Gentiloni: "Caso Diciotti: intorno all’autorizzazione c’è un balletto preoccupante"

"Intorno all’autorizzazione c’è un balletto preoccupante" ha dichiarato l'ex premier, Paolo Gentiloni, in un'intervista a Repubblica "Il ministro dell’Interno che prima mostra spavaldo l’avviso di garanzia in diretta Facebook e poi minaccia l’alleato di governo, il quale affida la sua scelta alla piattaforma della Casaleggio e associati. Poi c’è la legge. Se è stata violata qualcuno ne deve rispondere. Nessun uomo di governo ne è al di sopra, nemmeno Salvini. La mia è un’opinione politica: non mi pare ci fossero minacce alla sicurezza nazionale tali da giustificare chiusure di porti, che comunque non competono al Viminale. Se c’è stato sequestro di persone o abuso di potere dovrebbe accertarlo la magistratura. Sarà la giunta e poi l’aula del Senato a decidere come è noto non se Salvini sia colpevole o innocente, ma se la magistratura può procedere. In tutto questo balletto inquietante penso ai tanti elettori che hanno votato 5 Stelle non certo per sottrarre Salvini all’accertamento della verità. Vedo che i 5 Stelle sono destinati a implodere. Non so quando succederà, ma succederà. Per questo il centrosinistra, sebbene ammaccato, deve cogliere questa novità e può tornare competitivo".

0 commenti:

Posta un commento