Libia: è strage di bambini

TRIPOLI - E' battaglia a campo aperto ormai tra le forze fedeli al governo nazionale di Fayez al Sarraj e quelle di Khalifa Haftar che hanno sfondato a sud di Tripoli. Secondo l'Amsi (medici stranieri in Italia) sono 121 le vittime dall' inizio del conflitto il 4 aprile. Tra questi 28 bambini. I militari del governo Sarraj hanno respinto l'offensiva delle forze di Khalifa Haftar a Suani Ben Adem, 25 km a sudovest di Tripoli. 

Dense colonne di fumo nero si levano dalla cittadina, mentre truppe di fanteria di Haftar sono rimaste tagliate fuori dalle retrovie e aprono il fuoco contro i soldati di Tripoli nel tentativo di aprirsi una via di fuga. Le forze militari fedeli al governo nazionale libico guidate da Fayez al Sarraj hanno lanciato una controffensiva sul fronte sud sud-ovest. 

Intanto è di oltre 13.500 il numero degli sfollati dall'inizio degli scontri armati a Tripoli e dintorni. A renderlo noto l'Ufficio delle Nazioni Unite per gli Affari umanitari (Ocha) in un "aggiornamento flash" sulla situazione nei dintorni della capitale, precisando che 4 mila sono le persone che hanno lasciato le proprie case nelle ultime 24 ore.

0 commenti:

Posta un commento