Catalogna: continua la crisi per l’indipendenza ma l’Europa ha le mani legate

(ANSA)
di ANTONIO GAZZILLO - Ciò che sta accadendo a Barcellona non ha precedenti negli anni di vita dell’Unione Europea. L’indipendenza chiesta dalla Scozia, la spartizione della Cecoslovacchia e lo smembramento della Jugoslavia non hanno nulla a che vedere con la situazione creatasi in Catalogna, la cui indipendenza viene respinta irrevocabilmente dallo Stato e la secessione è perseguita con iniziative pacifiche ma contrarie alla Costituzione.

La posizione dell’Europa, ribadita anche dai massimi dirigenti Junker e Tusk, però è chiara: è una questione interna alla Spagna che, sulla base dei dettami della propria costituzione democratica, è pienamente autonoma nell’affrontarla.

La Spagna ha rifiutato in ogni modo che la crisi fosse portata a livello europeo e discussa nel Parlamento di Strasburgo in quanto l’Europa si trova in una condizione di impotenza davanti a questa situazione. Per questo le poche richieste di aiuto a Bruxelles per un intervento di mediazione con Madrid sono state inutili.

Gli indipendisti, poi, sono stati imprigionati in un paradosso legale da Mariano Rajoy: l’indipendenza può essere conseguita solo legalmente e dal momento che non ci sono basi legali per conseguirla, chiederla è considerato un atto sovversivo e punibile con il carcere.

Ma questa logica va interrotta perché la situazione potrebbe sfuggire da ogni controllo e la violenza potrebbe dominare le vie di Barcellona.  

0 commenti:

Posta un commento