Si dà il via alla maturità 2017: oggi prima prova con il tema di italiano

di BEATRICE GALLUZZO - Cinquecentomila studenti italiani sono chiamati oggi a sudare tra i banchi di scuola e tra i dizionari Zanichelli per sostenere la prima prova di esame della maturità 2017, ovvero il tema di italiano. Domani si terrà la seconda prova, che cambia dipendentemente dall’indirizzo di studi; il 26 il cosiddetto “quizzone”e, per gli istituti dove ciò è previsto, cioè quelli rientrarti nel progetto ESABAC e i licei ad opzione internazionale, un ulteriore test scritto è previsto invece per il 27 e il 28 giugno. Dopodichè, per tutti, l’esame orale, che sancisce la fine degli esami di stato, e, non meno importante, la fine di Antonello Venditti in radio.

Probabilmente ancora storditi dagli ettolitri di tisana rilassante alla valeriana di ieri sera, come ogni anno, i maturandi hanno dovuto scegliere tra una serie di tracce proposte dal Ministero. Per l’analisi del testo è stato scelto il poeta livornese Giorgio Caproni, in particolare la Lirica “Versicoli quasi ecologici” del 1972, che, come suggerisce il nome, parla del rapporto uomo-natura (“Come potrebbe tornare a essere bella,scomparso l’uomo, la terra” si legge nell’ultima strofa).

La natura, la minaccia ad essa e l’idillio, è anche l’argomento per il saggio breve in ambito artistico-letterario. Invece, il saggio socio-economico parte da un articolo di Enrico Marro sul Sole24ore, riguardante l’impatto della robotica e delle nuove tecnologie sul mondo del lavoro.” Disastri e ricostruzione” è la traccia scelta per il tema storico-politico.  Mentre nell’ambito del saggio storico,  l’argomento proposto è “Il miracolo economico italiano”, corredato da citazioni di Piero Bevilacqua (“ Lezioni sull’Italia republicana”) e Paul Ginsborg (“Storia d’Italia dal dopoguerra ad oggi”). Infine, per il tema di attualità, si propone la citazione “per migliorarci serve una mutazione”, di Edoardo Boncinelli.

Insomma, una giornata importante e impegnativa per i maturandi italiani. Proprio per questo, a maggio, era stata lanciata dal Ministero la campagna #NoPanic , una campagna diffusa dai canali social del Miur, con video, post e grafiche dedicati agli esami di stato. “Vogliamo che il Miur parli di più e in modo più diretto con studentesse e studenti e non venga percepito come un luogo distante o legato esclusivamente ad aspetti burocratici”, aveva dichiarato la ministra Fedeli. Dopo il linguista Luca Serianni e l’astronauta Samantha Cristoforetti, l’ultimo ad aderire all’iniziativa è stato lo chef Alessandro Borghese che, probabilmente per deformazione professionale, dispensa consigli su come affrontare le prove da un punto di vista squisitamente culinario. “È importante, quando si fa la Maturità, mangiare bene e a orari regolari, e mangiare sia carboidrati che proteine”, dice Borghese mentre spadella uno spezzatino. 

0 commenti:

Posta un commento