Visualizzazione post con etichetta Rigopiano. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Rigopiano. Mostra tutti i post

Un mese dalla valanga di Rigopiano


di LOREDANA CAVALLO - È passato un mese esatto da quel maledetto 18 gennaio, quando una valanga travolse l'hotel Rigopiano, dopo essersi staccata da 2200 metri di quota. Erano presenti 40 persone nella struttura in quel momento, ma solo 11 si salvarono, tra mille difficoltà come le condizioni estreme in cui lavoravano i soccorritori. Un momento gioioso e indescrivibile fu quando vennero salvati tutti i bambini, dopo averli estratti vivi dalle macerie. Purtroppo dopo tanti giorni, si spensero le speranze di ritrovare in vita il resto dei presenti, fino all'epilogo finale della macabra scoperta dei cadaveri.

Rigopiano: bilancio finale è di 29 vittime


C'erano 40 persone nell'hotel Rigopiano quando la valanga, nel pomeriggio di mercoledì 18 gennaio, ha investito la struttura: 28 ospiti, di cui 4 bambini, e 12 dipendenti, compresi il titolare Roberto Del Rosso e il rifugiato senegalese Faye Dane. A distanza di una settimana tutte le vittime sono state recuperate, 29 corpi; gli ultimi due nella tarda serata di ieri.

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha auspicato "uno sforzo unitario e comune di fronte alle calamità. Le buone parole devono unire e non dividere". "Le immagini dei soccorritori che in mezzo alla tormenta salvano vite umane - ha concluso Mattarella - sono un esempio di quello che intendiamo per popolo repubblicano".

E dalle macerie un nuovo miracolo: ritrovati vivi i tre cuccioli di pastore abruzzese, figli di Nuvola e Lupo: i carabinieri forestali li hanno scovati in buono stato tra le macerie. I genitori si erano salvati dal crollo ed erano scesi più a valle nei giorni scorsi.

"Chi lavora in quelle condizioni - ha sottolineato il capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio - lavora come se ci fossero da recuperare persone vive. La speranza c'è sempre, perché quegli eventi possono aver dato luogo a situazioni molto particolari".

La pressione esercitata dalla slavina che si è abbattuta sull'hotel, ha calcolato Meteomont, ha pesato 120.000 tonnellate: come "4.000 tir a pieno carico".

"E' stata una bomba, mi sono ritrovato i pilastri addosso. Ero seduto sul divano e i pilastri sono scivolati in avanti tagliandolo in due. Ci siamo salvati per questo". A dichiararlo Vincenzo Forti, uno dei superstiti, ha raccontato all'amico Luigi Valiante i drammatici momenti dopo la valanga che ha travolto la struttura. Forti è stato estratto dai soccorritori insieme alla fidanzata Giorgia Galassi.