Incubo in crociera: epidemia di gastroenterite colpisce 475 passeggeri


ROMA - Rientro anticipato per una crociera del terzo più grande transatlantico al mondo. In discussione, non un problema tecnico, ma un'epidemia di gastroenterite che ha colpito 475 passeggeri. Eppure tutto sembrava perfetto. Dal porto di Orlando, in Florida, domenica 6 gennaio, i passeggeri hanno trascorso un'idilliaca settimana in piscine, immersioni, casinò, golf ed escursioni mozzafiato. Solo qui, un passeggero, Cody Haddap, ha detto all'emittente WESH di essersi sentito male dopo la partenza da Haiti martedì scorso.

Dopo tre giorni di navigazione, oltre cento passeggeri e un membro dell'equipaggio hanno sentito i primi sintomi della malattia gastrointestinale non meglio specificata. Ma la compagnia Royal Caribbean ha deciso di continuare la traversata verso l'isola di Cozumel. Solo il giorno dopo, 250 passeggeri hanno presentato tutti i segni della gastroenterite. Chiusi nella loro cabina, non potevano ammirare la biosfera di Cozumel mentre l'escursione veniva cancellata. Da Cuba , potevano vedere dai loro oblò le coste lontane. Di fronte a questa epidemia che ha colpito circa 500 persone, l'azienda ha finalmente deciso di ridurre la crociera di un giorno.

Così, i passeggeri sono tornati sulla terraferma questo sabato 12 gennaio. Mentre la nave può ospitare circa 6.000 passeggeri, i membri dell'equipaggio sono impegnati a disinfettare aree di contaminazione come le maniglie delle porte o le ringhiere. La Royal Caribbean ha fatto sapere che rimborserà il costo della crociera a tutti i passeggeri. Questa non è la prima crociera a sperimentare una tale epidemia, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”. Nel 2012, 400 viaggiatori sono stati colpiti da una malattia gastrointestinale durante una crociera nei Caraibi.

0 commenti:

Posta un commento