Inter a un passo dallo Scudetto: battuto anche il Crotone

(via Inter Fc)
LUIGI LAGUARAGNELLA - Senza frenesia, ma con autorevolezza l'Inter vince 2-0 nella trasferta di Crotone. Ormai è solo questione di matematica sia per i nerazzurri che aspettano il risultato dell'Atalanta per uscire lo scudetto dalla tasca per festeggiare. Anche per i calabresi ormai la retrocessione è matematica.

Conte affida il centrocampo a Sensi, ma solo i cambi del secondo tempo decidono il risultato con gli ingressi di Eriksen, Sanchez e Perisic. La gara sin dal primo minuto è aperta. Tra gli uomini di Cosmi il migliore è Ounas che riscalda i guantoni di Handanovic. Dall'altra parte proprio Sensi va vicino alla rete prima con un tiro di poco fuori e poi intercettato da Cordaz. I nerazzurri, come nelle ultime prestazioni, sanno aspettare e in alcuni attimi di gara lasciano giocare gli avversari che provano a sfondare la Skriniar e company con la qualità di Messias e la fisicità di Simy. L'Inter tesse trame per premere sulle ripartenze verticali. È sempre Sensi a rendersi attivo nella prima metà del primo tempo. Dal suo calcio d'angolo, il colpo di testa di Lukaku finisce sul palo. Prima di rientrare negli spogliatoi anche la zuccata di Lautaro rimbalza sul palo.

L'Inter sa come gestire la partita ed entra in campo con la medesima impronta di gioco anche nel secondo tempo. Lentamente gli spazi si aprono e perciò Hakimi può galoppare e crossare per i compagni. Poi le mosse di Conte innestano la vittoria. Togliendo Sensi, Darmian e Lautaro entrano Sanchez, Perisic ed Eriksen, e dopo pochi minuti, al ventesimo, il tiro da biliardo del danese è vincente terminando all'angolino. Sullo 0-1 il Crotone non si arrende, ma i nerazzurri premono ancora. A Lukaku viene annullato il gol su assist di Perisic. Il belga, anche se poco brillante, offre un apporto prezioso. A sancire la vittoria, però è il tiro di Hakimi che allo scadere dei novanta minuti insacca davanti al portiere da una palla servita da Barella. Prima di sfilare la scudetto dalla tasca, all'Inter non resta che aspettare il risultato dell'Atalanta.