Visualizzazione post con etichetta BASILICATA. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta BASILICATA. Mostra tutti i post

Albania, forte sisma 6.5: almeno 23 morti e 600 feriti

TIRANA - Una fortissima scossa di terremoto di magnitudo 6.5 ha colpito alle 2:54 ora locale (le 3:54 in Italia) la costa settentrionale dell'Albania, vicino Durazzo ed è stata avvertita fino in Puglia e Basilicata, svegliando non poche persone. Il bilancio è severo e parla di almeno 600 feriti al momento, mentre si scava tra le macerie di diversi palazzi crollati alla ricerche di diversi dispersi. E' di 23 persone il bilancio ufficiale delle vittime del forte sisma.

Due scosse di assestamento si sono verificate una alle 4:03 ora italiana di magnitudo 5.3, mentre l'altra alle 7.08 di magnitudo 5.4.

Il sisma, secondo i dati dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) italiano e del servizio geologico statunitense Usgs, ha avuto ipocentro a circa 10 km di profondità ed epicentro tra Shijak e Durazzo.

La scossa è stata sentita distintamente anche nella capitale Tirana, dove la gente è scesa in strada in preda al panico.

Bomba d'acqua a Matera, le strade diventano fiumi di fango che invadono gli storici Sassi


MATERA - Violenta bomba d'acqua mette a soqquadro la Capitale della Cultura 2019. Un nubifragio si è abbattuto questa mattina sulla Città dei sassi. Strade allagate e problemi per la circolazione stradale. L'acqua è entrata nelle case, sfondando pavimenti e causando molti danni. Chiuse tutte le scuole.

Metaponto, annega mentre fa il bagno con la figlia

METAPONTO - Tragedia nelle acque di Metaponto (Matera), dove una donna è annegata mentre faceva il bagno con la figlia ed è stata trasportata con l'eliambulanza del 118 in ospedale a Potenza. A nulla sono valsi i soccorsi dei sanitari che hanno tentato di rianimare la donna, che purtroppo è spirata poco dopo. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri. Aveva 26 anni ed era di nazionalità albanese.

Il corpo della donna è stato notato dal bagnino di uno stabilimento balneare della zona che è intervenuto immediatamente, assieme ad un maresciallo dei Carabinieri, libero dal servizio ed in vacanza a Metaponto, mettendo in salvo la piccola trasferita in eliambulanza all'ospedale "San Carlo" di Potenza, mentre per la madre non c'è stato nulla da fare. Sul posto il magistrato di turno della Procura di Matera.

Matera, capannone in fiamme: morta immigrata

(ANSA)
METAPONTO DI BERNALDA (MT) - Dramma nel sito industriale dell'ex Felandina, a Metaponto di Bernalda, dove un'immigrata è morta stamane in un incendio che ha distrutto tre capannoni all'interno dei quali soggiornano da anni numerosi stranieri. Accertamenti dei carabinieri e della Polizia sono in corso per stabilire le circostanze del rogo. Per spegnere il rogo sono intervenute tre squadre dei vigili del fuoco.

Ballottaggi: centrosinistra perde Ferrara, Potenza alla Lega


Per la prima volta dal Dopoguerra la città di Ferrara vira a destra ed elegge sindaco Alan Fabbri, lasciando il centrosinistra dietro di oltre dieci punti percentuali. I ballottaggi per le elezioni in 186 comuni italiani si chiudono con la "storica vittoria" - come l'ha definita lo stesso neosindaco - del centrodestra nel capoluogo toscano, con il ritorno a sinistra di Livorno - dopo la parentesi pentastellata di Filippo Nogarin - e con il successo del Movimento 5 Stelle nell'unico ballottaggio in cui era in corsa, quello di Campobasso.

Potenza va alla Lega con il candidato Mario Guarente che, nel suo discorso di ringraziamento, rilancia uno slogan comparso nei giorni scorsi nel capoluogo lucano. "Prima gli ultimi - ha detto - è anche un nostro slogan".

Il Pd torna a vincere a Livorno con Luca Salvetti, che riconquista così la città che aveva perso cinque anni fa. Il centrosinistra tiene anche a Prato, Reggio Emilia, Cesena e Cremona.

A Biella è Claudio Corradino, candidato di Lega, Fi e Fdi, a vincere la sfida interna del centrodestra, conquistando il successo su Donato Gentile, in corsa per alcune liste civiche. In Umbria il centrodestra batte il centrosinistra per 4-1, lasciando agli avversari solo Gubbio.

