Visualizzazione post con etichetta PIEMONTE. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta PIEMONTE. Mostra tutti i post

Torino, indagata sindaca Appendino


TORINO - Il sindaco di Torino Chiara Appendino ha ricevuto un avviso di garanzia con riferimento alle indagini per la consulenza affidata dalla Fondazione per il Libro al suo ex capo ufficio stampa Luca Pasquaretta, indagato per peculato. Lo rende noto la stessa Appendino sul suo profilo Facebook.

"Quando - scrive Appendino - alcuni mesi prima dello svolgimento del Salone del Libro, circolò sui giornali questa ipotesi, risposi in aula a un'interpellanza dichiarando che non era assolutamente intenzione dell'amministrazione procedere in tal senso. Nonostante questa posizione, quella consulenza venne comunque affidata dalla Fondazione".

Il sindaco aggiunge che "secondo la ricostruzione dei pm, questa consulenza non fu poi svolta dall'interessato e, per questo, viene ipotizzato il peculato. Nel mio caso si ipotizza il 'concorso' nello stesso reato poiché, secondo i pm, la consulenza sarebbe stata affidata e pagata, cito testualmente, con il mio 'accordo'. Sono tranquilla", dice, spiegherà tutto.

Torino, pestato a sangue per 2 euro


TORINO - Hanno malmenato un ragazzo di 20 anni con una spranga di ferro per rubargli 2 euro, senza curarsi della presenza di numerosi testimoni. Il dramma si è consumato lo scorso aprile a Rivoli, nel Torinese, e dopo mesi di indagini i carabinieri sono riusciti a individuare e arrestare cinque ragazzi, tre dei quali minorenni. A incastrarli il documento perso da uno di loro durante la fuga, ritrovato per terra da un testimone.

I ragazzi sono accusati di tentata rapina aggravata in concorso, lesioni personali e porto ingiustificato di strumenti atti ad offendere. La violenza è esplosa intorno all'una di notte, mentre il giovane rincasava in compagnia del fratello, quando è stato avvicinato dal gruppo, che prima gli ha sbarrato la strada e quindi gli ha chiesto 2 euro. Al rifiuto del 20enne, i ragazzi hanno iniziato a colpirlo violentemente con calci, pugni e con una spranga di ferro, il tutto sotto gli occhi del fratello e di alcuni passanti.

Dopo l'aggressione, che ha procurato al ragazzo lesioni giudicate guaribili in 35 giorni, la gang si è dileguata. Un testimone però ha raccolto da terra il documento di identità perso da uno dei fuggitivi e consegnandolo ai carabinieri di Rivoli, che hanno portato a termine l'arresto.

Torino, spara e uccide un ladro: indagato per eccesso di difesa


TORINO - Attimi di paura la scorsa notte a Pavone Canavese, alle porte del quartiere San Bernardo di Ivrea, dove tre persone hanno tentato l'assalto ad una tabaccheria: il titolare, che abita sopra il locale, è uscito con una pistola e ha ucciso uno dei malviventi. Ascoltato in procura, nei suoi confronti non sono stati presi al momento provvedimenti. Il commerciante potrebbe beneficiare della nuova legge sulla legittima difesa. Esplosi sette colpi. La vittima è un uomo originario della Moldavia. I due complici sono riusciti a far perdere le loro tracce.

Torino, giovane ripescato nel Po: è seconda vittima in due giorni


TORINO - Dramma nelle acque del Po, dove i vigili del fuoco di Torino hanno ripescato dal fiume un giovane di cui ancora non si conoscono le generalità: si tratta della seconda vittima in due giorni. La polizia sta accertando se si possa trattare del 28enne scomparso da 4-5 giorni, amico del 29enne ripescato ieri dal fiume. 

I due amici si erano dati appuntamento a Torino, dove sarebbero arrivati il 28 maggio. In città hanno alloggiato in un b&b ma non è ancora chiaro quale fosse il motivo dell'incontro. La vittima di ieri, originaria delle Bahamas, proveniva dall'Austria, Paese che gli ha rilasciato un regolare permesso di soggiorno. Sul corpo non c'erano segni di violenza, a parte una ferita alla testa compatibile con una caduta.

