Violenza sulle donne, Rodà: "Significativa parità nell'Esercito"

MILANO - “È bello vedere le donne tra le fila dell’esercito, perché finalmente oggi possono dimostrare di avere lo stesso potere e la stessa forza degli uomini. E questo, in una parola, significa parità”. Con queste parola la dottoressa Rossana Rodà Daloiso, presidente dell’Associazione per lo scambio economico Italo Eurasiatico Asigitalia e dell’Associazione Haziel international, ha partecipato alla consegna e ha essa stessa consegnato una borsa di studio alle giovani e più meritevoli leve dell’Accademia Militare Teulié di Milano. Prima accademia ad aver aperto le porte alle ragazze nel 2009, alla Teulié un allievo militare su tre è donna.

Quella di oggi, per i giovani iscritti all’Accademia, è stata dunque una giornata importante: lontani da casa, dalle loro famiglie, immersi in un ambiente fatto di studio e disciplina innanzitutto, i ragazzi più meritevoli hanno ricevuto dunque un riconoscono per il loro impegno e la loro determinazione nell’apprendimento e nella crescita, che li porterà a diventare cittadini esemplari. Onestà, lealtà, dignità e senso di giustizia sono infatti i valori che guidano l'attività formativa nelle scuole militari.

“Il nostro futuro sono i giovani” ha commentato commossa la dottoressa Rodà, “e sono particolarmente orgogliosa, da madre, moglie e donna che è riuscita, con grande sacrificio, a raggiungere certi traguardi, che tra queste nuove leve ci siano così tante donne meritevoli e pronte a battersi per garantire sicurezza, protezione ed etica nel nostro Paese. In un momento delicato come quello che stiamo vivendo, in cui ogni giorno si cade nell’equivoco che per arrivare sia necessario, per una donna, scendere a compromessi soprattutto di un certo tipo, l’esempio di queste ragazze con la divisa acquisisce un valore e un significato ancor più profondo. Queste giovani donne hanno messo in secondo piano la loro femminilità ma mostrano e valorizzino il loro intelletto e le loro capacità, mostrando al mondo il potere femminile. Vivono spesso la sofferenza della solitudine, ma questo è il prezzo da pagare per avere le stesse opportunità, per avere lo stesso potere economico e sociale degli uomini. Ci sono donne capaci che non hanno bisogno di compromessi, e loro ne sono l’esempio. È un grande onore stare in mezzo a quei ragazzi che sono il nostro futuro. Da loro noi adulti, che dovremmo essere i primi a dare il buon esempio, dobbiamo trarre insegnamento; loro, con il loro esempio, ci ricordano che dobbiamo essere adulti responsabili ed eticamente corretti”. Anche per quelli che “ho visto questa mattina, ritengo che sia sbagliato che i nostri figli non facciano più il militare, perché era proprio durante il servizio militare che imparavano grandi valori come il rispetto, l’amicizia, la lealtà e il senso dell’onore che oggi si vedono poco”.

0 commenti:

Posta un commento