Calenda: "Non sarà una manovra elettorale: faremo una legge di completamento della legislatura"

ROMA - "Non sarà una manovra elettorale, ma faremo una legge di completamento della legislatura, che in campo economico è stata oggettivamente di successo. Io sono sempre molto cauto, ma considerato il punto da cui partivamo sono stati raggiunti risultati importanti" ha dichiarato il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, in un'intervista al Corriere della Sera.

"Anche in futuro la strada da seguire, quasi obbligata, sarà quella del sostegno agli investimenti privati. Gli investimenti, l’internazionalizzazione e i giovani sono le tre priorità della politica economica sulle quali concentrare le risorse. Gli investimenti servono per non perdere la leadership nel manifatturiero, per recuperare la produzione che negli anni della crisi è tracollata, con un calo del 25%, di cui solo 6 punti sono stati recuperati. Le esportazioni continuano a tirare, facciamo il 7% in più sull’anno scorso, ma le imprese che esportano sono ancora troppo poche e il problema dei giovani, del lavoro e delle retribuzioni, è drammatico. Il Paese è ripartito, ma la crisi non è alle spalle. Per il settore industriale continueremo a lavorare sugli incentivi confermando quelli fiscali, anche se forse rivedremo aliquote e perimetri, poi spingeremo sulla formazione".

0 commenti:

Posta un commento