Ad Avellino, dove la sfida era tutta interna al centrosinistra, ha vinto di una manciata di voti Gianluca Festa, sostenuto da alcune liste civiche di centrosinistra, su Luca Cipriano sostenuto da Pd e liste civiche.

Basilicata al voto: centrodestra trionfa col 42%

POTENZA - A poche decine di sezioni dalla fine dello scrutinio, il candidato governatore della Basilicata per il centrodestra Vito Bardi è in testa con il 42,25%, secondo i risultati provvisori ufficiali delle elezioni regionali di ieri. 

Seguono Carlo Trerotola del centrosinistra al 32,86%, Antonio Mattia del Movimento 5 stelle con il 20,6% e Valerio Tramutoli di Basilicata possibile al 4,29%. M5s primo partito con il 20,53%, seguito dalla Lega con il 18,82%. Forza Italia è al 9,1%, Fdi al 5,95%, il Pd all'8,19%. 

Affluenza in rialzo al 53,58%. "GRAZIE! La Lega in un anno triplica i voti, vittoria anche in Basilicata! 7 a 0, saluti alla sinistra e ora si cambia l'Europa", scrive su Facebook il vicepremier e leader della Lega, Matteo Salvini.

Mattia (M5S) al voto
"Abbiamo scritto la storia: la Basilicata è pronta per il cambiamento. Chiamerò Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Giorgia Meloni per fare una grande festa", esulta Bardi. "Al primo posto nell'agenda c'è il lavoro - afferma poi l'ex generale della Guardia di finanza, indicato come candidato da Forza Italia -. I giovani saranno presenti e dovranno avere opportunità in questa terra. Trasparenza, meritocrazia e legalità saranno al centro. La regione è di tutti e io sarà il presidente di tutti". Amaro il commento del candidato m5s Antonio Mattia: "C'è un dato positivo per il movimento, ma la delusione personale resta. Spero che il neo governatore lavori nell'interesse dei lucani e non di Berlusconi, anche se non ci credo: la nostra guardia sarà alta, perché questo è il peggior centrodestra di sempre".

Ieri, invece, le urne si sono chiuse definitivamente alle 23. Nella provincia di Potenza la quota di votanti alle 19 è stata del 39,23% (53,89 nel capoluogo). Leggermente più alta in quella di Matera (40,82%, nel capoluogo 44,39). L'affluenza finale alle precedenti regionali del 2013 era stata del 47,6%.

Chiamati al voto 573.970 elettori in 681 sezioni, fino alle ore 23. Subito dopo inizierà lo spoglio delle schede. Per la presidenza della Regione è una corsa a 3 tra il generale Bardi per il centrodestra, il farmacista Trerotola per il centrosinistra e l'imprenditore Mattia per M5s.

Basilicata al voto: centrodestra verso la vittoria

POTENZA - Il centrodestra verso il trionfo anche in Basilicata: la coalizione Lega-Fi-Fdi, malgrado le divisioni sul governo di Roma, secondo le prime indiscrezioni giunte ai partiti, si confermerebbe vincente nelle sfide amministrative, come già accaduto in Molise, Abruzzo e Sardegna, con un dato che viaggerebbe sopra il 40%.

E' stata del 39,73% l'affluenza ai seggi per le elezioni regionali in Basilicata, secondo i dati comunicati sul sito del Viminale. Si tratta di un dato in netta crescita rispetto a quello della stessa ora delle precedenti consultazioni del novembre 2013 (24,4%). Ma in quell'occasione si votava in due giorni: domenica e lunedì. 

Mattia (M5S) al voto
Ieri, invece, le urne si sono chiuse definitivamente alle 23. Nella provincia di Potenza la quota di votanti alle 19 è stata del 39,23% (53,89 nel capoluogo). Leggermente più alta in quella di Matera (40,82%, nel capoluogo 44,39). L'affluenza finale alle precedenti regionali del 2013 era stata del 47,6%.

Aperti dalle ore 7 i seggi elettorali per le regionali. Chiamati al voto 573.970 elettori in 681 sezioni, fino alle ore 23. Subito dopo inizierà lo spoglio delle schede. Per la presidenza della Regione è una corsa a 3 tra il generale Bardi per il centrodestra, il farmacista Trerotola per il centrosinistra e l'imprenditore Mattia per M5s.

