Salute, due nuovi casi di uova contaminate da fipronil

ROMA - Altri due casi di uova contaminate da Fipronil in Italia. I carabinieri del NAS hanno scoperto altri due casi di uova contaminate dall’insetticida. Così in una nota dell’Arma in cui si sottolinea che gli esiti preliminari dell’attività dei NAS si innestano nel più ampio ad articolato piano di controllo disposto dal Ministero della Salute, elaborato per monitorare i prodotti a base di uova sia di provenienza estera che di produzione nazionale, al fine di rilevare eventuali situazioni di contaminazione con il citato insetticida, il cui uso è vietato negli allevamenti di animali impiegati per produzioni alimentari destinate al consumo umano.

Dopo un primo rintraccio e blocco di prodotti pericolosi o sospetti provenienti dall’estero, una seconda fase operativa sta interessando l’intera filiera nazionale del comparto degli ovoprodotti, alla quale i Carabinieri dei Nas partecipano attivamente con interventi ispettivi, campionamenti e sequestri cautelativi di prodotti di varie tipologie.

I NUOVI CASI A VITERBO E MACERATA - I militari dell’Arma sono intervenuti presso le strutture interessate e nei relativi capannoni adibiti ad area di conduzione delle galline ovaiole al fine di bloccare i lotti contaminati, ricostruirne la filiera di distribuzione e disporre immediate misure restrittive nella gestione aziendale.

Nelle verifiche svolte nelle ultime ore conseguenti alla positività accertata dai Nas di Viterbo e Ancona, gli interventi hanno consentito di sequestrare complessivamente 60.000 uova per consumo umano, 32.200 uova destinate all’alimentazione zootecnica, tre capannoni per allevamento con 26.000 galline ovaiole ed un centro di imballaggio uova.

Da quando è scattato l’allarme fipronil in Europa i Nas hanno eseguito, congiuntamente alle Asl ed anche in autonomia, 253 accessi ispettivi presso allevamenti, centri di distribuzione e lavorazione delle uova, industrie e laboratori di produzione di prodotti dolciari, salse e paste all’uovo, sequestrando cautelativamente oltre 91.000 kg di uova e ovoprodotti (di cui 106 Kg penalmente), in attesa dei responsi analitici dei 107 campioni conoscitivi inviati ai laboratori degli Istituti Zooprofilattici di Teramo e Roma, di cui si è in attesa degli esiti.

0 commenti:

Posta un commento