Battisti: Brasile pronto a rispedirlo in Italia

Colpo di scena sul caso Battisti. Il governo brasiliano avrebbe pronto un piano per rispedire l'ex terrorista in Italia già nei prossimi giorni: a renderlo noto il sito del quotidiano 'O Globo'. L'idea sarebbe quella di imbarcare l'ex terrorista su un aereo della polizia federale direttamente da Corumbà - la città del Mato Grosso do Sul dove si trova in arresto da due giorni per sospetta evasione fiscale e riciclaggio di denaro - con destinazione Roma.

Tra gli ostacoli da superare ci sarebbe l'assenza di una dichiarazione formale da parte del governo italiano che si impegna a rispettare le regole sulla detenzione penale (detracao penal in portoghese).

Cesare Battisti ha dichiarato alla polizia federale di "non temere di essere estradato in Italia", perché si sente "protetto" da un decreto dell'ex presidente brasiliano, Luiz Inacio Lula da Silva, che gli ha concesso un "visto permanente" nel paese sudamericano. Lo riferisce il sito del quotidiano 'Estadao'.

"L'Italia è fortemente determinata a far si che Battisti sconti la pena, e la sconti nel nostro paese. E' questo un modo per restituire, almeno in parte, quanto è stato tolto al nostro paese e ai familiari delle vittime": così il ministro della giustizia Andrea Orlando oggi a Milano.

L'estradizione di Cesare Battisti "é possibile" secondo il ministro. Orlando ha spiegato che "sono stati fatti tutti i passaggi necessari" presso le autorità politiche e giurisdizionali, ma dopo l'ultimo arresto dell'ex militante dei Pac ne verranno fatti altri. Il ministro ha ricordato come la richiesta di estradizione sia "ferma da tempo" presso le autorità brasiliane.

0 commenti:

Posta un commento