Basilicata, Salvini si scaglia contro i contestatori: "Andate fuori dalle palle"

POTENZA - Momenti di tensione durante il comizio di Matteo Salvini nel Potentino. Il vicepremier è stato investito dalle contestazioni. Dopo quelle di ieri a Marsicovetere (Potenza), i cori e le proteste si sono ripetuti oggi a Melfi e sempre per tutta la durata del comizio, cioè una ventina di minuti. A un certo punto, però, il leader della Lega, in tour elettorale in vista delle Regionali del prossimo 24 marzo, ha perso la pazienza: “Toglietevi dalle palle“.

Verrà dichiarato lo stato di emergenza per Pomarico

(Foto ANSA)

MATERA - Verrà istituito dal Dipartimento nazionale di Protezione civile la richiesta della Regione Basilicata per poter dichiarare lo stato di emergenza in merito alla frana che a Pomarico (Matera) ha portato a diversi crolli e all'evacuazione di ben 56 persone. Lo ha comunicato il capo dello stesso Dipartimento, Angelo Borrelli, dopo un sopralluogo effettuato all'interno della "zona rossa".
Borrelli ha specificato che "i presupposti" per dichiarare lo stato di emergenza "ci sono tutti".

Tricarico: nella Cattedrale ultimo appuntamento per il 2018 con il teatro sacro di Alda Merini

TRICARICO (MT) - Sabato 15 dicembre prossimo, nella Cattedrale di Tricarico (Mt), si svolgerà l’ultimo appuntamento per il 2018 con il teatro sacro di Alda Merini, regia di don Vitantonio Telesca. Inizio alle ore 18.00, ingresso libero.

La novità di quest’ultimo spettacolo sarà la presenza in scena di due attori di colore, della Compagnia Teatrale HDUEteatrO, di cui uno interpreterà Gesù di Nazareth. “Un Cristo nero - spiega il regista Vitantonio Telesca, Vicario Generale dell’Arcidiocesi di Potenza-Muro Lucano e Marsiconuovo - che intende offrire spunti di riflessione, in prossimità del Natale, sui temi della pace e della fratellanza universali, toccando i cuori e le menti, e ricordando al tempo stesso la presenza nel mondo, troppo spesso contrastata, delle comunità di cristiani di ogni etnia”.

Una scelta scenica che, tra l’altro, bene si integra con il senso delle attività promosse da anni da HDUEteatrO, miranti alla sensibilizzazione e all’ inclusione a favore delle realtà multiculturali presenti nella Città di Potenza.

Il “Poema della croce”, da agosto scorso fa parte del progetto “TEATRO SACRO NELLE CATTEDRALI” promosso dall’Ufficio Beni Culturali dell’Arcidiocesi di Potenza-Muro Lucano-Marsiconuovo, patrocinato dalla Regione Basilicata e dalla CEI (Conferenza Episcopale Italiana). In questo anno 2018, in sette appuntamenti il senso profondo del sacro si è legato alla scoperta delle bellezze artistiche e storiche dei luoghi in cui lo spettacolo ha fatto tappa: le Cattedrali e le Chiese di Melfi, Potenza, Lagonegro, Matera, Acerenza, Tursi ed infine Tricarico, città arabo-normanna dal ricco patrimonio di tradizioni e dalle suggestive architetture dei suoi quartieri arabi.

Questo è il Cast dello spettacolo: Associazione musicale “ART-PARK”, Cappella Musicale della Cattedrale di Potenza diretta da Giuseppe Cillis, i danzatori Marco Busciolano, Patrizia Dore e Jole Franco nella performance con gli allievi della Compagnia Teatrale HDUEteatrO, le voci recitanti di Giovanna Valente, Donato Varallo e Anna Anastasio; don Mimmo Florio (chitarra e voce), Donato Benedetto (tromba), Paolo Miccolis (violoncello), Francesco Scorza (pianoforte) e le voci soliste delle cantanti Patrizia Borghini e Iole Cerminara. L’Ufficio Stampa è a cura di Grazia Pastore, il service audio e luci è a firma di “Planetario” di Renato La Ghezza.

ITL Potenza-Matera: Lavoro nero in sala banchetti a Matera


MATERA - Si da evidenza che nel quadro dei costanti controlli effettuati in ambito ristorazione, pubblici esercizi, svolti dalla ITL Potenza e Matera, di importanti risultati ottenuti.