Amministrative: il centrosinistra si conferma a Bari, Firenze e Bergamo. Regionali piemontesi a Cirio

BARI - Le comunali prendono una piega leggermente diversa rispetto alle Europee, con la sinistra che si conferma a Bari, Firenze e Bergamo. Il centrodestra, invece, mantiene la poltrona del sindaco di Perugia e la Lega potrebbe conquistare lo scranno di Potenza. Le regionali piemontesi vanno al candidato del centrodestra Alberto Cirio, mentre esce sconfitto il governatore uscente Chiamparino. 

Bari il sindaco Dem uscente Antonio Decaro si conferma vittorioso, staccando nettamente lo sfidante Pasquale Di Rella (FI) con oltre il 65% e lasciando le briciole ad Elisabetta Pani (M5S). 

A Livorno, fino ad oggi governata dal M5S, ballottaggio tra il candidato del centrosinistra Luca Salvetti e quello del centrodestra, Andrea Romiti. 

Anche a Bergamo il sindaco uscente Giorgio Gori (Pd), sostenuto dal centrosinistra, è riuscito a mantenere la poltrona insidiatagli da un concorrente temibile, l'ex presidente del Copasir Giacomo Stucchi, candidato dal centrodestra. 

A Perugia il sindaco uscente Andrea Romizi (FI) batte senza difficoltà il giornalista Giuliano Giubilei, sceso in campo per il centrosinistra e Francesca Tizi per i Cinque Stelle. 

A Potenza si profila il ballottaggio con il candidato di Basilicata possibile. 

Anche a Campobasso si va verso il ballottaggio tra i candidati del centrodestra Maria Domenica D'Alessandro e M5S Roberta Gravina. 

Bimbo morto a Novara: ferite non compatibili con caduta dal lettino


NOVARA - Le lesioni sul corpo del bimbo di due anni deceduto a Novara non sono compatibili con una caduta dal lettino, come raccontato agli inquirenti dalla mamma del piccolo e dal suo compagno, entrambi presenti in casa al momento del dramma. Si tratta del responso dell'autopsia eseguita sul corpo del bimbo. I due potrebbero essere nuovamente ascoltati dai magistrati nelle prossime ore.

Stacca dito agente a morsi, espulso nigeriano


TORINO - Ci sarà l'espulsione del giovane nigeriano di 23 anni che, per evitare la foto segnaletica, ha aggredito un poliziotto negli uffici della Questura di Torino staccandogli a morsi la prima falange dell'anulare. Per questo episodio, avvenuto martedì, il giudice ha convalidato l'arresto e disposto la misura cautelare della custodia in carcere. 

Il giovane, un richiedente asilo, è stato ascoltato dalla Commissione per il riconoscimento della protezione internazionale che ne ha respinto la richiesta. Secondo quanto prevede il Decreto sicurezza, l'uomo deve essere espulso dal territorio nazionale.

Piazza San Carlo: 10 anni a ragazzi che scatenarono il caos


ROMA - Arrivano le condanne per fatti di Piazza San Carlo che costarono la vita a due persone e provocarono 1700 feriti. Sono stati condannati a poco più di 10 anni di carcere i quattro ragazzi di origine maghrebina che, secondo la procura, avrebbero causato il panico in piazza San Carlo durante la finale di Champions League del giugno 2017 tra Juventus e Real Madrid, spruzzando spray al peperoncino tra i tifosi. I quattro sono accusati di omicidio preterintenzionale, lesioni, rapina e furto. Nei loro confronti i pubblici ministeri avevano chiesto pene di poco superiori ai 14 anni.

Busta con proiettile a sindaca Appendino


TORINO - "Ieri è stata recapitata in Comune una busta indirizzata a me contente un proiettile". A scriverlo su Facebook la sindaca di Torino Chiara Appendino, destinataria di una busta recapitata in Comune, contenente un proiettile. "Non si sa chi sia il mittente nè quali siano le motivazioni - scrive la sindaca - so però molto bene che questi tentativi di intimidazione non sortiscono alcun effetto e, anzi, spronano a continuare a svolgere il mio ruolo di sindaca con la massima determinazione".

