci di raccontare le bellezze dei loro territori. Ha affermato che il fattore culturale su cui puntano maggiormente è quello dell’accoglienza, rivendicando il diritto di ogni essere umano di essere e restare diverso ed essere e restare uguale.

Quando qualcuno gli chiede quanti siano i migranti a Palermo, lui risponde: “Nessuno. Chi risiede a Palermo diventa palermitano, il migrante che arriva qui è un ex migrante”. E continua con sicurezza: “La mobilità umana è un diritto inviolabile. Noi siamo per abolire il permesso di soggiorno, la nuova schiavitù dei nostri giorni”.

Orlando ha specificato le iniziative che intende intraprendere e che sono inserite nel dossier della candidatura risultato vincente. “Sono previsti due tipi di investimento: specifici di circa 6 milioni e mezzo di euro, più altri 70 che comunque avremmo speso, e serviranno per tanti progetti, quali il Festival delle letterature migranti, il coro arcobaleno, la Biennale di arte sacra e quella dell’Arcipelago Mediterraneo. Da non dimenticare Manifesta, la più grande biennale di arte itinerante che con orgoglio nel 2018 si svolgerà a Palermo”.

Il ministro per la Coesione territoriale, Claudio De Vincenti, esprime la sua positività sulla vittoria del capoluogo siciliano affermando che è un riconoscimento meritato e che rappresenta un incentivo per tutto il Mezzogiorno a migliorare dal punto di vista economico anche grazie alla cultura.

Palermo, arrestato Massimo Ciancimino figlio dell'ex sindaco, revocato anche l'indulto


di LOREDANA CAVALLO - Massimo Ciancimino, figlio dell’ex sindaco Vito, e superteste al processo sulla trattativa Stato-mafia, è stato arrestato dalla squadra mobile di Palermo, su ordine della Procura.
Ciancimino, condannato a 3 anni per detenzione di esplosivo, ha avuto anche la revoca dell’indulto che gli fu concesso in precedenza dopo una condanna a 2 anni e 8 mesi per riciclaggio: dunque ora gli toccherà scontare entrambe le pene.

Condannato pure il suo amico Giuseppe Avara, che dovrà scontare due anni. Lo stesso Massimo Ciancimino aveva confessato la detenzione di dinamite dopo il suo arresto per calunnia, nel marzo 2011: teneva nel giardino di casa una trentina di candelotti di esplosivo altamente pericolosi. La vicenda sorse dopo l’arresto del supertestimone che, manomettendo i documenti del padre, fu arrestato per aver coinvolto l’ex capo della polizia Gianni De Gennaro nell’inchiesta sulla trattativa.

Quando i candelotti furono trovati sottoterra nel giardino, sostenne che uno sconosciuto glieli aveva dati per indurlo a interrompere la sua collaborazione con la magistratura. Ma le videocamere installate a sua insaputa dagli inquirenti, non avendo filmato alcuna consegna di esplosivo, lo smentirono. Quindi si scoprì che lo stesso Ciancimino aveva portato il tritolo da Bologna in auto. Il testimone a quel punto si difese affermando che la consegna era avvenuta nel capoluogo emiliano. E’ emerso dall’indagine che parte dell’esplosivo Ciancimino lo diede a un amico, Giuseppe Avara, affinché se ne disfacesse. Questi ha raccontato di averne buttata una parte in un cassonetto; però il tritolo non è mai stato ritrovato, nonostante le ricerche svolte nelle discariche della città.

Palermo, esonda un torrente e travolge una macchina, muore un pensionato


PALERMO - Non è riuscito a salvarsi il pensionato di 67 anni, di Campofranco (Cl), morto nella giornata di ieri, travolto dall'esondazione del torrente Morello nella zona di Castronovo di Sicilia. L'uomo è stato ritrovato nelle ore successive alla tragedia avvenuta sulla Ss189 Palermo Agrigento, quando un'ondata di acqua e fango ha travolto l'Audi Q5 del pensionato, che viaggiava insieme ad altre tre persone, che, fortunatamente, sono riuscite a scappare. L'uomo è stato invece portato con se dall'ondata e ritrovato ore dopo sommerso dall'acqua e dal fango.
Intervenuti sul luogo dell'accaduto, i carabinieri, i vigili del fuoco, i sanitari del 118 e gli uomini della Polstrada che hanno contribuito alle ricerche della vittima. Il medico legale dopo aver eseguito l'ispezione sul corpo dell'uomo, ha confermato che è morto per annegamento.

Palermo, via Gattuso, al suo posto ecco Iachini

Nuova sconfitta per il Palermo, che perde per 2-1 contro il Bari, ed esonero quasi certo per Gennaro Gattuso, che verrà sostituito da Giuseppe Iachini, il quale firmerà un contratto biennale con la sua nuova società. L'allenatore ex Siena avrà il compito di riportare gioco e risultati ad una squadra importante come quella rosanero. Ieri sera Zamparini aveva detto all'Ansa: "Non ho ancora licenziato Gattuso. Voglio dormirci su una notte", ma l'arrivo di Iachini alla guida del Palermo è oramai certo.

Colpo Arsenal, vicinissimo Viviano

Emiliano Viviano vicinissimo all'Arsenal. Con un colpo a sorpresa il club londinese sta per rilevare dal Palermo il portiere scuola Inter che questo pomeriggio a Londra sosterrà le visite mediche per poi firmare il contratto.