In particolare si segnala l'azione fatta lo scorso fine settimana in provincia di Matera, nel comune di Pisticci, nei confronti di una azienda titolare di una sala ricevimenti-banchetti.

Una squadra di ispettori del lavoro della sede di Matera ha potuto verificare la posizione di 29 lavoratori trovati in attività, ebbene di questi ben 19 sono risultati completamente al nero quindi sconosciuti alla PA. Si è pertanto proceduto come da norma alla prevista, in questi casi, sospensione dell'attività.

Questo genere di controlli si rendono oltremodo necessari in particolare con l'approssimarsi dell'avvio dell'anno Matera Capitale europea della cultura 2019 e quindi con un presumibile incremento delle presenze turistiche e dei relativi bisogni di ricettività che potrebbero implicare usi impropri e/o illegittimi di manodopera non in regola.

Trema la terra a Zante: scossa avvertita anche in Puglia, Basilicata e Calabria

ZANTE - Momenti di paura a Zante, in Grecia, a causa di una scossa provocata da un potente terremoto di magnitudo 6,8 che fortunatamente non ha fatto feriti. Nella cittadina si è verificato un blackout elettrico. I vigili del fuoco sono stati chiamati per danni ad alcune strade causati da smottamenti, ma le case sono state risparmiate. A subire danni un monumento bizantino del XII secolo situato su una piccola isola vicino a Zante.

Attimi di paura si sono vissuti anche in Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia perché la scossa si è propagata e ha fatto tremare la terra su gran parte del Mediterraneo centrale. La scossa è stata registrata alle 00:54.

Il terremoto, con epicentro rilevato a 50 chilometri a sud di Zante a una profondità di 16,6 chilometri, è stato preceduto da una scossa di magnitudo 5 e seguito da micro scosse di assestamento. Il terremoto è stato avvertito anche nella Grecia continentale, ad Atene, cosi' come in Italia, Malta, Albania e Libia.  L'ultima volta che la terra aveva tremato a Zante era il 1953: allora la scossa fu di magnitudo 6,4 e uccise centinaia di persone e in migliaia erano rimaste ferite, lasciando l'isola in rovina.

Matera, vietato uso acqua potabile

MATERA - La Città dei Sassi a secco. A causa del "superamento dei parametri dei batteri coliformi a 37 gradi centigradi del partitore Terlecchia-Matera", con un'ordinanza cautelativa, il sindaco di Matera, Raffaello De Ruggieri, ha disposto il divieto "in tutto il territorio comunale di far uso per fini potabili dell'acqua erogata da Acquedotto Lucano, fino a diversa disposizione". E' stata inoltre disposta la chiusura delle scuole per oggi, venerdì 19 ottobre.

Potenza, uccide la moglie e si suicida

POTENZA - Scene di follia a Potenza, dove un uomo di 41 anni ha ucciso con alcuni colpi di pistola la moglie di 30 e poi si è suicidato con la stessa arma: l'omicidio-suicidio è avvenuto stamani a Cersosimo, piccolo paese di circa 600 abitanti del Potentino.

I coniugi, secondo quanto si apprende, stavano da tempo attraversando una crisi relazionale. Il cadavere della donna è stato trovato nella sua automobile, quello dell'uomo, una guardia giurata, nei pressi dell'abitazione di famiglia. Indagini dei Cc in corso.

Diciotti: Simonetti si occupi dei migranti che sono già in Basilicata e smetta di fare il Presidente facente funzioni


POTENZA - Prendiamo atto delle parole del ‘Presidente facente funzioni’ Pietro Simonetti e della ‘sua’ volontà di accogliere in Regione i maggiorenni stranieri che sono attualmente sulla nave Diciotti al largo di Catania.

Ovviamente siamo ironici. Molto ironici.

Primo, chiediamo al Coordinatore Politiche Migranti che la ‘sua’ volontà di accoglierli in Basilicata poco rileva.

Secondo, riteniamo che il Simonetti farebbe meglio ad occuparsi degli immigrati che abbiamo già sul nostro territorio e che, proprio perché in sovrannumero rispetto a quanti possiamo ospitarne, non vivono certo in ottime condizioni.

