Melbourne, un italiano tra gli automobilisti rimasti feriti

MELBOURNE - L'uomo che ha falciato 18 pedoni a Melbourne, metà dei quali stranieri, ha detto di aver messo in atto l'attacco per vendicare "maltrattamenti dei musulmani", ha dichiarato l'Australia venerdì, sottolineando che non è stato ancora trovato alcun legame con nessun gruppo terroristico.

Tre persone sono gravemente ferite dopo che l'autista australiano-afghano ha attraversato un trafficato incrocio in centro nella sua auto, giovedì, in quello che le autorità hanno definito un "atto deliberato".

Il trentaduenne, venuto in Australia come rifugiato, ha una storia di abuso di droghe e problemi mentali e il primo ministro Malcolm Turnbull ha ribadito che i funzionari non hanno stabilito alcun collegamento al terrorismo "in questa fase".

"Essere attaccati in questo modo, nel mezzo di una delle nostre grandi città, è un evento scioccante, un crimine scioccante", ha detto Turnbull.

"Ha detto, in un certo numero di ciò che la polizia sta descrivendo come espressioni, che ha attribuito le sue azioni al maltrattamento percepito dei musulmani.

"Ma a questo punto, poiché le indagini proseguono, a parte quella dichiarazione, non ci sono collegamenti noti a questioni politiche o collegamenti con gruppi estremisti, e al momento non sono stato identificato alcun collegamento al terrorismo".

Ma ha aggiunto che "una mole di materiale" è stata studiata e "nulla dovrebbe essere escluso".

L'uomo, che è stato tratto dalla macchina da un ufficiale di polizia fuori servizio, avrebbe dovuto sottoporsi a una perizia psichiatrica venerdì prossimo e deve ancora essere formalmente interrogato. È stato identificato nei media australiani come Saeed Noori.

0 commenti:

Posta un commento