Cala la disoccupazione, Gentiloni: fiducia nel Jobs Act

ROMA – “#Istat Buone notizie sul lavoro. Meno disoccupati, anche tra giovani. Aumenta lavoro donne. Fiducia in risultati Jobs Act e ritorno crescita”. A scriverlo il premier Paolo Gentiloni su Twitter, commentando i dati diffusi questa mattina dall’Istat.

Esulta per i dati anche la sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi, la quale scrive su Facebook: “La disoccupazione scende ancora. A giugno 23 mila occupati in più su base mensile, secondo l’Istat. Il dato davvero impressionante, però, è quello dell’occupazione femminile: 48,8% di donne occupate a giugno. + il dato più alto dal 1977, secondo l’Istat”.

“Ancora c’è molto da fare, lo sappiamo, ma i dati di oggi ci dicono che siamo sulla strada giusta. Dal 2014, dall’insediamento del governo dei MilleGiorni, il numero degli occupati è salito di oltre 820 mila unità, di cui 2/3 sono contratti a tempo indeterminato. L’occupazione femminile non è mai stata così elevata – osserva -. Qualcuno può ancora negare il successo del #JobsAct? #Avanti, avanti insieme”.

Secondo i dati diffusi oggi dall’Istat, il tasso di disoccupazione a giugno è sceso all’11,1% (-0,2 punti percentuali). La stima degli occupati è cresciuta dello 0,1% rispetto a maggio (+23 mila), recuperando parzialmente il calo registrato nel mese precedente (-53 mila). Il tasso di occupazione si attesta al 57,8%, in aumento di 0,1 punti percentuali. La lieve crescita congiunturale dell’occupazione, spiega l’Istat, è interamente dovuta alla componente femminile, mentre per gli uomini si registra un modesto calo, e interessa i 15-24enni e i 35-49enni. Aumentano i dipendenti a termine, sono stabili i dipendenti a tempo indeterminato mentre diminuisce il numero degli indipendenti. Anche il tasso di disoccupazione è tornato a scendere nel mese di giugno (-1,1 punti), attestandosi al 35,4%.

0 commenti:

Posta un commento