Commissione Ue: Italia conduca politica di bilancio 'ragionevole'

ROMA -Arrivano i primi moniti dell'Unione europea sulla tenuta economica del nascente Governo M5s-Lega. Il vicepresidente della Commissione europea, Valdis Dombrovskis, ha invitato il prossimo governo italiano a condurre "una politica di bilancio ragionevole".

"La Commissione europea in linea di principio non interferisce con le politiche nazionali - ha osservato Dombrovskis in un'intervista al quotidiano economico tedesco 'Handelsblatt' - ma per noi e' importante che il nuovo governo italiano conduca una politica di bilancio ragionevole", perchè "l'Italia ha il piu' alto debito pubblico nell'area dell'euro dopo la Grecia".

"Non abbiamo visto ancora tutte le questioni, ascolteremo e parleremo con loro, ma sì, ci sono alcuni elementi preoccupanti" nelle idee di politica commerciale del nuovo governo italiano. Così la Commissaria Ue al commercio Cecilia Malmstroem.

"Il nuovo governo non è ancora stato confermato quindi non abbiamo ipoteticamente discusso" con nessun interlocutore dell'esecutivo che sarà formato a breve, ha aggiunto la commissaria a chi le chiedeva se avesse avuto contatti con qualche rappresentante di M5S o Lega sulle questioni commerciali.
   
L'ALLARME DI FITCH: "ACCORDO M5S-LEGA ACCRESCE RISCHIO PAESE" - "L'accordo politico di coalizione tra i due partiti italiani più populisti ed euroscettici aumenta i rischi per il profilo di credito del Paese, in particolare attraverso un allentamento della disciplina fiscale e un potenziale danno alla fiducia". A lanciare l'allarme un report sull'Italia pubblicato dall'agenzia Fitch secondo la quale "quanto questi rischi si tradurranno in una valutazione di credito più debole è incerto e dipenderà dalla capacità del governo di realizzare il suo programma e da come si risolverà lo scambio tra i diversi elementi".

0 commenti:

Posta un commento