Londra, dopo l’attentato al Manchester Arena 4 arresti. Il livello di allerta per i luoghi simbolo della Capitale tocca la soglia critica.

(Foto ANSA/AP)

di BEATRICE GALLUZZO - L’orrendo attentato del 23 maggio al Manchester Arena, alla fine di un concerto affollato di giovani e giovanissimi, ha fatto sprofondare tutto il Paese di Manchester in un baratro di cordoglio per le vittime, che secondo un bilancio provvisorio sono 24, e 120 i feriti, molti sotto i sedici anni. Ma ha anche ravvivato, più che mai, lo spettro del panico e del terrore. Scotland Yard ha infatti reso nota la decisione di mettere sotto protezione militare i siti strategici di Londra, tra i quali Downing Street, Westminster e Buckingham Palace.

La premier Theresa May dopo la riunione del Comitato d’emergenza, il Cobra, ha annunciato nella serata di ieri che il livello di allerta per possibili attentati terroristici nel Paese si alza da “grave” a “critico”, cioè che si ritiene ci sia la possibilità concreta di nuovi attacchi imminenti. Prima di oggi, solo due volte era stata raggiunta la soglia critica, prima nel 2006 quando fu scoperto, per fortuna in tempo, il piano per trasportare a bordo di aerei in rotte intercontinentali degli esplosivi liquidi; la seconda nel 2007 quando un uomo portò la sua jeep Cherokee, imbottita di bombole di gas propano, a schiantarsi contro un terminal dell’aeroporto di Glasgow, in Scozia.

L’attentato a Manchester, secondo il capo della polizia locale, porta la firma di un kamikaze ventiduenne di nome Salman Abedi, residente in città e ritornato solo da pochi giorni da un viaggio in Libia. Secondo il ministro degli Interni francese, inoltre, sono emersi degli elementi per cui sarebbe ragionevole supporre che l’uomo abbia anche passato del tempo in Siria e che abbia dei legami con l’Isis. Per ora, però, non sono stati rilasciati ulteriori dettagli.

Ci sono stati intanto altri tre arresti collegati all'attentato di Manchester. Sono quindi quattro in tutto le persone finite in manette , con il 23enne arrestato ieri che risulta essere Ismail Abedi, fratello di Salman Abedi, il terrorista esecutore dell'attentato.

E’morta Julia Viellehner, la triatleta tedesca travolta da un camion

(Foto LA STAMPA)

di ANTONIO GAZZILLO - La triatleta tedesca di 31 anni Julia Viellehner, vittima di un incidente stradale durante l’allenamento al Passo delle Forche avvenuto il 15 maggio scorso, è deceduta all’ospedale Bufalini di Cesena. La donna, che si trovava in Romagna per prepararsi alla nuova stagione e che il giorno prima dell’incidente aveva partecipato ad una gara di Triathlon a Cervia piazzandosi seconda, è stata agganciata da un camion che l’ha trascinata sull’asfalto mentre era in bici in compagnia del fidanzato e di un amico. E’stato inutile il tentativo dei medici di salvarla amputandole le gambe. I suoi organi sono stati donati come era già accaduto con quelli di Nicky Hayden, ricoverato nello stesso ospedale.

Trump, in visita al Vaticano insieme alla famiglia. Per lui colloquio privato con Papa Francesco

(Foto AP)

Donald Trump ha incontrato Papa Francesco in Vaticano, nella sala del Tronetto situata nell'appartamento papale. I due prima di iniziare il colloquio privato, a porte chiuse, nella Sala della Biblioteca dell'appartamento pontificio, si sono scambiati il saluto e Trump ha dichiarato di essere onorato di questo incontro. Il presidente statunitense è arrivato in visita, accompagnato da 12 persone tra queste, la moglie Melania, la figlia Ivanka, il genero Jared Kushner, il segretario di Stato Rex Tillerson, e l'interprete Alessandra Bonatti.

La first lady Melania si è presentata all’udienza vestita di nero, con veletta dello stesso colore, come vuole il protocollo vaticano, infatti, solo le regine cattoliche possono vestire in bianco, mentre tutte le altre ammesse all'incontro con il pontefice devono essere vestite in scuro e con il capo coperto.

