Sting strega il palco dell'Ariston

(ANSA)
SANREMO - Sting superospite della seconda serata di Festival. Il cantante londinese non delude le aspettative dell'Ariston omaggiando Zucchero con 'Muoio per te', cantata in italiano, prima di duettare con Shaggy sulle note di 'Don't make me wait'.

Nel mezzo, uno scambio di battute in inglese con Pierfrancesco Favino. "Mi piace la musica del Rinascimento italiano", dice Sting che dichiara di amare "la tradizione dell'opera di Verdi e Rossini" così come pure "la musica moderna, da Zucchero a Nek". Un omaggio speciale è a "Luciano Pavarotti, mio amico".

(ANSA)
Michelle Hunziker, in abito lungo impero fucsia con spacco profondo, promuove il nuovo spettacolo 'Giudizio universale' con Favino voce narrante e la musica di Sting.

Quindi arriva il momento del Volo, vincitore del festival nel 2015, che il palco dell'Ariston omaggia con una standing ovation dopo aver cantato Nessun Dorma. "Tornare qui dopo tre anni è un'emozione, ritrovarci con una standing ovation è un grande onore. Grazie", ha detto Ignazio a nome anche dei suoi due compagni, Piero e Gianluca. Insieme a Baglioni, i tre giovani hanno poi omaggiato Sergio Endrigo con il brano Canzone per te.

Grande è stata l'attesa e la commozione per l'arrivo del l'indimenticato Pippo Baudo, che è entratao in scena a Sanremo a 50 anni dal suo debutto. Baudo ha letto una lettera aperta al festival.

0 commenti:

Posta un commento