Latiano: martedì 5 dicembre presentazione del libro 'Un granello di colpa' di Antonella Caprio e Daniela Ciriello

LATIANO (BR). Proseguono gli eventi nella città di Latiano: martedì 5 dicembre 2017 alle ore 18 presso la Saletta Imperiali è in programma la presentazione del libro "Un granello di Colpa" (Radici Future Edizioni) di Antonella Caprio e Daniela Ciriello. L’evento, promosso dall’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Latiano, sarà condotto dalla giornalista Annamaria Mimunno.

"Un Granello Di Colpa" è un libro tutto al femminile, voluto e realizzato da donne. Un lavoro di denuncia. Due forme (Il racconto e la fotografia) per narrare la donna soggiogata, ovvero la donna ammaliata, usata, abusata e poi gettata, ma soprattutto un testo – invito alla donna a prendere coscienza delle proprie possibilità. E all’uomo, affinché comprenda che l’amore è condivisione e non possesso. Il lavoro offre sfere di riflessione sull’universo femminile per un contributo a non essere succubi di illusioni e false attese.

Per quel che riguarda Antonella Caprio, è nata a Torino, dove vive e lavora come insegnante. Per il cinema ha scritto con Donatella Sasso la sceneggiatura del cortometraggio L’Ora di lezione, liberamente tratto dal libro omonimo di Massimo Recalcati. Per il teatro ha scritto: Al fondo di un bicchiere (tributo a Fred Buscaglione); Questa storia sbagliata (testo sul femminicidio) insignito di Medaglia d’Argento al Merito Civile; Io, tu, lui, l’altra. E’ coautrice dell’antologia Inchiostro di Puglia (Caracò). Ha scritto alcuni articoli giornalistici per la rivista Monopolipress. Insieme al fratello Franco ha scritto i romanzi: Il segreto del gelso bianco (Besa Editore), vincitore dei premi Via Po, Libriamola, nonché dell’Oscar Puglialibre quale miglior romanzo edito nel 2010; Non c’è cuore- cinico ritratto di scuola (Betelgeuse Editori) vincitore dei premi Scriviamo insieme, Montefiore e Giovane Holden , il libro, inoltre, è stato oggetto di studio in alcune Università italiane e sono state scritte ad oggi n.3 tesi di laurea sul testo; Nel silenzio parlami ancora (Besa Editore).

Daniela Ciriello, invece, è nata a Bari. Ha frequentato la scuola di Fotografia e Cinematografia F. Project del capoluogo pugliese. Attraverso i suoi servizi fotografici cerca di valorizzare e promuovere i talenti, gli eventi e le risorse dell’ambiente. Con i Reportage sulla realtà del territorio cerca sempre di evidenziare e sensibilizzare la comunità tutta a un approccio costruttivo verso il disagio sociale. Molti suoi scatti sono presenti su riviste e libri. Nel 2013 ha ricevuto un riconoscimento per l’esposizione dal titolo: “Il sud nella Realtà delle Tonalità emotive”. Il progetto fotografico: “Simpaticamente Autistico” è stato molto apprezzato per la sua chiave di lettura positiva sulla Sindrome Autistica. Il suo lavoro Donna in oggetto esposto per la prima volta a Bologna (Marzo 2015) è un racconto di immagini dense sulla violenza psicologica che la Donna subisce e nasconde in gabbie di silenzio. Nel 2016 per la Falvision editore è stato pubblicato il progetto fotografico: “Tasselli in macchia arsa e sfumature di contrasto”, ovvero un racconto per immagini sulla natura poetica e selvaggia della Puglia con le sue contraddizioni. Ad Aprile 2016 a Parma ha inaugurato la mostra: “Gli Studenti dell’Università di Parma” , progetto realizzato in cooperazione con Chiara Samugheo. In Ottobre ha esposto a Krasnodar, nell’ambito del Festival internazionale Photovisa, quale ambasciatrice della fotografia italiana in Russia. La partecipazione all’incontro è libera e gratuita.

0 commenti:

Posta un commento