Di Maio: "L'Europa deve rimettere al centro i lavoratori"

ZAGABRIA - "L'Europa deve cambiare prima di tutto dandosi una ragione di esistere: rimettere al centro i lavoratori" ha dichiarato il vicepremier Luigi Di Maio a Zagabria.

"Propongo - prosegue Di Maio - il salario minimo orario per tutti i cittadini europei, perché se non hai un salario minimo non sei più un lavoratore ma uno sfruttato. Oggi ho avuto il piacere di essere ospite degli amici croati di Živi zid e di Ivan Vilibor Sinčić, i nostri alleati per il gruppo che vuole riaccendere il sogno europeo. È stata un'occasione per incontrare nuovamente anche Pawel Kukiz, arrivato dalla Polonia, e Evangelos Tsiobanidis dalla Grecia. Una giornata piacevole e costruttiva, per continuare a lavorare sui temi in vista delle prossime elezioni europee, a partire dalla difesa dei diritti e della dignità dei lavoratori di tutta Europa stabilendo un salario minimo europeo. Sulla Flat tax familiare troveremo una soluzione insieme alla Lega come abbiamo sempre fatto. Sono molto fiducioso. Noi come M5S abbiamo lavorato a una riduzione degli scaglioni e della pressione fiscale attraverso il coefficiente familiare e in questo senso si individuerà un punto di incontro, ne sono certo. L’importante è non fare facili promesse alla Berlusconi, come rappresentanti dello Stato non dobbiamo mai dimenticarci di avere delle responsabilità nei confronti dei cittadini".

0 commenti:

Posta un commento