Lutto nel mondo del giornalismo e della moda: addio a Mara Parmegiani Alfonsi, donna di stile e di stili

ROMA - "Oggi la mia meravigliosa imprevedibile, vulcanica sorella Mara ci ha lasciato": con un messaggio su Facebook, Vilma Parmegiani, sorella della famosa giornalista Mara, annuncia la morte della sua sorella Mara, venuta a mancare lunedì 19 settembre 2016. Una grande perdita per il giornalismo italiano e per il mondo della moda.

Giornalista, scrittrice, esperta di costume e moda, Mara Parmegiani era una donna di stile ed attenta osservatrice di stili, insignita del Titolo di commendator della Repubblica per la sua intensa attività di valorizzazione della cultura italiana esportando il bello del nostro Paese in tutto il mondo, presidente dell’osservatorio parlamentare europeo per lo spettacolo e la moda.

Tra i libri  scritti da Mara ricordiamo: "Infanzia e destini sociali nella Roma dei Papi"; "Il Ventaglio un soffio nella storia"; "I segreti della seduzione"; "La moda che fu-Cento anni di storia del costume"; "La Giarrettiera"; "Cioccolato e’ Donna";"1840-1940 Un secolo di moda italiana"; "Slip o Boxer, l’uomo segreto" e molti altri ancora.

Mara, inoltre, ha vissuto sulla sua pelle anche il naufragio della Costa Concordia nel 2012. In un suo libro dal titolo "L'inchino. Storia di un naufragio" racconta la cronaca lucida e puntuale, in prima persona, del drammatico evento del naufragio della nave che si è arenata contro gli scogli dell'Isola del Giglio, venerdì 13 gennaio 2012. Proprio Mara si trovava a bordo della nave per presentare ad un pubblico internazionale una sua collezione di abiti preziosi. Ma ecco, improvvisa, la sciagura e quindi il panico, le stremanti attese per raggiungere le scialuppe di salvataggio, la morte e la vita a confronto, il freddo della notte, le insidie del mare, la solidarietà degli abitanti dell'Isola che accoglieranno i naufraghi. Nel libro Mara dipinge un affresco che supera l'aridità della cronaca e assume le tinte del romanzo in cui assoluta protagonista è la verità.

Ora, per concludere, vogliamo ricordare Mara Parmegiani con una sua frase: "L’abito veste la storia. Come disse il Re Sole: 'L’abito è un segno importante per catturare l’attenzione. Ed attraverso l’abito è avvenuta la radicale trasformazione della donna attraverso la sua emancipazione".