Brindisi: insediato il direttivo della Federazione Giovanile Repubblicana

BRINDISI. Prosegue l'attività di riorganizzazione del Partito Repubblicano in terra di Brindisi. Venerdì 17 novembre 2017 si è insediato il Direttivo della Federazione Giovanile Repubblicana. Ciò che i giovani repubblicani brindisini chiedono a tutte le forze politiche cittadine è di dedicare maggiore attenzione al mondo giovanile inserendo nei propri programmi il potenziamento dei centri di aggregazione giovanile oggi esistenti nella città di Brindisi; l'attivazione di uno sportello gratuito a sostegno di quei giovani che vogliano intraprendere iniziative imprenditoriali; la messa a disposizione degli immobili comunali non più essenziali per l'attività della Amministrazione Comunale al fine di  favorire l'avvio di intraprese di cui siano protagonisti i giovani; la creazione di stretti legami tra il mondo della scuola e quello del lavoro; il rafforzamento della presenza dell'Università in città, destinando a questo obiettivo risorse adeguate; la organizzazione della terza Conferenza sulla emarginazione giovanile; il completamento e la riqualificazione degli impianti sportivi presenti nei diversi quartieri.

Per favorire il conseguimento di questi obiettivi la Federazione Giovanile Repubblicana di Brindisi vuole favorire un "Forum dei giovani" che veda partecipi e coinvolti tutti i movimenti giovanili delle diverse forze politiche. Riavvicinare i giovani alla politica, farli diventare protagonisti delle scelte amministrative, consentirgli di spendere nel mercato del lavoro e dell'impresa i saperi di cui dispongono è un percorso obbligato per evitare quella "fuga di cervelli" che rischia di depauperare la città delle sue migliori risorse.

Con lo spirito di servizio da cui sono animati i giovani repubblicani attiveranno uno sportello gratuito di informazione e consulenza sul bonus scuola e sulle misure a sostegno delle nuove iniziative imprenditoriali di cui possono essere protagonisti i giovani (bandi: NIDI, SELFEMPLOYMENT, PERCORSI e LUOGHI COMUNI).

0 commenti:

Posta un commento