Abusò di due bimbe: minore ai servizi sociali


di PIERO CHIMENTI - Un ragazzo, che all'epoca dei fatti aveva 15 anni, accusato di violenze nei confronti di due bambine di 9 e 7 anni nel biellese, potrà evitare processo e carcere con l'affidamento ai servizi sociali. Il suo avvocato, infatti, è riuscito a fargli ottenere un servizio in prova che prevede un periodo minimo di due anni, in cui saranno monitorati gli eventuali progressi del giovane. Se durante i periodici controlli verranno riscontrati dei progressi da parte del ragazzo, la fedina penale tornerà ad essere pulita, altrimenti andrà a processo.

Si accascia durante la corsa: informatico muore a 30 anni


NOVARA - Faceva running per mantenersi in forma ma nel primo pomeriggio di ieri un malore non gli ha lasciato scampo. Gabriele Coppa, 33 anni, è stato visto a terra nella zona periferica di via Gorizia, nel quartiere Sud di Novara. L’equipe del 118 ha portato all’uomo i primi soccorsi. Durante il trasporto in ospedale la situazione è purtroppo peggiorata fino al decesso.

Coppa aveva avuto una lunga esperienza da giocatore di pallacanestro: «Era stato nell’under 21 della Cimberio Basket - dice l’amico d’infanzia Dario Corbellini - ma anche nelle squadre del BcN, Basket club Novara, e di Trecate. Da oltre cinque anni aveva ufficialmente smesso. Si teneva comunque in forma praticando la corsa».

Il giovane lascia la mamma Maria Grazia, il papà Fabrizio e la sorella maggiore Emanuela, docente di lettere di scuola media.

Traffico internazionale di droga: Gdf arresta 16 persone


CATANIA - Le Fiamme gialle di Catania hanno eseguito 16 arresti disarticolando due organizzazioni che importavano droga da Spagna e Sud America e che pur avendo come base operativa il capoluogo etneo aveva ramificazioni attive a Torino, Siena e Reggio Calabria. Militari delle Fiamme gialle del Gico hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip su richiesta della Procura distrettuale, che ipotizza a vario titolo i reati di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti e al commercio di hashish, marijuana, cocaina ed eroina. Sequestrati in tutto circa 100 chili di hashish, 70 di marijuana, 10 di cocaina e 4 di eroina. Il valore della droga, destinato al mercato della Sicilia orientale, avrebbe sfruttato oltre 5 milioni di euro.

Bimba azzannata al viso da un pitbull: è grave


TORINO - Dramma nel torinese per una bambina di 18 mesi azzannata dal cane di casa, di razza pitbull, e trasportata in gravi condizioni, in elisoccorso, all'ospedale infantile di Torino Regina Margherita. La tragedia si è consumata nella tarda serata di ieri a Santhià, nel vercellese.

La bimba si trova ora in rianimazione, con gravissime ferite al viso. Nella notte è stata operata dai chirurghi plastici e maxillo facciali stanotte. La prognosi è riservata. Il cane ha anche aggredito la sorella della bimba, 12 anni, che è sta

Nuovo terremoto tangenti in Nord Italia: 43 arresti


MONZA - Nuovo terremoto tangenti nel nord Italia. I carabinieri di Monza e la Gdf di Varese stanno eseguendo in Lombardia e Piemonte 43 ordinanze di custodia cautelare, di cui 12 in carcere, nell'ambito di un'inchiesta coordinata dalla Dda milanese su due gruppi criminali operativi tra Milano e Varese costituiti da esponenti politici, amministratori pubblici e imprenditori, accusati a vario titolo di associazione per delinquere aggravata dall'aver favorito un'associazione di tipo mafioso, corruzione e turbata libertà degli incanti, finalizzati alla spartizione e all'aggiudicazione di appalti pubblici.