Terzo e non ultimo, chiediamo a Pietro Simonetti, qualora non riesca a non occuparsi di cose che non gli competono, come chiedere di ospitare altri migranti, di pensare a qualche soluzione per far rimanere i nostri giovani in Basilicata, invece di cercare di rimpiazzarli con clandestini.

Gianni Rosa, Fratelli d’Italia

Il teatrino su Matera 2019 è indegno delle Istituzioni


Su Matera 2019 non è uno scontro tra Istituzioni ma tra personaggi che stanno dimostrando dubbie capacità amministrative e politiche. Se da un lato, in questi anni, abbiamo assistito ad un De Ruggieri impegnato più a piegarsi alla volontà del Pd che a realizzare, nell’interesse collettivo, il programma della Capitale europea della Cultura, dall’altro i grillini al Governo ci stanno convincendo che altri due anni così e finiremo allo sfacelo.

È un teatrino inguardabile. Matera rischia di non essere pronta per il 2019. Eppure c’è stato tutto il tempo di pianificare ed eseguire il programma delle opere. Oggi scopriamo che si è dovuto rimodulare alcuni lavori perchè impossibile ultimarli entro la fine dell’anno.

A chiedere la rimodulazione, poi, è stata proprio la Lezzi che oggi si dice ‘irritata’. Primo, un Ministro non si irrita. I grillini proprio non riescono a capire che ricoprire un ruolo istituzionale non è la stessa cosa che urlare in piazza. Secondo: di cosa si irrita se è stata lei a chiedere la rimodulazione dei lavori per le opere non realizzabili entro fine anno?

In mezzo, la città di Matera che dovrà vivere uno dei momenti più importanti e gratificanti per l’intera comunità tra meno di sei mesi e, invece, si trova, inerme, a dover assistere ad una Giunta comunale che non sa cosa fare e ad un Ministro per il Sud che si perde in ripicche.

Non pensavamo si potesse cadere più in basso. Matera avrebbe meritato altro: un Sindaco forte e un Governo in grado di sostenere il grande progetto della Capitale europea della Cultura 2019.

Il Sud meritava di più di un Ministro che pensa il PIL aumenti in estate per il caldo e i climatizzatori. Ma tant’è. Evidentemente per alcuni non meritiamo il meglio ma solo qualcuno che occupi una poltrona.

Potenza - Gianni Rosa, Fratelli d’Italia

Maltempo, Matera come Venezia: allagata la zona dei Sassi

MATERA - Il maltempo sta mettendo a dura prova l'Italia e la Basilicata in particolare dopo il caldo record degli ultimi. La Città dei Sassi si è allagata dopo un forte nubifragio e le sedie e i tavolini, che erano fuori ad alcuni bar, sono stati spazzati via dall'acqua. Numerosi disagi anche per la viabilità.

Scandalo Sanità lucana, dg Asl Bari: totale estraneità ai fatti

MATERA - Il direttore generale dell'Asl di Bari, Vito Montanaro, ha "rivendicato la sua totale estraneità a qualsivoglia fatto di reato". A riferirlo l'avvocato Giuseppe Modesti al termine dell'interrogatorio di garanzia che si è concluso ieri nel Palazzo di giustizia di Matera: il legale ha chiesto la revoca della misura cautelare.

Montanaro è ai domiciliari dallo scorso 6 luglio nell'ambito dell'inchiesta sulle raccomandazioni e sui concorsi truccati nella sanità lucana.

Basilicata: governatore Pittella ai domiciliari

POTENZA - Il presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella (Pd) si trova  da questa mattina agli arresti domiciliari. A notificargli il provvedimento la Guardia di Finanza che ha eseguito altre 29 misure restrittive nell'ambito di un'inchiesta sul sistema sanitario lucano.

Pittella è agli arresti domiciliari nella sua casa di Lauria (Potenza).

A dare conferma dell'arresto all'agenzia ANSA alcune persone vicine al governatore che hanno definito la sua posizione nella vicenda "surreale".

Migrante ucciso, fermato 43enne di San Calogero

ROMA - E' stato sottoposto a fermo il 43enne di San Calogero già indagato per l'omicidio di Soumayla Sacko, il 39enne del Mali ucciso sabato sera nel paese vibonese mentre, con due connazionali, stava prendendo delle lamiere da una vecchia fornace abbandonata. Il fermo è stato disposto dalla Procura ancora prima dell'esito dei risultati dello stub ed è stato eseguito dai carabinieri della Compagnia di Tropea.