Il colloquio privato fatto subito dopo ,è durato 30 minuti, tra i temi tratti probabilmente il Papa ha affrontato quello dei migranti, della pace, specie in Siria, forse anche in Venezuela e del clima, viste le minacce americane di disdire l'adesione all’accordo Cop21. Trump oltre al Pontefice, ha incontrato anche il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin e il monsignor Paul Richard Gallagher segretario per i Rapporti con gli Stati. Il tycoon e la moglie si sono poi separati, il presidente ha continuato la sua visita istituzionale, incontrando il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella al Quirinale e subito dopo il Premier Paolo Gentiloni. La moglie si è recata in visita, presso la Sala Regia, la Cappella Paolina, la Cappella Sistina, e la Basilica di San Pietro. Mentre Ivanka è andata a Trastevere, per visitare la Comunità di Sant'Egidio e i volontari attivi contro la tratta degli esseri umani.

Prodi, la Legge elettorale proporzionale che sceglieranno, devasta il Paese


"Sceglieranno una legge elettorale proporzionale che devasta il Paese, e solo dopo le elezioni vedremo come si saranno accordati. Purtroppo se continuiamo in questo modo garantiamo l'instabilità". Lo ha detto Romano Prodi intervistato da Floris a DiMartedì su La7.

Il Rosatellum è stato adottato come testo base della legge elettorale dalla commissione Affari costituzionali della Camera. In favore hanno votato il Pd, Lega, Ala-Sc, Svp e Des-Cd: quest'ultimo, pur contrario, ha votato a favore per mandare avanti l'iter parlamentare. Contro hanno votato M5s, Fi, Mdp, Si e Alternativa libera. Si sono invece astenuti Direzione Italia, Ci e Fdi.

CALCIO ESTERO. Agenti in casa di Pastore e Di Maria


di PIERO CHIMENTI - Gli agenti dell'Ufficio anti-frode di Parigi hanno 'fatto visita' a Pastore e Di Maria, per poi recarsi nella sede del Psg. L'inchiesta, nata a dicembre, ha lo scopo di far luce su eventuali irregolarità col fisco.

I due giocatori argentini, infatti, percepiscono parte dell'ingaggio degli sponsor da paradisi fiscali. La società capitolina, invece, è sospettata di aver partecipato nella presunta organizzazione.

Pubblica Amministrazione: Allarme sull’età media dei dipendenti pubblici


Queste le dichiarazioni di Antonio Foccillo, Segretario Confederale UIL sulla Pubblica Amministrazione: Il Forum PA ha ribadito l’allarme sull’età media dei dipendenti pubblici e il rischio che si profila di svuotamento della Pubblica Amministrazione nei prossimi anni, rilevando che “nel 2020 l’età media dei lavoratori pubblici sarà di 53,6 anni” e che “un terzo dei dipendenti avrà più di 60 anni e sarà in uscita dal mercato del lavoro”.

Un quadro che già da tempo, come Uil, abbiamo posto all’attenzione e che non è altro che il risultato delle politiche di blocco del turn over, operate ormai da fin troppi anni, e delle politiche previdenziali che hanno stabilito l’allungamento della carriera lavorativa sulla base del parametro dell’aspettativa di vita. Tutto ciò, ovviamente, non ha consentito un ricambio generazionale all’interno della Pubblica Amministrazione.

Per questi motivi, già nell'accordo del 30 novembre e, poi, con la nostra costante rivendicazione, siamo riusciti ad ottenere dal Governo due misure utili a tal fine: lo sblocco del turn over e la stabilizzazione dei precari. Misure previste dal decreto Madia appena approvato dal Consiglio dei Ministri.

Inoltre, un altro luogo comune è stato smentito. Dall’analisi del Forum PA, si evince che in Italia il rapporto tra cittadini e pubblici dipendenti è fra i più bassi in Europa.

Adesso bisogna rinnovare i contratti per mettere fine ad una situazione che è diventata insopportabile.

Addio a Roger Moore, fu terzo James Bond


GINEVRA - È deceduto in Svizzera a 89 anni l’attore Roger Moore. Moore era noto per essere stato il terzo interprete (dopo Sean Connery e George Lazenby) di James Bond.

L’annuncio via Twitter dalla sua famiglia. «È con il cuore pesante - rende noto il profilo Twitter dell’attore - che dobbiamo annunciare la morte del nostro amato padre, avvenuta oggi in Svizzera al termine di una breve ma coraggiosa battaglia contro il cancro. L’amore di cui è stato circondato negli ultimi suoi giorni di vita è stato così grande da non poter essere espresso con le sole parole». L’attore abitava in Svizzera da diversi anni.