Riina, salma nel cimitero di Corleone

PALERMO - E' giunta nel cimitero di Corleone, ad una cinquantina di chilometri da Palermo, la salma del boss Totò Riina, deceduto lo scorso venerdì. Il carro funebre, partito ieri da Parma, è seguito dall'auto dei familiari del capomafia ed è stato fatto entrare dall'ingresso laterale per evitare i fotografi e i giornalisti.

Il corpo verrà tumulato vicino al gotha della mafia: Michele Navarra, Luciano Liggio, le ceneri di Bernardo Provenzano. Non ci sarà un funerale pubblico, forse una benedizione se qualcuno chiamerà un religioso per un breve rito privato.

A Parma Riina era arrivato a febbraio 2015 dal penitenziario milanese di Opera e al giorno di Santa Lucia di quell'anno, il 13 dicembre, risale il primo ricovero nel reparto detenuti, dove ha continuato a scontare in regime di 41 bis, il carcere duro per i mafiosi, le sue 26 condanne all'ergastolo.

E proprio da Parma erano partite le ultime istanze per il differimento della pena, tutte respinte dai giudici, via via che le sue condizioni di salute hanno iniziato ad aggravarsi, per poi precipitare una decina di giorni prima della morte, quando dal reparto ordinario è passato alla terapia intensiva-rianimazione. Il 'capo dei capi' si è spento, alle 3.37 del giorno dopo il suo ottantasettesimo compleanno.

0 commenti:

Posta un commento