Usa: bando antimusulmani solo per chi non ha legami, riforma sanitaria a discapito del ceto basso e disabili


di MARIAGRAZIA DI RAIMONDO - In America è tornato a far discutere il bando anti-musulmani di Trump. I giudici della Corte Suprema statunitense, hanno deciso che per adesso il provvedimento verrà applicato solo a chi non ha legami con persone o entità negli Usa. Ad Ottobre verrà riesaminato, ascoltando le parti. Uno dei giudici dell'Alta Corte, Neil Gorsuch nominato da Trump, avrebbe preferito un ripristino totale del bando, applicandolo a tutti.

Immediata è stata la reazione del "#NoMuslimBanEven", l'associazione per le liberta civili americane, che hanno commentato negativamente la decisione dei giudici, urlando "ci vediamo in tribunale". Un'altra critica è stata mossa per la riforma sanitaria, voluta dai repubblicani, che, se votata al Senato, lascerà circa 22 milioni di persone senza assicurazione sanitaria, un risultato opposto all'Obamacare. Con questa manovra gli Stati Uniti, ridurranno il deficit a 321 miliardi di dollari e il risparmio maggiore arriverà dai tagli alle spese per i redditi bassi e disabili.

Lorenzin annuncia: da luglio defibrillatori in tutti gli impianti sportivi


di ANTONIO GAZZILLO - Da luglio sarà necessaria la presenza di defibrillatori in tutti gli impianti sportivi, anche in quelli dilettantistici. Ad annunciarlo è stata il ministro della salute Beatrice Lorenzin con un tweet dopo aver firmato un accordo con il titolare dello sport Luca Lotti.

Le norme prevedono l’impossibilità di svolgere attività sportive in caso di assenza di defibrillatori e inoltre nelle società sportive dilettantistiche sarà fondamentale la presenza di una persona formata all’utilizzo del macchinario.

Sono escluse da questo obbligo le attività sportive a ridotto impegno cardiocircolatorio come tiro, vela, golf e bowling.

“ Un modo di rendere più sicuri e tutelati i tanti momenti di agonismo ed esercizio fisico che si praticano ogni giorno nel nostro ricchissimo mondo dello sport non professionistico, troppo spesso funestato da tragedie evitabili” ha così commentato il ministro dello sport Luca Lotti attraverso un post su Facebook.

Londra, un giovane ragazzo italiano è stato accoltellato a morte


LONDRA - Un giovane ragazzo ventiquattrenne sardo, Pietro Sanna, ha trovato la morte a Londra dopo essere stato accoltellato. Scotland Yard spiega come ancora non si sa molto sulla causa e sulle circostanze del grave atto. Si presume possa esserci stata una rapina o un furto nell'appartamento in cui il ragazzo abitava. Egli potrebbe aver scoperto di avere i ladri in casa ed essere quindi stato aggredito. Sanna, la cui famiglia é nota per le attività imprenditoriali nell'ambito del turismo, viveva a Londra da un paio d'anni assieme a un fratello, per provare un'esperienza di vita e di lavoro

Il Consolato Generale d'Italia a Londra, in stretta collaborazione con la Farnesina, è in stretto contatto con i familiari del giovane, per garantire loro ogni assistenza necessaria. Inoltre c'è piena sinergia con le autorità britanniche che stanno indagando sulla dinamica dell'accaduto.

Torture a migranti: arrestato somalo a Lampedusa


LAMPEDUSA - Gli agenti della polizia di stato hanno eseguito un fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura della Repubblica – D.D.A. di Palermo, a carico di un cittadino somalo, nato nel 1994, individuato presso l´hotspot di Lampedusa. L´uomo è sospettato di far parte di un´associazione per delinquere, armata, di carattere transnazionale, dedita a commettere reati contro la persona – ed in particolare – tratta di persone, sequestro di persona, violenza sessuale, omicidio aggravato e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

In particolare l'uomo è stato riconosciuto come uno dei responsabili di torture e sevizie perpetrati in Libia in una struttura sita nei pressi della zona agricola denominata Hudeyfà, in territorio di Cufrà, dove i migranti venivano privati della libertà personale prima di intraprendere la traversata in mare per le coste italiane.

