Gentiloni: "Bisogna regolare i flussi migratori: guai a piccoli sovranismi contrapposti"

"Chi racconta di un esaurimento a breve dei fenomeni migratori, racconta una storia che non esiste, basta affacciarsi nel continente africano per rendersi conto che la vera sfida non è raccontare l'illusione della fine di una presunta emergenza, ma trasformare operazioni illegali e criminali, gradualmente, in fenomeni controllati, regolati, gestiti e utili alle nostre società contemporanee. Questo dobbiamo fare e questo abbiamo proposto in sede europea con il 'Migration compact'" ha dichiarato il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, in occasione dell'Accademia dei Lincei per la conferenza organizzata dal Cnr dal titolo 'Clima, agricoltura, migrazioni: risultati scientifici e scenari possibili' "Questo cercheremo di portare l'anno prossimo nella discussione che ci sarà sul 'Global migration Compact' a livello di Nazioni Unite e nella quale la Fao, l'Organizzazione internazionale dei migranti e l'alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati saranno protagonisti. E' una dimensione necessaria, quella di un impegno per regolare i flussi migratori, ed è una dimensione globale, guai ad abbandonarla agli egoismi e ai piccoli sovranismi contrapposti. Se noi immaginassimo queste come le ricette per risolvere questa grande questione, credo che non andremo molto lontano".

0 commenti:

Posta un commento