Vico: "Il Dg dell’Asl di Taranto deve spiegarci come ha intenzione di distribuire le attrezzature"

TARANTO - "Mentre il Dg dell’Asl di Taranto, Stefano Rossi, continua a proferire dubbi annunci mediatici sull’organizzazione della sanità ionica e, nello specifico, sul Poc (Presidio ospedaliero centrale), continuano a rimanere inutilizzati i 70milioni di euro messi a disposizione dal Governo attraverso il tavolo Cis-Taranto in ordine al 'Progetto Salute', per l’ammodernamento tecnologico delle apparecchiature e dei dispositivi medico-diagnostici delle strutture sanitarie pubbliche situate nei comuni di Taranto, Statte, Crispiano, Massafra e Montemesola e la formazione e l’aggiornamento professionale del personale sanitario".
L’onorevole Ludovico Vico torna a sollecitare l’Asl di Taranto ad utilizzare fattivamente i fondi del Governo e del tavolo Cis all’interno del "Progetto Salute", introdotto dal Dl Mezzogiorno n. 243/2016.

"I fondi, come già annunciato negli scorsi giorni, sono disponibili ed ora sappiamo anche a quali settori sono destinati tali fondi" spiega Vico "ma non conosciamo come e dove Rossi ha intenzione di indirizzarli".

Dei 70,milioni, infatti, 19.223.110 verranno utilizzati per le sale operatorie; 200.080 per la terapia intensiva post operatoria; 3.605.110 per la piastra endoscopica; 5.882.840 per la radiologia; 17.054.146 per la radioterapia; 4.205.849 per a medicina nucleare; 543.615 per gli ecografi; per un totale di 46.508.901 euro.

Per le sale operatorie è previsto, tra le altre cose, l'acquisto di un robot operatorio, di elettrobisturi, di cyber knife per la radiochirurgia, oltre a microscopi operatori di ultima generazione. Tra gli strumenti diagnostici che dovrebbero esse acquistati con le risorse del progetto, figurano, invece: tomografi di ultima generazione completi di accessori per la TAC; strumenti per la risonanza magnetica ad alto campo e per la tomoterapia; e strumentazione portatile per la radioscopia.

"La restante parte dei 70milioni" continua il deputato Dem "dovrebbero essere utilizzati per spese di funzionamento, acquisizioni di beni e servizi e formazione. Tutti fondi già disponibili ma, ripeto, inutilizzati dall’Asl di Taranto che, a quanto pare, non ha neanche una programmazione effettiva su come e dove utilizzarli".

"Dg Rossi" conclude l’onorevole Vico "invece di comunicare mediaticamente una fantomatica riapertura del Pronto Soccorso del Moscati di Statte, che nella realtà si concretizza in un mero rafforzamento del Posto di primo intervento (PPI); invece di inaugurare reparti fantasma; invece di trasformare il San Marco in un centro riabilitativo prima del tempo previsto (cioè la nascita del San Cataldo); corre l’obbligo di chiederle: perché non apre le sale operatorie del Moscati, ancora inattive? Perché non stabilizza i precari dell’Asl? Perché non ci racconta come ha intenzione di organizzare la sanità ionica? E soprattutto, perché non ci spiega come ha intenzione di distribuire i materiali finanziati e in quale misura ha intenzione di rafforzare la rete territoriale sanitaria? Credo sia arrivato il momento di rispondere onestamente a questi quesiti".

0 commenti:

Posta un commento