"Al mio arrivo Mohamed il somalo era già nella struttura. Lui picchiava i migranti. Si divertiva ad umiliarci e a farci pesare la sua supremazia. Mi ricordo che una volta lo stesso libico, a cui la struttura appartiene, lo ha ripreso perché ci picchiava così forte da ridurci in fin di vita”. Così uno dei migranti vittima delle sevizie che il 23enne compiva con tubi di gomma e minacciandoli con armi da fuoco.

Le indagini sull'uomo, avviate fin dal 27 maggio u.s., giorno dello sbarco a Lampedusa, sono state condotte dalla Seconda Divisione del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, dalla Squadra Mobile di Palermo, diretta dal Dott. Rodolfo Ruperti e dalla Squadra Mobile di Agrigento, diretta dal Dott. Giovanni Minardi. L´arrestato, a Lampedusa, avrebbe minacciato le sue vittime, anche minorenni, al fine di convincerle a non denunciarlo alla Polizia Italiana. Il fermato è stato associato alla Casa Circondariale di Agrigento a disposizione della competente autorità giudiziaria.

Diele, "Distratto dal telefonino, pagherò le mie colpe"


SALERNO - L'attore Domenico Diele andrà agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico. E' questa la decisione del gip del Tribunale di Salerno a conclusione dell'udienza di convalida dell'arresto dell'artista, accusato di omicidio stradale aggravato per la morte di Ilaria Dilillo, sbalzata dal suo scooter dopo essere stata travolta dall'auto guidata dal 31 enne nella notte tra venerdì e sabato. A dare notizia della decisione del gip e' stata l'avvocato Viviana Straccia del foro di Roma. Diele sarà ai domiciliari nella sua casa di Roma.

"Sono colpevole", "urlerò la mia colpevolezza con tutte le forze. Non ho scuse, ho sbagliato e devo pagare. Devo pagare quello che decideranno i giudici e se servisse a qualcosa pagherei di tasca mia anche qualunque cosa alla famiglia. Però non sono un criminale. In televisione si parla di me come un assassino drogato: non è così", ha dichiarato Diele in un colloquio raccolto in cella nel carcere di Fuorni (Salerno) dal consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e riportato oggi dal Corriere della Sera.

Autorità turche contro Gay Pride, polizia spara proiettili di gomma sui manifestanti

(Foto L'ESPRESSO)

di MARIAGRAZIA DI RAIMONDO - Il Presidente turno Recep Tyyip Erdogan ha bloccato ieri il Gay Pride, previsto a Istanbul. La manifestazione in cui hanno partecipato migliaia di persone, tra cui rappresentanti di governi europei, si è trasformata in un incubo. La polizia turca si è presentata al Pride usando proiettili di gomma e idranti sulla folla.

Alcune persone sono state costrette a togliersi la maglietta, con su scritto "Pride", e molte altre anche arrestate. Erdogan ha giustificato tale presa di posizione, con la paura di attacchi terroristici, invitando gli organizzatori a non fare la manifestazione.

Il comitato promotore del Gay Pride ha negato d'aver ricevuto tale richiesta. Il consolato olandese, in segno di solidarietà alla comunità LGBT, ha esposto una bandiera arcobaleno sulla facciata dell'edificio.

Roma, dagli scavi emerge 'mini Pompei'


ROMA - Nella Capitale è stato svelato dai cantieri di scavo per la realizzazione della metro C un nuovo scenario 'pompeiano': due ambienti della media età imperiale che, a causa di un incendio contengono ancora conservate parti del solaio ligneo e del mobilio. Il materiale ritrovato "si conserva solo in eccezionali condizioni ambientali e climatiche - spiegano dalla soprintendenza speciale di Roma - oppure a seguito di eventi speciali come ad esempio accaduto a Ercolano e Pompei. La scoperta del solaio ligneo carbonizzato rappresenta un unicum per la città".

Dallo scavo è emerso anche lo scheletro di un cane, accucciato davanti una porta e "verosimilmente rimasto intrappolato nell'edificio al momento dell'incendio". Trovato anche un pregevole pavimento a mosaico bianco e nero. "Quello che avvicina questo ritrovamento a Pompei è che abbiamo testimonianza di un momento della storia - ha spiegato il sovrintendente Francesco Prosperetti -. L'incendio che ha fermato la vita in questo ambiente ci permette di immaginare la vita in un momento preciso".