Il decreto Infrastrutture è legge: dai monopattini ai parcheggi, tutte le novità in arrivo

ROMA - Approvato il provvedimento che introduce cambiamenti nel codice della strada e nella mobilità non solo cittadina. Dai monopattini alle regole sui caschi per i motocicli, ecco le principali notizie sulla legge.

Tra le novità assolute, quella sull'introduzione degli “stalli rosa”, posteggi riservati alle donne incinte e ai genitori con figli fino a due anni, e la sosta gratuita sulle strisce blu per i disabili, nel caso in cui i parcheggi dedicati siano occupati. Più pensanti le multe del parcheggio selvaggio in questi spazi.

Le Regioni inoltre potranno usare una quota delle risorse erogate per i servizi aggiuntivi del tpl anche per potenziare i controlli. Per il miglioramento della rete ferroviaria sono state confermate le norme per accelerare l’attuazione del piano nazionale di implementazione del sistema europeo di gestione del traffico ‘European Rail Traffic Management Sytsem (Ertms), a cui il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza assegna sostaziosi investimenti.

Inserite nel decreto norme per garantire la sicurezza dei monopattini elettrici. Il limite di velocità scende da 25Km/h a 20 Km/h, mentre resta confermato a 6 Km/h nelle aree pedonali. È previsto l’obbligo di un segnalatore acustico, di un regolatore di velocità fino a 20 km/h e, a partire dal 1° luglio 2022, delle frecce e di indicatori di freno su entrambe le ruote.

I monopattini già in circolazione prima di tale termine devono adeguarsi entro il 1° gennaio 2024. I monopattini elettrici non possono circolare sui marciapiedi (salvo la conduzione a mano) e non possono essere parcheggiati sui marciapiedi, salvo in aree individuate dai Comuni, mentre resta la possibilità di parcheggiare negli stalli riservati alle biciclette e ai ciclomotori. Sarà possibile effettuare servizio taxi anche con motocicli e velocipedi.

E' prevista inoltre una graduale limitazione alla circolazione dei vecchi mezzi più inquinanti adibiti al trasporto pubblico locale e alimentati a benzina e gasolio e viene modificata la disciplina per il riconoscimento dei contributi, previsti per chi installa i kit di riqualificazione elettrica su veicoli originariamente immatricolati con motore termico.

Tra le novità del Codice delle Strada, i disabili potranno parcheggiare gratuitamente, dal 1° gennaio 2022, sulle strisce blu istituite da tutti i Comuni italiani, quando non c’è disponibilità nei posti riservati.