La Merkel al potere insieme ai socialdemocratici. Schulz: "spezziamo l'ondata di destra in Europa"

di MARIAGRAZIA DI RAIMONDO - Lo scorso settembre il partito Spd di Martin Shulz si è stabilito all'opposizione del governo, ma il fallimento dei negoziati tra la Merkel, i Verdi e l'Fdp è stato un "punto di svolta", che ha costretto l'Spd a ripensare la sua strategia. Oggi si è tenuto a Bonn il congresso della Spd, insieme a Martin Schulz, loro leader.

Con 362 favorevoli, 279 contrari, i socialdemocratici tedeschi hanno deciso di far parte del governo con la Cdu di Angela Merkel, creando così una grande colazione. Il partito della Spd si è diviso: Kevin Kuehnert, capo dei giovani socialdemocratici Jusos, si è opposto alla presenza del movimento di Martin Schulz in una nuova "Grosse Koalition", però, il leader del partito nel discorso a Bonn ha difeso la decisione di lanciare una nuova alleanza con il blocco conservatore Cdu-Csu, dichiarando "noi siamo un partito internazionale. Possiamo garantire maggior giustizia sociale in Germania e in Europa. Dal mio punto di vista, sarebbe irresponsabile non cogliere l'opportunità".

Aggiungendo che la loro presenza al governo del Paese può spezzare l'ondata di destra in Europa, citando Polonia e Austria.

0 commenti:

Posta un commento