Brexit: frontiere chiuse per gli europei in cerca di lavoro

di MARIAGRAZIA DI RAIMONDO - La politica della premier britannica Theresa May risulta essere sempre più ambigua. Da una parte presenta una "Soft Brexit" all'Ue, con una continuità di unione doganale e sistemi di mobilità per l'immigrazione, dall'altra un programma di uscita più duro, rivolto al proprio partito. Chi vincerà la partita della Brexit, non è ancora dato saperlo, però, la stretta sui cittadini europei è certa.

La May attraverso Facebook ha dichiarato: "Non accadrà più che la gente senza permesso arrivi qui da tutta Europa con la remota speranza di poter trovare un lavoro, per la prima volta da decenni, avremo il pieno controllo delle nostre frontiere".

Aggiungendo quindi che saranno invece sempre ben accolti professionisti come medici, infermieri, ingegneri ed imprenditori, capaci di dare un contributo all'economia del Paese.

0 commenti:

Posta un commento