Carmine Cristallo Scalzi in radio con il singolo ''55''


Ecco che arriva nelle radio italiane "55", il nuovo singolo del cantautore calabrese Carmine Cristallo Scalzi. 55 sono i giorni del sequestro del senatore Aldo Moro avvenuto nel 1978. Sullo sfondo di quei terribili eventi la canzone narra la storia d’amore di due brigatisti, tra la voglia di una impossibile normalità e la loro tragica decisione che li porterà a mutare il destino di un intero paese.

Il brano è accompagnato dal videoclip, dove ragazzi e ragazze in primo piano, cantano le parole del testo, come una sorta di giudizio affidato ai lontanissimi nipoti della generazione degli anni di piombo. La produzione del videoclip è stata affidata a Una Luce Umanoide (www.unaluceumanoide.com) + faidenblass, regia e montaggio dello stesso Carmine Cristallo Scalzi.

55 cosa rappresenta per te?

E’ una canzone che prende le fila dagli eventi accaduti nel 78, il sequestro di Aldo Moro. Appunto 55 giorni di prigionia che portarono come sappiamo alla tragica uccisione dell’uomo politico. E’ una canzone d’amore tra due brigatisti e c’è molto di me, lì dentro. Non amo giudicare i personaggi che descrivo e di cui scrivo, neanche in questo caso, e immagino un bagliore di speranza che abbia illuminato le loro coscienze in determinati momenti, lampi di consapevolezza che, ove ci siano davvero stati, non riuscirono a deviare il corso del destino.

Perché hai deciso di affrontare una tematica cosi importante?

Per lo stesso motivo per cui non ho affrontato una meno importante. Scrivo quello che è necessario e urgente per me comunicare, che sia un qualcosa che necessiti di un sottotesto importante o sia tratto da mie autobiografie apocrife è una questione che rimanda allo stato emotivo sempre diverso durante il quale scrivi. L’accesso al processo creativo mi è alquanto misterioso, direi anzi che lo subisco. Nello specifico, comunque, quella dell’uccisione di Aldo Moro è una vicenda che mi ha sempre toccato molto, sotto ogni punto di vista. D’altronde quello fu apice di un bel complesso movimento che era partito dal 68. Forte interesse verso quel periodo probabilmente è derivato dalla fascinazione che ha sempre avuto in me il fermento cultural-fumettistico di quel periodo.

Quali sono gli artisti che hanno influenzato il tuo percorso artistico?

David Bowie, Joy Division, Nirvana, Radiohead. Naturalmente non dimentico in Italia Luigi Tenco, De Andrè, De Gregori: amo i cantautori, meno i soli interpreti.

Cosa ci anticipi del prossimo brano?

Si chiama “Una persona migliore” e sarà accompagnato da un fantastico video in stopmotion realizzato da Vincenzo Lazzaro e Claudia Olivadese. Uscirà per fine giugno. Quanto al tema affronta il mondo variegato e doppio del tradimento. Dunque molti, che siano dall’uno e dall’altro lato del campo, potranno riconoscersi. Io di sicuro. Nel frattempo io, mio fratello, Francesco Mastroianni e tanti nostri colleghi “umanoidi” stiamo lavorando per far uscire l’album completo per la fine del 2017. Invito tutti, ove siano interessati, a visitare il mio sito www.carminecristalloscalzi.com dove saranno postate ogni novità che mi riguardino (oltre naturalmente gli aggiornamenti nei vari social).

0 commenti:

Posta un commento