Tra gli arrestati il consigliere regionale Fabio Altitonante, sottosegretario all'area Expo della Regione Lombardia e il consigliere comunale milanese e vicecoordinatore regionale di Forza Italia Pietro Tatarella, candidato alle Europee,

La vasta operazione coinvolge le province di Milano, Varese, Monza e della Brianza, Pavia, Novara, Alessandria, Torino e Asti.

Sono 95 in totale le persone indagate a vario titolo per associazione per delinquere aggravata dall'aver favorito un'associazione di tipo mafioso, finalizzata a corruzione, finanziamento illecito ai partiti, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, false fatturazioni per operazioni inesistenti, auto riciclaggio e abuso d'ufficio.

1 maggio: a Torino scontri tra polizia e No Tav


TORINO - Momenti di tensione a Torino durante il corteo del Primo Maggio dove hanno manifestato tra gli altri i No Tav. Prima gli agenti hanno bloccato, con una carica e manganellate, un gruppo di No Tav che da piazza Vittorio stava cercando di raggiungere la testa del corteo. 

Poi, quando la polizia ha fermato e allontanato lo spezzone con migliaia di No Tav, i manifestanti hanno risposto lanciando bottiglie, lattine, aste di bandiere. Il movimento è stato portato indietro di due isolati rispetto a piazza San Carlo dove si teneva il comizio sindacale. Insulti, spintoni e accuse dal movimento: "Ci hanno preso a cinghiate, pugni e bastonate. Il Pd ha assoldato i picchiatori". Decine di No Tav gridano "Fuori il Pd dal corteo!".

Interviene anche la sindaca Chiara Appendino che auspica che il corteo "sia pacifico". "La grande sfida del lavoro - aggiunge - la vinci se ciascuno fa la sua parte. Lavoro che è dignità, è la strada per avere soddisfazioni economiche, sociali personali e bisogna lavorare tutti insieme per questo diritto". Quanto alla presenza in piazza del tema Tav, Appendino sottolinea che "non bisogna farlo diventare un corteo sì Tav o no Tav, non è questo il tema di oggi. Ma il lavoro e dobbiamo ricordarci quanto sia doveroso per ciascuno di noi lavorare per la dignità del lavoro".

Scomparsa 17 anni fa, ossa ritrovate


TORINO - Affidato stamane, dalla procura di Ivrea, alla dottoressa Omodei, del laboratorio di analisi di Orbassano (Torino) l'esame per ricavare il Dna dalle ossa ieri recuperate dai carabinieri. Il ritrovamento era avvenuto nel giardino di via Petrarca di fronte all'abitazione di Salvatore Caruso, marito della 32enne marocchina Samira Sbiaa scomparsa nel nulla diciassette anni fa.

Le analisi sul Dna serviranno per capire con certezza se quelli recuperati ieri dai militari dell'Arma sono effettivamente resti umani. Questa mattina, sempre nel giardino dell'abitazione, sono ricominciati gli scavi da parte dei carabinieri. Sono state trovate altre ossa piatte che potrebbero appartenere a delle clavicole. Salvatore Caruso, 68 anni, ex guardia giurata, è al momento indagato per omicidio.

Pacco bomba alla sindaca Appendino, allarme in Municipio a Torino

TORINO - Momenti di paura in Comune a Torino. Era "idoneo a esplodere" il congegno trovato all'interno della busta sospetta indirizzata alla sindaca Appendino, e intercettata in Municipio. A renderlo noto la Questura di Torino, secondo cui il gesto sarebbe riconducibile "a soggetti appartenenti all'area anarco-insurrezionalista verosimilmente appartenenti alla cellula riconducibile all'Asilo", il centro sociale sgomberato lo scorso 7 febbraio dalla polizia.  "Scuola A. Diaz. Via C. Battisti 6, 16145 Genova": è questo il mittente della busta. La scritta è tracciata in stampatello su un foglio bianco attaccato al plico. 

