Manovra: è scontro Camusso-Padoan

ROMA - Susanna Camusso, segretario generale della Cgil, ha bocciato la legge di bilancio approvata ieri dal Consiglio dei ministri. La Camusso, intervenuta su Radio Capital, ha spiegato che si tratta di “una manovra che favorisce le rendite e che mantiene lo status quo”.

“Si è fatta una scelta politica: si poteva intervenire sulla finanza, sul patrimonio e facilitare chi lavora e chi produce e invece si è scelto di usare questo slogan sulle tasse, facendo credere che è una risposta a tutti e invece è una risposta solo ad alcuni, mantenendo la pressione fiscale alta”, ha spiegato. La valutazione della manovra da parte del sindacato “sarà fatta oggi”, ha aggiunto spiegando che lo sciopero generale “non è di certo abrogato, se sarà necessario di farà”.

A stretto giro di posta la replica del ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, dai microfoni di Radio Anch’io. “Mi chiedo quale legge di Bilancio abbia visto”, ha detto. Per Padoan la legge “non corrisponde a questa descrizione. Abbiamo messo risorse per gli investimenti privati, per l’occupazione giovanile, per la crescita. Abbiamo evitato le clausole di salvaguardia. Non corrisponde assolutamente alla descrizione della Camusso”.

0 commenti:

Posta un commento