Battisti: tribunale gli concede la libertà


Il giudice del Tribunale regionale federale della terza Regione ha concesso la libertà a Cesare Battisti, accogliendo la richiesta di habeas corpus avanzata dagli avvocati dell'ex terrorista, che era stato arrestato due giorni fa a Corumba' nel Mato Grosso do Sul.

La decisione del tribunale con sede a San Paolo è provvisoria, secondo i media. L'aspettativa comunque è che Battisti possa lasciare il carcere di Corumba' nelle prossime ore. I suoi difensori, Igor Sant'Anna Tamasauskas e Otavio Mazieiro, hanno divulgato una nota alla stampa informando che stanno prendendo "tutte le misure necessarie" affinché il loro assistito sia liberato "già stanotte"

Battisti ha dichiarato alla polizia federale di "non temere di essere estradato in Italia", perché si sente "protetto" da un decreto dell'ex presidente brasiliano, Luiz Inacio Lula da Silva, che gli ha concesso un "visto permanente" nel paese sudamericano. Lo riferisce il sito del quotidiano 'Estadao'.

"L'Italia è fortemente determinata a far si che Battisti sconti la pena, e la sconti nel nostro paese. E' questo un modo per restituire, almeno in parte, quanto è stato tolto al nostro paese e ai familiari delle vittime": così il ministro della giustizia Andrea Orlando oggi a Milano.

L'estradizione di Cesare Battisti "é possibile" secondo il ministro. Orlando ha spiegato che "sono stati fatti tutti i passaggi necessari" presso le autorità politiche e giurisdizionali, ma dopo l'ultimo arresto dell'ex militante dei Pac ne verranno fatti altri. Il ministro ha ricordato come la richiesta di estradizione sia "ferma da tempo" presso le autorità brasiliane.

0 commenti:

Posta un commento