"L'ordigno esplosivo inviato alla sindaca di Torino rappresenta in modo incontrovertibile un chiaro gesto terroristico perpetrato da soggetti che agiscono in modo eversivo contro le istituzioni democratiche". Lo sostiene il segretario generale del Siulp di Torino Eugenio Bravo a proposito del plico inviato a Chiara Appendino. 

Il plico, di piccole dimensioni è stato sottoposto allo scanner dalla polizia municipale. Gli artificieri hanno già provveduto a mettere in sicurezza la busta, spedita in Comune per posta ordinaria. La seduta del Consiglio comunale è stata chiusa e rimandata alla prossima settimana.

Auto impazzita travolge un'intera famiglia: muore nonno, tre feriti

(ANSA)
VERBANIA - Dramma sul lago Maggiore: un'auto fuori controllo guidata da un 24enne ha travolto un'intera famiglia a Intra, una frazione di Verbania. Pesante il bilancio: il nonno, il 54enne Gianni Agosti, la moglie di 58 anni e la figlia di 34 sono rimaste gravemente ferite mentre il nipotino di 20 mesi che era sul passeggino ha riportato una frattura del bacino ma non è in pericolo di vita.

Fermato il giovane conducente, che non si esclude che possa aver avuto un malore dopo l'accaduto. La famiglia, secondo le ricostruzioni delle forze dell'ordine, stava camminando sul marciapiede che costeggia il ponte di via Vittorio Veneto, in direzione centro, dopo aver cenato fuori. L'auto che li ha travolti, una Ford Fusion, ha imboccato la discesa del ponte, è sbandata e ha invaso l'altra corsia, finendo col travolgere la famiglia sul marciapiede dopo avere evitato un'altra auto che viaggiava in senso opposto. 

L'intera famiglia è stata schiacciata contro la barriera di metallo del ponte. Il nonno è stato sbalzato oltre il parapetto ed è caduto, con un volo di circa due-tre metri, sul marciapiede sottostante: è morto all'istante. Hanno invece riportato gravi ferite la nonna, 58 anni, e la mamma, 34 anni. Entrambe sono state trasferite in ospedale a Novara. Il bimbo ha riportato traumi lievi e sospette fratture.

La Ford ha sfiorato anche un urto frontale perché prima di investire i passanti ha tagliato la strada a una Smart che proveniva dalla direzione opposta e solo la prontezza di riflessi dell'altro conducente ha evitato l'impatto. Il 24enne è stato fermato per omicidio stradale.

Renzi: madre a processo per bancarotta

CUNEO - Ancora guai per la famiglia di Matteo Renzi. La madre dell'ex segretario dem, Laura Bovoli, è stata rinviata a giudizio dal gup di Cuneo con l'accusa di bancarotta fraudolenta. I fatti si riferiscono a presunti rapporti illeciti fra una società toscana di cui era amministratrice la signora Bovoli e una ditta di volantinaggio del Cuneese, fallita nel 2014. La madre dell'ex premier, insieme ad altre due persone, sarà quindi processata a Cuneo il 19 giugno alle ore 9.

Neonato muore a Torino: Procura indaga per omicidio

TORINO - E' stata aperta dalla Procura di Torino un'inchiesta per omicidio colposo, al momento a carico di ignoti, a seguito del decesso di un neonato, poco meno di un mese di vita, che due giorni prima, a causa di una tosse persistente, i genitori avevano portato al pronto soccorso dell'ospedale Maria Vittoria. I medici, subito dopo averlo visitato, avevano prescritto al neonato un aerosol, ma due giorni dopo il piccolo è morto e a nulla è valso il disperato tentativo di rianimazione eseguito dai sanitari del 118. 

"Qualche giorno prima - spiega l'avvocato della famiglia Federico Milano - il neonato era stato visitato dal pediatra. Questi aveva detto ai genitori che se i sintomi non fossero cessati sarebbe stato opportuno recarsi in ospedale". E' stata già eseguita dal medico legale l'autopsia sul corpo del bimbo e nei prossimi giorni si saprà cosa ha provocato il decesso.